96 – ROIATE

 

ROIATE (887 abitanti, detti Roiatesi. A 697 m slm nella Valle dell’Aniene). È adagiato sopra un colle tufaceo che costituisce lo spartiacque del versante dell’Aniene con quello del Sacco. Ai suoi piedi, fino al 1911, sorgeva un caratteristico laghetto, richiamo di selvaggina, alimentato da numerose fonti. Forse fu proprio una di queste sorgenti, la Fonte Roia, a dare il nome al paese.
 
IL DIALETTO DI ROIATE:
Giacomo Orlandi, nativo di Roiate, ha condotto un interessante e impegnativo lavoro sul dialetto del suo paese natale, svolto con passione, serietà, competenza, “lungo studio e grande amore”.
Il suo volume Il dialetto di Roiate è stato pubblicato nel 1980 presso l’editore Carucci che ne ha curato una seconda edizione nel 1989. Si deve poi ad Edilazio una terza edizione nel 2000 di ben 518 pagine, con 23 tavole, di cui 16 a colori, e rilegatura con sovraccoperta. L’opera costituisce un fondamento scientifico per lo studio e la conoscenza dei dialetti dell’area della Valle dell’Aniene e dintorni. Fra i pregi dell’opera quello, secondo Edgar Radtke dell’Università di Heidelberg, “di non considerare Roiate come una località isolata: la copiosa raccolta dei dati messi a confronto con gli esiti corrispondenti dei comuni limitrofi, facilita la classificazione del roiatese come varietà più conservatrice rispetto alle località vicine”. Il libro di Orlandi infatti consente un confronto dei vocaboli roiatesi con importanti centri, non solo della Valle dell’Aniene, quali: Affile, Agosta, Arcinazzo Romano, Arsoli, Bellegra, Cervara di Roma, Gerano, Marano Equo, Olevano Romano, Serrone, Subiaco, ma anche con Capistrello, Castro dei Volsci, Cave, Monte San Giovanni Campano, Paliano, Palestrina, Rocca di Cave, Velletri e Zagarolo1.
Si tratta di una “meticolosa e paziente ricerca dei vocaboli ripescati nella memoria o colti e annotati dalla viva parlata degli anziani, nella indagine analitica e rigorosa delle variazioni verbali. L’autore ha il merito di avere scoperto, per primo, alcune norme costanti, fonetiche e morfologiche, e di averne indicato con precisione le regole di comportamento” (Salvatore Chiolo).
Il dialetto roiatese, a causa dell’isolamento secolare dalle vie di comunicazione, è quello che ha mantenuto un singolare patrimonio linguistico, come sottolinea l’Orlandi, con “le rigide regole grammaticali, le forme costanti delle finali dei nomi maschili, le leggi sulla metafonesi e sulla trasformazione dei nessi latini”.
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Nel Dialetto di Roiate, dopo le Note introduttive (Formazione del dialetto – evoluzione e sostrato, riscontri – e Note distintive del dialetto – geografia linguistica, la fissità, la esclusività, la genuinità, la sonorità) c’è una parte dedicata alla Fonologia, una alla Morfologia, oltre ad un’ampia e varia antologia.
“Nel Vocabolario – afferma Ugo Vignuzzi – che raccoglie più di duemila voci, l’autore, oltre allo studio lessicale ed etimologico, fa conoscere, quasi racconta, senza volerlo, una sorprendente storia dei tempi passati facendola rivivere sotto svariati aspetti. Nelle frasi che servono ad illustrare i singoli vocaboli riappare in trasparenza la gioiosa serenità della vita semplice e laboriosa, a volte dura e sofferta; riaffiorano le suggestive e consolanti usanze della fede religiosa, che scandiva e permeava il vivere quotidiano; si avverte e si gusta, con nostalgia, il genuino sapore di realtà e di valori ormai completamente perduti”.
Ci limitiamo a riportare alcuni suoi interessanti quadri di nomenclatura.
