E’ mi’ Fiòur di Lorenzo Scarponi

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

“A nò fàe gnént/ un i vò niséun curàg”  (a non far niente/ non ci vuole nessun coraggio); coraggio di parlare, di scrivere, di fare poesia, magari usare il dialetto: ci vuole coraggio a fare. Ma cos’è il coraggio? Direi, senza essere smentito, la capacità di mettersi di fronte a qualcuno, davanti a qualcosa, senza difese, o meglio con i propri limiti, confini di tempo e di spazio,”Dòp chet é pas i nvàenta/ qvant ch’u i vo, a fàe nòta?”(Dopo che hai passato i novanta/ quanto ci vuole per arrivare alla fine del giorno?) Novanta, ma potrebbero essere anche i cinquanta, i sessanta, perché ogni giorno, ogni anno, noi sospendiamo il tempo, nel momento in cui ci chiediamo quanto ne dovrà ancora passare prima della fine del giorno che ci è stato dato.

Il poeta sa che l’unica risorsa che supera il limite umano del tempo è il ricordo, l’alchimia che rende presente il passato, dimenticando il futuro: “Un bèl arcòrd u n sparés/ t’al mèt t’un cantòun/ t’al tòir fura qvant t’vu” ( Un bel ricordo non sparisce/ lo metti in un angolo/ lo tiri fuori quando vuoi).

Ancora, lui sa che ci limita “la fatica,/ la paura di non farcela …“La fadoiga/ la pavéura da no fàeglia” così come un uccello, per volare nella burrasca, lotta contro vento “tla lòta d’un gazòt/ còuntra e’ vént dla burasca”; ma il poeta va oltre questo confine, sognando “Un gazòt/ u s spéca da téra s’agl’ éli vérti/ l’è zà in paradois”(Un uccello/ si stacca da terra con le ali aperte/ è già in paradiso) . Dunque, per Scarponi il tempo si inganna con il ricordo, la fatica di vivere si supera con il sogno; sembra aver trovato la pietra filosofale; o semplicemente la Poesia; quella che dal Novecento in poi, per i più ha rinunciato alle altezze, alle cime, per agire accanto all’uomo, ai suoi dolori, disillusioni, fatiche? Che si immerge nel fango dell’essere e nelle paludi delle relazioni umane?

C’è altro in questa raccolta: l’autore assume il limite della quotidianità, le feste, il ballo che finisce e “Insén  s’l’aligrì/ e’ pàer ch’i s porta vi’ àenca la luce/…Da sèc…un làemp, un balòin/ sla porta, la s’è zirata par gvardàem”(assieme all’allegria/ sembra che si portino via anche la luce/…All’improvviso…un bagliore, una luce/ sulla porta, si è girata per guardarmi); riconosce  nei versi l’ immediatezza di uno sguardo che accende il cuore, e fa balenare una luce. Ecco la fascinazione, riconosciuta prontamente e scolpita in un incontro, con le parole e il loro suono nei versi: “La è andàe zò ma chi di scalòin,/ …a séra m’è finistròin/ u m s’è férmi e’ fié…” ( E’ scesa giù da quei due gradini/ …ero al finestrino/ …mi si è fermato il respiro/); ecco altresì il limite dell’illusione “la à alzàe un bràz! S’la màena vérta/ pu, dòp s’e’ témp, ò péns/ ch’la vlòiva snò scazàe un bagaròun” (ha alzato un braccio, con la mano aperta/ poi, dopo, con il tempo, ho pensato/ che voleva solo scacciare un insetto.)

L’illusione non solo dell’amore, persino quella delle parole nella cacofonia della gente, quando ognuno vuol dire la sua, senza ascoltare“ Un fiéun in pìna/ dal paroli che santéudi acsè lin vo dòi gnént/ a l n’a’ un vérs, t’an li capés/ …e pu zét, u n gn è piò al vòusi// -e l’arvàenza snò i mi pansìr/ ch’i va e i vén cumè brinc ad stèurni/…( un fiume in piena/ delle parole che sentite così non significano niente/ non hanno un verso, non le capisci/…e poi zitti, non ci sono più le voci// -e rimangono solo i miei pensieri/ che vanno  e vengono come stormi di storni/); anche i pensieri diventano illusione,“muloighi che e’ porta vi’ e’ vént” ( molliche che porta via il vento), quando sono così insistenti e numerosi.

Il mare, la nebbia che non si può racchiudere nel pugno, la campagna –  in cui al “limitare del bosco/ il posto dove dormono le farfalle è sempre quello:/ tra felci e fragoline in fiore dove si confondono/ tra fili d’erba alta” – sono altrettanti quadri per un cromatismo di parole, il set di un film, lo schermo di un cinema per serate nelle quali, dice l’autore  “a la calàeda de sòul/ in pròima foila: disdòi se’ cavdàel/ a ciéud i occ/ …e a zirc t l’aria/…” (al calar del sole/ in prima fila: seduto al margine del campo/ chiudo gli occhi/…e cerco nell’aria/…) La vita osservata e agìta “da dentro ” nei momenti in cui luccicano gli occhi, davanti a all’incanto de“e’ mi fiòur” senza smarrire però l’ironia arguta “S’e’ te roid pataca/ mè  m’e’ gelàti a n gni péns/ a m’aférmi proima.” ( Che ti ridi pataca/ io al gelato non ci penso/ mi fermo prima).

