80 – PALESTRINA

PALESTRINA (17.366 abitanti, detti palestrinesi o prenestini. A 450 m slm). Palestrina (nome latino Praeneste), occupa una posizione strategica di notevole importanza: dall’alto del monte Ginestro, nei Monti Prenestini, alla cui sommità era l’acropoli (l’attuale Castel S. Pietro), cinta di potenti mura, la città poteva controllare la valle del Sacco. Era un punto nodale per le comunicazioni tra l’Etruria e la Campania, ma anche una delle più importanti vie di comunicazione tra l’Appennino ed il Tirreno che ricadeva sotto il controllo di Praeneste.

 
IL DIALETTO DI PALESTRINA:
 
Ecco alcune particolarità del dialetto prenestino:
– sonorizzazione delle consonanti dopo nasale: ’ngandà ‘incantare’…
– metafonia: όlemo ‘olmo’ vs ùlimi ‘olmi’…
– dittongamento metafonetico: cuόrpo ‘corpo’, opiérto ‘aperto’.
– mancata anafonesi: fongo ‘fungo’ (ma funghi al plurale, per metafonia), strénga ‘stringa’, strégne ‘stringere’.
– articoli determinativi: m. s. lo e pl. li, f. s. la, f. pl. le;
– articoli indeterminativi: m. no/’n, f. na/’n’;
– pronomi possessivi: s. mio ‘mio’, méa ‘mia’; pl. mii ‘miei’, mée ‘miei’, tìo ‘tuo’, tìi ‘tuoi’, téa ‘tua’, tée ‘tue’, sìo ‘suo’, séa ‘sua’, sìi ‘suoi’, sée ‘sue’, nuόstro/a/i/e ‘nostro/a/i/e’, vuόstro/a/i/e ‘vostro/a/i/e’. Con i nomi di parentela, si ha il possessivo enclitico, unito direttamente al nome (p.es. fìgliema/a ‘mia figlia/o’, fìglieta/o ‘tua figlia/o’, fràtemo ‘mio fratello’, fràteto ‘tuo fratello’, sòrema ‘mia sorella, sòreta ‘tua sorella’, pàremo/pàtremo ‘mio padre’, pàreto/pàtreto ‘tuo padre’, màtrema/màrema ‘mia madre’, màmmeta ‘tua madre’, marìtemo ‘mio marito’, marìteto ‘tuo marito’, mόgliema ‘mia moglie’, mόglieta ‘tua moglie’, nepόtemo ‘mio nipote’, nepόteto ‘tuo nipote’, nònnema ‘mia nonna’, nònneta ‘tua nonna’, nòrema ‘mia nuora’, nòreta ‘tua nuora’, zìema ‘mia zia’, zìeta ‘tua zia’, ecc.).
– pronomi e aggettivi dimostrativi: chisto, sto ‘questo’, chisti, sti ‘questi’, chisso, sso ‘codesto’, chissi, ssi ‘codesti’, chillo ‘quello’, chilli ‘quelli’, chésta, sta ‘questa’, chéste, ste ‘queste’, chessa, ssa ‘codesta’, chesse, sse ‘codeste’, chélla ‘quella’, chélle ‘quelle’.
