Daniel Cundari

 

[CALABRIA] Daniel Cundari (Rogliano, 1983) scrive in dialetto calabrese, italiano e spagnolo. Ha studiato Lettere Moderne e Relazioni Internazionali a Siena e in Spagna. È autore di Cacagliùsi / Balbuzienti (Roma, 2006); Il dolore dell’acqua (Roma, 2007) e Geografia feroz (Granada, 2011). Con i precedenti libri di poesia ha vinto numerosi premi, tra cui il G. Guida, l’Internazionale Tropea O.M. Speciale Critica, il Mons Aureus – Progetto Sud di Palermo. In Spagna, per  Geografia feroz, gli è stato assegnato il ‘Premio Genil de Literatura’ di Granada, abitualmente destinato ad artisti iberici. Con i suoi testi è intervenuto a Monaco (Principato), Nizza, Erlangen, Marbella, Marsiglia, Gdańsk. Nel 2009 è stato il poeta straniero più giovane ospite della Cátedra Federico García Lorca, diretta da Antonio Carvajal.

 

Nota
“Non era facile uscire dai condizionamenti del paese, utilizzarlo e negarlo insieme. Le radici, lo vado ripetendo spesso, sono un serbatoio importante se non diventano carico di nostalgia ma soltanto specchio in cui si rifrange il mondo. Ecco, Daniel ha sullo sfondo le radici e utilizza il dialetto, ma parla di cose che interessano noi tutti… Piace della sua poesia anche la vena un po’ surrealista, quei giochi appena accennati e subito negati, quell’entrare e uscire dagli argomenti come a saggiare la consistenza di luoghi, di emozioni e di idee. Le traduzioni in lingua ricalcano pari pari l’umore del dialetto e perciò non si perdono le sfumature, non si sparpagliano al vento certe cadenze musicali che risultano essenziali per comprendere appieno la felicità espressiva di questo libro…”


Dante Maffia

 

Le poesie di Daniel Cundari

Vie scusàgne

Da Cacagliùsi, Edizioni Lepisma, Roma, 2006

 

M’hannu ’mparàtu
u lupu

‘ntra na ruga

m’hannu ’mparàtu u ventu

’ntra nu purtùne

àju pruvatu u sangue duce

da  ucèrtua

’a uitanìa da pìuia

l’addùru du
cursùne.

Aju vidùtu u mare e la turrètta

aju sentùtu fis’ chi e cannunàte

briganti jìre e vecchie sfatte

fimmine bbèlle e ’nnammuràte.

Signu fujùtu
arrèt’ a nu murèttu:

Acqua alla cànna

Fitt’allu pettu

Signu cadutu ‘nterra trivellàtu

M’hannu mparàt’ a vìta

E llu peccatu.

 

SCORCIATOIE
– M’hanno insegnato il lupo / in uno spiazzo / mi hanno insegnato il vento / in
un portone / ho provato il sangue dolce della lucertola / la nenia della pica /
l’odore del serpente. / Ho visto il mare e la torretta / ho sentito fischi e
cannonate / briganti andare e vecchie consumate / donne stupende e innamorate.
/ Sono scappato dietro a un muricciolo: / acqua alla gola / fitte nel petto /
sono caduto a terra rovinato / m’hanno insegnato il vivere / e il peccato.

Civi de paròe

Figùrate nu pratu
de cùnti,

Nivère de
cristiàni, ‘na

Fiua de nùmi s’chètti e

Prisùtti ccu òssa singàte.

Vecchie senza cchiù vvùce,

pìsci chi càntanu, ‘mpiciàte

de fràsi e de
uìbbri.

‘Nterra versi scordàti

catìne ‘mpigliàte

ca dìcianu tutti chìllu

ch’ancòra nun avìmu dìttu.

Nòni parràte citu cittu,

nòni iusciàte ‘ntre rìcchie,

nzòmma,

civi de paròe

chi iurìscianu

cum’ u piacìre duerùsu

de na mamma ca

fìglia allu scùru.

 

SEMI
DI PAROLE – Immagina un prato di racconti, / tormente di uomini scapoli e /
prosciutti con le ossa segnate. / Vecchie senza più voce, pesci che cantano,
coperte / di frasi e di libri. / A terra versi dimenticati / catene intrecciate
/ che dicono tutto quello / che ancora non s’è detto. / No parlate silenziose,
né sussurrate negli orecchi, / insomma, / semi di parole / che germogliano /
come il piacere doloroso / di una mamma che / partorisce al buio.

Gànu gànu

N’amu ricòtu pedàte, s’càffi,

pèllari, pùni, currigliàte.

Nue, fèrmi, uìgni da Sìua,

vìnu de cantìna.

Ccu llu sàue
‘ntre sacchètte

Ppe llu jettàre alle scurciàte,

avìmu caminàtu
sempre de chìlla

manèra :
tìsi, ‘mpizzìllicu, chjicàti.

Ancòre e ancòre, stu viaggiu

De intra, stu
viaggiu de fòre.

‘A terra, sempre ‘a stessa, scàvuza,

‘mmidiùsa, scippannèra;

‘a vita, cumu sempre, stròscia,

làtra, mafiùsa, critichèra.

 

‘U rimorsu ne
scauìa, gànu-gànu.

Gànu-gànu allu
fìu de trèmpa, alle

Uamètte du
rasòiu, a ‘nu curtèllu

Spunùtu alle cannaròzze. Ppe votàre

‘sta terra ce vò ‘nu uàmpu, ‘nu trònu,

‘na timpèsta; ce vò simènta e graste

de chiantàre alla furesta.

 

Simènta de
penzèri, nùci de pèdi

Sanizzi ;

Sinnò, rimàna ‘stu ràs ‘cu allu collu,

a ‘sti pizzi pizzi.

 

RASENTE
– Ci siamo tenuti le pedate, gli schiaffi, / i ceffoni, i pugni, le cinghiate.
/ Noi, fermi, fusti della Sila, / vino di cantina. / Con il sale nelle tasche /
per gettarlo alle ferite, / abbiamo camminato sempre in quel / modo: dritti, in
bilico, piegati. / Ancora e ancora, questo viaggio / dentro, questo viaggio di
fuori. / La terra, sempre uguale, scalza, / invidiosa, furtiva; / la vita, come
sempre, leggera, / ladra, mafiosa, criticona. // Il rimorso ci perquisisce,
rasente. / Rasente al filo d’un dirupo, alla / lama del rasoio, a un coltello /
puntato al pomo d’Adamo. Per cambiare / questa terra occorre un lampo, un
tuono, / una tempesta; occorre semenza e piante / da portare nella foresta. //
Semenze di pensieri, malleoli / vigorosi; / altrimenti, perdurerà questo
rancico alla gola, / dappertutto.