97 – ROVIANO

 

ROVIANO (1362 abitanti, detti rovianesi. A 523 m slm). Sorge a sinistra dell’alta Valle dell’Aniene, nel punto in cui il fiume scorre fra i Monti Affiliani e il Monte Sant’Elia (alto 990 m). Da visitare il Museo della Civiltà Contadina dell’Alta Valle dell’Aniene.
 
IL DIALETTO DI ROVIANO:
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Ecco alcune note grammaticali sul dialetto di Roviano a cura di Claudio Porena, estrapolate dal libro: Sculiçénzia di Artemio Tacchia (s.l., s.e., 2012)
– conservazione di –u finale: capu ‘capo’, ecc.;
– conservazione del monottongo velare: foco ‘fuoco’, loco ‘luogo’, ecc.;
– metafonesi: fóco ‘fuoco’, lóco ‘luogo’, munnu ‘mondo’, cappellittu ‘cappelletto’, mitti ‘metti’, benedittu ‘benedetto’ (ma benedetta al femminile), quistu ‘questo’ (ma questa al femminile), ecc.;
– sonorizzazione delle occlusive dopo consonante nasale: gènde ‘gente’, mondagna ‘montagna’, témbo ‘tempo’, combagna ‘compagna’, ecc.;
– mancata anafonesi: léngua ‘lingua’, ecc.;
– passaggio da l intervocalica ad r in alcune parole: curu ‘culo’, bbìfalu (< pifaro < pifero) ‘piffero’, fasóro (< façiolo) ‘fagiolo’, rdiauru ‘il diavolo’, cecàra ‘cicala’, tàure ‘tavole’, lenzòra ‘lenzuola’, ecc.;
– passaggio da –ll- a –jj-: cajjina ‘gallina’, poverejji ‘poverelli’, ecc.;
– dileguo dell’occlusiva dentale sonora d intervocalica in alcune parole: cóa ‘coda’, ecc.;
– dileguo della v in alcune parole: ùa ‘uva’, óta ‘volta’, rdiauru ‘il diavolo’, renutu ‘rivenuto’, paone ‘pavone’, vìu ‘vivo’, tàure ‘tavole’, laòra ‘lavorare’, ecc.;
– dileguo della b iniziale in alcune parole: occa ‘bocca’, ecc.;
– passaggio di b a v: abbàlle ‘a valle’, resbejjàne ‘risvegliare’, ecc.;
– dileguo dell’occlusiva velare g sonora seguita dalla vibrante r: rijji ‘grilli’, rotta ‘grotta’, rosso ‘grosso’, ecc.;
– dileguo della laterale l prima dell’occlusiva dentale sorda t in alcune parole: óta ‘volta’, aru (< atru) ‘altro’, sàuce (*salce) ‘salice’, ecc.;
– perdita dell’elemento occlusivo nell’affricata prepalatale sorda: Sculiçénzia ‘con licenza’, baçio ‘bacio’, ecc.;
– passaggio dall’occlusiva velare g a v: vattu ‘gatto’, valle ‘gallo’, avardéa ‘guardava’, ecc.;
– esito sj > s: casu ‘cacio (< casium), fasóro (< façiolo) ‘fagiolo’, ecc.;
– raddoppiamento dell’occlusiva bilabiale sonora b: tribbunale ‘tribunale’, ecc.;
– rotacizzazione della laterale l preconsonantica: Sarvatore ‘Salvatore’, ecc.;
– palatalizzazione della laterale palatale: mojje ‘moglie’, serrajju ‘serraglio’, ecc.;
– assimilazione progressiva del nesso nd in nn: munnu ‘mondo’, fronne ‘fronde’, ecc.;
– raddoppiamento delle nasali in alcune parole: cammera ‘camera’, pummidoro ‘pomodoro’, ecc.;
– apocope degli infiniti verbali: candà ‘cantare’, ecc.; magari con epitesi: magnàne ‘mangiare’, ecc.;
– terza persona del passato remoto in –à: me bussà ‘mi picchiò’, ecc.;
– articolo determinativo maschile singolare ju e neoneutro singolare lo: ju pórco ‘il maiale’ e lo vinu ‘il vino’, ecc.;
– aggettivo possessivo singolare con conservazione della e tonica in iato: méo ‘mio’, téo ‘tuo’, ecc.;
– possessivo enclitico: mammeta ‘tua madre’, pàrimo/pàtrimo ‘mio padre’, marìtimu ‘mio marito’, ecc.;
– terza persona plurale del presente indicativo del verbo stare in –au: stau ‘stanno’, ecc.;
– forma pòzzo ‘posso’;
– verbo ì per andare: itu ‘andato’, jamocénne ‘andiamocene’, rejàmo ‘riandiamo’, ecc.;
– verbo tené per avere: tengo ‘ho’, ecc.;
 
 Da Sculiçénzia di Artemio Tacchia selezioniamo i seguenti vocali:
accóncia ‘condire’, ànema ‘anima’, chiattarella ‘ragazza’, cinichijju ‘pezzettino’, cunnua ‘culla’, femmona ‘femmina’, masséra ‘stasera’, mazza ‘interiora, intestino’, mazzócchio ‘pannocchia di granturco’, moccecà ‘mordere’, paçenzia ‘pazienza’, paradisse ‘paralisi’, piscólla ‘pozzanghera’, rucicà ‘ruzzolare’, salluzzu ‘singhiozzo’, sasicchia ‘salsiccia’, scarciòfalu ‘carciofo’, scinicà ‘fare a pezzetti’, trettecà ‘tremare’, ecc.
 
Dal sito icsarsoli.it, una trentina di parole rovianesi raccolte dalla classe IV della Primaria di Roviano e pubblicate nel giornalino scolastico “Scìne”:
acciammottatu (sgualcito, accartocciato), appummìssu (luogo asciutto, al sole, dove non tira il vento), arméro (pezzo di legno a forma di grande stampella dove si appendeva il maiale per macellarlo), cànnua (canapa), ceràta (arnese usato dai “vaccari” per guidare i buoi nell’aratura) cunòcchia (strumento di legno che serviva a fare il filo della canapa), domanicétto (domani mattina presto), juma (lampada che funziona con l’olio e lo stoppino), kiattaréjjo (bambino), kièlle (nessuno), màrtura (base della credenza, madia per il pane), mèleca (saggina. I semi si usavano come cibo per i maiali e le canne per fare le scope), mmottatùru (imbuto), nuèlle (nessun luogo), pésele (soffitta della casa di una volta), purticàlle (arancia), quijjàru (quell’altro), rasóra (arnese di ferro usato per pulire la tavola dove si ammassa la farina), scifa (tavola con bordi usata per portare sulla testa le teglie di dolci, il pane al forno e altre cose), scommaréjjo (mestolo), spinatóra (tavola larga e piatta usata per fare la pasta e per mangiare), tina (recipiente di legno rotondo dove mangiavano i maiali), tiratùru (cassetto del tavolo da cucina), tortùru (bastone grosso e lungo), tracènna (intercapedine stretta e buia), uttaru (uomo che andava in campagna con i buoi), varnéjjo (gonna antica delle donne), zinàle (grembiule), zappunià (zappare).
 
