94 – ROCCA SANTO STEFANO

ROCCA SANTO STEFANO – Comune della Provincia di Roma, ora città Metropolitana di Roma Capitale, è situato sulla parte Sud della Valle dell’Aniene ad un’altitudine di 664 m. s.l.m. e conta 982 abitanti, detti roccatani. Il primo insediamento, ubicato al di sopra del Rio Trave, viene conosciuto come Rocca d’Equi, essendo i suoi fondatori appunto Equi. Esso sorgeva presso l’attuale chiesa di Santo Stefano, attigua al Cimitero e dagli stessi costruita.
Successivamente per sfuggire alle minacce e alle vessazioni dei paesi vicini, si spostarono in alto e costruirono un piccolo castello sulla sommità di Colle Lungo, ove è tutt’ora posizionato il paese.
(Notizie sulle origini e sulla storia del paese possono essere ricercate nel Regesto e nel Chronicon Sublacense).

DIALETTO. Sul dialetto non esistono scritti né in prosa, né in poesia, e solo di recente è comparso il volumetto La Rocca della mia infanzia di Stefano Greco, presentato con la prima edizione nella sede comunale il giorno 27 dicembre 2014 e riedito in seconda edizione ampliata nel mese di novembre 2015 e che giustamente è stata definita “la prima attestazione del dialetto di Rocca Santo Stefano”. 
Infatti, l’assoluta mancanza di scritti in dialetto e la scomparsa delle ultime due generazioni, qella dei nonni e dei genitori dell’autore, con le quali si è quasi estinta la genuina parlata roccatana, e dalle quali egli apprese quanto ha riportato nel libro, fanno ritenere il lavoro quasi un recupero in extremis del dialetto in questione.

1 – FESTE RELIGIOSE. Oltre alla Pasqua e al Natale, le feste religiose più sentite sono quella del protettore Santo Stefano che ricorre il 3 agosto e il 26 dicembre, quella dell’Assunzione di Maria SS. del 14 e 15 agosto con il suggestivo rito dell’inchinata e quella del Corpus Domini con la splendida infiorata. In tono minore vengono anche festeggiati il 17 gennaio S. Antonio Abate quando avviene la benedizione degli animali domestici e il 20 gennaio S. Sebastano.

2 – SAGRE E ASSOCIAZIONI. Particolarmente apprezzata è la “ Sagra degli Gnoccacci “, pasta di acqua e farina condita con sugo di funghi porcini che si tiene annualmente in date estive diverse.
Interessante è anche la rappresentazione del Presepe vivente, che si svolge a dicembre con annessa la rievocazione delle antiche arti e mestieri. Vanno inoltre ricordate le associazioni: la Pro loco, i Maestri Infioratori che hanno acquistato stima nazionale e la compagnia teatrale “Le Maschere “.

3 – FONETICA E GRAMMATICA.
Nella fonetica si rileva che: gli infiniti dei verbi subiscono un troncamento in à per la prima declinzione, es. magnà ( mangiare), cantà (cantare), lavorà (lavorare); in e/è per la seconda declinazione, es. assìste (assistere), chiùde (chiudere),lègge (leggere),godé (godere), poté (potere); in ì per la terza declinazione, es. coprì (coprire), morì (morire ), venì (venire).
Segue l’analisi delle lettere dell’alfabeto con tutti i mutamenti che esse subiscono nella pronuncia a seconda della loro posizione nelle parole.

Nella Grammatica vengono trattate le parti del discorso:
– L’articolo determinativo: iù – lo = (il – lo); la = (la): i = (i – gli); le = (le)
– Larticolo indeterminativo: nù = (un – uno); nà = (una).

