L’invisébil di Gianluca Mancini

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

Gianluca Mancini vive e lavora a Pesaro. Si è sempre distinto per la sua apertura alle esperienze artistiche e poetiche più singolari e ricercate, confermando anche in ciò la sua natura di autentico outsider. È del 1986 la prima pubblicazione di poesie che reca per titolo “1986”. Pubblica inoltre “Dedali vultuum captivus” per le Edizioni Bresciane, altro volume di poesie, nel 1988. Ha lavorato come traduttore da e in lingua inglese. Racconti e versi sono pubblicati anche in riviste letterarie e in una antologia di poesia contemporanea. Quasi tutte le sue pubblicazioni recano il testo a fronte. Degli ultimi anni, le raccolte di versi Lanp d’estèd (Lampi d’estate, vernacolo/italiano), La giovane morte, Mè tay e barvàl (Io e il vento – 11 canti per l’Olocausto Z, romaní/it.), Res humana e Temporis sutra. Raccolta inedita: “Letterfall – con dedica e senza.”

Verso breve, rime baciate o alternate danno alle composizioni l’andamento di filastrocca e talvolta di cantilena: non lasciamoci ingannare, la poesia di Mancini è di spessore e di immagini inusuali. Del resto vi sono altri illustri esempi, Rodari, Calvino, che- pur con registri differenti- comunicano un messaggio profondo e denunciano contraddizioni e qualunquismi del nostro tempo.

An c’è sol ‘n Invisébil/ el c’n’è un par i cégh/ e un ànca par chi véd/ acsé tott dvènta pusébil/…(Non c’è solo un Invisibile/ ce n’è uno per i ciechi/ e uno anche per chi ci vede:/ così tutto diventa possibile…) è il mito delle ombre e della caverna di Platone? O più semplicemente la dimensione del sogno, la “terza via” che scorgiamo, o vorremmo avere in ogni alternativa? An c’è giorne ch’an te cérc…(Non passa giorno che non ti cerco…) Restare sulla strada, in ricerca, perpetuando il giorno e il ricordo, perché non finiscano; con loro, torna ancora l’invisébil : in pòch i l’savéva/ che sol l’invisébil/ esést parchè el dura…(in pochi lo sapevano/ che solo l’invisibile/ esiste perché rimane). L’esserci, il rimanere, connota l’esistenza e sembrerebbe un’ovvietà, se non ci fosse quel “pochi lo sapevano”, coloro che si interrogano nel e sul quotidiano, dialogando con la vita e perciò hanno piena coscienza di essere vivi, senza perdersi in “tangenziali cerebrali” ; che sentono e vedono in un vecchio orologio del nonno il suo cuore che batte e perciò con stupore possono dire “mè a ve l’giur:/ cò an ò sentìd/ cò an ò vdud/ ( ve lo giuro:/ cosa non ho sentito/ cosa non ho veduto!). Così, l’invisibile è la meraviglia, che “per te è una sciocchezza, ma per me è una cosa seria “Par te è na sciapità, / mo par me è ròba seria” se il Poeta si rispecchia in una piuma sostenuta dal vento, che volteggia e non cade: sciapità, che non ha sapore e perciò non dà gusto, si dimentica in fretta, ancora una volta è l’invisibile per chi ci vede, o meglio crede di vedere.

“Se il sale perdesse il suo sapore, con cosa lo si potrà rendere salato?” (Matteo, 5,13-16); se manca lo stupore, la capacità di stupirsi, come si può vivere la meraviglia? Cosa può farci stupire?

Ogni cosa, può stupire, sembra dire Mancini, con le sue rime create accostando assonanze dialettali, senza dar mai l’impressione di forzatura, né di sciatteria: rèm/ reèm, fior/ unor, pèll/ anèll, còr/ Signòr; per stupirsi basta che splendano quegli occhi anche in un cuore buio “tun ste còr bùi chj ochj par sènpre i splénd”. Quegli occhi hanno un nome, sconosciuto, invisibile, a chi legge e vede non vedendo: necessita che, oltre all’invisibilità, abbiano anche un nome; che abbiano una forza, un’energia, tale da far dolere il cuore, colpirlo con “questa gran sorpresa/ in questo gran stupore di cielo” (in sta gran surprésa/ in ste gran stupor de cél). Allora, ecco il sogno che “è” stare di nuovo a casa, nel luogo-la Poesia?- dove si gode la meraviglia inaspettata, la sorpresa. Tornare, fare di ogni fine un inizio, e dunque sapere che si può cambiare, nonostante la forma in cui si è nati; ricercare senza mai smettere un dialogo con l’Invisibile- altro, sé stesso?- e infine accorgersi che non è altrove, “in tutti i luoghi del cuore e delle mente”, è proprio “maché/ l’ùnig do’ ch’t’s itè.” (qui/ dove sei veramente).