Nel volume sul locale Museo antropologico c’è un trattatello, a firma di Francesco Avolio, sui nomi e sulle frasi in dialetto rovianese. Da esso si apprende ad es. che il banghittu con la forma era il deschetto del calzolaio, che la portola era lo sgabello per la mungitura, che la trappola per topi da queste parti si chiamava sorecra.
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
Il libro di Artemio Tacchia Che nn’è?: Mille proverbi e modi di dire rovianesi, trascritti in dialetto, tradotti e commentati rappresenta un’encomiabile e completa raccolta di proverbi e modi di dire, con spiegazione e suddivisi per
argomento. Ed ecco un’ampia scelta a partire da Che nn’è? (Come va?) che costituisce il titolo della raccolta:
No ve magnate ju tembo, magnateve lo magnà! (esortazione rivolta ai braccianti che tergiversavano durante il pranzo per riprendere più tardi il lavoro); quanno ’ngrifanu le Rutti (Grotti, nord ovest) reatevene tutti (perché pioverà); quanno trona a Subbiacu (sud-est), piglia la zappa e revà a Ruvianu; ju trave ’e Ndicuri (la trave di Anticoli: uno strato di nebbia a forma di trave, segno che pioverà); quanno fa ju lagu la juna, piove (quando si forma un alone bianco intorno alla luna, pioverà); na jornatella ongia ongia (una giornata di scarso valore, come un’oncia, di 28 gr); zuffia a ju zuffittu pe appiccià ju carbunittu (soffia dentro il soffietto se vuoi tenere accesi i carboni nel focolare); chi lo séo no tèe e no fregaccia, passa male Nadale e appenza Pasqua! (chi non possiede case, terreni, cibi e non si dà da fare, rischia di passare male le feste più grandi: Natale e Pasqua); maju lungu, a j’arcìle méo se vede ju funnu (maggio lungo, nel mio cassone si vede il fondo; cioè, l’inverno è stato lungo e le scorte di grano o farina sono finite); si ruspatu? (hai rimediato qualcosa? Si dice ai ragazzi dopo essere tornati da un appuntamento amoroso); so stata spiccia! (non sono rimasta incinta per un determinato tempo); quandu a da lassà Peppe méo pe n aru Peppe, me tengo Peppe méo! (quando devo cambiare marito per un altro uguale, mi tengo quello che ho già. Per rimarcare la non convenienza di un affare); parla poco e ficca bèe (non parla molto ma fa bene l’amore. Si dice anche di chi fa affari senza parlarne in pubblico); stémo a rota e cortegljo (di due che stanno litigati. Fanno scintille come il coltello sulla ruota dell’arrotino); curu che no vedde mai lenzora ju canavacciu ju piglià pe seta (la persona che non ha mai dormito in un letto con le lenzuola scambia lo strofinaccio di canapa con la seta. Si dice di chi è spocchioso e dimentica le sue origini povere); te si fatte le scarpi pe camminà: se tte fa lo bèe te llo tée; se tte fa lo male so cazzi tée! (rivolto al figlio ormai maggiorenne, in grado di farsi le scarpe da solo, così come il bene e il male); n’ha persa pennata! (come gli uccelli il bambino non ha perso una penna dei genitori. Gli somiglia in tutto!); chi j’ha fattu ji péi ji fa le scarpi (chi gli ha fatto i piedi deve fargli le scarpe. Chi ha generato un figlio deve anche provvedere a lui); è n furcu ’e femmona! (È piccola, alta quanto un palmo); tèe quandu e lla tore! (ha tanti anni quanti la torre del castello del paese, che risale al XIII sec.); è musciu! (è afflosciato. Si grida durante i matrimoni agli sposi per provocarli e spingerli a consumare degnamente la prima notte); tèe la occa comme la Fonde (ha la bocca come la Fonde, il lavatoio pubblico di Roviano; si dice di una donna che sparla e non sa tenere un segreto); si mpénnatu? (hai messo le penne? Sei diventato attivo sessualmente? Si dice ai ragazzi alla comparsa dei primi peli sul corpo); t’aisci tande pecora! (avessi tante pecore, saresti ricco. Di chi si vanta e non ha nulla); fasse na scopetta a pelà porci (giocare a scopa come a pelare i maiali. Giocarsi tutto fino a pulire le tasche come si fa quando si uccidono i maiali e poi si pelano); è comme na pecora zenga (è come una pecora che ha un capezzolo che non funziona. Di una persona menomata); si remastu aréto comme le palli ’e ju cane (sei rimasto indietro come i testicoli del cane. Si dice a chi s’attarda e a chi non comprende le novità sociali e politiche); ammonde e abballe se marita ju valle (passeggiando su e giù il gallo trova la sua gallina. Così i giovani a forza di passeggiare rafforzano l’amicizia e si propongono per il matrimonio); quandu canda la ranocchia, roffola la vanga e lla cunocchia (quando canta la rana, russa la vanga e la conocchia, perché a primavera vangatura e filatura sono teminate); j’ha ngoreatu comme la cannua (lo ha messo disteso sott’acqua a macerare come la canapa. Si dice di un uomo sottomesso alla donna); è meglio che casca n occhio a n prete che n picchiero d’ogljo (è meglio che cada un occhio a un prete che un bicchiere d’olio); so de Piglio e abbitanu a Scanzano! (ci sono sempre quando c’è da prendere e scansano sempre il lavoro); sagne larghe e carte roscie! (per vivere bene ci vogliono piatti di fettuccine e fogli grossi, come le dieci mila lire di una volta; è un detto caro a Ciccone, Fortunato Mitelli, un simpatico rovianese); che t’adémo da reportà: du sordi de rumore carozza? (Che dobbiamo riportarti due soldi di rumore di carro? Lo dicevano i nonni ai nipotini prima di un viaggio in una fiera o per la città, così da prepararli a non aspettarsi regali al loro ritorno); mezza predica! (si dice rivolti ad una persona che si schiarisce la voce, come se, così facendo lasciasse cadere parte di un discorso); pe fregà n pecoraru ce voglio tre preti (Nelle liti fra contadini e pecorai, per incastrare quest’ultimi ci volevano prove inoppugnabili, tanta era la loro abilità nello smontare ogni accusa a loro carico per danni provocati nei campi); i preti studianu quattordici anni: sette pe fregà e sette pe no fasse fregà; se no dorme j’occhittu, repusa j’ossittu (se non dorme l’occhio riposa l’osso); piscia chiaru e ffa la fichétta a ju medicu (urina chiaro e così terrai lontano il medico); bbòne e crisci! (è bene e ti fa crescere. Si dice dopo uno starnuto o colpe di tosse di un bambino); stu vinu è delle Tofe, se llo béanu puru le scrofe (questo vino è delle vigne delle Tofe, è così buono che se lo bevono pure le scrofe. Così si vantava Oreste Viti, un poeta locale); cingìnu aspetta, bocchinu nòne (l’abitino può aspettare, la bocca no. Prima l’essenziale e dopo
il superfluo); andó te lla si refatta sa nvossa? (dove ti sei ubriacato?); io beata e tu condenda; io me magno i fasori e tu la pulènna (è la risposta che si usa dare alla vicina che, con leggera malizia, sentenzia: beata téne!); cendo fai no fau n occone! (cento fave non bastano per fare un ottimo boccone. Cioè: tante chiacchiere non servono a nulla); tenémo le mazza gialle, angora (abbiamo ancora gli intestini gialli per aver mangiato troppa farina di granturco. La polenta e la pizza di granturco erano gli alimenti principali dei contadini fino all’ultima guerra. Si dice ai giovani d’oggi che lodano la bontà dei cibi che mangiano raramente); ce sta la fratta! (c’è la fratta: un intruso o un curioso sta in ascolto, perciò bisogna tacere); si proprio n salavaticu (sei proprio sciocco. Ju salavaticu è una frittella rustica fatta di farina di grano, sale e mentuccia); le parole hau da pesà quandu ju Morone ’e Peschietora! (località ad ovest di Roviano, con grande rupe calcarea. Le parole devono essere molto nette e dure per condannare un’azione sbagliata); arzulani: larghi de occa e stritti de mani (gli arsolani sono molto pronti a parlare ma tirati al massimo quando si tratta si sborsare un euro); pe fregà n riufriddanu ce voglio cinque valanvreani (per superare in furbizia un cittadino di Riofreddo ce ne vogliono cinque di Vallinfreda); me metto na cravatta comme na cerqua (indossare una cosa vistosa, per colpire l’attenzione degli altri: una cravatta grande come una quercia); la femmona no fa mappa! (il cognome della donna non è utile alla formazione dell’albero genealogico della famiglia. Conta poco); Roma è na macchia! (è una foresta, misteriosa e pericolosa); arìfregna, ju combàre! (ancora insiste il compare! Nelle discussioni per apostrofare chi insiste su un punto superato); Ruvianu è fattu a féro de cavaglju; ce sta la giovendù de sangue begljo! (Roviano è fatto a ferro di cavallo, si vanta di avere una bella gioventù. La rappresentazione topografica non è proprio esatta…); Caré che sonémo, la solita? (O Caretti, che suoniamo la solita? Caretti era un bravo suonatore di organetto e fisarmonica che con le sue “solite” musiche intratteneva i nostri contadini durante il riposo serale a Anghetto, zona via Trento. Il detto è per rimarcare la ripetitività di un discorso o di un’azione); me pari zì Peppe Papore (un caratteristico personaggio di Riofreddo che scendeva nei paesi intorno per chiedere l’elemosina. Portava sul petto un’infinità di medaglie religiose e di guerra. Da ciò il detto: per sfottere chi ama vantarsi dei successi mettendo in mostra medaglie e trofei); si comme j’asinu ’e j’Alone (sei come l’asino della famiglia degli Alone, tanto furbo che si fece beffa di alcuni contadini, fingendosi morto, dopo aver mangiato la cicuta, per farsi trasportare a spalla sopra una scala ed evitare una forte salita).
 