Seguono quindi le preposizioni semplici e articolate; il nome; l’aggettivo: possessivo – maschile- sing. méiu/mé = (mio); téiu/tè = (tuo); séiu/sé = (suo); nóstru = (nostro); vóstru = (vostro); plur. mèi/mè = (miei); tèi/tè = (tuoi); sèi/sé = (suoi); nóstri = (nostri); vóstri = (vostri); e al femminile- sing. méa/mé = (mia); téa/tè = (tua); séa/sé = (sua); nòstra = (nostra); vòstra = (vostra); plur. mèe/mè = (mie); tèe/tè = (tue); nòstre = (nostre); vòstre = (vostre); sèe/sé = (sue); dimostrativi masch. sing. chìstu = (questo); chìssu = (codesto); chìgliu = (quello); plurale – chìsti = (questi); chìssi = (codesti); chìgli = (quelli); femminile sing. – chésta = (questa); chéssa = (codesta); chélla = (quella); plurale – chéste = (queste); chésse = (codeste); chélle = (quelle). Troviamo poi: niciùnu = (nessuno); cacùnu = (qualcuno); chinùnca = (chiunque); chìnga sìa = (chiunque sia). Ecco i pronomi personali: ié = (io); tu = (tu); ìssu = (egli/lui); iéssa = essa/lei); nù = (noi); ù = (voi); ìssi = (essi/loro); iésse = (esse/loro).

Avverbi: di luogo – abbàlle = (giù); abbàlle lòco= (per laggiù); abbàlle iéssi = (costaggiù); addonùnca = (ovunque); ammónte = (su); ammónte lòco = (per lassù); ammónte iéssi = (costassù); atróu = (altrove); iécchi = (qui/qua); iécch’abbàlle /iécch’apéti = ( quaggiù); iécchi ammónte/ iécch’acàpu = (quassù); iéssi = (costì); iéss’abbàlle = ( costaggiu); iéss’ ammónte = (costassù); lòco = (lì/là); lòc’abbàlle = laggiù); lòc’ ammónte = (lassù); pé ghiécchi = (per di qua); pé ghiéssi = (per costà); pé llòco = (per là).
Avverbi: di tempo – aggià/’ngià = (già); cabbòta = (qualche volta); chellàra dì = (quell’altro giorno); dimà = (domani); dimà mmatìna = (domani mattina); dimanasséra = (domani sera); dóppu = (dopo); doppudimà = (dopodomani); doppudimà mmatìna = (dopodomani mattina); doppudimanasséra = (dopodomani sera ); iatrànno = (l’anno scorso); ieraddemà = (ieri mattina); iéri nnòtte = ( ieri notte); innòtte = (questa notte); istèrzaddemà = (tre mattine fa); istèrzannòtte =(tre notti fa); istèrzasséra = (tre sere fa); itèrzaddemà = (due mattine fa); itèrzannòtte = (due notti fa); itèrzasséra = (due sere fa); maddemà = (questa mattina); masséra = (questa sera); nupassàtu = (l’anno scorso); ói = (oggi); statrànno = (l’anno prossimo).

4 – MODI DI DIRE E PROVERBI.
Tra i modi di dire si evidenziano: a recò = (guarda qua); a reò = (guarda là); cèlla chió = ( accidenti ragazzo); cèlla chiò = (accidenti ragazza); cìca sì = (pare di sì); ci fa la màffia = (fa bella mostra); tè llé spìlo ié la récchie = (ti chiarisco io la verità); tì ccì fàccio sbàtte le fròce = (ti ci faccio sbattere il muso); tòcca…tòcca = (cammina…cammina);tra lùscu e brùscu = (prima che faccia giorno o notte); zzìttu chió = (zitto ragazzo ); zzìta chiò = (zitta ragazza).

I proverbi dei paesi ricadenti in una stessa area sono simili , ma con le diverse pronunce.
Di Rocca Santo Stefano si citano: Acchì tòcca ‘nze ‘ngrùgna ( chi viene sorteggiato non deve prendersela); addó arrìvo métto iù zzìppu (dove arrivo metto il segno); attacca i’àsinu addó ò iù patróne ( lega il somaro dove vuole il padrone); chi campa dé sperànza mòre cachènno ( chi vive di speranza muore cacando); chi nón dà rètta alla mamma e àgliu pàtre dà rètta alla màle matréa ( chi non ascolta i genitori seguirà cattivi consigli); chi pècora sé fa, lùpu la màgna (chi è bonaccione rimsne vittima dei cattivi); da nà vàcca aìmo raccapezzàtu ‘ncórnu ( da una mucca abbiamo salvato un corno);è mégliu fàccia róscia che trìppa móscia ( è meglio chiedere con vergogna cher satre digiuno); fìglia mé quànno tè marìti spànni i’ócchi, cà ‘nzó cottóre ché llé repórti ( figlia mia quando prendi marito sii accorta, perché non sono caldaie che si ricambiano); i’amìci só cchìgli ché pórti ‘nzaccòccia ( gli amici sono i soldi che hai nelle tasche);la caglìna fà i’óvu e agliu vàlle ì róte iù cùiu ( la gallina fa l’uovo e il gallo strilla per il dolore);la rùgna chi la t’è sé llà ràtta ( chi ha la scabbia deve grattarsi); quànno cànta la ciunfrìcula dé iennàru, bifórgo tétte dé cùntu iù paglàru ( quando canta la capinera a gennaio, bifolco sii parsimonioso); quànno ‘ncì stà iù tàttu iù sórece bàlla (quando non c’è il gatto il topo fa il gradasso); sàccu ùtiu ‘nzé règge rìttu ( il sacco vuoto non si tiene dritto); stèmo mégliu quànno stèmo péggiu (stavamo meglio quando si riteneva di stare peggio); t’è più còrna dé nà canéstra è ciammarùche ( ha piu corna di tutte le chiocciole contenute in un canestro); zzàmpe mè non è bergógna dé scappà quànn’abbisógna ( gambe mie non è vergogna di fuggire quando è necessario).