La silloge è composta talvolta di Poesia solare, diurna, talaltra di poesia notturna, dove le rime e i termini dialettali riescono a moderare la cupezza e il dubbio. Il Poeta scrive infatti nel dialetto marchigiano-romagnolo, con la tipica concitazione delle parole tronche, con elisioni interne, mitigate dagli accenti, sui quali si posa il respiro e l’attenzione; la traduzione in lingua, può aiutare, anche se la comprensione non è difficile, con una certa frequentazione. Si tratta infatti di “nuvolette di vapore /che si fondono col cielo /dopo che sono scappate dal cuore”- cielo e cuore, categorie poetiche e filosofiche insieme, parafrasi di conoscenza che permette di elevarsi senza snaturarsi.

Allora, alla comprensione si accompagna una sorta di condivisione con l’Autore, e si può anche dire con lui “Le ùnig rob ch’c’amànca/ lj è quélli ch’an le astànca.”( le uniche cose che ci mancano/ sono quelle che non stancano.)

L’oniga stèla

E quand sora sta tèra

an ce sarà piò la név,

an savrò ppio i tu pass do’ i era…

a truvèl, el fièd pio liév!

Cle nuvolétt d’vapor

ch’le sé fond sal cél

dòp ch’le je scapèd dal còr

cò le jè, t’à da savél!

O vita mia, quant t’èr bèla,

par quéll ch’è, acsé véra:

in sta gran nòtt, l’oniga stèla.

L’unica stella. E quando su questa terra/ non ci sarà più la neve,/ non saprò più dov’erano i tuoi passi…/ a trovarlo, il fiato più lieve!/ Quelle nuvolette di vapore/ che si fondono col cielo/ dopo che sono scappate dal cuore/ cosa sono, devi saperlo!/ O vita mia, quant’eri bella,/ per quello che è, così vera:/ in questa gran notte, l’unica stella.

C’vetta

Stanòtt è nùt’ la c’vetta

a strìda fòrt mal capezzèl

an el so com tla vo mètta

mo i dic’ ch’la pòrta mèl.

Stanòtt po’ è nut’ la luna

da la fnèstra sènza invit

e a jò scrétt na pèg’na bòna

è ‘ncmincèd tott quant è fnit.

Stanòtt an è stèd un giog

un silènzi ch’m’afughèva

pròpi tel mumènt ch’an c’vléva

e tott chèl mèr à ciapèd fogh.

Stanòtt a jò sugnèd un nom

mo niscion prò j ‘l chiamèva

fors parchè in sta nòtt brèva

an c’era Dio e an c’era ‘n òm.

Stanòtt t’à sbatut dle pòrt

sé an c’è gnènt cum’è la vita

la tua an el so do’ la jè gita

mo ‘n c’è gnènt pio vér d’la mòrt.

Civetta. Questa notte è venuta la civetta/ a stridere forte al capezzale/ non so come interpretarla/ ma si dice porti male/ stanotte è venuta anche la luna/ dalla finestra senza invito/ ed ho scritto una pagina buona/ tutto è iniziato quand’era finito/ stanotte non è stato un gioco/il silenzio mi annegava/ proprio quando non ci voleva/ e tutto questo mare ha preso fuoco/ stanotte ho sognato un nome/ però nessuno lo chiamava/ forse perché nella notte brava/ non c’era Dio né uomo/ stanotte hai sbattuto le porte/ sì non c’è niente come la vita/ la tua non so dov’è finita/ ma niente è più vero della morte.

El cel sora ‘l mòl

An avrìa ‘vut vòja da gì

mo a scap tò na mulìga,

par véda do’ i va a fnì

tott che gabièn in riga

ch’a nugle i s’alza in vol

tra ‘l vènt ch’ruba i capéi

quant el tira sora el mòl

e el fa nì matt mai fiòj:

e l’è in sta gran surprésa,

in ste gran stupor de ciél

ch’a insogn d’arèssa a chèsa,

da quant el còr fa mèl.

Il cielo sul molo. Non avrei avuto voglia di andare/ ma esco giusto un po’,/ per vedere dove vanno a finire/ tutti quei gabbiani in riga/ che a nugoli si alzano in volo/ tra il vento che ruba i capelli/ quando soffia sul molo/ e fa impazzire i ragazzi;/ ed è in questa gran sorpresa,/ in questo gran stupore di cielo,/ che sogno di essere nuovamente a casa,/ da quanto il cuore fa male.

El géj dl’invèrne

T’véd si capéi l’è apàrs

el géj bianch dl’invérne.

Com dj ucéi le nùvol spars

le fogg’ da gabj sénza pèrne.

Mè, an ò anèi da regalè:

chiàpa por quél che t’vo’ tè.

I era bèi chi sogn un tènp,

una fétta ch’an se sènt.

Mè sai pid int’la rugèda

e a vagh, par la mi strèda.

Il giglio dell’inverno. Vedi sui capelli è apparso/ il giglio bianco dell’inverno./ Come degli uccelli le nuvole sparse/ fuggono da gabbie senza perno./ Io non ho anelli da regalare:/ prendi pure quello che vuoi./ Erano belli quei sogni un tempo,/ una fitta che non si sente./ Io coi piedi nella rugiada/ e vado, per la mia strada.

Gianluca Mancini, L’invisébil, Ed Centro Culturale l’Ortica, Forlì, 2018

Maurizio Rossi

Pubblicato 4/9/2019