– pronomi personali: io ‘io’, tu, isso ‘egli’, essa ‘ella’, nu’ ‘noi’, vu’ ‘voi’, issi, ésse ‘loro’;
– verbo (forme peculiari): verbo esse ‘essere’: io sò’, tu si, isso è, nu’ semo, vu’ séte, issi sò’ (indicativo presente); io èro, tu èri, isso èra, nu’ érèmo, vu’ erèste, issi èreno (indicativo imperfetto); io saràjo, tu sarai, isso sarà, nu’ sarémo, vu’ saréte, issi sarào/sarànno (indicativo futuro semplice); io fu’, tu fusti, isso fu, nu’ fummo, vu’ fuste, issi furono (indicativo passato remoto); io sarìa/sarébbe, tu saristi, isso sarìa, nu’ sarèmmo, vu’ sarèste, issi sarìeno (condizionale presente); verbo avé/tené ‘avere/tenere’: io ajo/tièngo, tu ha/tié, isso ha/, nu’ avemo/tenémo, vu’ avete/tenéte, issi hanno/tènno (indicativo presente); io ’vevo/tenévo, tu avìvi/tenìvi, isso aveva/tenéva, nu’ avèmmo/tenèmmo, vu’ avèste/tenèste, issi ’veveno/tenéveno (indicativo imperfetto); io averò/tenerò/teneraio, tu averai/tenerai, isso averà/tenerà, nu’ averemo/tenerémo, vu’ averete/tenerète, issi averanno/teneranno (indicativo futuro semplice); io ibbi/tinni, tu avisti/tenisti, isso ibbi/tinni, nu’ ìbbimo/tenèmmo, vu’ avèste/tenèste, issi ìbbero/tìnnero (indicativo passato remoto); io averìa/tenerìa, tu averìsti/tenerìsti, isso averebbe/tenerébbe/tenerìa, nu’ averemmo/tenerèmmo, vu’ avereste/tenerèste, issi averìeno/tenerìeno (condizionale presente); verbo i ‘andare’: io vajo, tu va’, isso va, nu’ jamo/émo, vu’ jéte/éte, issi vanno (indicativo presente); io évo, tu ivi, isso éva, nu’ èmmo, vu’ èste, issi éveno (indicativo imperfetto); io i, tu isti, isso i, nu’ èmmo, vu’ èste, issi iéreno (indicativo passato remoto); io varò/varàio, tu varài, isso varà, nu’ varémo, vu’ varéte, issi varànno (indicativo futuro semplice); io varìa, tu varìsti, isso varìa, nu’ varèmmo, vu’ varèste, issi varìeno (condizionale presente); verbo fare: io faccio, tu fa’, isso fa, nu’ facémo/ficémo, vu’ facéte/ficéte, issi fanno (indicativo presente); io ficévo, tu ficévi, isso ficéva, nu’ ficèmmo, vu’ ficèste, issi ficéveno (indicativo imperfetto); io fici, tu facisti/ficisti, isso fici, nu’ facèmmo/ficèmmo, vu’facèste/ficèste, issi fìcero/ficiéro (indicativo passato remoto); io facerò/faceràio (raro)/faràjo (raro), tu facerài, isso facerà, nu’ facerémo, vu’ faceréte, issi facerànno (indicativo futuro semplice); io facerìa, tu facerìsti, isso facerìa, nu’ facerèmmo, vu’ facerèste, issi facerìeno (condizionale presente). 
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Nel volume di Tomassi Leopoldo, Tomassi Peppino, Tomassi Pio, Una città viva nel tempo – Storia di Palestrina nei secoli XVII-XIX, Toponomastica, Folclore, Studio del dialetto, Letteratura dialettale, Palestrina, s.e., 1980, pp. 456, presenta un vocabolario, alle pp. 391-422. Da esso citiamo alcuni dei termini più arcaici o curiosi: a ttenerosse (a dirotto); battilondo (tagliere di legno); brilluocco (anello con pietra); capoculo (a rovescio, sottosopra); cericè (rimandato a data da destinarsi); cuogliongiello (ragazzino); fennitora (grosso coltello); fratemocuggino, soremacuggina (cugino, cugina di primo grado); furuni-furuni (di soppiatto); gnacche (bisogna che); ìnete, inéteve (fa presto, fate presto); luccicapenta (lucciola); mingionciello (bambino); ’morgià (piegare il capo come il cavallo sotto la morgia); ’nsinente (fino là); ’nzolecato (coricato); ossopezzéllo (stinco); pacchera (ceffone); pasema (affanno); pecione (calzolaio); quacquerina (neve molle); quinato (cognato); rattaculi (bacche d’oro dei rosolacci); rendortomicciato (rannicchiato e curvo); reppecernà (fare di nuovo); saccio muto io (non so niente); scendone, scendongiello (gonna lunga, veste leggera); spilà le recchie (rimproverare); stranghigliuni (massaggi sulle mani per curare il mal di gola); streppongiello (zappetta per sradicare le canne); topa-topa (nascondino); ttoppaccio (turacciolo); tutero (pannocchia); usumà (fiutare); valleno (castagna bollita); viénnero (genero); zafrollà (ribollire dei liquidi); zuffi (ricavato della questua dei fanciulli il giorno di S. Silvestro. Di solito ricevevano pellecce: fettine di frutta seccata al forno, agrumi, ecc.).