5 – GASTRONOMIA E GIOCHI.
I cibi di una volta erano piuttosto semplici e per la maggior parte di origine contadina di essi si ricordano:
– lo ‘mpanàtu (zuppa di pizza di granturco con fagioli); -le bavaròle (pasta di farina di grano senza uova tagliate arombi); -i ciammellìtti (ciambelle dolci pasquali); -iù fallóne (focaccia di granturco lievitata); -iù faracciàtu ( sanguinaccio di sangue di maiale condito con buccia d’arancia e cipolla); -i frascarégli (polenta gialla sulla spianatoia ); -i gnócchi ( pasta di grano senza uova- attualmente vengono chiamati gnoccàcci); -i gnócchi có llé patàte (gnocchi); -le lùsche ( fette a cerchio di zucca essiccate e cotte in padella con aglio e olio); -la pìzza sórda (focaccia di farina di grano azima); -la pìzza (focaccia di granturco cotta :sotto àgliu tùbbu-attrezzo rustico di latta-alla bbratìcola –sulla graticola-alla tófa –pietra di tufo sottile arroventata sul fuoco); -la ponènte (polenta dura di granturco da affettare); -i rìcii (polenta di farina di grano); -le ròle (caldarroste); le tacchiétte (quadrucci piuttosto grandi di farina di grano senza uova per pasta e fagioli).

I giochi di allora che si riportano nel libro sono:
ACCHIAPPARÈLLA: gioco di gruppo, si correva per non essere presi;
BANDIÉRA: due contendenti dovevano prendere un fazzoletto tenuto sospeso da un terzo e raggiungere la propria squadra;
BATTIMÙRU: si battevano le monetine, da due e da quattro soldi, a un muro, e vinceva chi le mandava più vicine ad esso;
BITTONÌTTU: si dovevano girare i bottoni di camicia sollevandoli con la punta dell’indice, inumidito con saliva;
BRÌCCIU: gioco di abilità nel lanciare in aria dei sassolini e raccoglierli col dorso della mano;
CAMPÀNA: si tracciavano dei riquadri per terra, si numeravano, e su di essi, soprattutto le ragazze, saltellavano e raccoglievano un sasso senza uscire dagli stessi;
CARÒZZA: un pezzo di tavola veniva tramutato in un veicolo con l’apposizione di due assi (pezzi di legno tondi) dei quali l’anteriore mobile per girare, usando come ruote dischi di un tronco forati.
CINCICAVÀGLIU: altalena;
CÌRCHIU: si faceva scorrere un cerchio spingendolo con un bastoncino avente in un’estremità un ferro sagomato;
FRÉZZA: gioco con rudimentali archi e frecce;
LÌPPA: un pezzetto di legno appuntito in entrambe le estremità era fatto saltare entro un cerchio segnato per terra, e colpito al volo con un bastone. Vinceva chi lo scagliava più lontano;
MAZZAFIÓNNA : mazzafionda – attrezzo costituito da una forcella di legno ai cui rebbi si legavano due strisce elastiche unite all’altra estremità da un rettangolo di cuoio. Serviva per scagliare sassolini facendo il tiro al bersaglio;.
MORÓNE: si faceva un castelletto di “palanche” (due soldi) o di “ nichelette “ (quattro soldi), e, dopo sorteggio, si colpiva con un sasso ed erano vinte quelle che si rivoltavano;
MÓSCA CÈCA: uno del gruppo era bendato e così doveva cercare di prendere gli altri che gli giravano intorno; chi era preso assumeva la posizione di bendato;
PIASTRÈLLA: si lanciavano pietre sottili verso un punto prefissato; vinceva chi si avvicinava di più;
PÌCCUIU: trottola realizzata con metà rocchetto del filo;
PINNICARÈLLA: si giocava con un’altalena ricavata dall’unione di due rami di alberi vicini tra loro;
RÓZZICA: si facevano ruzzolare delle rotelle realizzate dal taglio di un tronco;
SÀRDA LA QUÀGLIA: gioco di destrezza, salto della quaglia;
SCIUFIARÈLLA: si scivolava in un pendio seduti su un fascio di rami frondosi;
TÀNA: gioco a squadre dimostrando la capacità di nascondersi senza farsi trovare facilmente;
ZZÉCCHIA: si giocava con i bottoni dei cappotti facendoli avanzare in un percorso prestabilito, colpendoli con una schicchera.

