Cme’ un susórr

L’è stê che dè, quand
dréinta la tu cambra

guèsi e’ parévva ch’e’
fóss éintri e’ mêr,

che a l’impruvéis, t’è
trasantéi cla vòusa

ch’la gévva:“E’ sòul, la
léuna, la Mafalda:

tott’ ròbi bèli, però
ténti in mént:

e’ mònd l’è te su pasê”.

Cmè un susórr

ch’u s sparguiévva alè,
tl’aria durêda,

at che gran svéit
t’avévvi tònda e’ cor;

at che strémmal lizìr

cmè un vòul ad pavaiòta
sòura un fióur.

 

(da Témp e tempèsti)

 

COME
UN SUSSURRO – È stato quel giorno, quando nella tua stanza quasi sembrava fosse
entrato il mare, che all’improvviso, hai percepito quella voce che diceva: “Il
sole, la luna, la Mafalda tutte cose belle; però ricordati: il mondo è nel suo passare”. Come un sussurro che si
propagava lì, nell’aria dorata, in quel gran vuoto che avevi attorno al cuore;
in quel fremito leggero come il volo di una farfalla sopra un fiore.