Admoèn Chìlt

a Nino
Pedretti

 

Ta m’é duvù
ciamoè

a ne savéva t’stevi moèl;

quant a so vnéu

ta m’é brazoè fórt

tan l’évi fat mài;

e quant ta m’é mustroè

la tu feróida

ò strèt i dìnt

a i n’éva vést
un’oènta;

pu èm ragiunoè

e próima
c’a’ndéss véa

ta m’é ciapoè
al moèni

e ta m’é détt

– Scrivéma

scróiv ancàura

fin cu iè e’
témp

58

admoèn chìlt i
à da lèz

quel c’a
losém. –

T’évi capói

t’é lutoè

ta ni l’é fata.

Adès tci ’ndoè dri lì

dri la mi
Nanda

e intoènt che
a ’spèt da vnói

av pórt un
fiàur.

 

(da La Madòna de Garzéun)

 

DOMANI GLI ALTRI – Mi hai dovuto chiamare non lo sapevo
che stavi male; quando sono venuta mi hai stretta forte non l’avevi mai fatto;
e quando mi hai mostrato la tua ferita ho stretto i denti ne avevo vista
un’altra: poi abbiamo parlato e prima che me ne andassi mi hai preso le mani e
mi hai detto – Scriviamo, scrivi ancora finché c’è tempo gli altri dovranno
leggere domani ciò che lasciamo. Sapevi hai combattuto non ce l’hai fatta. Ora
anche tu sei lì dov’è la mia Nanda io aspetto di venire e porto un fiore a
entrambi.