6 – MESTIERI E USANZE.
Nel testo vengono ricordati e trattati i mestieri che venivano praticati nel passato e che si possono così sintetizzare:
-coltivazione della terra essenzialmente con la zappa o con l’aratro; manifattura di recipienti di legno; lavori da fabbro ferraio e di falegnameria; realizzazione e riparazione di calzature; produzione di laterizi; taglio dei boschi con produzione di carbone, calce e tavole.
Alcune usanze le troviamo nella trattazione delle tappe fondamentali dell’individuo: nascita; battesimo e cresima; matromonio; morte.

7 – CANTI E FILASTROCCHE. Non si ha alcun riferimento.

8 – SOPRANNOMI. Di essi appare un nutrito elenco:
Abbàtu-Anìgnu-Ascènza-Bbalìu-Bbaràbba-Bbatteccóne-Bbattilùntu-Bbennàrdu-Bèsco-Birbàccia-Bbolégna –Bbucìa-Bbutiróne-Bènvenuti-Bòschio-Càferu-Caìnu-Calacazzùni-Callaràru-Cannevaccióne-Cannuccióne-Capoccióne-Cappèlla-Cardinàle-Cazzettóne –Centànni-Chiavàru-Ciàccu-Ciamàcca-Ciancarèlla-Cianchìttu –Ciccuttìgliu-Cìndiu-Copérchiu-Ddàmmisu-Delegàtu-Dòrfi-Dràgu-Dumapòpoli-Falecóne-Fallòna-Farazzóiu-Ferràru-Fochétti-Fornàra-Fraffàlla-Fràoia-Fùgnu-Funàcchiu-Furcìna-Galeòtto-Geròcco-Gghiuacchìnu-Giusaffàttu-Gnòcco-Iacòbbe-Iòzzo-italia-Iuttummò-La Iiócca -La mégliu-Laorènte-La pacénzia-Le brécche-Lèna-Leodòri-Leonìnu-Limpiózzu-Lo sàle-Lùi-Lùpu-Lurìtu-M’acciàcca-Marciatellànu-Maresciàlle-Marianèlla-Màriu-Martùccia-Mastrabbèle-Matèa-Matteòtti-Maurùcciu-Mazzétta-Mazzòtto-Mèio-Mereióne-Miciunìru-Minghìnu-Minichèlla-Minicuccìttu-Minìstru-Mittimùsse-Molenàru-Mòneco-Morétto-Mòri-Mòzzo-Mpèi-Murèlli-Mùtu-Natólia-Ndinèlla-Nèno-Ntonéggliu-Nzaccasaétte-Nzógna-Nzacchèo-Omegliòppe-Orghétta-Pacióne-Pagliàcciu-Pallètto-Panzóne-Paulùcciu-Pappacchióne-Pasqualìcchiu-Passopiànu-Pecióne-Pèco-Pelàtu-Pèppe bbégliu-Perghèsto-Picculòtto-Picurìgliu-Pilàtu-Pillìcciu-Pinticchiàta-Pittèlla-Pizzóttu-Polése-Prósperu-Pruvidènza-Pucècchio-Pulènta-Purgése-Quartùcciu-Rapùnziu-Recchióne-Renzétti-Retìliu-Rumìtu-Ruzzóne-Sabbinése-Sacrastànu-Salevatóre-Sallingòppa-Santìgliu-Sardafóssu-Sargènte-Sàrru-Sbìru-sbracamadònne-scandiàna-scardèlla-scardòcchio-scélla-sciarèio-scintìlla-scopóne-scurpìcciu-Segretàriu-Sfilatìnu-Sordottóre-Sorgétto-Spàcu-Spilla-Stanghétta-Stannislàu-Stórtu-Sùngi -Tagliurìnu-Terranéra-Ticchettìnu-Tociànu-Toróne-Trùncu-Turtùru-Valentìnu-Venànziu-Vertìcchiu-Zzagattìnu-Zzampanèlla-Zzappatóre-Zzecóne-Zzepparìtta
Zzì fràte-Zzoccóne.

