Nando Pallotti un poeta velletrano “scovato”

Nota e scelta di poesie di Roberto Zaccagnini

Poeta veramente “scovato” è Nando Pallotti, autore di un libretto di poesie velletrane, “ ’O sciango – Divagazioni velletrane”, edito a Roma nel 1991 da Guido Guidotti editore.  64 pagine, 23 componimenti, il primo dei quali (’O sciango d’uva) dà il titolo alla raccolta.

 
Quel libretto lo rinvenimmo nel polveroso magazzino di una libreria che aveva cessato l’attività, e ci sorprese perché nel ’91 avevamo iniziato da dieci anni anche noi l’attività di libraio, e da qualche lustro prima ci interessavamo di cose locali.  Vana ogni ricerca sul personaggio, dai suoi componimenti si intuisce che abbia passato l’infanzia tra Piazza Padella e la Casermaccia di San Francesco, e che poi abbia lavorato nell’edilizia.  In fondo al libretto appare una foto scolastica con la didascalia: Velletrani classe 1927-30 in quarta elementare nel 1938-39.  Grazie a queste indicazioni potemmo rintracciare il nostro tra i nuovi arrivi al cimitero: Fernando Pallotti (11.4.1927 – 15.11.2009), ravvisando pure i suoi tratti fieri e spavaldi della foto, tra gli alunni del gruppo scolastico. 
 
Le sue opere ci sorprendono perché, pur non appartenendo l’autore a quell’Olimpo di poeti ben noti alla collettività, tuttavia si sente in lui una naturale inclinazione al verso e, soprattutto, una rara capacità di sintesi.  In quasi tutte le composizioni il ritmo è settenario, ma l’autore li ha accoppiati in versi di quattordici sillabe.  Dai ricordi dell’infanzia, al racconto di fatti accaduti, come l’esilarante “ ’A villeggiatura” (estate 1969), su una casa al mare promessa da giugno in affitto e mai concessa, per finire comunque al mare in settembre, da un’altra parte.  I dialoghi dei personaggi che partecipano alla lunga avventura, dagli anziani ai bambini, dai cognati agli amici di famiglia, sono di una autenticità tale, che sembra di assistere a una delle migliori commedie del neorealismo.  E. come dicemmo per altri poeti come Alfredo Candidi, non è affatto facile rendere in versi il linguaggio vivo, senza sacrificare minimamente l’ordinaria struttura del periodo.
 
Nella poesia ’A villeggiatura, finalmente trovata una casa al mare e scesi in spiaggia, e piantato l’ombrellone, si proibisce ai bambini di bagnarsi, finché non abbiano digerita la colazione …
 
(…..)
     E Rita zitta zitta guardea con amore
     e ‘n core sio dicéa: quant’acqua sta a ‘sto mare!
     Chell’agnima ’nnocente nun l’era visto mai.
     Glie fece: ’o Rì’, te piace? – Essa me fece: assai!
Ecco che Nando disse: “E’ ora, se pò’ ì’,
ma nu’ v’allontanéte, stete vecino a mi.
Gnamo Piero, arentra drento l’acqua”
ma chillo se stéa fermo ’nd’ariva la risacca.
     Comme se diverténno! Guardalli era ’n piacere
     e a mi, p’’a contentezza, me se gonfiéa ‘o core.
     “Aredducéte tutto, pecché pe’ oggi abbasta!
     Ainéteve, regà, sinnó se scoce ’a pasta”.
Tutti ca’ ccosa ’n braccio, e chi ’na regazzina,
Roberto ’nziemi a Nando spegnénno ’a carozzina.
Appena che magnato, éssimo ’n cima i glietti,
doppo ’na mezz’oretta dormessimo già tutti.
     ‘O giorno appresso ’a sveglia ’a dette io a le sette:
     a ’o bagno a una a una, e steteve po’ zitte!
     (…..)
 
