Due poesie di Elena Ghielmini

Ecco due poesie ricevute in dono da Elena Ghielmini

 

PRIMAVERA

ACULEA CORONA NONOSTANTE

 

Sto

a contemplare

il silenzio

e il soffio

che leggero vi attraversa,

sto

a contemplare il flusso

che genera e rigenera

mentre l’onda

di gocce nutrita

si posa

sull’albero in attesa,

la primavera scalpita.

Tutto nonostante,

con il giungere

della particella pulita,

rinvigorita la primavera

riecheggia e canta,

vince la partita.

 

 

22 aprile 2020

 

 

 

ÜSELÍN CH’A GÒRA

 

Da par lur,

cui fòrz ch’a baltíga

i sciavatt

da tirà adrée

ul mócc da tirà sü

i mánich

da voltà indrée,

tütt al divénta

putrèla sül cò,

mia un fir da fiaa

mia ‘na brisa da lüs

nagótt in di man.

Pesánt i sciavatt

i è pü bón

da fà ‘l pass

fórse,

quéll parpavai

d’un üselín

süla rama,

sentüd ul ciorà

l’a lassád lì föi e ram,

infularmád

l’a tacád a gorà

in scià e in là

par trövà,

a sa sà mia còsa

magari, ul tòcch

da carta o  fazzulétt,

cör e öcc

da podé sügà.

 

 

UCCELLINO CHE VOLA

 

Soli,

con le forze che vacillano

le ciabatte

da trascinare

il moccio da sollevare

le maniche

da rimboccare,

tutto diventa

macigno sulla testa,

non un filo di fiato

non una briciola di luce

nulla fra le mani.

Pesanti le ciabatte

non sono più capaci

di fare il passo

forse,

quel pargolo

di uccellino

sul ramo,

sentito il piagnucolare

ha lasciato lì foglie e rami,

eccitato

ha iniziato a volare

in qua e in là

per trovare,

non si sa cosa

magari, il pezzo

di carta o fazzoletto,

cuore e occhi

da poter asciugare.

 

25 d’apríl 2020

 

 

Elena Ghielmini (Sorengo, 14 novembre 1942) è una poetessa e scrittrice svizzera, di lingua italiana.