9 – TOPONIMI. Ecco alcuni toponimi riportati nel volume: L’Antèra – I’Arnàru – Iù Caiamèle – Capélimu – Cappùti – Casiùccia – Cerevécchie – Cupellétra – Fùndianu – Legnónte – La Fàrna – Le Morécchie – Le Ória – L’Òbbeca – La Paròlefa – Iù Pilliccàrdu – Iù Pisciarégliu – Iù Parlacórte – La Recònde – Retràve – I Serùni – Vallecàlla – La Variatìna.

10 – VOCABOLARIO. Nel vocabolario sono registrate ben oltre duemila voci dialettali delle quali se ne citano solo alcune.
Abbicciulì = (fare scuro) – abbommecàtu = (gonfio) = (abbottàtu = (sazio) – abbuticchià = (avvolgere) – accapullà = (per di là) – acciaccà = ( pestare) – accioncà = ( pestare erba o altro piegandola) – accucucchiàrese = (accovacciarsi ) – addovégli = (a nessuna parte) – affrocià = (mettere il naso) – allongatóra = (strada più lunga) – ammascecà = (masticare) – appalloccà = (fare una sfera con argilla o altro materiale ) –appettoréccia = (salita faticosa) – appiricàrese = (arrampicarsi) –aracciammarucàrese = (arrotolarsi) – araffóce = (mangiare con avidità) –arziglióne = (scarabeo) – attarióne = (gatto selvatico) – attrucchià = (fare le cose senza criterio) – aviglióiu = (attrezzo per forare le botti) – babbaròtti = (ragnatele vecchie) – bannèlla = (lamina di ferro a mò di cerniera) – bardàssu/a = ( ragazzo/a) – battécca = (bacchetta) – battimùru = (gioco con monetine) – benànche = (benché) – bìrbu = (furbo) – bratìcola = (graticola) – bùcia = (buca) – burzacchìnu = (taschino della giacca) –cacchìttu = (ramett) – cacinàru = (malta) – cagliòffa = (talea di vite con radici) – calatóra = ( varco in pendio) – calecàra = fornace per fare la calce) – callóppu =(brattea della pannocchia) – canài = ( coppi) – cancàglia = (insieme di cose penduli) – canepazzìgliu = (puzzola) – cannégli = ( pezzi di canna per proteggere le dita nella mietitura) – cappillìttu = (fungo porcino) – capucciùni = (girini) – caràcciu = (ruscello) – càsia = (catasta di covoni ) – cataléttu = (barella per trasportare i morti) – cazzettùni = ( pezzi di stoffa da porre sulle scarpe mentre si zappa) – cèrcia = (quercia) – ciàfricu = (bagnato zuppo) – cogglimmùgli =(arisaro codato) – cói = (piantine di cavoli) – conócchia = (rocca) – coróglia = (cercine) – cròcchia = (grillotalpa) – cucuccìgliu = (zucchina) – da magnà = (cibarie) – diàuru = (diavolo) – diùnu = (digiuno) – èccuiu = (eccolo) – èssome = (eccomi) – facìglia = (roncola lunga) – fallacciànu = (fico di giugno) – fenaròla = (orbettino) – fiètta = (treccia d’agli o cipolle) – filippìna =(vento freddo) – focufùiene = (herpes zoster) – fràtimu = (mio fratello) – frellénga = (striscia di stoffa) – fròsce = (foglie secche) – funnìttu = (valletta) – fùscu = (panno sporco) – gliòppa = ( zolla con erba) – gnàccuiu = (corda del basto) – gnòstro = (inchiostro) – granàtu = (melograno) – iémmete = (dislivello tra due pezzi di terreno) – iénneritu = (tuo genero) – iéoie = (sambuchella) – immèlla =(presa a mani unite) – ìscia = (estesa di tufo) – ìva = (uliva) – laùru = (lavoro) – lavatùra = (acqua da dare ai maiali dopo il lavaggio dei piatti) – leàme =(legaccio fatto con rametti