I proverbi rovianesi e della Valle dell’Aniene: una ricerca infinita
(Comunicazione di Artemio Tacchia al Convegno del 20-21 febbraio 2010 al Convegno di Anticoli Corrado)
 
La mia ricerca, “Che Nn’è? Mille proverbi e modi di dire rovianesi, trascritti in dialetto, tradotti e commentati” – sulla quale sono stato invitato a parlare – è vecchia ormai di venti anni e, pure se circoscritta a Roviano, risultata comunque ancora buona – credo – per farsi un’idea del vasto patrimonio paremiologico anche degli altri centri della Valle dell’Aniene. La differenza, infatti, tra questi paesini la fanno la diversa inflessione dialettale, soprattutto se ci si sposta verso l’alta Valle, e alcune volte lo scambio di qualche sostantivo che, tuttavia, non ne alterano il significato. A
d esempio, a Roviano, quando cessava una società tra allevatori si diceva: “Morta la vacca, scórta la sòcceta”; ad Arsoli: “Scórta la vacca e finita la sòcceta”; a Montecelio: “Morta ’a vacca, spartita ’a sòccita”; a Roiate: “Scórta la vacca, fernìta la sòcceta”.
Oggi, questo proverbio si usa quando si spezzano amicizie forti oppure società diverse da quelle d’una volta.
Leonardo Sciascia, nella prefazione al libro sui modi di dire della sua terra siciliana, Occhio di capra, scriveva che “è a questa storia minima che io debbo l’attenzione che ho sempre avuto per la grande”. Aveva, in questo caso, ragione. Tanto più se penso alla mia ricerca: strumento per interpretare il pensiero e i comportamenti della micro-comunità di Roviano e più in generale, come ho già detto, della Valle dell’Aniene. È operando sulla storia minima che più agevolmente si riesce a comprendere quella cosiddetta grande.
Che nn’è?” rispondeva a questo bisogno di comprendere il carattere della Comunità alla quale appartenevo attraverso il suo patrimonio culturale che, in questo caso, era fatto di proverbi, semplici locuzioni, motti e sentenze e dal suo modo di comunicarli attraverso l’antica lingua parlata, cioè il dialetto. Pubblicato il libro (1990), ho dovuto piacevolmente constatare che la ricerca non era finita.
Appena i Rovianesi (ma non solo) hanno cominciato a leggere l’opera s’è scatenata, infatti, una gara curiosa: ognuno aveva da suggerirmi un modo di dire dimenticato, una locuzione passata, un proverbio caratteristico… E così ho dovuto riprendere in mano il taccuino, “appizzà” ancora le “récchie” (“drizzare le orecchie”), annotare altri proverbi, anche di paesi diversi, fino ad arrivare, ad oggi, a registrarne altri 500 circa, oltre il migliaio già trascritti. E per non dire delle centinaia di imprecazioni ormai scomparse dal linguaggio di tutti i giorni, tipo: “Te pozzanu manginurà comme la cannua!” (“Possano passarti alla gramola come le canne della canapa”, attività non più praticata dai contadini della Valle dell’Aniene), oppure: “Te pozzanu reportà dravendo a n cuppulittu ’e janna!” (Possano riportarti a casa a minuscoli pezzettini, piccoli quanto la grandezza della cupola della ghianda. Oggi nessuno va più per ghiande) o delle altrettante conte, canti, filastrocche e ninnananne che, purtroppo, attendono nel cassetto d’essere pubblicate.
Le occasioni per annotare queste “schegge” di cultura residuale, in un piccolo paese come Roviano, sono sempre molteplici ed impreviste. Basta assistere – perché ancora accadono – a una lite tra suocera e nuora o tra “femmone de ju vicinatu” per raccogliere importanti espressioni quali: “Se tte vòjjo chiamà, te chiamo a nnome, se nnó te fischio a ccane!” (“Se voglio chiamarti, ti chiamo a nome, altrimenti ti fischio come si fa ai cani!”), gridata dalla vecchia suocera alla giovane nuora che chiedeva semplicemente rispetto, e che ha qualche similitudine con i caratteristici stornelli a dispetto che molto si usavano cantare in quest’area del Lazio. E siccome la Valle dell’Aniene, da questo punto di vista, è stata poco indagata, penso che la ricerca sui proverbi sarà davvero “infinita”.
I proverbi, infatti, sono un ricco ed inesauribile patrimonio culturale, una chiave di lettura fondamentale per la comprensione d’una cultura antica mai scritta e la memoria di un popolo che, ormai per la Valle dell’Aniene possiamo dire, fu contadino. Essi sono – hanno rappresentato – un insieme di leggi non codificate che però regolavano la vita e le fatiche quotidiane, aiutavano i nostri lavoratori della terra e i pastori a leggere il mondo circostante e venivano tramandati con la serietà e la valenza etica di qualsiasi altra dottrina colta. Anche per questo è necessario salvarne la memoria, che è cosa diversa da un’acritica nostalgia per il mondo contadino
d’una volta.
La mia generazione non conosce, infatti, neppure un terzo del patrimonio paremiologico rovianese e quelle future lo ignoreranno del tutto. Queste sono ormai precipitate interamente nel criptico linguaggio di Face-book e nelle forme di comunicazione minimali dei cellulari.
Inventano un modo di comunicare nuovo o che si sovrappone a quello antico. Sentire dai giovani espressioni come: “Me fa tajjà” (“Mi fa ridere abbondantemente”) non è altro che la sostituzione di “Me fa scoppéttà” (“Mi fa scoppiare dal ridere”). Il fatto è che, da parte dei giovani, sta venendo sempre meno quel rapporto diretto con la terra, come c’era fino ad una quarantina d’anni fa, e si va cancellando ogni punto di contatto linguaggio-lavoro-strumento che rendeva necessario il ricorso ad un appropriato termine dialettale o ad un utile modo di dire.
Nella stessa parlata locale oggi, pure se resistono espressioni, già documentate nel Settecento dal letterato rovianese Francesco Parisi, come: “Me si ffattu scrià ju còre!” (“Mi hai fatto sparire il cuore per la paura!”), sono ormai cancellate le parole legate a determinate attività. Nessuno dice più: “Vajo a demmóllà”, visto che il bucato con la cenere non si effettua più in casa; oppure: “Jémo a recagnu”, dato che, finita l’attività agricola, lo scambio della manodopera tra piccoli contadini è venuto meno.
L’azione formativa e anche diseducativa della televisione e di internet, oramai, sta omologando tutto e tutti. Le parole “nuove” che compaiono, come: “ju compiutere”, “j’apparecchio”, “j’autobbusse”, “ju sfasciacarozze” vanno ad innestarsi, diciamo così, nell’albero principale del patrimonio linguistico a tal punto che già si sente dire, anche dagli anziani: “È comme ‘n compiutere!” al posto di: “Tèe ‘na capoccia!”, oppure: “È ‘n capoccione!”.
Dunque la lingua si trasforma al pari delle mutazioni socio-economiche e anche per questo la ricerca “infinita” dei proverbi, come mezzo più immediato e diretto di comunicare tutta una visione della vita, risulta utile e necessaria, per non disperdere definitivamente quella ch’è stata la cultura contadina. Del resto, anche in un piccolo paese come Roviano, non si finisce mai di scoprire proverbi per il semplice fatto che c’è sempre qualcuno che ne “inventa” continuamente (penso a “Ciccone”, al secolo Mitelli Fortunato, ch’era una delizia stare ad ascoltare. Uno di suoi ultimi fiori è stato, ad esempio: “Céndo padruni i tróvi, ma cend’anni nó ji campi!” (“Nella vita potrai trovare anche cento padroni, ma non potrai vivere per questo cent’anni”) che è chiaramente un invito a vivere la vita con più calma ed a godere di quello che si ha. Sono uomini e donne sempre in vena di distribuire pillole di saggezza, di riaffermare valori. Così come si scopre sempre un modo di dire nuovo se si scava dentro la cerchia ristretta della famiglia (della razza), dove nascono e solo all’interno di essa si trasmettono da una generazione all’altra.
Cominciai a raccogliere i primi proverbi nel 1982. Annotavo tutto, sentivo ch’era importante raccogliere queste testimonianze e che bisognava fare in fretta perché molti custodi di queste memorie (veri e propri archivi viventi) stavano, purtroppo, scomparendo. Così facendo, sono arrivato a metterne insieme oltre un migliaio.
Da essi emerge l’universo-Roviano in tutta la sua poliedrica consistenza, a cominciare dal rapporto con la terra che i contadini avevano scandito secondo il naturale ciclo delle stagioni.
Mediante questi proverbi, i contadini hanno interpretato, nel corso dei secoli, la realtà intorno a loro; hanno gestito i rapporti con i loro figli; giudicato il bene e il male; dispensato consigli; costruito una morale in base alla quale s’è regolata la vita quotidiana della Comunità. Abbiamo proverbi per leggere il tempo, quelli legati alle feste popolari ed ai santi locali, come: “Bróccoli e predicaturi dóppo Pasqua n’ sò più bbóni!” (Broccoli e predicatori quaresimali passata la Pasqua è il momento di toglierli di mezzo per tornare ai piaceri della vita);
Se piove de Sanda Bibbiana, piove quaranda giorni e na settimana” (Santa Bibiana cade il 2 dicembre); proverbi sull’amore, sulla donna e sulla famiglia che, oggi, possono apparire anacronistici ma che hanno, nei secoli, funzionato come veicolatori d’una idea di società fissa e di precisi ruoli da non mettere neppure in discussione: “Quandu pìjji mójje rapi j’ócchi, n’è callara che ce lla repórti!” (Una volta presa moglie non puoi ripensarci, non è un paiuolo preso in prestito che potrai restituirlo, si dice ancora, malgrado il divorzio);
Quandu s’allèva la casa trema, doppo allevatu o tte si arriccatu o tte si spiandatu” (Quando si crescono i figli la famiglia soffre. Dopo che i figli saranno diventati grandi si potrà vedere se “l’investimento” è stato fruttuoso oppure un fallimento).
Ci sono proverbi sugli animali, sulla religione, sul lavoro, sulla società, sugli amici, come:
Chi ppiù sporca la fà, devènda Priore!” (Più si briga, più s’intrallazza e più si fa carriera. Che poi, è ancora molto attuale);
Sì trovàtu Cristo a mète e lla Madonna a reccòjje la spiga” (Il massimo della fortuna);
Parola data, carta bollata!”, si diceva tra gentiluomini;
Se casca a ju lacciu la faìna e nò la ólepa, trema la cajjina!” (Se alla trappola cade la faina e non la volpe, allora la gallina ha paura. Se si sbaglia a colpire l’avversario, bisogna temere il peggio).
Infine, nel “paese delle modelle”, è giusto ricordare quale fosse il concetto di bellezza che orientava la scelta dei nostri contadini:
Ju picchiéro e la scuèlla fau la femmona bella!” (Mangiare sempre e bere vino rendono la donna bella).
Concludendo: la raccolta dei proverbi, dei modi di dire e delle locuzioni presenti nelle parlate locali, oltre a servire a tutto quanto sopra detto, sono anche materiale indispensabile per una ricerca filologica e storica della popolazione della Valle dell’Aniene.

