Civi de paròe

Figùrate nu pratu
de cùnti,

Nivère de
cristiàni, ‘na

Fiua de nùmi s’chètti e

Prisùtti ccu òssa singàte.

Vecchie senza cchiù vvùce,

pìsci chi càntanu, ‘mpiciàte

de fràsi e de
uìbbri.

‘Nterra versi scordàti

catìne ‘mpigliàte

ca dìcianu tutti chìllu

ch’ancòra nun avìmu dìttu.

Nòni parràte citu cittu,

nòni iusciàte ‘ntre rìcchie,

nzòmma,

civi de paròe

chi iurìscianu

cum’ u piacìre duerùsu

de na mamma ca

fìglia allu scùru.

 

SEMI
DI PAROLE – Immagina un prato di racconti, / tormente di uomini scapoli e /
prosciutti con le ossa segnate. / Vecchie senza più voce, pesci che cantano,
coperte / di frasi e di libri. / A terra versi dimenticati / catene intrecciate
/ che dicono tutto quello / che ancora non s’è detto. / No parlate silenziose,
né sussurrate negli orecchi, / insomma, / semi di parole / che germogliano /
come il piacere doloroso / di una mamma che / partorisce al buio.