Corpo dea realtà di Fabio Franzin  

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

 

“Scrive, e me par de scanceàr/ tut quel che ‘ò tentà de tègner/ qua”…”Scrivée e man man tut sparìa/ senza quasi che mi n’acordésse.”… “Epùra ‘e mé poesie le ‘é ‘ncora salve,/ qua, co’ tute ‘e só paròe/  ‘pena ‘pena smarìdhe.”… ”Scrive, co’e poche paròe che me resta” (Scrivo, e mi pare di cancellare/ tutto ciò che ho tentato di trattenere/ qui …Scrivevo e mentre lo facevo tutto spariva / senza quasi me ne accorgessi… Eppure le mie poesie sono ancora salve,/ qui con me, con tutte le loro parole / appena un poco sbiadite. )

Fragile e insieme concreto il “corpo della realtà”, che ogni poeta descrive, in modo tutto diverso dal filosofo, in questa surreale ma pur vera lotta tra il dire e l’indicibile; ma resta la Poesia, pur con parole che l’inchiostro non riesce a trattenere, quasi dotate di vita propria.

Per Franzin il poeta è come l’operaio – artigiano del monologo “El posto”: il suo “fare” con fatica sembra inutile, perché inascoltato o non apprezzato; l’assemblare, legno o parole, è fatica e atto concreto “Me son stufà de ripèter senpre ‘é sòite/ robe, che no’ scolté, no’ voé capìrle, …che el posto fisso bisogna ciapàrseo/ co’e man, no’ co’a boca al dì de incùo/, te ‘o dise come se te fusse mé fiòl,”  La forma di monologo, vorrebbe essere un dialogo tra generazioni, in cui, nonostante quel che si dice sempre, ci si comprende a volte; si resta consapevoli di stare però in una dura realtà, senza pace“Vive te ‘na tèra che no’à rispèto nianca/ pa’ i morti, che no’ sa pì darghe ‘a pase/ che i merita.” Nella realtà meccanizzata, frastornante, che spegne all’uomo l’anima, avvinghiandolo sempre più a robot che, solo in apparenza lavorano per lui “Oh vita, avvoltolata nella rete di/ questa nuova terminologia, fredda, senza noce,/ avvitata a questi oggetti senza più senso/…”

Allora occorre una ribellione, se non delle macchine come in “Matrix”, di un “partigiano della terra”  che merita “la prima pagina” d’una poesia, perché esempio di una “resistenza passiva” come recita una parte della raccolta “ Lo pense, ‘sto vècio testardo restà /inpresonà te ‘sta arena de suv: /“qua son nassù e qua stae fin che/ mòre. Che vae al diàvoeo lori, i só /schèi e ‘e só botéghe”. Altre volte, è necessario “infradiciarsi” pur di condividere l’ombrello dell’amicizia umana e poetica, sotto il diluvio che rischia di sommergerci e farci scomparire, mentre la Poesia ci sta riportando a casa. “Da qui invio in volo parole. Da qui resisto” dice Franzin, dalla sua terra, il Nord Est,  un tempo esempio di laboriosità e benessere e ora paura e crisi anche di lavoro; da qui dice basta! “Non siamo cose anche se ci hanno rubato/ l’anima. Non siete soprammobili/ cari aironi, appoggiati sulla tavola /“ di un campo ad abbellire il saccheggio…/” Basta mercanti, nel tempio della vita: senza urla e invettive smodate, la Poesia alza la voce, stanca del “mercato”, con parole, ” storte, macàdhe, vèce e diverse, lo so, ma le ‘é sièlte  e scrite co’ passión, e nianca una vièn scartàdha.” In verità, le parole di Franzin sono tutt’altro che storte e ammaccate sono diritte, robuste e smaglianti, composte in immagini che raschiano la crosta di indifferenza e di abitudine “cussì se va, strendhéndo tii pugni/ un scartòzh de paròe e un vasòt de siénzhi / senza ‘ver mai capìo qual che pese de pì. “Non mancano grida di rabbia ne “Il tempo della vergogna” dove in realtà, dovrebbe vergognarsi solo quel Cronos, seduto indifferente e lontano nel suo Olimpo, incapace di “farsi futuro” e di tirarci fuori dalle paludi della cattiva Storia.

Un secolo separa due generazioni così diverse: i ragazzi del 1899, dimenticati, perché troppo diversa la terra e le stalle da quell’assurda guerra e da coloro che l’avevano decisa; e quelli del 1999, armati di telefonini- armi più del moschetto? – persi tra i bunker delle banche e i reticolati delle cifre, ma comunque mimetizzati dalle felpe scure e dal web che forse li faranno tornare a casa.

