Crivu (Setaccio) di Patrizia Sardisco

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

“Parola c’un si scrivi/ un è di nuddu//…scriviri è crivu/ ri ogni ura ‘rura/…” (parola che non si scrive/ non è di nessuno//…scrivere è setaccio/ di ogni ora dura/…) Scorre come un fiume la parola detta; sicché la Poesia, nata come oralità e canto, va scritta per non disperdersi.  Non solo, lo scritto setaccia le pietre del dolore, indicibile perché ferisce la lingua rendendola muta.

Immagine del tutto originale, questa, che la Sardisco usa come titolo della sua  raccolta, premiata, e a ragione. Ancora, si interroga sul rapporto tra parlare e scrivere “ u parrari è d’u jornu e s’a fissìa/…u scriviri è  nuttata e lanza feli/…e dici senza mancu pipitari//( parlare è del giorno e prende tempo/…scrivere è notte e vomita fiele/ …e dice senza nemmeno aprir bocca//) sembra, ma non contrasta con la precedente suggestione: lo scritto, setaccio delle ore dolorose, si colma di sedimento del male e del buio;la parola detta, colma di linguaggio para-verbale alla luce del giorno, si trasforma continuamente e attende altra parola.

E allora a chi dobbiamo dar retta? “ a ccu è ttintari prima/ labbisi sculuruti/ o vucc’aperti/ e cirivedda ‘o sirenu/…” (a chi devo dare retta/ matite scolorite/ bocche aperte/ menti all’addiaccio/…); si può sciogliere questo dubbio, metafora del difficile dialogo tra oralità e scrittura, tra cultura della terra e quella dei libri e delle carte? “Il noce figlia per sempre dietro la casa…aspetta…” La pazienza del riccio, verrebbe da dire, la saggezza dell’abbandono al ritmo naturale delle cose; abbandono comunque difficile che genera inquietudine “a vita rura/ fin’a quannu cci ciusci/ mentr’ancora t’abbrucia/…” (la vita dura/ fin quando ci soffi su/ mentre ancora ti brucia…); poi lo scritto si fa ancora più dolente “ammuccare e ammucciàrisi/ ‘a curpa ‘i tutti i curpi/ aspittari ‘a china/ Juncu calatu/ stinnicchiatu…” (ingoiare e nascondere/ la colpa di tutte le colpe/ aspettare la piena/ giunco chino/ disteso…) ammucciàrisi…stinnicchiatu” ecco due parole che pronunciate non hanno la stessa forza – pur sferzanti nel suono – come quando scritte, definitive, sul foglio.

Non basta setacciare vivendo e scrivendo, se non si riesce a trattenere e filtrare il torbido che inquina e non si placa “picchì si mancia e smància ‘u tempu e u sonnu/ lori comu nni lòrinu i pinzeri/…” (perché divora e logora il tempo e la tempia/ duole come dolgono i pensieri…); l’inquietudine che logora la vita, sicché i pensieri fanno male e  intristiscono.

Il respiro diviene “tossire” per ciò che sedimenta nei polmoni, cioè i coaguli di vita consumata nel tentativo di ripulire la tempia – richiamo al massaggio rilassante delle tempie – disintossicando la mente. Nell’inquietudine, si affacciano immagini malinconiche e lievi “un bacile di sonno”…”i piedini scoperti/ e fuori del letto”..; anche un desiderio che non ha bisogno di luce per abbracciare, toccare, comprendere – sé e l’altro/a – per andare oltre il “muro di ossa…muro di pianto” e mostrare il volto splendente “per lo sguardo della gente” che al contrario ha bisogno di luce, per vedere.

Poesia inquieta ed aspra, che la Sardisco scandisce in versi in prevalenza brevi e in strofe  di due, tre versi; ma anche  ricca di assonanze e parole intrecciate come giunchi. In essa,  accanto al ripetersi di giorni ed ore, sotto una luna senza vergogna “’un chianci a luna, e comu/’un si vriogna/ vintottu jorna ammatula/ pi vènimi a cuntari’ u stessu cuntu/…” (non piange la luna, e come/ non si vergogna/ ventotto giorni inutili/ per venire a raccontarmi la stessa storia…); nel nero del tempo, coinvolto (forte espressione, molto più di unito, mischiato) con il rosso dei polmoni e il fruscio del lenzuolo, i sensi si ampliano e si addestra la fronte al dolore, con i rovi. Ecco che il “crivu” – titolo della raccolta e parola poetica – acquista una duplice funzione: nei confronti di sé, come del mondo “ u sonnu scutta a notti/ atturrannusi u sensu a rapi e chiùi/ tras’e nescinu ciàvuli…” (la  tempia sconta la notte/ tormentandosi la coscienza ad apri e chiudi/ entrano ed escono cornacchie…);  ma la direzione è una sola“’u nfernu c’è/ di cca sta bbanna a porta/ chi  si chiui e ‘un si rapi” ( l’inferno c’è/ da questa parte della porta/ che si chiude e non si riapre…), mentre si mescolano nella mente “conti e racconti”.