Ancora da Sculiçénzia riportiamo alcuni altri proverbi:
Chi nèga acqua e fóco a l’Inferno nó trova lóco (chi nega acqua e fuoco non troverà posto neppure all’Inferno); Chi mbròsparu nó stima, mbròsparu n gé vale (chi disprezza un fiammifero, non vale un fiammifero); Pratica i méjjo de te e fajji le spese (frequenta coloro dai quali puoi trarre insegnamento); La cajjina forestiera è pizzicata da gni valle (la gallina straniera è beccata da ogni gallo = l’estraneo è sempre mal visto); Pe lla léngua e ppe lle mani lassa perde j’Andicurani! (lascia stare gli Anticolani, chiacchieroni e facili alle mani); Se mmitti n fasóro ne refà na fóssa (se semini un fagiolo, ne raccoglierai tanti); La femmona annarina s’alleva ju pórco e lla cajjina (la casalinga solerte alleva il maiale e le galline); Préti, moniche, frati e poverejji non zó mai satujji (preti, monache, frati e poveretti non sono mai sazi); Gni capòccia è n tribbunale (ognuno ragiona con la sua testa = è difficile mettere tutti d’accordo); Ju témbo non tè la mojje, fa comme ji pare (il tempo non ha moglie: fa come vuole); Gènde de mondagna non te lla fà amica né combagna! (Non fare amicizia con la gente di montagna); Più ju sòle cala, più ju mazzócchio s’arizza (col calar del sole la pannocchia rinvigorisce); ecc.
Dallo stesso libro del Tacchia, citiamo alcuni modi di dire:
Frusta via! (allocuzione per chiamare il gatto); Ari qua, ari là! (allocuzione per spingere l’asino in una data direzione); Tèe, Ninu, tèe! (allocuzione per avvicinare il maiale); Sciscillà! (allocuzione per allontanare il maiale); Piipe, piipe, piipe! (allocuzione per avvicinare le galline); Sció, sció! (allocuzione per allontanare le galline); Poccétta, tè! Ghioperè, ghioperè! Truuu! (allocuzioni per avvicinare la pecora); Palommè, ttè qqua, tè llà! (allocuzione per guidare le pecore in una data direzione); ju ndruppacangéjji (detto di chi inciampa spesso e ovunque); ecc.
 
