89 – RIOFREDDO

RIOFREDDO (738 abitanti, detti riofreddani. A 705 m slm). Sulle pendici del Monte Aguzzo (1607 m), tra il Lazio e l’Abruzzo, presso lo spartiacque che divide l’Aniene dal Turano, sorge Riofreddo, il cui toponimo (dal latino rivus frigidus) deriva dalla freschezza del torrente Bagnatore che sfiora il paese.

 
IL DIALETTO DI RIOFREDDO:
Remo Caffari è autore di un Quaderno: Appunti sul dialetto di Riofreddo (Roma) e vocabolario Riofreddano-Italiano, pubblicato nel 1979 a cura dell’Associazione Pro Loco di Rioffreddo. Egli ricorda che, a seguito della grande pestilenza del 1656 che colpì anche Riofreddo, il feudatario dell’epoca accrebbe forzosamente la popolazione con l’innesto di contadini provenienti dal barese e dal napoletano. A questi immigrati si deve la devozione a S. Nicola (patrono di Bari) e i loro cognomi Mazza, Bernardini, Riccardi, Maialetti, Veroli, De Santis, ma anche l’introduzione di vocaboli delle loro zone di origine. Influenza sulla lingua locale ebbero anche i parroci portoghesi e spagnoli inviati dai Gesuiti durante la dominazione papalina, la dominazione francese e i contatti con fuoriusciti e commercianti che transitavano per una zona di confine qual è stata per lunghi anni Riofreddo. Spesso chi non era ben accetto a Roma veniva inviato a Riofreddo (Donizetti, Garibaldi, ecc.). Tutti questi fattori, per loro conto, secondo Caffari, hanno lasciato tracce nel dialetto. Ad esempio, dal napoletano e dal barese si trovano riscontri per i termini: addurmì, fraule, maladia, accattà, coccia, jettà.
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Alcuni vocaboli tratti dal vocabolario di Riofreddo di Caffari:
accozzà (sostare degli ovini all’ombra ), allappuccià (essere sul punto di piangere), alleperasse (sdraiarsi per stanchezza), annabbuscaregliu (a nascondino), aoserà (ascoltare), appummissu (luogo al riparo), arruzzà (sopportare), bissèculu (enorme), briccocola (albicocca), boata (cattiveria), cannavina (terreno umido), casaricciotto (passero), cecaròla (piccola luce), cilindrata (strada asfaltata), corrombe l’aria (cambiare di tempo), crapareccia (capanna per pastori), cresciareglio (singhiozzo di bambino), cria (un poco), cucciulapenne (lucciole), Cummuna (municipio), emà (mattina), ende (dente), facocchio (carradore), farabbula (favola), icìna (verme), ieraddemà (ieri mattina), jure (scintille), iva (olive, olivo), liva (oliva), mattana (fastidio), mòrcele (muco nasale), ngialifu (fanghiglia), ngiachilluni (camminata strascicata), ngreènza (a debito), nzuagliatu, nzuagliu (sbavato, bava), occaeciòcia (bocca da pianto), occaefregna (bocca scontenta), ottaone (bacino d’acqua), pappuni (castagne cotte nell’acqua), pasema (fiatone), pennecaregli (occhi semiaddormentati), pintiricchiatu (variegato), purticalle (arancia, portico), rapazzòla (giaciglio), recchiòzze (allacciatura della scarpa), rengardochiasse (avvinghiarsi), retrangà (ritardare), roffolà (russare), ròsa piocchiosa (papavero), rotta e ossa (legnate), sbajoccà (vedere), sbèdicu (strano), scenneraturu (panno per il bucato), schiattacorpo (indigestione), scocciolapigna (ciclamino), scozzonà (pulire a fondo), sfardu (asfalto), spulià (pulire le granaglie), stignà (convincere), stòccia (cantone di pane), stuccummezzo (stanchissimo), tecoteco (solletico), teteme (smania), uzzicu (oliera).
 
