Lo spettro del visibile

poesie di Patrizia Sardisco

E’ in preparazione, nella collana “Aperilibri” (Edizioni Cofine, maggio 2019, pag. 32 , euro 7,00) la raccolta Lo spettro del visibile, poesie in italiano di Patrizia Sardisco.

PROMOZIONE

Chi prenota la nuova raccolta entro il 15 maggio 2021, riceverà in OMAGGIO la silloge eu-nuca (Ed. Cofine, collana Aperilibri, 2018), della stessa autrice.

PER PRENOTARE IL LIBRO: inviare una e-mail a cofine<at>poetidelparco.it.  Per i metodi di pagamento >>>

Qui un estratto in PDF di Lo spettro del visibile.

LA RACCOLTA, scrive Anna Maria Curci nella prefazione, «si apre, con una straordinaria triangolazione tra luce, senso, voce, ricostruzione e rievocazione al tempo passato remoto: dal sogno della voce migrarono / particole di luce / a campire la vacuità del bianco / lo spazio fantasmatico / di una impossibile nominazione.
Fin dal primo testo si palesa una prospettiva fondamentale: i nuclei tematici che si sviluppano intorno alla natura della luce, alla capacità e alla possibilità di percezione, alla formazione dell’immagine, all’emissione, concetti che giungono dalla fisica, sono qui presenti, vivi, perfino incalzanti.»

L’AUTRICE

PATRIZIA SARDISCO è nata a Monreale, dove tuttora vive. Scrive in lingua italiana e in dialetto siciliano (parlata monrealese).

Nel 2016 pubblica la silloge in dialetto Crivu, vincitrice del Premio Internazionale Città di Marineo e menzionata al Premio Di Liegro di Roma.
Nel 2018 si aggiudica il Premio Montano nella sezione “Una prosa breve”; con la silloge inedita in dialetto ferri vruricati guadagna il secondo posto del XV Premio Ischitella – Giannone e, nello stesso anno, per le Edizioni Cofine, dà alle stampe il poemetto eu-nuca, prefazione di Anna Maria Curci, finalista al Premio Bologna in lettere 2019 e vincitore della sezione opere edite del Premio Città di Chiaramonte Gulfi 2019.
Del 2019 è la silloge Autism Spectrum, con postfazione di Anna Maria Curci, vincitrice della quarta edizione del Premio Arcipelago itaca e segnalata al Premio Bologna in lettere 2020.