A macchia e u jardinu di Giuseppe Cinà

Recensione e scelta di poesie di Maurizio Rossi

Dice l’Autore nella sua Nota: L’opera si compone di due parti “Racconto di Sparauli” e “Zia Rosa”, che mettono a confronto il “racconto del nuovo abitante, siciliano e dell’abitante nativa” in un’architettura “solo in parte ricercata” ma in in gran parte “emersa naturalmente in corrispondenza ai due motivi poetici dominanti: la natura (come comunità di viventi) e il dialetto”. Due voci narranti che si incontrano, come nel titolo l’incontro tra il giardino naturale e quello dovuto all’intervento umano.

Questa raccolta rivela una dualità che si compone proprio con la Poesia – e nella stessa poesia del Cinà – la sola in grado di ricondurre ad unità l’io e il mondo, con il linguaggio universale e duplice di suono e senso delle parole. Ed è ancora più evidente nel dialetto, con i suoi suoni ancestrali, evocativi di linguaggi naturali. E non solo risuona il dialetto “e nuatri ‘un vulìssimu lintari mai/ ri cuntimplari a so fanfara/ ri stiḍḍi pinsirusi/” (e non vorremmo smettere mai di contemplare la sua fanfara di stelle pensose/)  ma anche le stelle, che da luce divengono suono, restando cariche di pensiero-senso. Così come “… sacra varca ri luci c’abbannìa/ un novu principiu – Sintiti! Sintiti! -” “la sacra barca di luce” invita all’ascolto della nuova voce del giorno, voce di uomini, animali, natura; mente “la curva favilla…accorda e scombina ogni cosa”, ma quanto più ricco di sonorità il dialetto “tunna faiḍḍa… cummina e scummina socchegghiè”!

L’Autore rivela attenzione ai suoni che lo conducono attraverso l’ambiente, e al silenzio che lo stupisce e ferma il suo andare“Mmenzu a silenzi assoluti mi fermu/ ammaliatu. Ma a mmìa mi piaci puru iri,/ si na vuci surgiva – un cantu ri ventu/ – ri sutta a timpa m’assàia e mi carrìa…” (Tra silenzi assoluti mi fermo/ stupefatto. Ma amo anche andare,/ se una voce sorgiva – un canto di vento/ – da sotto la falesia mi assale e mi conduce/ per frasche di cardo selvatico senza fine…); infatti andare e fermarsi, udire e stupirsi, tutto è necessario, dovuto forse, alla nostra umanità più profonda, perché “il lampo di vita sia bello vivere”“Ah, chi bellu chi fu stu lampu/ ri vita vìviri, passiggeru alluccutu/ mmenzu e biḍḍizzi ru munnu.”

Ecco delfini al comando di mastro scirocco, acciughe fratellanza di argento vivo, colombacci che aprono i cancelli del cielo, lumache silenti ombelichi di una storia antica, misteriose divinità in giardini opulenti; avena che allegra gli occhi, mandorle, fiori, lecci scampati al fuoco, pistacchi che amoreggiano: tutto uno spettacolo di vita, interpretato da attori fedeli ad una parte scritta e sempre nuova, sotto gli occhi di spettatori che osservano agendo essi stessi, quasi per gioco “Ma jucannu e sfrucuniannu/ po’ succèriri puru ri scòpriri/…E s’arresta ciarmati a taliari/ nta stu cuncegnu perfettu/ u misteru svilatu ra Natura.”(Ma giocando e frugando/ può accadere pure di scoprire/…E si resta ammaliati a osservare/ in questo perfetto ingranaggio/ il mistero svelato della Natura.)