2. I proverbi e i modi di dire
In Appunti o memorie per una storia minima o intima dell’antica Comunità di Riofreddo (Roma) di Remo Caffari c’è una raccolta di 130 proverbi, integrata rispetto ad una precedente raccolta a cura degli alunni delle classi II e III media di Riofreddo, guidati dalla prof.ssa Luisa Tilia. Tra questi riportiamo:
Febbraru gni pacìna ce redà u sòle, gni femmona gialla cagna de colore (a febbraio torna il sole nelle terre esposte al nord e riprende colore il viso delle donne); latrizia e puttanizia, s’apre la terra e nne dà nnutizia (latrocinio e prostituzione non si nascondono); j’omo che me carpesta, doppo gli faccio girà la coccia (a chi pesta l’uva, gli faccio girare la testa); l’acqua spalla i pundi e lo vinu fà candà (l’acqua rompe i ponti e il vino fa cantare); de tre sorte se trovano i pezzenti: poeti, cacciatori e pigni santi (tre tipi di pezzenti: poeti, cacciatori e santi dipinti).
 
3. I toponimi e i soprannomi
 Da “I soprannomi riofreddiani” di Angela Carboni, su Aequa (n. 15, ott. 2003), preleviamo alcuni tra i circa 180 elencati: Paefarre, La Isceta, Popona, Matrugnente, Masticabrodo, Ngiaramellona, Zambeupu, La Tradotta, La Vedova allegra, Tic Toc, Capetoppe, Vachepepe, Ndondolondò, Teretenghete, Fallolevinì.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. La Madonnella (12 agosto; dopo l’ascensione all’altare della Madonnella, sul monte Pischiusu, viene servita una colazione a base di pane e frittata). Festa della pastorella (Nella notte del 24 dicembre, i pastori in processione nei costumi tradizionali e cantando brani tradizionali del Natale, accompagnati da zampogne e ciaramelle, giungono nella chiesa parrocchiale ed offrono al Bambino agnello, pane, fuoco, frutti). Festa patronale di S. Giorgio (domenica dopo il 23 aprile; alla solenne processione
segue un corteo storico in costume che ne rievoca il martirio in Cappadocia nel 303 d. C).
 
4.1 Canti
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
In Appunti o memorie per una storia minima o intima dell’antica Comunità di Riofreddo (Roma), di Remo Caffari, sono raccolte una ventina di filastrocche, quattro brevi ninna-nanna, una decina di indovinelli.
Una filastrocca: Esci esci corna te chiama zia Donna, zia Donna stà ai’orto a coje u finocchio, u finocchio e lla nzalata viva viva la mmascarata.
E tre indovinelli riofreddiani:
rusciu, rusciuttu, / n daula fu missu, / me nne venne la gola, / j’ette picciu pe lla coa. La cerasa (rosso, rossetto, in tavola fu messo, me ne venne golosità, l’ho preso per la coda. La ciliegia); sà arda comme m balazzu, / casco pe tterra e nno me squaccio, / bianca sò e nnera me faccio. La piocchia (sono alta come un palazzo, cado in terra e non mi rompo, nasco bianca e divento nera. La castagna); niru penne, rusciu bbatte, / i dà n guru Cateratte; / Cateratte se reota / i dà n guru n’atra ota (Il paiolo: nero pende dalla catena del camino, il rosso fuoco gli batte sul fondo, Cataratte, la massaia, aggiunge legna sotto il suo fondo, Cataratte si rivolta e un’altra volta mette sotto legna).
Qualche imprecazione di Riofreddo: te pozza pija ’na scaranzia (ti possa prendere un accidente); te pozzi fumà l’ossa; te pozzanu reportà co le lenzora (ti possano riportare a casa dentro un lenzuolo); te pozza pija ’nu ’ntrillingu (ti possa prendere il tremore); te pozzanu caccià l’urzumejo (ti possano togliere la trachea).
 