 
3. I toponimi e i soprannomi

Da Sculiçénzia di Artemio Tacchia riportiamo i toponimi che seguono:
Luoghi di montagna: Campu ’e j’Arnéri (Campo dei Guerrieri), Castagna ’e Zì Lèo (Castagne di Silèo), Cóa Sórge, Colle Ardu (Colle Alto), Colle Casaréne (Colle delle Casalene), Colle Mazzaréjjo (Colle Massaretto), Fonde Amissu (Fonte Anisi), Ivélla (Olivella), Mariandonaccia, Moróne ’e Peschietóra (Peschietore), Ruaru (Feliciaro), Vajji Rijji (Valle Grilli), Vaióli (Valle Bovi), ecc. Luoghi di collina: Acci (Giacci), Buschittu (Boschetto), Cocózza (Cucuzza), Costa Pennéa (Costa Pendente), Cotipiru (Collepero), Curli (Curoli), Piai (Piagge), Ruttélle (Grottelle), ecc. Luoghi di pianura: Acqua Zzòrfa, Fiumevécchio, Foremèlla (Formella), Ju funnu ’e Marozza, Màine (Immagine), Ponde d’Andicuri (Ponte di Anticoli), Ricindru (Recinto), Ròçia (Roscia), Scanzasacca, ecc. Luoghi urbani: Anghétto, Ara ’ejji Tarquini, Buçiu, Cambusandu, Castéjjo, Cerqui ’e Giggiotto, Colle ’ella Brucia (Colle della Brugia), Commméndo, Croce ’ejju Filaru, Croce ’elle Vajji, Curva ’e Tulipittu, Ju Rotoriu, Levéta, Livìtu ’e Sand’Andoniu, Monnezzaru, Muru, Pernassu, Piazza Cambana, Pingétto, Pischìtu (Peschieto), Porta Scaramuccia, Purticalle, Scaluni (Cornone), Sciangai, Spidàle, Tauràru, Tòti, ecc.
 
Dal libro citato ecco alcuni soprannomi:
Abbacchittu, Abbeènde, Addóre, Baffetta, Baffittu, Bardòcco, Bàsimo, Battiranu, Bèbbo, Beneméo, Benittu, Brècche, Briònne, Bruttufrate, Cacapisciu, Cacciavinu, Camméjjo, Canassone, Canesiccu, Cangellèra, Cannavòta, Caruzzittu, Cecaróne, Ceccopèppe, Cellettóne, Chiocchio, Chirichirèlla, Ciabbòbbo, Ciammaruca, Ciangecagnócchi, Cianghétta, Ciavèlla, Cicèrchia, Cicròppo, Cimmìno, Cioçetta, Ciufalittu, Coccióne, Cocózza, Cristofanu, Cruiffe, Culappiu, Cutturijju, Dondoménico, Er Céccio, Er Gobbo, Er Palla, Famóna, Fèbbo, Fiacchittu, Fifétto, Finìkke, Fiurittu, Fraudilla, Fràulu, Frattóne, Frégate, Frocétta, Fuggiusèppe, Furicchia, Furmichittu, Gelardina, Gèmma, Gèrico, Giggiacciu, Giréjjo, Giuagnagnaru, Gnappalèssa, Gnasèlla, Gnau gnau, Gnucchi, Gubbittu, I Niru, I Satujju, I Surdu, J’Abbrèo, Japinghe, J’Ascarittu, Ju Gargaru, Ju Paìnu, Ju Scéro, Ju Vattu, La Bbémma, La Burò, La Canétta, La Cioçia, La Crapa, Lalléro, La Mosénga, Lamota, Langratta, Lattòccia, Lièbbe, Lavàro, Magnaleserpi, Maréngo, Marzittu, Maschiufemmona, Mastrachille, Maurèllo, Menècce, Meòle, Mezzabaretta, Miccalagnaru, Miccaréjjo, Muffittu, Nannacciu, Ndollacchiu, Ndonèlla, Ndrajòli, Ndronatèlla, Ndullicchiu, Ngiccu, Ngonu, Orazzittu, Ócchio, Ózzo, Paèlla, Paggése, Paizzizza, Pajjaccittu, Pajòrdo, Pallizzózze, Pallucchittu, Paparone, Pau pau, Pennaru, Picchiupicchiu, Pillacchiu, Pilurusciu, Pippitréjjo, Piringhéjjo, Piscittu, Pistamentuccia, Pistijju, Pónga, Porellamé, Priscècche, Priscuzzuzzu, Prungaru, Puçetta, Puticciu, Puzzajja, Puzzu, Quadranu, Quartinu, Quattrobbóni, Rampèlla, Razzìttu, Recchiamozza, Riccittu, Ronghetta, Rundinella, Rusciu, Sagnittu, Saraghèlla, Scònghe, Scoreóne, Scricchia, Senzanzòrdo, Sirgiarolo, Soprammobile, Sorecóne, Sor Lenguétta, Spusetta, Stòzzo, Stramaru, Tagliaccurtu, Talimòsse, Tapplù, Taramutu, Tarembardo, Tibaccu, Ticòtto, Trematrema, Trendacapijji, Tringhétta, Tòppa, Tulipittu, Tutulla, Tuzzittu, Urzittu, Uzzunittu, Vivafilippu, Zzappu, Zèzze, Zicchiaru, Zicchiauna, Zicchittu, Luigge, Zimbo, Zippunguru, Zirulicchiu, Zì Sètte, Zocchietta, Zozzofanu, Zuffialòffe, Zunna, ecc.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 
 
Feste e sagre. Durante il mese di agosto si svolgono la Sagra dei Cuzzi co’ j’ajju (pasta preparata con farina di granoturco, farina di grano duro e grano tenero, senza uova, riccamente condita con sugo) e la Sagra deju salavaticu (tipica frittella con olio e mentuccia) organizzate dalla Pro Loco. Festa patronale di S. Giovanni decollato (29 agosto; la confraternita di S. Giovanni offre agli abitanti, nella piaz- za del paese, una cena a base di piatti tradizionali come la panarda, e con pasta e fagioli).
La Festa della Marzella.A Rovianodura dal 1969 e si svolge nelle ore serali d’inizio giugno e raduna una trentina di soci intorno ad un banchetto trimalcionico. Al termine, tra canti e bevute di vino, si tiene una processione per le strade del paese con tanto di stennardina, statuina di Fra’ Marzella, ballo delle pupazze e fuochi pirotecnici finali.
Dal libro Essere donna essere uomo nella valle dell’Aniene a cura di Paola Elisabetta Simeoni, Roma, Edilazio, 2006, dal capitolo La “Marzella” di Roviano di Emilio Di Fazio apprendiamo che il termine Marzella, secondo la definizione
dell’Associazione “sta ad indicare un asparagio turgido e ben sviluppato, con evidente riferimento alla nostra prorompente virilità giovanile”. In questa associazione sono confluiti i membri dell’Associazione Ju Mazzocchio (cioè pannocchia, anch’esso un simbolo fallico).
Ecco alcuni componimenti poetici legati alla Festa della Marzella:
Pe’ ssari paesi se ’nne parla, / della festa ’e la Marzella. / La gente se cumincia a ’nguriosine… / a Ruvianu vurìa vinine. // Certi amici de Cervara, / ne vau facenno de cagnara! / Voglio sapè ’e Fra Marzella / perché gli pare proprio bella!!! // La voce è arrivata a Frosinone: / “ma che è sta confusione???” / Responne un ruvianese: / fau festa a fine mese!!! (Poesia di Mario Innocenzi, La Ciocia).
Scia lodata la Marzella / poro ponzi, ponzi, po’ / che gliu munnu rennovella / poro ponzi, ponzi po’ / oggi e sempre scia lodata / la Marzella più addroppata / dammela a me ’ngrillata / non te la fa ammoscià. (Prima strofa dell’inno ufficiale dell’Associazione La Marzella)
 