Così l’apparente contraddizione tra il rassegnarsi “Ora ti dico che abbiamo perso, caro padre,/  ti confesso che mi arrendo.” e il condannare “Colui che si adatta a tutto/  mi fa rabbia e pena, perché ha/ i sogni stretti, lo sguardo miope. “ altro non è che accettare la propria umanità imperfetta, inserita nel tempo lento dell’esistenza, che esige pazienza- nel suo duplice significato di saper soffrire e di saper attendere. Perché il Tempo non è né l’indifferente Cronos, né quello che allontana le generazioni, ma “La patina … che rende autentiche le cose/  e anche le persone, e la bellezza, spesso,/  è un dettaglio impresso in una curva/  dell’opera, che esige amore e attenzione / per individuarlo, perché ciò che pare una ruga, / un graffio, è invece il fossile/  di una carezza, l’estuario di una lacrima.//” 

 

‘Na pietà

Sentà te un scaìn de pièra,

tègne in brazho ‘e paròe che

‘vee pì care. Come ‘na pietà.

Le ‘é stadhe tradìdhe, baratàdhe

co’ quee pì sgàje, manco salde.

Valtri che passé, vardé ‘sto òn

che tase e strendhe contro el pèto

el corpo ribandonà de un alfabeto

ferìo, sacagnà, zharpìo. Vardé

tel maxischermo ‘a crose ‘ndo’

che lo ‘ve picà sol pà far òdiens

senza nissùn rimorso, là, dreta

tea piazha come un patìboeo,

coi busi vèrti ‘ndo’ che i ciòdhi

i ‘à fissà ‘a carne muta al legno.

Vardé ‘sto poeta sentà te un scaìn

de pièra. ‘Sta pietà senza aurèoea

ninàr paròe che no’ varà pì aurora,

perse romài te un scuro disegno.

 

Una pietà

Seduto su uno scalino di pietra/ sorreggo fra le braccia le parole che/ avevo più care. Come una pietà./ Sono state tradite, barattate/ con quelle più scaltre, meno salde./ Voi che passate, osservate quest’uomo/ che, zittito, stringe al suo petto/ il corpo abbandonato di un alfabeto/ tarpato, martoriato. Guardate/ nel maxischermo la croce dove/ l’aveste appeso solo per far audience/ senza alcun rimorso, là, dritta/ nella piazza come un patibolo,/ coi fori aperti ove i chiodi/ hanno fissato la carne muta al legno./ Guardate questo poeta accasciato su uno scalino/ di pietra. Questa pietà senza aureola/ cullare parole che non avranno più aurora,/ perse ormai in un fosco presagio.

 

 

Corpo tea realtà

…Anca mì me ‘sconde drio ‘a copertina

de un libro. No’ò pì vòjia de córer,

sie pa’ scanpàr o far corpo che fraca

pa’ provàr a squartàr ‘sta sporca realtà.

 

Stae qua, chièto, tel divano, col mé

libro vèrt davanti. Te calche poesia

trove conforto, altre me fa sognàr.

Ma i libri de poesia i ‘é spess pìcoi,

co’ poche pagine a far spessór fra mì

e tut el resto. E intant me ingrasse.

 

Devente un bersàlio senpre pì fàzhie.

 

…Anch’io mi riparo dietro la copertina/ di un libro. Non ho più voglia di correre,/ sia per fuggire o farmi ariete/ per cercare di svellere questa sporca realtà./ Me ne sto qui, quieto, nel divano, col mio/ libro aperto sul petto. In qualche/ poesia trovo conforto, in altre la speranza./ Ma i libri di poesia sono spesso in formato tascabile,/ con poche pagine a fare spessore fra me/ e tutto il resto. E intanto mi ingrasso./ Sto diventando un bersaglio sempre più facile.

 

 

Libere marionéte

Ma ‘ndo’ che ‘a ‘é tuta ‘sta libertà

che ‘a tivisión, ‘a publicità

ne ricorda, òni dì, de ‘ver?

Un cerotìn pa’l naso ne dise

che sen liberi de respiràr,

un parfùn che lo sen de sognàr,

un sito de viàji che sen liberi

de soeàr, un gipón che sen paróni

dee nostre sièlte, e cussì via.

Epùra i sogni i ‘é stàdhi zharpìdhi,

l’aria ‘a ‘é inquinàdha, cussì come

‘a tera e l’aqua; tel muro dea realtà

i sói va a sbatér e i se desintegra.

Forse sen paróni sol de cantàr,

se l’ansia no l’à stuà anca

‘a musica che ‘ven drento el cuòr

e libertà l’é un vioìn senza corde

parché le ‘ven cavàdhe pa’ fissàrsee

drento ‘a testa, tee spàe, strente

‘torno ai déi, tee àsoe de l’ànema.