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Per far notare la differenza tra il dialetto di Riofreddodel 1988 e quello rilevato cinquant’anni prima, R. Caffari in Appunti o memorie per una storia minima o intima dell’antica Comunità di Riofreddo (Roma) riporta una parte della Novella I, 9 del Decamerone, tradotta nel dialetto locale da Clemente Merlo nel 1930.
Alli tempi ke rrennea u primu rre dde Cipru, doppo ke Ggoffredo De Bbullone ebbe pijata la Terra Santa, successe ke una sinnora de Vaskonna orze i ’m pilligrinaggiu aiju Sipurgu.
Kuanno se nne reea, se nkontrà ko ccerti omminacci kattii ke ii ficiru tante brutte kose. Vella poeraccia, ke nnom potea suffrì vijji nzurdi, pensà de issenne aiju rre pe rrekramà.
Certi ii dissiru se kkue ccè ea a ffa, k’era fadiga spregata, perkè vijju rre era tantu stupidu, ke, sse benke ii ficissiru kuae kkosa a issu, non ze nne mporteria: “Figuramoce pò se sse pò importà de vesso ke ii dici Tu”. Vella sinnora, però, non z’orze perde d’alimu e cc orze ì, tantu per rriesenne e ppe vvedè sse era vero vello ke i eranu dittu vijji. Mezza piannienno se presentà dennazi a issu e ii disse: “Karu Sinnore meo, io non zo vvinuta dekko pe ffamme venneka deji nzurdi ke mmau dati, ma ttantu pe ffamme nzennà na kosa. Io urria sapì s’akkome pò fa ttu a ssopportà tuttu vello ke tte fau.
Se io me llo potesse mparà, ki sa kkuantu pakirria, kettante ote non zò bbona a ssopportà nuija kosa, magara ke ssia la ppiù mmikka. Tu ke ssi ttantu bbrau a ssopportà vijji ke tte nzurdanu, a kkuanto te sarria ulutu fa ttrovà ajji panni mei”.
Vijiu rre ke ffin allora era statu sempre monco e poriku, sentenno velle parole, pare ke ii ficissiru n zò kkue dd’affetto e dd’allora mpò komincià vaci vaci a akkorgesella; se messe e ffa u dovere seo, fice mette karceratu vijji k’eranu nzurdata vella femmona e ffice spari tutti vijji ke ii puzzea u fiatu.
 
6. I testi di poesia
In Appunti sui Poeti Cantori dell’Antica Comunità di Riofreddo (Roma) di Remo Caffari, pubblicata nel 1989 sono riportate notizie biografiche di due poeti nativi di Riofreddo, Mario Jannucci (nato nel 1944) e Torquato Rocchi (nato nel 1914), con un’antologia di loro testi poetici.
Quelli di Jannucci traboccano di amore per la piccola patria, il “paisittu meo”, tema principale della sue poesie in dialetto: Cando u paese meo / pe qué mme piace, perché è bello, tranquillo, perché la sua gente è brava e onesta, è miccu ma tè tuttu (…) piazzatu ’n gima a un colle, / fra Sandurìu, / Pischiùsu e Mondeùrzu, / u fosso Riu / che te refresca i péi / recònda notte e ddì la storia tea.
Suggestiva è la sua passeggiata notturna per Riofreddo “A spassu e notte”, una sorta di ricognizione (a revedè co’ j’occhi e co’ lla mènde / se de ll’andìcu ’n c’è remàsu niènde) dove sono evocati uno ad uno tutti i luoghi della sua infanzia e giovinezza: u Furnacciu, j’arcu e Fordepòrta, lle Fondanèlle, San Libberatòre, la Fonde, Villa Rio, Valechétta, u Ficorone e la Piazzetta.
Di Riofreddo decanta i luoghi più cari da “ju cambittu e papà” (comme me piace sta terra / nvòssa de làcreme e ssuóre), ai personaggi come “Giacindu” (’Ngolléa sacca, barili e damiggiane / d’appè a lla Fonde finu a Fordeporta; / venéa sfruttatu pe’ ’n’occone e pane / da certa ggende ricca e bene accorta), “U Circhiaru” (Le vecchiarelle ju ’mmitéanu a nozze / portènno le tinette e le tinòzze. / E issu s’assettéa a n’angulìttu / e comenzéa a laoràne, zittu zittu), Mariùcciu “U
Rumitu”, Bertollo (quande fregnacce s’ammendéa Bertòllo), alle bellezze naturali, soprattutto l’acqua miracolosa che
…’gni mmalatìa manna a fà ’n guru. / Fà bbè a ji dispiaceri e a ji mmalanni, / abbàssa la prissione e fà pisciàne; / se te ll’aggusti te fà cambà cend’anni / magnènnote tranguillu ’n doccio e pane.
Non mancano i riferimenti alle tradizioni popolari: ecco quindi la Pastorella, tradizione di Natale con processione:
apprésso a lle zambógne u pecoràru, / che regge fra lle ràccia j’arbacchìttu, / arréto i chiattarèji che te paru / tandi angilìtti. E pòrtanu u fascìttu // e la forma de càsciu picurìnu / le canni, la stella e la ricòtta, / da dàne pe’ regàlu a ju Bambinu.
Ecco la “Pridissione”:
U prete nnanzi nnanzi se nne jéa / a lle matri cristiane e a ji cafùni. / U Trùngu missu ngòjio a ’n cristianu / e appresso i Farisèi a bussà cannàte / po’ locco locco ce venéa Paciànu / co’ lla Pace. E ju prete: – Orate frate! (…) Le torce ardéanu a vendo, i bardascitti / armati ’e ticche-tacche e racanelle / jéanu sonénno pe’ ji viculitti / da Castijiòne appé lle Fondanèlle.
In antologia riportiamo “Se fa notte” una lirica, con rapinosa immagine finale: Lo scuru / – comme ’n vàttu / co ju sòrge – / aggrànvia tuttu / e ju paese addòrme.
 