J’àsenu – ju mmastu, ju pannégljo, i gnakki, la capezza, la retranga, ju sottocôa, ju pettorale, ju sottopanza, le caje, carecà, j’àsenu torce.
La candìna – la tina, la trescaròla, i bjunzi- la hótte, j’acogljóo, ju zippu, la cannja, la caola, ju caratégljo, ju ’ngannjaturu, ju mmottaturu, ju scifu, la tinòzza, ju ’ngagnaréglio.
La cucina – ju fóco, ju camminu, ju scjacquaturu, la ticama, la pignata, la cazzarola, la skjamarola, la patélla, la kónga, ju sorégljo, ju scolemarégljo, la cottorélla, la callara, ju cutturu, ju cukkjaru, la forketta, la tirina, ju cortégljo, ju pikkjére, ju lume (la lume), ju taviglju, ju stennerégljo, la scifa, l’arka.
L’èrba (qualità di erba) – la ramiccja, la falasca, la palemakkja, i fìwcj, la réppja, i lappuni, la jongarèlla, l’erba filarola, le turine, la viscjola, i corjózzi, le corone, lo totomagliu, la matrecara, la fenarola. Varie specie di verdure (èrbe): la cicorja, la cicorja liscja, i caccjalépri, i rapacój, le vjolóse, le pizzùtie, i vitabbj, i mazzókkj, i fenukkj, le sfraine, le ramoraccja, le crispigne, la buraggine, le zazzòle, le porcakkje, le portovekkje, i catéglj, i sanàpi, le pastenake, i tammigni, i màstrici, i ciccj (de rapa, de bróccolo).
Ju fóco (il focolare)– la pjanice, la tivia, ju camminu, ju capufóco, la cénnere, ju cenneraru, ju gardacénnere, la rónza, la ràcja, le léna, i fascìni, le stuzze, le skjazze, la svèntola, ju spidu, le mmóglj, la paletta, ju treppéj, ju fume, la cinìce, le kalline, appiccjà ju fóco, aremmorì (smorzà) ju fóco, cucumà, frije, sfjammà, ’nnarberà, abbelà ju fóco.
La frutta – i follaccjani, ju mju (le mela), ju piru (le pera), ju pertucallu, la melungèlla, le fìcora (salendi, velletrane), le pèrzeka, le cerasa (castegnare, acquarole, de Sanda Natóglja, sambjetruni, crognaline), i wjcjwj, le prónga (damicèlle, coss’e mòneke), i prongungini, le pircòke, le sòleva, le morike, l’ûa.
Ju mondanu (il frantoio) – i mondanari, le mòle, la tremója, ammoccà, le hive (roscjòla, morèlla), la molata, la pasta, i fìsculi, la combobosta, la callara, ju sorellone, ju tòrkjo, la stanga, j’organégljo, la pressa, stregne, la cjàngja, l’acqua róscja, ju mmastégljo, spugljàrese (dell’olio), accôglje, kapà l’ógljo, fruttà, ju bocale, la jôtta, ju linfèrno, appiccjà ju mondanu, attaccà.
Lo pà – fà lo pà, cerne, la seta, ju crìscitu, la formèlla, ammassà, remenà, la scifa, commannà, ’ndavjà, ju furnu, ju munnju, ju tritégljo, ju maritózzo, pane malecrìscitu, ju póce, lo pà bbóno.
La pèco (la pecora) – la mandra, ju mandrile, ju prekôjo, ju limariu, ju maglju, la vérja, la paravènda, ju bacuccu, la murjana, môgne, karosà, stabbjà, ammurjanà, la pèco sôa, la cjavara, la follata, la cordesca, la vjarèlla, la pèco lunara, la pèco zenga, ju pòccjo, ju mondone.
Lo ranu (il grano) – ratà, semendà, zappjà, zappettà, monnà, recazzà, mète, ju surikkju, ju manukkju, la rangata, ju barzu, i mannati, ju barco’, accajà, l’arcèlla, trebbjà, vatte, ju mazza-frustu, l’asta, palizzà, la kama, j’aìstri, ju ranaru, la cammeracanna.
La vigna – le rase, le filara, le tàole, le spinnicate, le péecate, la conókkja (la cannéla, la passina, la tirèlla), j’ornéglj, le sàwcje, i kàpiti, ju rìsicu (potà a curtu, a lungu), le furcinelle, i neputiglj, i kakkj, i pernuccj, i cóppi, j’arniglj, i pingj, scassà, i scanni, recolecà, lecà, scakkjà, i pàmbini, spambanà, dà l’acqua, lo ramatu, lo survu, ’nzurvà, arefrescà la vigna, vilignà, vigna spolepìta, ûa abbòtta-hutti, lo cesanese, lo roscjójo, lo pizzutégljo, l’ottonese.
Lo vinu – trescà, trescaròla, lo mustu, ôlle, akkjaràrese, vinu ruscju, bjangu, cerasòlo, singéro, legittimu, abboccatu, tondo, ’mbagljatu, spundatu (de spundu), acquatu.
 