Persino un’azione economica, come la compravendita di fabbricati e terreni, può essere vissuta “tra filari di viti sazi di sole” e in tutta tranquillità e strategia, come da un “pescatore che aspetta il pesce…occhi furbi e canottiera…senza calari ri prezzu, perché  oggiggiornu a ricchizza veni r’a-mmari ; e la tragica conclusione, rusticana o scientifica, viene quasi mitigata dal suo effetto “E la trattativa finì”

Poi, la voce dell’Autore lascia il suono e il pensiero al dialetto di “zia Rosa” nella seconda parte della raccolta, quasi un’asseverazione intima, compiuta dalla storia del luogo e dalla tradizione: emerge dal racconto dell’anziana la fatica dura, ma naturale e necessaria, di un padre che non rinuncia però al gioco con la figlia, “E si rireva, si rireva sempri cu me patri/ e iu cci currìa sempri appressu.”; genitore che le insegna la “trattativa” con la Natura e con la vita stessa:  Ma cu l’alivi fu differenti./…“Chisti li chiantu pi vuatri picchì lu so fruttu/ eu ‘un mi l’àiu a putiri gòriri”. (Ma con gli olivi è stato diverso./… “questi li pianto per voi perché il loro frutto/ io non me lo potrò godere”.) Così diviene necessario anche tramandare il senso e il sentire pacificati e accolti del destino e del futuro che appartiene ai figli.

La silloge evoca, anche nella seconda parte,  lavoro e riposo, fatica e festa, secondo un ritmo naturale e necessario per coltivare l’humanitas come rispetto e accoglienza degli altri, come eredità culturale (ecco il dialetto e il suo profondo senso!) come osservanza delle leggi e cura dei sentimenti che ci rendono umani.

Interessante, per concludere, la notazione sul dialetto fatta dal prefatore“…il dialetto in cui scrive…Cinà è sì di base palermitana ma tende a raggiungere una koinè siciliana che va studiata, sulla scorta delle più aggiornate riflessioni dei linguisti sincronici ( Prof. Giuseppe Traina). Una tradizione che si rinnova in una concertazione di dialetti a comporre una sinfonia linguistica.

 

 

Na vuci surgiva

 

U tempu allatinò.

Suttabbotta ncapìzzanu i vampati

e i ciàvuri ri terra vagnata

già sbapurati nnall’ùrtimu ventu

si pèrdinu rintr’o cuntu

ri na nova luci.

 

Mmenzu a silenzi assoluti mi fermu

ammaliatu. Ma a mmìa mi piaci puru iri,

si na vuci surgiva – un cantu ri ventu –

 ri sutta a timpa m’assàia e mi carrìa

pi fratta ri spina bianca a tiggnitè,

a sintìrimi lapa supra n’alastra

o ragnu ca nnuccenti sempri trama.

 

Tuttu esti, tuttu va.

Nta sta terra amurusa

unni a luna amica ri notti ra stati

aḍḍuma a festa tutti i chianti ri Sparauli

ammuntuati e scanusciuti,

e a ddisa cuva scrùsciu ri focu,

mi perdu e m’arritrovu.

 

Una voce sorgiva Il tempo è girato al bello./ Subito arrivano le vampate/ e i sentori di terra bagnata/ già svaporati nell’ultimo vento/ si perdono dentro il racconto/ di una nuova luce.// Tra silenzi assoluti mi fermo/ stupefatto. Ma amo anche andare,/ se una voce sorgiva – un canto di vento /– da sotto la falesia mi assale e mi conduce/ per frasche di cardo selvatico senza fine,/ a sentirmi ape su una ginestra/ o ragno che incolpevole sempre trama.// Tutto è, tutto va./ In questa terra gentile/ dove la luna amica delle notti d’estate/ illumina a festa tutte le piante di Sparauli/ famose e sconosciute,/ e la ddisa cova crepitante fuoco,/ mi perdo e mi ritrovo.//

 

 

Anciovi

A trippiari vannu

na varcata r’anciovi

pi funnali, scogghi e pili r’acqua

parpagghiannu.

 

Ora si chiàntanu ora sgrìḍḍanu,

cumarca r’argentu vivu,

luminària ballarina

ri sfrazzusi festi marini. ‘

 

Un s’a lunnìanu rintra ravogghi ri luci

a pasturari lenti

tra rizzi e pumarora ri mari

ma sempri satarìanu

liggeri comu carusi a scola:

e sfàrdanu a vita accussì,

ntall’acqua mpastata ri sali e ḍḍi suli.