Fortemente legata alla zolla e al campanile pure la poesia di Torquato Rocchi.
Anche per lui Riofreddo è ju più bejo e bbono tra i paesi del circondario:
on te sazi mai de stacce sotto, / a vello friscu cuscì spaparacchiatu / te fà resuscità benenchè morto. / Da For de Porta, pe la via e llu Lisciu / po’ arrivà finu a Funtirimoscia e passa / e se ti bii vellacqua tantu pisci, / che se tte quae cargulu, all’istante / quanno te nne si bitu quae picchiere, / u refà subbitu: “veste sò acque sante”.
E nonostante che Riufriddu da un certo tempo nquà / è deventatu vasci un… cacchiu e Roma, Rocchi offre “Un cunsiju disinteressatu”:
Se on te senti bbe, te quae dulurittu, / appena arrivi te sse passa tuttu; / non retrangà, amme retta, fa comme t’ho ittu, / vettenne ecco, te bastanu poche dì / pe remettete a posto da capu a pee. / Fà sta proa, po me llo saperrai a ridì.
L’altro suo registro è quello della satira di costume: dal carovita (“Tuttu cresce”), alla pubblicità ingannevole (“Pubbricità”), alla condanna delle adulterazioni alimentari derivanti dal “progresso” e dalla “modernità”.
 
Antologia
 
MARIO JANNUCCI
Se fa notte
U sole cala
deréto a lla Crocétta
e se va a letto
abbàlle, verzo Roma.
La meréa passa
e sùbbitu devènda
lùscu e bbrùscu.
Co’ j’ansinìtti stràcchi,
pianu pianu,
j’òmmini revàu
da ju laùru,
mendre la cambanèlla
già rendòcca
ll’Ae Maria.
Lo scuru
– comme ’n vàttu 
co ju sòrge –
aggrànvia tuttu
e ju paese addòrme.
 


 
Cenni biobibliografici
Remo Caffari, di Riofreddo, è autore di Appunti sul dialetto di Riofreddo (Roma), vocabolario Riofreddano-Italiano; Appunti o memorie per una storia minima o intima dell’antica Comunità di Rioffredo (Roma); Appunti sui Poeti Cantori dell’Antica Comunità di Riofreddo.
Mario Jannucci, nato a Riofreddo il 19 agosto 1944, da una famiglia di modesti contadini, si diplomò all’Istituto magistrale “V. Colonna” di Roma, dedicandosi, poi, all’insegnamento. Sue poesie in vernacolo riofreddano sono state pubblicate in Appunti sui Poeti Cantori dell’Antica Comunità di Riofreddo (Roma) di Remo Caffari (1989).
Torquato Rocchi, nato a Riofreddo nel 1914, vi ha svolto attività di insegnante. Si è battuto con successo per far realizzare un museo locale. Sue poesie in riofreddano sono state pubblicate in Appunti sui Poeti Cantori dell’Antica Comunità di Riofreddo (Roma) di Remo Caffari (1989).
 
Bibliografia
Caffari, Remo, Appunti sul dialetto di Riofreddo (Roma) e vocabolario Riofreddano-Italiano, Roma, [s.e.], 1979, Tipografia Caravaggio di Mazza Antonio.
Caffari, Remo, Appunti o memorie per una storia minima o intima dell’antica Comunità di Rioffreddo (Roma), Associazione Pro Loco-Riofreddo, Roma, 1988.
Caffari, Remo, Appunti sui Poeti Cantori dell’Antica Comunità di Riofreddo (Roma), Roma, s.e., 1989.
Carboni, Angela, “I soprannomi dei Riofreddani” in Aequa n. 15, Ottobre 2003.
Luciani Vincenzo, Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene, Roma, Ed. Cofine, 2008
 
Webgrafia