Nella certezza che esista l’inferno, ma“ biancu e annittatu/allucintatu ‘i cutidduzza e lampi/ commiru e friddu/” ( bianco e pulito/ lucente di coltellini  e lampade/ comodo e freddo…) la memoria/sogno, come “aria che dolcemente/ si addormenta” porta a compimento il mistero del tempo che è insieme freccia e cerchio, giorno e ombra, e tornano numeri, facce, onde, vento, capelli, mani sulla faccia.

Così, la porta chiusa si riapre e di nuovo si corre, all’aperto.

 

 

E pi taliari a tia

l’occhi

‘un ci vonnu,

u spinnu è orbu

_e binirittu scuru

muru ri ossa

ca m’ammuccia i ruppa

muru ri chiantu

unni sbacantu a frunti

e u crivu rossu

u puzzu

u fossu

u nchiusu cummentu e

d’a dda banna

affaccia e luci a facci

p’i l’occhiu

d’i cristiani

 

 

E per guardare te/ gli occhi non servono/ il desiderio è cieco/ benedetto buio/ muro di ossa/ che mi nasconde i nodi/ muro di pianto/ dove svuoto la fronte/ e il setaccio grande/ il pozzo/ il fosso/ il chiuso convento e/ dall’altra parte/ si mostra e splende il volto/ per lo sguardo/ della gente

 

 

 

stati e stiddi chi pùncinu

ciura ì carduna arrestinu

pi cu, pi quali mmustra

 

tintu roggiu i risettu

nte midudda

vuci chi va currennu

 

nesci leggia d’u sonnu

na lapuzza cunfusa

cuppinu chinu ‘i suli

 

u meli pi stu mmernu

 

estati e stelle che pungono/ fiori di cardo restano/ per chi, per quale estetica// malevolo orologio la tranquillità/ nella mente/ voce che va correndo// esce lieve dal sonno/ un’ape confusa/ mestolo pieno di sole// il miele per il prossimo inverno

 

 

 

a vuci c’u so’ tempu

u crivaro ‘un talia

s’iddi ntrizza e chi ntrizza

 

d’a me terra s’hannu nfìlatu mmivu

petri puntuti e a vucca

 

si ntrizza ddisa e ciatu

si ntruscia a terra modda

e un caticeddu ‘i luna

 

 

si curca e per’u lettu p’attintari

quann’asciuca sta notti

 

 

la voce con i suoi tempi/ un fabbricante di setacci non guarda/ se intreccia e cosa intreccia// dalla mia terra son passate a vivo/ pietre appuntite e la bocca// intreccia saracchio e fiato/ infagotta la terra molle/ e un secchiello di luna// si corica ai piedi del letto per sentire/ quando asciuga questa notte

 

 

a ccu è ttintari prima

labbisi sculuruti

o vucc’aperti

e cirivedda ‘o sirenu

 

u per’i nuci m’aspetta

sempri m’allonga i ntinni

figghia pi sempri

darrè a casa

 

 

a chi devo dar retta/ matite scolorite/ o bocche aperte/ e menti all’addiaccio// il noce mi aspetta/ sempre mi rivolge i rami più alti/ figlia per sempre/ dietro la casa

 

 

 

Patrizia Sardisco, Crivu, Plumelia Edizioni, Bagheria (PA), 2016

 

 

 

Patrizia Sardisco è nata a Monreale, dove vive. Laureata in Psicologia, specializzata in Didattica Speciale, lavora in un Liceo di Palermo. Poetessa bilingue (italiano e dialetto siciliano) ha pubblicato liriche e racconti brevi su antologie, riviste e blog di letteratura. Ha conseguito numerosi riconoscimenti e premi, tra cui: nel 2016 il primo premio al Città di Marineo, con Crivu; nel 2018 si è classificata al 2° posto al Premio città di Ischitella – Pietro Giannone con la raccolta inedita di poesie in dialetto Ferri vruricati (arnesi sepolti). Nella collana Aperilibri (ed. Cofine, Roma) ha pubblicato nel 2018 il poemetto Eu-Nuca; per le Edizioni Arcipelago Itaca, nel 2019, la raccolta Autism spectrum. Nel 2015 ha collaborato ad Alberi Poetici, con Salvatore Aglieco. Insieme ad Alba Ignazi cura il blog di letteratura Un posto in vacanza.

 

Maurizio Rossi

 

Pubblicato il 7 giugno 2020