2. I proverbi e i modi di dire
Dall’opera di Giacomo Orlandi, ecco alcuni proverbi:
Ki de llo sê se spodèsta piglja na stanga e daccélla ’ndèsta (non conviene donare i propri averi prima di morire); barba céngja e mal colore, sotto ju tittu ngè peggjore (guardati da coloro che hanno barba rada e viso pallido); da glju capu ne vè la tigna (i mali vengono da chi comanda); i sòrdi ke vêvo ’nvi rinvì, se nne revâo ’nvi rinvà (i soldi guadagnati con disonestà non danno profitto. La farina del diavolo va in crusca); ci ôto de Funìgnu (Foligno) i funari e sô de Guarcìnu i pignatari (ciascuno al suo mestiere); skama mô ka tira ju véndo! (spula il grano adesso che tira il vento: approfitta dell’occasione propizia); ki s’addorme co’ nnu crjaturu se sbiglja scommerdatu (chi dorme con un bambino si sveglia pieno di merda: dimmi con chi vai e ti dirò chi sei); n’aokkjà fémmena e tela a-llume de cannéla (non giudicare una donna o una tela a lume di candela; se vuoi scorgerne gli eventuali difetti).
Ed alcuni modi di dire roiatesi:
Tè le mazze ke sfónnen’a Tevere (Avere gli intestini che sboccano al Tevere: mai sazio); tené i sordi a lla bank’e lla scigna (avere i soldi alla banca della scimmia, cioè non avere risparmi); mé tté magno lo féteco (ti uccido e poi ti mangio il fegato); fa’ muccolo (stai zitto!); parlà ’ngèrgheni (parlare per sottintesi); dicci de sì e dacci da bbéve (fallo contento e canzonato); dà lo pà co’ lla fjónna (dare cibo scarso e malvolentieri); a-lla burbulla (in modo superficiale), kiglju è de glju Piglju o de Oléveno, a ddo’ ôto (vogliono) e non dâo (si dice di uno abituato a prendere e non a dare. Analogia con Piglju, da ‘prendere’; Oléveno, da ‘volere’); ollì ’nganna (bollire in gola; cioè desiderare ardentemente una cosa); arevecenatu! (affatto!); piripikkja-po’! (non c’è rimasto nulla); tené la lengua ke taglja, kóse e fa retribbj (avere una lingua che taglia, cuce e fa le pieghe cucite: sparlare di tutti e di tutto).
 
3. I toponimi e i soprannomi
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Festa di S. Benedetto (quarta domenica di agosto, con processione). Festa di S. Salvatore (seconda domenica di novembre; nell’occasione assaggio di vino novello e caldarroste).
 