**********
 
’A visita a camposanto
 
So’ ito stammatina a camposanto
pe’ rispettà ’na regola de vita
che dice: armeno ‘na vota ‘gni tanto
dó’ fiori ha’ da portà pe’ chi è finita.
    Drento a ’sto loco santo, comme gnente
    te sentì ‘ngriccià ‘a pella pe’ natura,
    te vènno assai pensieri pe’ la mente
    e pe’ n’oretta diventi ’na cratura.
Quanta gente riposa qua ’n eterno!
E quanti amori e pure cattiverie!
Qua nun ce sta l’estate né l’inverno,
qua drento gniciuno fa le ferie.
    So’ ito co’ cuinatemo Roberto
    e certo! ’nsieme a noa Lucia e Nella,
    ’o giro è po’ p’’o chiuso, e po’ all’aperto,
    ’a via che se facemo è sempre chella.
Leggemo e rileggemo che piano se cammina,
arivémo ’ndo’ riposeno Ettore e Venturina.
Pìglieme po’ d’acqua, arèggeme ’sta borza!
Ma cerca de ì’ piano, pecché gnamo de corza?
    Se ’ntese ‘na preghiera “amen accossì sia”
    e Nando disse: “Zitti! stemo da mamma mia!
    Affianco a essa c’è puro papà mio  /  e prego …
    “Riposéte ‘n pace, pecché ve guarda Dio”.
Gnamo pe’ la destra, e fatta la salita
dó’ fiori e ’na preghiera a Sarvatore e Rita.
’A croce de lo Bacchero, ’n tioccio de travertino
ficcato ‘mmezzo ’a tera
’n fiore puro a isso, ’nzieme a ’na preghiera.
Drento a ’n bucio piccolo co’ ’na fotografia
dó’ fiori a ’sta vecchietta: è ’a nonna de Lucia.
Stemo a’ rotonda andó ce sta l’ossario,
fiori, cerotti accesi, se sente dì’ ’o rosario.
Stemo da Ballerini, ‘o giro è propa scorto,
‘o semo fatto lungo, ma a mi me pare corto.
Facennose la croce passemo lo cancello:
pe’ mó semo aresciti, e chesto è propa bello.
 
 
**********
 
Fòra da ’Ntogno
 
Dapiedi a Soregliuna, dellà vierz’a fontana
ce tè’ ’n tioccio de vigna ‘Ntogno de Tramontana:
quarantadó’ capezzi, scassato de cinqu’agni,
’n cim’a la casettola ce stegne pur’ i pagni.
     Cent’arberi de gliva, settanta de melella,
     si voa ci’oléte crede, ’sta vigna è propa bella.
     Ma drent’a chella casa, n’ se sane chi commanna,
     tè’ cinque figli, ‘a moglie, ’o padre, e pur’a nonna.
Quando se vegne ’o vino, n’ ce se capisce n’ acca!
Chi strilla: “Vegni ’o vino; dapó te bevi l’acqua!”
Allora ’o compratore, a sentì chella caciara:
“Io me la coglio subbito: ridéteme ’a capara!”.
     ’Na dìne de settembre de ’n sacco d’agni fane
     ce vénze uno de Roma: ’a vigna ’oléa crompane.
     Enno già combinato, stenno a firmà ’o strumento,
     ma ecco che vè’ ’a nonna, de corza comm’o viento!
“Nun firmane ’Ntogno, aspetta pur’a mmine
famme parlà a ’sso fregno, ch’’aggiusto io, mone!
Sicchéne tu vorissi crompatte chesta vigna?
ma io nun te la vegno, ’o sa’, mucco de fregna?
     Chillo è lo rasale, curi e n’ t’arevotàne!
     e ’mmezzo a chisto stazzo, n’ te ce fa’ più vedéne!
     E voa che me guardete, mó che stete a fa’?!
     Chillo già se l’ha còta: gnat’a lavorà!”
’Ntogno disse a’’a moglie: n’ te fa’ piglià le fregne!
Fin’a che campa chessa, ’a vigna n’ se pò vegne! –
– Glie desse ’n corbo subbito! Starissimo più ’n pace,
ci’o sa’ che a stane fora, propa nun me piace?! –
– Zitta e bona, Crala, nun te fa’ sentì,
’e recce le tè’ bone: ce sente più de ti!”.
     “E móne me la coglio a dìne l’orazzione,
     e quando sto a pregane, n’ facete confusione,
     sinnó m’arizzo, vengo, ve piglio tutti a sciaffi
     e a ti, caro ’Ntognaccio, te cavo pur’i baffi.
Ave Maria, famme campà ancora ’n atro po’,
però si dici: è ora, io vengo pure mó.
Però famme ‘n piacere, anzi propa dóva:
famme venì tant’oglio, e puro ’n frego d’uva.
     E doppo ancora, lèveglie da ‘a mente
     de vegnese ‘sta vigna a tutta chesta gente!
     Ci’o sane tu, che chesta è tutta robba mia …
     fa’ chello che so’ ditto … amen accosì sia!”.
A chella pora veccia io voglio da’ raggione:
è brutto offènne ’a tera che t’ha dato ’o pane.
 
A cura di Roberto Zaccagnini
 
2015-03-28