(Jennu a cchianari)

Jennu a cchianari
vidu dâ finestra dâ mo stanza
fogghi cupputi di zzammara
ferri sicchi, pal ’i ficudinna
aranci nichi e alivi:

è tuttaccà ’a Sicilia
fora dê palazzi – pensu –,
i paroli ca su’ chiddi
ca hânu agghiessiri!

Ogni cocciu d’acqua, ntantu
è tempu-chiovu ca s’arrumpi:

forsi stavota cci vaju a vvavaluci!

– Andando a salire (guardando in prospettiva) / vedo dalla finestra della mia stanza / foglie a coppa di agavi / ferule essiccate, tronchi di fichidindia / aranci nani e ulivi: / – è tutta qua la Sicilia all’infuori dei palazzi ( fuori città ) – penso – le parole che sono quelle che debbono essere! // Ogni goccia d’acqua, intanto, / è tempo-chiodo che si rompe: // forse stavolta vado (davvero) a raccogliere lumache!

Da Aria sbintata