I zchéurs dla zènta

Dal vólti a m
mètt ma la finèstra

e a stagh da
sintói i zchéurs dla zènta:

da spèss i è
acsè strach

che la s
putrébb sparagnè

la fadóiga
d’arvói la bòcca.

Mo se la zcòrr
in dialètt

alòura i
zchéurs i arciàpa vigòur,

énca al
patachèdi,

e u m vén vòia
d’andè ad ciòtta

a dói la mi.

 

(da Par senza gnént)

 

I DISCORSI DELLA GENTE – A volte mi metto alla finestra e
sto a sentire i discorsi della gente: spesso sono così stanchi che si potrebbe
risparmiare la fatica di aprire la bocca. Ma se parla in dialetto allora i
discorsi riprendono vigore, anche le sciocchezze, e mi viene voglia di scendere
in strada a dire la mia.