di salice) – léppa = (falda di neve ) – lésca = (fetta di polenta) – lincèstra = (lucertola) – livìna = (seme di cucurbitacea o spicchio d’agli) – lócca = (chioccia) – lupanàru = (licantropo) – maése = (terreno arato) – mandrìle = (rimessa per la capre) – maniàta = (quantità di grano tagiato e contenuto in mano) – manócchiu = (covone di grano) – mariòla = ( tasca interna della giacca) – mattùccia = (fascio) – mazzócchiu = (germogluio) – mbuzzùni = (piegato con il sedere all’insù) – miciótti = (infiorescenza di alcune piante) – mmellìcuiu = (ombelico) – mmoccà = (rovesciare il contenuto di un recipiente) – mmuglìcole = (parietaria) – mpescollà = (camminare inmezzo al fango) – mpirià = (fare il gomitolo) – mùnniu = (attrezzo per pulire il forno) – musculià = (girare furtivamente in cerca di qualcosa)- ncazzecchià = (unire saldamente due cose) – ncazzollà = (camminare dentro acqua o fanghiglia) – nciafroccàrese = (cadere a faccia avanti) – ncoglià = (mettersi un peso sulle apalle) – ndinèlla = (piccola chicciola a strisce) – nèspera = 8nespole) – nfandigliòle = (convulsioni dei bambini) – nfantàrese = (pertorire degli animali) – nfoiàrese = (rompere i buoni rapporti) – nìcciu = (magro) – nichelétta = (antica moneta da quattro soldi) – nnazzicà = (cullare) – nnòmmera = (soprannomi denigratori) – ntraùssu = (qua e là) – nzincà = (indicare) – nzùnu = (insieme) – òe = (bue) – ói = (oggi) – òpere = (giornate di lavoro) – óssu pazzìggliu = (malleolo) – pagliàcciu = (pagliericcio) – palànca = vecchia monerta da due soldi ) – palommégli = (primule selvatiche – pannàrice = (giradito) – parentézze =( incontro delle famiglie degli sposi prima delle nozze) – pastonàca = (pastinaca) – pennàzzia = (ciglia) – péntema = (terreno scosceso) – pescólla = (piccola quantità di acqua stagnante) – piscuià = (gocciolare) – prétia = (sgabello a tre zampe) – purchìttu = (porcellino) – quàzza = ( rugiada) –quinàtu = (cognato) – ràcia = 8brace) – ramàcciu = (bastone rozzo) – ranósa = (scopa di ginestra dei carbonai ) – remonnà = (togliere la corteccia) – ricàzza = (fidanzata ) – rìgliu = (grillo ) – róssu = (grande) – rùnciu = (roncola pennata ) – rùschiu = (pungitopo) – saocia = (salice) – sbarià = (sparpagliare) – sbàuzzu = (precipizio) – scangìa = (scaffale rustico) – scaracià = (distruggere) – scélla = (ala) – scòrza = (corteccia ) – sillìcchiu = (baccello) – sorevétta = (salvietta) – spirià = (disfare il gomitolo) – sprufùnnu = (dirupo) – stennarégliu = (mattarello) – strìppu = (zeppo secco spinoso) –sùlicu = (solco) – tàttu = (gatto) – tènna = (casa di campagna) – tóa = (toga) – tracèrna = (grossa fessura) – trìta = (grano posto sull’aia per la battitura) – trucchése = (granturco) – Unnèlla = (gonne) – utià = (vuotare ) – vàllinu = (castagna lessata) – vèrta = (bisaccia) – vìscuiu = (lombricco) – zzànni = (grandi litigi) – zzàppu = (becco) – zzezzéleche = (ascelle) – zzì nicola = (pettirosso).

Bibliografia

La Rocca della mia infanzia. Grammatica e Vocabolario del Dialetto di Rocca Santo Stefano  di Stefano Greco, II Edizione ampliata, Tivoli, Tipografia Tritype, 2015.