“E’ mi fiòur” è poesia nei contrasti, dei temi, della lingua – mare ondeggiante tra le lunghe dei dittonghi e le brevi delle elisioni vocaliche – dissonanze che non fanno chiasso, perché sono quelle del quotidiano, nella natura e nell’esistenza umana.

 

E’ mi fiòur

 

T savés cumè ch’u m pis

qvand cn’la smov da sèch,

la m vén alè drì

qvasi ch’la m strésa

la slònga al gambi

pu la m gvérda, t’j occ

e la ma doi:

“t’a m vé a to un gelàti!”.

 

S’e’ t roid pataca

mè m’e gelàti a n gni péns

a m’aférmi pròima.

 

 

Il mio fiore. Sapessi come mi piace/ quando si muove all’improvviso,/ mi viene vicino/ quasi che mi sfiora/ allunga le gambe/ poi mi guarda, negli occhi/ e mi dice:/ “mi vai a prendere un gelato!”// Cosa ti ridi pataca/ io al gelato non ci penso/ mi fermo prima.

 

 

 

 

 

 

A doi

 

Un’istàeda sèca.

Ad ciòta dla stràeda mèstra

mò fura da la campagna

un cantir ad spagnàera

ch’l’era tot un fiòur celèst

sòura, viva la tèra

un màer at pavajòti biàenchi

che raza ad banchèt!

S’agl’éli e’ paròiva cha l muvés l’aria

a so ‘rvàenz alè incantàed.

A m so duvù mov

a doi…j a tacàe a trumbàe.

 

A di... Un’estate arida/ Di sotto alla statale/ ma fuori dalla campagna/ un campo di erba medica/ che era tutto un fiore azzurro/ sopra, viva la terra/ un mare di farfalle bianche./ Che razza di banchetto!/ Con le ali sembrava che muovessero l’aria/ sono rimasto lì incantato./ Mi sono dovuto muovere/ a di…hanno iniziato a suonare.

 

 

 

 

 

 

Pansir

 

J à ‘na gra pavéura

i tréma tot

s’è’ cuntés andàes a masàes

èè?

mo mè, a la aspét

a so qvè

s’na màena vérta e òna ciéusa

basta ch’la n mu n fàza incazàe

in do e du qvatri e’ s-ciao.

Qs-cia mò e’ dòp?…ad là?…mò chisà?

Mè, a dagh int e’ sach

ch’ a m faz purtàe a Faénza.

 

 

Pensieri. Hanno una gran paura/ tremano tutti/ se contasse, andare a nascondersi/ eh?/ ma io, la aspetto/ con una mano aperta e una chiusa/ basta che non mi faccia incazzare/ in due due quattro e zitti./ Ma e dopo?…di là?…Ma chissà?/ Io, gli do nel sacco/ che mi faccio portare a Faenza.

 

 

 

 

 

Spicét ad stori

 

Gvardàes t’un spèc

l’è cumè gvardàe un quàedri

t’al fés; intàent, t’at spòst da méur a méur

l’è sémpra j occ dròinta tj occ.

Un loibri, un rumanz, ‘na storia

ròbi che tla voita al zuzéd ‘na volta

robi che al pàer véra, qvasi da cròidji

ta la zirch tra cal pagini

miàera ad zénta

al zirca e al trova un quél

mai ugvàeli

mo acsé precisi.

 

 

Riflessi di storie.  Guardarsi in uno specchio/ è come guardare un quadro/ lo fissi; intanto, ti sposti da parete a parete/ sono sempre gli occhi negli occhi./ Un libro, un romanzo, una storia/ cose che nella vita succedono una volta/ cose che sembrano vere, quasi da crederci/ la cerchi in quelle pagine/migliaia di persone/ cercano  e trovano qualcosa/ ma così simili.

 

 

 

 

Lorenzo Scarponi, E’ mi’ Fiòur, Pazzini Ed., Verucchio (RN), 2015

 

 

 

 

Lorenzo Scarponi vive a Bordonchio di Bellaria-Igea Marina, dov’è nato nel 1956. Nel 2009 ha pubblicato la raccolta “L’ultmi soul “(Rimini, Pietroneno Capitani). Ha presentato spesso in pubblico dei monologhi. Fra questi si trovano testi originali, alcuni adattamenti dei testi di altri autori e anche le traduzioni di alcuni canti della Divina Commedia.

 

 

 

Maurizio Rossi                                                         

 

 

 

 

Pubblicato il 5/11/2019