Riti del Calendimaggio. Artemio Tacchia ci conduce nell’esplorazione di alcuni riti residuali del Calendimaggio nella Valle: “A maju rajjanu j’asini!”, dicono a Roviano.
Il mese di maggio è quello in cui nel mondo animale è davvero intensa la voglia di accoppiarsi. Il richiamo delle femmine si fa forte e il maschio raglia, si agita, rompe la capezza, scalcia, morde. Chi non ricorda una certa morbosa curiosità da ragazzi, quando la nostra valle ancora era popolata da questi equini? E lo stupore che ci rapiva alla visione degli assalti irrefrenabili e impudichi degli asini? Maggio il mese più bello della stagione primaverile, quindi della rinascita, della fecondità, della vita. In questo mese, e particolarmente nei primi giorni, le più anziane con ironica malizia chiedevano ai giovanotti: – Ju si piandatu Maju? Volevano sapere, cioè, se s’erano accoppiati con le giovani mogli e se avevano fatto il loro dovere di maschi. Era così profondo il legame tra maggio e tutto ciò che attiene alla sfera sessuale che persino un piccolo, semplice strumento agricolo di legno quale ju pizzucu o pizzutu, come si dice a Subiaco, per com’era fatto e dal modo come veniva usato (chiari i riferimenti alla simbologia dell’aratro che penetra la terra) era sempre associato al sopracitato detto del ‘piantare il maggio’. (…)
 
4.1 Canti
Da Sculiçénzia ricaviamo queste canzonette:
 
Arevécce combare. Arevécce combare masséra / che maritimu non ge sta, / ce facemo na pizza calla / eppó ce jémo a colecà, / e le tàure de ju letto le facémo trettecà.
Bonasera monachèlla. E fra patèlle e cazzaròle / bella mi sòn mi sòn mi sèlla, / e fra patèlle e cazzaròle, / bella mi sòn mi sòn mi sà! // E bonasera monachèlla, / bella mi sòn mi sòn mi sèlla, / e bonasera monachèlla, / bella mi sòn mi sòn mi sà! // E cc’è na cammera pe durmì, / bella mi sòn mi sòn mi sèlla, / e cc’è na cammera pe durmì, / bella mi sòn mi sòn mi sà!
Maria Nicola della Rocca. Io sò Maria Nicola della Rocca, / sò figlia a Mariannina della Piazza; / nó faccio pe vantamme sò na ragazza, / sò piena de salute e de bellezza. // (ritornello) E no, e no! / Nó lo voglio il marito burino / ma lo voglio cittadino. / Io sò venuta a Roma apposta / pe ffà a tutti quanti la proposta. / Tèngo sette lenzòra de lino, / tèngo de piuma n bel cuscino, / tengo salami, sasicchie e prociutto, / tengo na casa piena de tutto. / Chi mme vò, chi mme vò, / sò Maria Nicò!
Jamocénne rejàmo. Jamocénne rejàmo mojje méa, / se cci ha magnata la pizza la scrofa, / jamocénne rejàmo, jamocénne a durmì. // Ju létto ju facémo de gramigna / e ju cuscinittu co lle fronne ’e canna, / jamocénne rejàmo, jamocénne a durmì.
Tenéa n asinittu. Tenéa n asinittu e mme ss’è mmórto, / nó pòzzo più portà lo stabbiu a j’órto: / a Cutipiru ammónde, a Cutipiru abballe, / a Cutipiru ammónde e alla Corevellàra.
Liggèra. E sse a Liggèra ji gira la testa / oggi laòra e domani fa festa. / O Liggèra, dove vai? / All’osteria, all’osteria a mbriacà. // E sse a Liggèra ji gira i coglione / manda affancuru laùru e padrone. / O Liggèra, dove vai? / All’osteria, all’osteria a mbriacà. // E sse ju medicu dice ch’è tróppo / è mèjjo lo vinu che lo sciroppo. / O Liggèra, dove vai? / All’osteria, all’osteria a mbriacà. // E sse ju prete dice ch’è tandu / è mèjjo lo vinu che l’ójjo sandu. / O Liggèra, dove vai? / All’osteria, all’osteria a mbriacà.
 Le ragazze di S. Filomena. E lle regazze de Sanda Filomena / lassatele passà, lassatele passà! / Queste regazze de Sanda Filomena / nvéce de pregà se mettanu a ballà! / E lle regazze de Sanda Filomena / penzanu all’amore e no e no a pregà!
Se giri tuttu Ruvianu. Se giri tuttu Ruvianu / non trovi na donna fina, / e ci hanno tutte il culo / comme Piazza Tibburtina. / Bomba c’è, / aretirate che tte vè.
Ciurcìlle. All’alba quando spunta il sole / j’areoplanu se nne va, / se nne va verso l’Inghilterra / a l’Inghilterra a bombardà. // O Madonna non fà piove / che Ciurcìlle è itu fòre / a comprà i pummidòre, / i pummidòre pe magnà!
 
Dal libro di Artemio Tacchia estraiamo anche qualche stornello:
E lascia perde che non sai candàne, / che canda mèjjo n asinu che ttune, / che canda mèjjo n asinu che ttune; Ruvianu è ju paese’ella ramiccia, / ce lla magnémo co poca sasicchia, e cce la magnémo co poca sasicchia; Arizzate, Marì, che jémo a mète / e sse non mme la vò dà, fàmmela vede, / e sse non mme la vò dà fàmmela vede; È l’ora e lla merènna e nonn ze pranza / e ttu padrone la nzalata accóncia, / e ttu padrone la nzalata accóncia; Fior de ginestra, / e llo mio amore quanno caca schizza, / lo possino ammazzàllo quanto puzza; Fiore de mènda, / e lla mènda se somènda e sse strapianda, / chi esce da sto còre n ge reéndra; Fior de viole, / quanno nascisti tu, nascì ju sòle, / la terra se fermò de camminàne; Fior de limone, / co lla farina ce famo lo pane / e co lle regazze ce famo l’amore; Fiore de canna, / n prete giù a n fosso co na donna, / la donna non ge sta, il prete se danna; Moricola, moricola de fratta / più tte fai grande e più tte fai moretta, / moricola, moricola de fratta; Ffacciate alla finestra o ricciolona, / de tuoi capelli dammene na rama / e lli metto a l’orologgio pe ccatena; Alla finestra tua ce só li vasi / ce só li fiori de tutti li mesi / e tutti i giovanotti l’hai confusi; Alla finestra tea ce manca n zassu / e quanno passo io ce ju remetto / cce metto du corna eppó te lasso; Canda, canda, / sàbbatu sera te faccio condenda, / tte metterò j’anéjjo a mmano manca; E llo mio amore se cce chiama Pèppe / è lo mejjo giocatore delle carte, / e ss’è giocata l’anema a tressètte; Quanno te vedo co j’ari parlàne, / tu nó llo sà lo male che mme fàne, / e tuttu quandu me fà conzumàne; E tutte se maritanu quist’anno / e io remàno a ffà la pappa a nonno; E quistu è ju viculittu delle belle, / se fau cavalcà comme cavalle; Non te llo pó negà, te cce sò vista / sotto alla loggia de ju farmacista!; Arràbbiate canucciu e magna st’ajju, / te tembo a moccecà ché non te vòjjo / e tte llo dico e aréto nó ce torno; Te lla si fatta fà sotto a na fratta / pe na magnata de ricotta fresca; Te lla si fatta fà da n pecoraru / pe na magnata de ricotta e séro; Quando t’amavo io eri fondanèlla / e mmó non t’amo più dei na piscólla; La buonanotte te lla lascio scritta / sopra a ju stendaréjjo della porta; ecc.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
 
