Dinde a nende

Mo l’aje viste e mo nne l’aje viste cchjù.
Jè parute nu lambe
ava jèsse nu bbruttabbèstje
ma nde sacce a ddice
nne se jéva nemala
nne se jéva crestjane
te diche nu fatte strane
nzomma nn’aje capite nènde
nn’aje tenute manghe u sendemènde
de farme u ségne de la croce
vide quande fujéva
vide quande jéva veloce
so rumaste sotte o sole
e me vutava torne torne
ca paréva nu mariole.
Me so truwate, accome fusse
nda na chjazza, come nu larjone
ca sta sèmbe chjéna chjéna
hei Madonna, quéddu jorne
ce fusse state cacchédune?
Jéva la controra, ce stéva la calandrèdda
stéva nu sole ca ppecciava l’aria.
Me so mmésse a fuje mméze a ddi chjazze
e cchjù llungava u passe e cchjù fujéva
cchjù me paréva ca nne me muwèva.
Me so truwate, fore paése
dinde a nènde.
So rrevate fine a Le Pozza
e ddà, me so ppujate sope na préta
ke pegghjà nu poche sciate
tante ca stéva ngalemate.
Pare ca sacce…
me sendéva desperate
torne torne, manghe n’anema!
Me tremavene li cosse tande ca stéva sudate
pare ca nne mme nne fedava
manghe a sta jauzate
tande jé vvére
(e te lo ggiuro)
ca tenéve lu votacéle.


So state nu bbèlle poche appujate
e cchjù ce penzava
e cchjù nne me facéva capace.
Cchjù ce penzava, cchjù ce faceva casione
e cchjù me facéva u sendemènde
ca ddu bruttabbèstje
pare ca me tenéva mènde!


So jauzate de bbotta da sope la préta
e so vutate addréte:
nènde!
Quase quase me ne stéva jènne…
po aje ditte: mme vedé
pigghje e fusse nnammucciàte nda stu fosse…..
so facciate sope a ddu puzze
cu bastone pronde e zitte zitte
e quande véde ca l’acqua ce muwéva
l’acqua stèva tutta ndruwudata
e dinde a quédda scurda, ce vedéva e nge vedéva.


Dentro al nulla – L’ho visto per un attimo poi non l’ho più visto./ E’ sembrato un lampo/ doveva essere un bestione/ ma non so dirti/ se fosse un animale/ oppure un essere umano/ ti dico un fatto strano/ insomma non ho capito nulla/ non ho avuto la prontezza/ di farmi il segno della croce/ pensa quanto correva/  pensa quanto era veloce/ sono rimasto sotto il sole/ mi guardavo attorno/ sembravo un ladro./ Mi sono trovato, come fosse/ in una piazza, uno slargo/ che normalmente è piena di gente/  Madonna mia, quel giorno/ era deserta completamente./  Era il primo pomeriggio, c’era la canicola/ e un sole che bruciava l’aria/  ho preso a correre per quelle strade/ e più allungavo il passo, più correvo/ più avevo l’impressione di stare fermo./  Mi sono ritrovato, fuori dal centro abitato/ in un niente/ mi sono spinto fino ai Pozzi/  e là, mi sono seduto su di una pietra/  così, per riprendere fiato/ avevo il fiato grosso/ non so…/ mi sentivo disperato/ tutt’intorno neppure un’anima!/ Mi trermavano le gambe, ero sudato/  non aveva la forza/ di stare in piedi/  tanto è vero/ e lo giuro/ che avevo i capogiri. / / Sono rimasto un pò seduto/ e ci pensavo/ ma non riuscivo a capacitarmi/ ci pensavo, ci riflettevo su/ avevo l’impressione/ che quel bestione/ mi stesse osservando/  mi sono alzato di scatto. / / Mi sono voltato indietro/  niente!/  Stavo per andarmenne/ mi sono detto: faccio un ultimo tentativo/ potrebbe essersi nascosto in questo fosso/ mi sono affacciato sul bordo del pozzo/ con il bastone pronto e il fiato sospeso/ e ho notato, con meraviglia, che l’acqua si muoveva/ l’acqua era torbida/ e in quella oscurità, si vedeva e non si vedeva.