 

Acciughe Svirgolando vanno/ una barcata d’acciughe/ per fondali, scogli e peli d’acqua/ lanciando bagliori.// Ora si bloccano/ ora scattano,/ fratellanza di argento vivo,/ luminaria ballerina/ di sfarzose feste marine.// Non s’attardano dentro anelli di luce/ a pasturare lente/ tra ricci e pomodori di mare/ ma sempre saltellano/ leggere come bambini a scuola:/ e scialano la vita così,/ nell’acqua impastata di sale e di sole.

 

 

Criscenza

 

Cuitùtini, rumuri:

è me figghiu

chi crisci.

 

Antura

si taliava i cosi ru munnu

arrampicatu nto ‘n peri r’alivu

e macari l’abbirsava

sdirraricannu rizzini e vrùcala.

 

Ora s’arricampa

o suli unniannu

comu un campu ri frumentu.

 

Crescita Quiete, rumori: /è il figlio mio /che cresce.// Poco fa osservava le cose del mondo/ arrampicato su un albero di olivo/ e pure le accomodava/ estirpando polloni e inule viscose.// Ora torna a casa/ al sole ondeggiando// come un campo di grano.

 

 

Chiuvuta r’austu

 

Na vota, ḍḍoppu un matrimoniu a Balata

arrivamu a casa cu scuru.

Nni avìamu curcatu allura allura

ca me patri veni e mi rici

“Rosa, sùsiti, amu a cògghiri la manna

ca mi pari chi lu tempu è trùbbulu”.

 

E allura di notti e notti nni mìsimu

‘arricògghiri la manna

a curri curri, sulu li cannola.

Iu era ancora picciriḍḍa

ma era sperta a tipu un màsculu

e aiutava a me patri di tuttu.

 

Quannu stàvamu pi finiri, ntè matinati,

vinni na putenti cutuliata d’acqua

e squagghiau tutta chiḍḍa

ancora appizzata nne zzucchi.

Arristamu ncurrivati,

ma lu rossu era sarvu.

 

Pioggia d’agosto Una volta, dopo un matrimonio a Balata arrivammo a casa col buio. Ci eravamo coricati da poco quando mio padre viene e mi dice “Rosa, alzati, dobbiamo raccogliere la manna che mi sembra che il tempo sia instabile”. E allora nel cuore della notte ci siamo messi a raccogliere la manna di corsa, solo i cannoli. Io ero ancora bambina ma ero abile al pari di un maschio e aiutavo mio padre in tutto.// Quando stavamo per finire, all’alba,/ venne un potente acquazzone/ e sciolse tutta quella/ ancora attaccata ai tronchi./ Restammo afflitti/ ma il grosso era salvo.

 

 

 

Giuseppe Cinà, A macchia e u jardinu – La macchia e il giardino, Manni 2020

 

 

 

Giuseppe Cinà (Palermo, 1950) è architetto e urbanista, residente a Milano. Ha cominciato la sua carriera accademica nel 1975 ad Algeri; è stato professore associato di Urbanistica al Politecnico di Torino e ora insegna presso quello di Milano. Ha diretto numerose attività di ricerca e formazione per il Murst-Miur, Cnr, Unige, Polito, nonché nell’ambito dei programmi Socrates-Erasmus e del programma Horizon 2020. Nel quadro degli accordi di cooperazione internazionale ha lavorato come docente e ricercatore in numerosi paesi EU ed extraeuropei,  in specie nei paesi mediorientali (Iran, Iraq, Turchia), inIndia e in Cina, dove ha tenuto seminari, corsi e workshop. Ha pubblicato 130 testi specialistici sui temi della città e del territorio. Il siciliano è la sua lingua madre, parlato continuativamente fino all’età adulta, poi sempre meno. Ha vissuto a Palermo fino al 1990 ed è stato da sempre vicino al mondo dell’agricoltura, da ragazzo perché cresciuto tra gli agrumeti della piana di Palermo, da grande perché il ritorno alla terra, con la coltivazione di un uliveto, è diventato una scelta di vita.