Dal libro Sculiçénzia di Artemio Tacchia ricaviamo le seguenti filastrocche:
Chicchinella Chicchinella, / comm’è bbella sta chiattarella!; Còccia pelata senza capijji / tutta la notte ce candanu i rijji / e sse casca la jelata / come facémo pe Coccia pelata?; Sarvatore sarva tutti / sarva l’ànema ’ejji proçiutti, / I proçiutti vau a ggalla / Sarvatore gioca a palla; Ndréa Ndréa battiscoréa, / du zippi n guru tenéa: / unu rescéa e j’aru rendréa. / Ndréa Ndréa battiscoréa; Arutinu de Campobbassu, / pijja la mojje e la porta a spassu, / e lla porta a ju mulinu / e ji fa bée n picchiéro ’e vinu; Pecoraru magna ricotta / va alla cchiesa e sse nginocchia, / se ju caccia ju cappellittu, / pecoraru maledittu; Lléro lléro lléro, / ju scarciòfalu ha missu lu pilu / e ll’ha missu de vandaggiu: / fòra Abbrile e dendro Maggiu; Tombola! / Mammeta l’ha fatta femmona, / paritu non se ne cura, / ma che bella criatura!; Chi t’ha creatu e mmissu a ju munnu? / Mammeta, paritu e lla pizza a ju furnu; Papàre è itu a Sandu Stefanu, / m’ha reportatu i bbìfalu, / ju bbìfalu e le tromme, / le ciarammèlle e lle zzambogne; Sotto la pergola ce ssta l’ua, / prima rèsta eppó matura, / tira i véndo e lla fa cascà: / tirittuppete e baccalà; E nonna che te dà? / E llo ndricche ndricchete tà; Mmocca a tte, mmocca a mme, / mmocca a ju valle che fa checchereché!; Tìngule e tàngule Mariagiovanna, / na sasicchia e na susanna: / una a mme, una a tte / una a paritu che ssó tre!; Ce stéa na óta un re / che magnéa comme te, / se magnéa pane e ccasu, / tira tira ngìma i nasu!; Un zzippu nó fa fóco, / dóa appena appena, / tre se ngumingia a vedé / e quattro fa n focaracciu!; Fiocca fiocca / ammonde pe lla Rocca, / mojje e maritu s’arappallòcca, / la trippa cresce e ju curu s’abbotta (oppure: e dóppo n mese la trippa s’abbotta); Pizzu bbàu, / méo occóne, / tira la cóa a ju vattóne, / ju vattóne ’e San Tommasu: / unu, dóa, tréne e quattro!; Salluzzu, méo salluzzu, / pijja cianga e pijja puzzu, / pijja puzzu e pijja cianga, / pijja tata che st’accandu. / Signuzzu, méo signuzzu, / va all’acqua, va a ju puzzu, / va a ju còre de chi tt’ama, / de chi tt’ama e tte vò bbene. / Ju sugnuzzu non te revène. / Salluzzu, méo salluzzu, / vàttene abbàlle a ju puzzu, / vàttene alla fondana / addó sta che me ama. / Se mme ama, remani là, / e sse no arevetténe qua (contro il singhiozzo); Tre zitelle sémo, / tre fusi n mani tenémo / e lle corde ’e ju cójjo / de Gabbriele arizzémo (contro il torcicollo); Focolaticu, focolaticu / questa è la prima arte / che m’ha mbaratu pàrimu (o pàtrimu)!; Ciuì ciuì ciuì: / quello che tte vèe n te llo fa fuì, / e quello de j’ari n te ll’arappetì; Una dóa tre, / sòra Peppina fa i caffè, / fa i caffè de cioccolata / sòra Peppina s’è ammalata. / S’è ammalata de dolore, / va a cchiamà er sòr dottore. / Sòr dottore co lle ciavatte / quanno cammina fa / cicche ciacche (oppure: tricche e tracche); A ba ba, / ju maestro me bussà, me bussà co lla bacchetta, / Sanda Croce benedetta!; Sotto a ju ponde / ce stau tre conche. / Passa j’upu / e nó lle rompe; / passa ju re / e ne rompe tre; / passa ju vattu / e ne rompe quattro; / passa la riggìna / e ne rompe na duzzina; Le scali de San Piedro só ventiquattro, / pe contàlle ce vò n bel pezzo: / unu, doa, tre, quattro…; È lla sera de Carnavale, / mamma méa me sendo male. / Me sò magnata la rischia ’ello pesce, / mamma méa la trippa me cresce!; Mannaggia Carnavale e quanno vène, / pe na magnata che mm’ha fattu fàne / m’ha fattu digiunàne quaranta dìne!; ecc.
 
Sempre dal libro Sculiçénzia citiamo i seguenti scioglilingua:
Un piattu cupu cupu / co ppóco pepe n capu; N asinu ammónde pe lla rèlla / carecatu de fròlla e dde frèlla, / se lla fròlla frèlla frellàsca / casca j’asinu, la frónna, / la frénna e lla frasca; Dórmi dormènde dorméa, / pénni pennènde pennéa, / corri corrènde corréa. / Se non era pénni pennènde, / moréa dórmi dormènde; ecc.
Dal libro Sculiçénzia estrapoliamo alcuni indovinelli:
Penza e repenza / e llo penzà te vène: / la sòcera della mojje ’e fràtitu / a tte che t’ène? (la madre); A Marzu abbòtta, / a Abbrile sboccia, / de Maju e dde Giugnu / se càcanu l’ossa (la ciliegia); Na femmona renéa dalla mòla: / “Eh, Giuanni mée? Te si mmórto / e n te si fatta na magnata / de questa che tèngo sotto” (la farina bianca); Maritimu tè tè, / l’attasta quandu vè, / l’attasta quandu è dura, / quandu è mmoscia n zé nne cura (la sacca di farina); Vàjo alla candina, / ce sta na signorina; / ji calo vestarèlla / e ji vèe la pisciarèlla (la botte); Signorina co ju curu pelatu, / caca stoppa e fila filatu! (la conocchia); Vàjo abbàlle pe j’órto, / ce tròvo n béjjo giovanótto, / je tiro abbàlle i cazzuni / e se ji vedanu i palluccuni! (la pannocchia di mais); Pinnìcchiu pennéa / e Pinnìculu avardéa. / Più Pinnìculu avardéa / e ppiù Pinnìcchiu pennéa (il salame e il gatto); De matìna all’arba / a j’òmo se j’arizza / e alla femmona se j’allarga (il pantalone e la vesta); Pilusu de qqua, / pilusu de llà / e quijju n mézzo / sta sembre a nvilà (i buoi e l’aratro); Tumbulìnu tomboléa, / senza cianghi camminéa, / co ju curu s’asciéa: / comme rdiauru facéa? (la palla); Tèngo n purchittu / attaccatu a n passunittu, / magna e bée / e cresce a potere. / Nenè, nenè: / anduìna a cche è? (la zucca); ecc.
 
