A terre ngalore

di Assunta Finiguerra

[NOVEMBRE 2023] A terre ngalore. Poesie in lingua e in dialetto lucano. A cura e con Introduzione di Rosangela Zoppi, Edizioni Cofine, pp. 192, € 18,00, ISBN 978-88-98370-98-6

*******

IL LIBRO

A quattordici anni dalla sua scomparsa, Assunta Finiguerra riserva ancora al lettore nuove e affascinanti sorprese. 

Tre gli elementi principali di questa nuova raccolta poetica postuma curata da Rosangela Zoppi: la lettera rivelatrice, rintracciata tra le carte inedite della poetessa; la coesistenza, in uno stesso volume, di testi in lingua e dialetto; l’inserimento di numerosi testi erotici. Nella lettera, di cui di seguito riportiamo alcuni brani, scritta il 27 settembre 1999, destinata non si sa a chi e mai spedita, la Finiguerra mette a nudo la sua anima e motiva il senso del suo fare poetico.

«San Fele il 27 settembre 1999

Scrivo a te persona che non conosco per dirti che da tanta solitudine sono abitata, nonostante questo, la mia pelle solo di luce si veste e che ogni giorno, se pur di fantasia, un raggio di sole m’illumina. […] 

Ogni giorno la mia voglia di libertà lego alle ali dei gabbiani e la mando ovunque: ovunque ci sono io, spezzettata, liquefatta, ma sempre piena di attenzione per le cose belle della vita, quelle che non sempre ho avuto, o apprezzate, il più delle volte sono diventate mie nemiche tanto da farmi stare male. 

Come un’aquila mi libro anche sulle schifezze di questa società, vado al di là di ogni conformismo, al di là di ogni rituale, per me esiste solo l’amicizia e l’amore; quando cozzo contro il muro della superficialità, della falsità, del perbenismo irreale, del velo sulla merda!!!, stordita mi batto il petto per essere diversa e, per non sapermi districare…in questi meandri che mi opprimono, lancio anatemi […].

Caro amico che non conosco, perciò sei un raggio di sole, appena qualche scheggia oggi è emersa dal profondo, ma non voglio la tua pietà, né comprensione, solo amicizia, quella pura e alta, quella che può nascere tra un uomo e una donna senza esserci nient’altro; […]. »

********

L’AUTRICE

ASSUNTA FINIGUERRA (San Fele 1946-2009), poetessa e scrittrice in lingua e in dialetto sanfe- lese, ha pubblicato, in lingua, la raccolta poetica Se avrò il coraggio del sole (Roma, Basiliskos, 1995) e, in dialetto, le seguenti raccolte: Puozzë arrabbià (Bari, La Vallisa, 1999); Resciḍḍe (Roma, Zone, 2001); Solije (Roma, Zone, 2003); Scurije (Faloppio, LietoColle, 2005); Muparije (Osnago, Edizioni Pulcinoelefante, 2008); Fanfarije (Faloppio, LietoColle, 2010 – postuma), Tatemije (Milano, Mursia, 2010 – postuma) e U vizzjea morte (a cura di Roberto Pagan e Rosangela Zoppi, Roma, Edizioni Cofine, 2015). In prosa ha pubblicato Tunnicchje, a poḍḍele d’a Malonghe (Faloppio, LietoColle, 2007), trasposizione in dialetto sanfelese del Pinocchio di Collodi. Tra i numerosi riconoscimenti da lei ottenuti ricordiamo i Premi “Giovanni Pascoli” e “Giuseppe Jovine”. Suoi testi poetici figurano in numerose riviste (pagine, Periferie, Poesia, Lo Specchio, ecc.) e antologie, tra cui Nuovi Poeti Italiani 5 (a cura di Franco Loi, Torino, Einaudi, 2004). 

*******

NEL LIBRO

Dimme nde só fenute, tate mije,
dimme só a l’inferne o mbregatorje?
dimme si a terra noste, terre de storje,
aggire sembe sculettuanne o sole

Ije qua me sende sole e spaisate
nu córe dice prieghe a tutta forza
mendre l’àvete a cumuande d’a morte
nda zona soja d’ombre n’ave pace.
27/2/09 4.12

Dimmi dove son finita, padre mio, / dimmi, sono all’inferno o in purgatorio? / dimmi se la nostra terra, terra di storia, / gira sempre sculettando al sole // Io qui mi sento sola e spaesata / un cuore dice prega a tutta forza / mentre l’altro a comando della morte / nella sua zona d’ombra non ha pace

Se ere na pupe de pezze
nun tenije nì cape e nì fesse
nun tenije uocchje pe cchiange
e nì vocche p’assaggià delure
Nun tenije i capiḍḍe sscegliate
cume a mbrellare de Sande Fele
e o viende nun le cunduaje i passe
quanne véne me spute e se ne vaje

Se ere na pupe de pezze
nun tenije u ciende pezze
nì permune affumecate
nì u rene cchiù abbassciate
nì a mèveze abbuttuateḍḍe
e nì u féchete spappuluate
pe le fà u patè de fuà
a quiru figlje de puttuà
18/11/05 22.42

Se fossi una pupa di pezza / non avrei né capo né fessa / non avrei occhi per piangere / né bocca per assaggiar dolori // Non avrei i capelli arruffati / come l’ombrellaia di San Fele / e al vento non conterei i passi / quando viene mi sputa e se ne va // Se fossi una pupa di pezza / non avrei malattie di stomaco / né polmoni affumicati / né il rene un po’ abbassato // né la milza gonfiarella / né il fegato spappolato / per fare il pâté de foie / a quel figlio di puttà

Non ti fidar di femmine pudiche
che maturano sogni di bambine
sul bagnasciuga quando arriva l’onda
si girano di culo per la monta
9/4/99 15.55

Quando il mare è in bonaccia
tutti i pesci prende al laccio
e la triglia per il luccio
si dispone a cavalluccio
4/5/02 23.20

Se fossi meno santa e più puttana
accenderei candele al dio minore
masturberei le palle pure ai tori
e lirica nel vento andrei lontana
10/7/02 20.30

Pelle di luna stammi vicino
fammi da balia e da bambino
fammi provare il fallo di sole
che nella cuna gonfio si muove
25/8/02 19.25

Vieni mio amato nella mia dimora
e con l’organo suona melodie
così rabbrividisce nella via
perfino l’erba che masturba i muri
27/8/02 22.20

Amor che tosto entri amor fai piano
salva la giuggioletta dall’assalto
così s’affaccia al finestrino in alto
e il bel godere osserva divertita
17/3/07 s. o.