4.1 Canti
G. Orlandi, ci fornisce un elenco esaustivo dei toponimi di Roiate, dal confine di Olevano R. a sud-est, al confine di Bellegra a ovest verso nord, a quelli del centro storico (Tufitu, Ju Móre Frunzu, Ju Bucju, Sotto-Cogo, Ju Parte-Pònde, Ju Mondanu, Ju Furnu, La Pjazza Vècchja, la Pjazza, La Villa, Ju Pjavàru, La Cisterna,’Ngapu-La Porta) e dell’immediata periferia, nonché i nomi delle aie dove veniva battuto il grano ed i nomi dei fóssi. L’autore del Dialetto di Roiate, ci fornisce pure un elenco di circa 150 soprannomi (nnòmmera), tra i quali citiamo:
Cèndolire, Cococcjone, Cujunera, Gjakimèlla, Kakìmme, Malandrucca, Pikkjalèsio, Scrocca-Kurìe, Scuccjapalle, Turcucane.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Da quelli che Orlandi definisce nel suo Il dialetto di Roiate “I vezzi dell’infanzia” estraiamo una cantilena di una mamma rivolta al suo bambino cui insegna a camminare prendendolo per mano: gnjamo, gnjam’a spassu / ’ngondrìmo
san Domassu! / ’ngondrìmo la Maddalena, / ave Maria grazzja prèna! Ecco un trastullo che la madre è solita fare per far divertire i bambini, toccandogli prima un occhio e poi l’altro, quindi le orecchie, poi la bocca, il nasino, accompagnando i gesti con le parole: kistu è glj’ókkjo bbégljo, / kistu è glju fratégljo; / kesta è la rekkiatèlla, / kesta è lla sorella! / kesta è lla kjesjòla… (toccando la bocca) / e kistu è glju cambanégljo (con l’indice e il pollice stringe il nasino agitandolo lievemente) / ke fa ’ndin ’ndin!, ’ndin ’ndin!
Scegliamo anche due filastrocche: fjòcca fjòcca bjangulina, / ngi sta pane né farina, / ngi sta ranu da macenà… / fjòcca fjòcca se ô fjoccà. In cerca di lucciole: Lùccica, lùccicà / bella bella, / mitti la sèlla a lla cavalla; / la cavalla de glju re, / lùccica, lùccica / vé co’ mé! / Vé co’ mé co’ lla reggina, / lùccica, lùccica cappuccina!
 Due indovinelli: verde so’, nera me faccjo, / casco ’ndèra e no’ me sfascjo, / vaj’a lla kjésja e no’ me ’nzenókkjo, / ma ci stòngo e lume faccjo. (La hiva, l’oliva). Tè ju cógljo, ma ndè ju capu; / tè le raccja, ma senza mani; / tè ju còre, ma ndè le cjanghe; / affronda ke è? (La pignatta, una pentola di terracotta con due manici e rigonfia nel mezzo).
Versetti che si pronunciavano alle prime gocce di pioggia: Matònna mé dell’Isola, / nva’ pjove’nanzi càsema, / ka se sse nn’accorge màrema, / me fa sonà la bìfera; o, raccogliendo verdura nei prati: ki se magna la vjolósa / kistar’annu se fa spósa; / ki se magna la pimbinèlla / co’ nnu mese se fa bbella!.
Imprecazioni: te puzzi skrjà! (possa sparire), te puzzi scólà (possa evacuare gli intestini), ju pòzza pigljà ’ngórb’appiccjatu! (un colpo fulminante), te pòzzeno sgarà comme la musolina! (lacerare come un panno di mussola).
E le minacce: te sfilo le mazze (budella) e te lle ’ndorcino ’ngógljo!, te sfamaccjo (con un pugno ti sfondo lo stomaco), te scatrukkjo (ti sconquasso).
Nell’antologia del Dialetto di Roiate Orlandi dedica un capitolo alle razzjuni (preghiere). Molto bella una che si recitava prima di andare a dormire:
A llétto, a llétto me nné vò! / l’àlema méa a Ddio la do! / La tòngo a san Gjwanni / ju Malignu no’ me ’nganni! / C’ereno quattro sandi, / dóa da péj e dóa da capu, / Gesucrìstu a nóstro latu; / Gesucrìstu ke me disse / ke paura no’ nn’avesse / né de dì, né dde notte, / né a glju pundu de lla morte; / né de notte, né de dì, / né a glju pundu de morì. // Me cóleco co’ Ddio, / co’ Luca e co’ Mattèo, / co’ san Mbartolomèo, / co’ Luca e co’Marco / e co’ glj’ evangelista quarto; / co’ glju quarto evangelista, / co’ san Gjwanbattista, / co’ sanda Maria Matre, / co’ lla Sandìssima Ternitate!
 
G. Orlandi ci fornisce una trascrizione del Padre nostro e dell’Ave Maria recitate in un latino abborracciato delle vecchie generazioni di rojatesi:
Patre nòstro ke s’ingèlo, / sandificètu l’omendua, / avvegna regnu ’ndua, / fiàtte volundà-stua sicutte ’ngèlo k’ètte ’ndèra. // Pane nòstro cotiddjano da nobiss’odja / ette remitte nobbi sdebbita / nostra sicutette nòsse remittimùsse debbitori busnostri, / ette renòsse ’ndùcasse ’ndendazjone, / se-ddelibbera noss’a mmalo. Ammene. Ave Mmaria grazzja prèna / dominu steku beneditta tu mmuljeri-busse / ette benedittu fruttu svendre stu-Jesu. // Sanda Maria, matre Ddej, / ’ra pre nobbi speccatoribusse, / nunkett’in’òra morti nostre. Ammene.
 
