La mi poetica

Ntra le rogaie de stó scatrafosso
a pel del macco de na tròscia sporca,
dorme l cignale da matina a sera,
sopra n cuvil de scopi e lalleroni.
Pu a notte sorte for de l’infrauschio
e mmezz’ a n macchitello de cerquatti
nfròcia l grugno a asaggià la terra molla
che j à da fa da guida e sentinella.
Alfin ecco la guazza del maggese
e atacca a fa l su solco bongustaio.
Ncontra n tartufo, n verme, n lumacone;
s’afèrma per guardà na cosa tonda
ch’arluccica ntól fondo de na pozza
e mentre l grugno arprende l su lavoro,
la zzanna va a ncoccià n pezzin de stella.
 
LA MIA
POETICA – Tra i rovi di questo burrone/ vicino al fango di una
pozzanghera sporca,/ dorme il cinghiale da mattina a sera,/ sopra un
giaciglio di eriche e corbezzoli./ Poi a notte esce fuori dal folto/ e
in mezzo ad un piccolo bosco di quercioli/ affonda il grugno per
assaggiare la terra bagnata/che gli deve fare da guida e sentinella./
Infine ecco la rugiada del campo mietuto/ e comincia a fare il suo solco
buongustaio./ Incontra un tartufo, un verme, una limaccia;/ si ferma
per guardare una cosa tonda/ che luccica nel fondo di una pozza/ e
mentre il grugno riprende il suo lavoro,/ la zanna va ad urtare un
frammento di stella.