Francesco Gabellini

[EMILIA ROMAGNA] Francesco Gabellini è nato nel 1962 a Riccione, nel cui dialetto scrive, ma risiede a Monte Colombo (Rimini), dove lavora in ambito educativo. Vincitore di numerosi premi di poesia, suoi testi sono apparsi su varie riviste tra le quali:“Tratti”, “Graphie”, “Pagine”, “Periferie”.

 

OPERE DI POESIA: Aqua de’ silénzie, San Marino 1997 (Premessa di L. Cesari); Da un scur a cl’èlt, Milano 2000; Sluntanès, Villa Verucchio 2003 (Prefazione di G. Fucci).

 

Le poesie di Francesco Gabellini

La nèbia

Mé ò paura dla nèbia.

I ragaz sla palèda de’
port

i strègn fort al ragaze,

i à paura cal scapa.

Un chén grigio l’à
s-cént la corda,

dóp dìs metre e’ sparés
tna nôvla.

E’ su nom al biàs tla
bôca,

ma un mì scapa.

E l’invèrne e’ per c’un
voia fnì mai,

a marèina.

 

(da Aqua de’ silénzie)

 

LA NEBBIA – Io ho paura della nebbia. I ragazzi sul molo
del porto abbracciano forte le ragazze, hanno paura che scappino. Un cane
grigio ha rotto la corda, dopo dieci metri scompare in una nuvola. Mastico il
suo nome in bocca, ma non mi esce. E l’inverno sembra non voglia finire mai, al
mare.

Lusa busèrda

U s mov l’ômbra d’na
dòna céra

spèsa la zanzariera,
masànd

tla mèna una busìa.

La lòuna sora i tétt la
fa

e’ cér dl’invèrne sla
niva.

Raz dla nòta a sémm,
ch’i s svèggia

par sbài a mizdè.

Burdèll ch’i sta sèmpra
daparlòr,

ch’i n taca sa ch’i èlt,

sènza e’ cristàl d’un
rid saibàdghe.

 

(da Sluntanès)

 

LUCE BUGIARDA – Si muove l’ombra di una donna chiara
dietro la zanzariera, nascondendo nella mano una bugia. La luna sui tetti fa il
chiaro dell’inverno con la neve. Siamo uccelli notturni che si svegliano per
sbaglio a mezzogiorno. Bambini che stanno sempre soli, che non legano con gli
altri, senza il cristallo di un ridere selvatico.