La pietà der tempo di Angelo Zito

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

E nun finisce mai

er tempo de l’attesa

lo sguardo appoggiato a la finestra

er sonno che nun vo arivà

e intanto aspetto

er caffè co la moka fatto a casa

li pollici girati a contà er gnente

er pensiero a chi sta là de fora.

Quanti giorni passati dentro un’ora

quante vorte a capì che giorno è oggi

ho messo le crocette ar calennaro

e aspetto

un sogno una speranza un accidente

nun vojo tanto, basta poco o gnente,

basta uno sguardo rubbato come prima

basta capì da che parte annamo

vojo tirà fori er vestito da l’armadio

e intanto aspetto

e nun finisce mai.

 

Ho voluto iniziare con una intera poesia  questa lettura per Angelo, che conosco e apprezzo come persona e scrittore. Magari qualche “accademico” dirà che la sua “lingua” non è romanesco; ma così è il poeta, anche in questo libretto nuovo, piccolo e denso, “La pietà der tempo”: Angelo Zito è poeta e autore di teatro, regista, multiforme e libero, come la sua lingua. Del resto, il sottotitolo stesso attesta che l’Urbe, Roma, è città unica e multiforme anche nel dialetto parlato e scritto.

“E nun finisce mai/ er tempo de l’attesa” forse sta qui la “pietà” del tempo, che si lascia plasmare, contrarre e dilatare, riempire e svuotare, quando l’attesa è disposizione d’animo e di pensiero ad accogliere “un sogno una speranza un accidente”. E intanto il Poeta ricorda, riflette, e poi compone e ricompone il suo mondo poetico colmo di personaggi e di persone, che cuce nella storia personale e della sua Città, consapevole che “la vera luce ce l’avemo in testa/ li saggi antichi l’hanno ripetuto”.

Passano così, insieme alle ore e ai giorni, Adriano imperatore, Catullo, Orazio, Papi, amici e attori – trai quali Gigi Proietti – perché “solo l’artista che ha lasciato er segno/ sarà presente ner presente d’ogni tempo” Niente di originale, ma è bene ricordarlo, soprattutto in quest’epoca “di novità usa e getta”.

Passano, raccolti nei versi, nella “nobirtà della poesia” che – dice Pascarella – “apre er core come ‘no sportello”; e il tempo pietoso “sta aspettànno le parole”…”parole nove che nun ho pensato/ parole antiche ferme ner cassetto”; ma quando “er dolore nun cià storia/ e l’occhi so’ rimasti sopra er muro” – quello con cui Angelo a volte parla tutto il giorno –  “Er tempo passa er fojo resta intatto/ le parole troveranno un zenzo/ quanno che sortiremo dar presente”.

La poesia di Angelo Zito non cerca le alte vette del pensiero, non usa metafore, piuttosto ha la limpidezza e la sostanza del travertino, dei “serci”, dei “sampietrini” che ancora rivestono le strade di Roma; non pretende di insegnare, ma solo di far riflettere e di far ricordare.

 

L’ucelli e la penna

 

Ho provato a spostà la tenda griggia

de botto er sole è entrato ne la stanza

butto lo sguardo là ortre li vetri

e l’occhio come un ucello core via.

Vedo le cchiese li Fori er Colosseo

er duomo de Colonia sopra er Reno

la torre dei francesi su la Senna

fermete occhio mio fermete penna

damme er tempo de scrive quatttro versi

intonati a la musica der volo.

Tanti artri uceli stanno  asmove l’ali

nun stamo più in finestra a prenne er fresco

continuamo a disegnà insino  asera

arabeschi tra le nuvole pe l’aria

a sentì er soffio der tempo che rimane

er tempo che sta aspettànno le parole.

 

 

La prospettiva der Boromini

 

Er vero e l’apparente so’ fratelli

cammineno accostati l’uno all’artro,.

Si pensi d’avé in mano le certezze

apri le dita e trovi solo mosche.

Pe fattelo ricordà er Boromini

fece la prospettiva a Villa Spada,

nun è così longa come te sembra

quanno vedi le colonne tutte in fila.

Entrece dentro, prova a fa du’ passi

e caschi dall’apparenza dentro ar vero,

rischieresti de sbatte pure e r grugno

si l’architetto avesse fatto un muro

invece de lasciallo a cielo operto.

Voleva significà che l’illusione

cià lo sguardo buttato ner futuro

sempre si nun trova su la strada

un muro che appare come fosse er Vero.

 

 

 

Angelo Zito, La pietà der tempo, Veat litografica snc, 2020