Dallo stesso libro ricaviamo queste ninnenanne:
Ninna coccò / ch’è renutu papà, / ha portatu bobbò, / ninna coccò; Fatte la nanna coscette de pollo, / mamma te cuce le belle gonnèlle, / te lle cuce co llo filu de rosa / e te lle repusa pe quanno si spusa. / Te lle cuce co lle rose ndórno, / fatte la ninna coscette de pollo; Ninnananna picculinu / che masséra revé papà, / te porterà ju regalinu / e contendo te farà; Ninna véndi, ninna véndi, / questo pupo ha missi j’éndi; / e j’ha missi a unu a unu / senza fajji vedé a niçiunu; Béjjo de mamma, / te scotta la fronde / ma nó mme dici che tte la frèe. / Ninna vò, ninna vò, / quistu fijju chi ju vò!; Dórmi, dórmi pupa bbèlla, / j’upu s’è magnata la pecorella, / se l’è magnata co tutta la lana, / dórmi, dórmi pupa sana; Fatte la nanna coscette de pollo / che mamma t’ha fattu ju varnéjjo / e ci ha missi i fiurillini attorno, / fatte la nanna e tu puzzi durmìne / dravendo a un letto de viole / co lle coperte de pannu fine / e la coltrice de penne ’e paone. / Fatte la nanna e la nanna a dà fàne, / un sónno lungu e ppó t’ha da resbejjàne; / fatte la nanna e la nanna facémo / n sonno lungu e ppó ce resbejjémo! / Ninna và, ninna vò; Angilu bbéjjo, ninna vò, / vé alla cunnua de ju picculinu / che gni notte te vede vicinu. / Angilu bbéjjo, ninna vò; Ninnananna còre de mamma, / si cacatu comme n umittu, / si pisciatu sopra a n cassittu, / se magna la cipolla a ju serrajju / e sse caca l’ajju; Ninnanna citolo mio, / fa la ninna bello de mamma, / te pozza benedice S. Vincenzo / vicinu alle cunnure d’argento; Ninnananna, ninna vò, / sta criatura chi la vò? / A Ruvianu n gé sta pace, / n gé sta sindacu che piace. / Tutti penzanu a magnàne / a ffà più gunfiu ju tascapàne. / Ninna vò, ninna vò, / sta criatura nó te lla dò; Ninnananna, ninna è / quistu fijju è comme un re. / A Ruvianu n zé sta male, / tuttu j’anno è Carnavale. / Ninna vò, ninna vò, / che paçenzia che ce vò; ecc.
Ancora da Sculiçénzia di Artemio Tacchia i seguenti giochi:
Zicchinétta, mucchìjittu, sette e mmézzo, stoppa (giochi con le carte); zìralo, lippa, èsce Girolamo, barattulittu, sciricarèlla, unu la luna, tòppa e rattòppa, ecc.
 
Seguono alcune imprecazioni sempre da Sculiçénzia di Artemio Tacchia:
È Rdiauru che t sse ngòlla e te sse ngarapìna! (è il diavolo che ti prende e ti trascina via, usata in risposta alla domanda: Chi è?); Ji pòzzanu spanne la pelle! (Possano distendere al sole la pelle del suo corpo); Pòzza piove ròte de molazza! (Possano piovere ruote di mola); Pòzza fà tanda fiòcca che lle cajjine nzinocchiate au da arivà a pizzicà le stelle! (Possa fare tanta di quella neve che le galline inginocchiate arrivino a pizzicare le stelle); Pòzzanu bruciatte vìu comme na cendrale! (possano bruciarti vivo come dentro una centrale elettrica); Puzzi fà ju bbótto ’ella cecàra! (che tu possa scoppiare come la cicala); Puzzi fà a mmuccùni e n de puzzi ararizzàne! (che tu possa cadere a faccia avanti e non possa più rialzarti); Puzzi murì susbujjitu! (che tu possa morire angosciato); Quandu lo méo è vécchio, lo téo pòzza èsse nóvo! (quando la mia malattia sarà passata, possa cominciare la tua); Te levo le mazza e te l’appicco n gójjo! (ti tolgo le interiora e le attacco al collo); Te pòzza mette sotto n treno e non ze pòzzanu retroà mangu i cinichijji! E ju più rósso pézzo pozz’èsse comme n vacu ’e pepe! (che un treno possa investirti e non possano più ritrovarsi neanche i pezzettini, e il pezzo più grande possa essere uguale a un chicco di pepe); Te pòzza pijjà ju ndréllingu! (possa prenderti il tremito in tutto il corpo); Te pòzza pijjà la scaranzia! (possa colpirti una disgrazia); Te pòzza pijjà na paradisse prima de notte! (possa prenderti una paralisi prima di notte), Te pòzza pijjà na risìa! (che tu possa essere giustiziato per eresia); Te pòzzanu dà na cortellata co lla pónda stregata a l’ajju! (che possano darti una coltellata con la punta strofinata all’aglio, così da renderla infetta); Te pòzzanu cucì le ponde ’ejji pedalini! (possano cucirti le punte dei calzini, come ai defunti); Te pòzzanu mbiccà a na sàuce! (possano impiccarti ad un salice); Te pòzzanu manginurà comme la cànnua! (possano triturarti come le canne della canapa alla gramola); Te pòzzanu pijjatte sette paradisse e una de riserva! (possano colpirti sette paralisi ed una di riserva); Te pòzzanu reportà co ju cappéjjo! (possano riportarti dentro un cappello, a pezzettini); Te pòzzanu schiurà la mèrcia! (possano aprirti la pancia e, da morto, fartene uscire il sangue marcio); Te pòzzanu scinicà comme le sasicchie! (possano farti a pezzettini come le salsicce); Te pòzzanu spaccà ju còre, l’ànema e la palematura! (possano spaccarti il cuore, l’anima e la pancia); Te pòzzanu spellà j’upi menari! (possano scorticarti i lupi mannari); Te puzzi mbajjucà! (che tu possa restare orbo); Te puzzi rucicà e dirupà! (che tu possa ruzzolare e precipitare); Te puzzi sperde comme la nebbia! (che tu possa disperderti come la nebbia); Te puzzi stoccà all’ammézzo! (che tu possa spaccarti a metà); Vàtte a ffà dà na chiovata a ju còre! (vai a farti conficcare un chiodo in petto, come i maiali); ecc.
 
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
 
Antologia
 
ARTEMIO TACCHIA
 
S. Maria dell’Oliva
Stranu. Quand’erèmo micchi e chiattarejji
alle Muraccia ce c’erèmo fattu i forte,
e n mézzo a quelle macère coi frojji,
come spavardi pistolèri, fumèmo finu a nnotte.
 
N gé freghéa gnènde della miseria;
zombènno tra lle cerqui e lle inèstre
finu a luscu e bruscu pé nui era guera!
Sanda Maria peréa mejjo de ju Far West.
 
Certe òte ce ‘nvilèmo alla cisterna
ruspènno comme corsari pé ttesori;
j’affrischi ‘ngima alle mura comme lindèrna
ce reporteanu mill’anni aréto có i mòri.
 
Mó tuttu è dirutu, secche le pietre e nnere,
n gé va ppiù chièlle mangu pé janna,
e la storia séa só andichi miserere.
(settembre 1982)
 
Ruvianu
È na jummèlla ‘e sabbia e sassi Ruvianu:
tandu micchi, rutunni e scórtecati
ch’è n miraculu se, dóppo mill’anni, s’arèggianu
unu có j’aru comme follacciani accucuruzzati.
 
Se dda fiume te mpóndi pé aocchiajju,
rassumijja a u’mmóttaturu reótatu
e tte ngandi a sotaccià, tra quistu e quijju,
qual è j’angulittu più aggraziatu.
 
Hau fattu, è véro, abballe pé lle Piai casamicciu,
ma stu cappéjjo ‘e casi è róbba che vale;
basterìa acquandu sciacquajji i muccu
e asciugaccejju có ju più prufumatu zinale.
 
Sarìa n paesittu araffiatatu:
miccu, è véro, có n giru poca gréppa,
ma de ggènde de còre tutt’acciumulatu!
(dicembre 1986)
 

 
Cenni biobibliografici
Artemio Tacchia (1951), insegnante, vive e lavora a Roviano dove ha contribuito alla realizzazione del Museo della Civiltà Contadina Valle dell’Aniene. Collabora con giornali e riviste. Ha pubblicato: Che ’nn’è? Mille proverbi e modi di dire rovianesi, trascritti in dialetto, tradotti e commentati (1990); Il Passato e il presente. Riti, feste e tradizioni popolari nella Valle dell’Aniene (1996); Itinerari (1979).
 
Bibliografia
AA. VV., Paesi del Medaniene, dialetti a confronto. Relazioni, comunicazioni, poesie, Convegno 20-21 febbraio Anticoli Corrado, Associazione Santa Vittoria, 2010
Luciani Vincenzo, Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene, Roma, Ed. Cofine, 2008
 
Webgrafia
 
Ultimo aggiornamento scheda 16 novembre 2013