Infine ecco come la santa ignoranza popolare del latino trasformava il canto del
Tantum ergo: Sandu mèrgo sacramentu / veneremu cernui; / comm’è andicu stu cummendu / novecéndo tridici…
 
4.3 I giochi
Tra i giochi riportati e descritti dall’Orlandi (a-ccavallittu, a-ssarda, accjanghetta, a-ttorekkja, a-llippa, a-scardone, a-glj ladri, a-ppucì pucì, a-ppikkju, a-ppiripikkju, a-scjwjcarèlla, a-ttravicéglio) riprendiamo quello denominato aglju papa, che secondo Orlandi è il più originale dei ragazzi di Rojate.
“Una pietra poggiata a terra e in posizione eretta è glju papa. Il gioco consiste nel colpirlo e rovesciarlo con un sasso (la bòccja), lanciato da una certa distanza. Tutto si svolge rispettando varie regole che i giocatori enunciano con gesti e formule quasi rituali: bommessa (ben messa), m’assetto vê e sindicu tu! Libberu ju papa; sonatu ju pèe, a donka va va… mangu nu fuskju, ecc. Alla fine del gioco i perdenti sono costretti a portarsi sulle spalle (fà ju ’ngollétto) i vincitori per un percorso che viene stabilito da regole ben determinate.”
Altri giochi di un tempo a Roiate: a-ttiracurtìna, a-ccavaglj riccj, a-ssardasòla, a-sbatticuju, a-riccju, a-bbjatunnu, a-ppjastrèlla, a-rózzeca, a-mmazzaròcca, allatta, a-mmôrone, a-bbattimuru, a-glju rubbè, a-mmazzittu, a-zzikkju, a-karekè.
 
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Ne Il dialetto di Roiate l’Orlandi inserisce anche la traduzione di brevi brani del Vangelo.
Riportiamo quello intitolato I du’ figlj (Matteo XXI, 28-31):
N’òme ke teneva du’ figlj kjamà iu più ranne e ci disse: “Figlju mé! Ój va ’lla vigna a laorà”. Kiglju respose: “Ah pâ! Mô vajo”, ma po ngi î. Disse l’istesso a glju pjù ziku e respose: “Non me nne tè”, ma dóppo ci repenzà e ci î. “Ki de sti dóa à fatta la bidjénzja?” Dicéro: “J’ùrdimu”. E Gesucrìstu disse a kiglj farisèj: “Mbe, sa ke vve dico? Ju pósto vóstro ’mbaradisu ve ssé glju pigljarâo i strozzini e le femmene zozzolóse”.
 
6. I testi di poesia
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
Giacomo Orlandi, sacerdote, nativo di Roiate, oltre allo studio delle dottrine giuridiche, ha rivolto la sua attenzione al settore della ricerca linguistica, in particolare a quella dei dialetti. Nel 1980 ha pubblicato il libro Il dialetto di Roiate, pubblicato la prima volta nel 1980/81, poi di nuovo nel 1989, è composto da cinque parti: 1) Note introduttive (con pagine di riscontri con situazioni lessicali dei paesi vicini), 2) Fonologia, 3) Morfologia, 4) Antologia (cantilene, filastrocche, storielle, proverbi, modi di dire), 5) Vocabolario (duemila voci corredate di studio lessicale ed etimologico). L’opera costituisce un fondamento scientifico per lo studio e la conoscenza dei dialetti dell’area laziale. Orlandi è autore tra l’altro anche de I dialetti della Valle dell’Aniene. Diversità etimologica, Editrice S. Scolastica, Subiaco, 1992. È il risultato di un’indagine geolinguistica su 25 paesi dell’Alta Valle dell’Aniene, dalle sorgenti del fiume fino a Roviano e raffronti con altri 5 centri della Valle del Sacco.
 
Bibliografia
Luciani, Vincenzo, Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene, Roma, Ed. Cofine, 2008
Orlandi, Giacomo, Il dialetto di Roiate, Roma, Carucci, 1989 (I edizione 1980-81).
Orlandi, Giacomo, Il dialetto di Roiate, Roma, Edilazio, 2000.
Orlandi, Giacomo, I dialetti della Valle dell’Aniene. Diversità etimologica, Subiaco, Editrice S. Scolastica, 1992.
 
Webgrafia