 

Libere marionette Ma dove sarà mai tutta questa libertà/ che la televisione, la pubblicità,/ ci ricordano ogni giorno di possedere?/ Un cerotto per il naso ci dice/ che siamo liberi di respirare,/

un profumo che lo siamo di sognare,/ un sito di viaggi che siamo liberi/ di volare, un suv che siamo/

artefici del nostro destino, e così via./ Eppure i sogni sono stati troncati,/ l’aria è inquinata, così come/ la terra e l’acqua; contro il muro della realtà/ i voli vanno a sbattere e si disintegrano./ Forse siamo liberi solo di cantare,/ se l’ansia non ha spento anche/ la musica che custodiamo dentro il cuore/ e libertà è un violino senza corde/ perché le abbiamo tolte per fissarcele/

dentro la testa, sulle spalle, strette/ attorno alle dita, nelle asole dell’anima.

 

 

“Tosati del ‘99”

Còssa ‘eo restà del vostro eroismo,

del vostro sangue spant tea tèra

fra Caporetto e ‘a linia del Piave,

cari “tosati del ‘99”? fiòi rasteàdhi

su daa storia tea stàea de un misero

presepio contadìn come statuete

descalzhe, e butàdhe al massacro

de trincee e baionéte, àneme sognanti

ingatiàdhe tel reticoeàto. I vostri

pòri resti seràdhi tel marmo ciaro

de un ossario, i vostri nomi da intivàr

tii busi fra ‘na letera e cheàltra

te un calche monumento de paese

‘assà là a l’onbrìa dei só zhipressi.

E còssa ghin’ savéo ‘ncora valtri

cari tosàti, stessa classe de un sècoeo

dopo? De ‘à de calche data barbosa

da dovèr inparàr a memoria prima

de l’interogazhión. Valtri che giré,

precari e spersi, pa’e strade de ‘na

Europa orba e egoista, fra i pòpoi

missiàdhi su daa miseria ‘ndo’ che

i bunker, ‘dèss, i ‘é quei dee banche,

i reticoeàti fati de numari, valtri,

fracàdhi al fronte de ‘na guèra

mostra e invisìbie, armadhi sol

dei vostri téefonini, dee cufiéte

e dee vostre felpe scure, saréo

boni de salvarve e tornàr casa?

 

 

“Ragazzi del ‘99”

Cos’è rimasto del vostro eroismo,/ del vostro sangue sparso sulla terra/ fra Caporetto e la linea del Piave,/ cari “ragazzi del ‘99”? Figli rastrellati/ dalla storia nella stalla di un misero/ presepe contadino come statuine/ scalze, gettate al massacro/ di trincee e baionette, anime sognanti/ impigliate nel reticolato. I vostri/ poveri resti chiusi nel marmo chiaro/ di un ossario, i vostri nomi da indovinare/ negli spazi fra una lettera e l’altra/ in un qualche monumento di paese/ abbandonato all’ombra dei suoi cipressi./ E cosa ne sapete adesso voi/ cari ragazzi, stessa classe di un secolo/ dopo? Oltre qualche data barbosa/ da dover imparare a memoria prima/ dell’interrogazione. Voi che vagate,/ precari e spaesati, per le strade di una/ Europa cieca e cinica, fra i popoli/ mischiati dalla miseria dove/ i bunker, ora, sono quelli delle banche,/ i reticolati composti da cifre, voi,/ gettati al fronte di una guerra/ mostra e invisibile, armati solo/ dei vostri telefonini, delle cuffiette/ e delle vostre felpe scure, sarete/ capaci di salvarvi e ritornare?

 

 

 

Fabio Franzin, Corpo dea realtà, ed. Puntoacapo, Pasturana (AL) 2019

 

 

 

Fabio Franzin (Milano, 25 marzo 1963) è apprezzato principalmente per la sua produzione nel dialetto trevigiano parlato nell’area compresa tra Oderzo e Motta di Livenza, località nella quale Franzin vive. Questo dialetto è da lui definito «pastoso e terragno, dalle ampie legature vocali». E’ redattore della rivista di civiltà poetiche «Smerilliana». Ha pubblicato le seguenti opere di poesia: Il groviglio delle virgole, 2005; Pare (padre), 2006; Mus.cio e roe (Muschio e spine); Le voci della luna, 2007; Fabrica, 2009; Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine), 2010, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos; Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera), 2010; Co’e man monche (Con le mani mozzate), 2011; Canti dell’offesa, 2011; Margini e rive, 2012; Bestie e stranbi, (I poeti di Smerilliana), 2013; Fabrica e altre poesie, 2013; Sesti/Gesti, 2015; Erba e aria, 2017. È stato premiato per numerose sue raccolte.