 
Il dizionario del dialetto di Palestrina Palestrina e la sua antica Parlatura, di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, pubblicato nel novembre del 2009, si compone di circa 270 pagine con più di 2000 vocaboli. Di tutti viene data la versione in italiano; segue una breve “storia” nella quale è inserito il “vocabolo” preso in esame perché possa essere meglio capito, mandato a memoria e, magari, riutilizzato.
Molte pagine sono illustrate da rigorose riproduzioni di pitture e disegni di Giulio de Angelis attraverso le quali si rivedono paesaggi e mestieri scomparsi; sono richiamati alla mente riti, tradizioni e feste, serimonie familiari, parrocchiali e patronali, si riscoprono molti dei “posti” sparsi tra le “vigne” dentro l’abitato e fin sulla collina…
È riportato perfino un breve elenco descrittivo dei “giochi” e dei “giocattoli” antichi per grandi e piccoli: soprattutto quelli “semplici e poveri” che ci si poteva permettere allora.
Non viene trascurato il richiamo alla durezza della vita vissuta da moltissimi nella ristrettezza e da molti nella povertà, in tempi funestati da non infrequenti guerre.
Si tratta insomma di una rivisitazione della vita palestrinese di un tempo lontano; in particolare quella che in talune fasi fu aggravata da un regime dispotico e liberticida.
Il Sindaco Rodolfo Lena in occasione della presentazione del libro avvenuta il 6 marzo 2010 presso l’Aula Consiliare di Palazzo Verzetti ebbe a dire: “Palestrina è una Città ricca di tradizioni millenarie e anche il dialetto, inteso in questo senso, costituisce memoria storica e rappresenta, data la sua originalità e spiccata diversità con gli altri dialetti del territorio, un elemento unico da tramandare e conservare. ‘Palestrina e la sua antica parlatura’ permette di riscoprire gli antichi suoni del dialetto prenestino e la lingua con cui i nostri nonni comunicavano un patrimonio storico da trasmettere ai ragazzi e alle generazioni future perché facciano tesoro del legame tra la Città e le sue più antiche tradizioni."
Dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, ricaviamo i seguenti vocaboli peculiari:
abbedènte/’bbedente ‘bidente’, abbézzo/’bbezzo ‘avvezzo’, àbbise ‘lapis, matita’, abbrilandi ‘i primi quattro giorni di aprile’, abbrìle ‘aprile’, accappà/’ccappà ‘coprire, proteggere persone e cose’, accipollà/’ccipollà ‘uccidere’, accorà, accoràsse ‘uccidere; addolorarsi’, accruòcco ‘accrocco’, accuògliese (p.p. accuòto) ‘infettarsi’, accurtà ‘accorciare’, ’ccurtatora ‘scorciatoia’, acquaréccia ‘il siero di una ferita infettata, dopo la fuoriuscita del pus’, acquazzorfa ‘acqua gasata’, addore ‘odore, profumo’, àffio ‘lo sguardo seducente ma perfido del serpente’, affocagnato ‘tempo appiccicoso, aria sciroccosa; cielo caliginoso, ambiente chiuso, maleodorante’, agnό (all’) ‘giù! in discesa’, alà ‘alitare; avere un alito cattivo’, all’anzù ‘un modo di acconciatura dei capelli’, allessà/’llessà ‘lessare; appioppare una sberla’, annido ‘nido’, annode (pl. annudi) ‘nodo’, appapagnà/’ppapagnà ‘riempire la faccia di pugni o schiaffi’, appizzà/’ppizzà ‘rimediare, trarre qualche vantaggio’, apportasse ‘comportarsi’, apprésso/apprèsso ‘dopo’, àpulo ‘privo di seme’, aquiletta ‘moneta d’argento da 5 lire in circolazione fino alla seconda guerra mondiale (il nome deriva dalla presenza di un’aquila littoria su una delle due facce’, ara/o/e/i o atra/o/e/i ‘altra/o/e/i’, archibbùsse ‘archibugio (lett. schioppo a uncino)’, ardìga ‘ortica’, arfabbèto ‘analfabeta’, aropràno ‘aeroplano’, arzéllo ‘maggiolino’, àschia ‘uovo di pidocchio’, àsperosόrdo ‘aspide; fig. persona fortemente deperita’, attaccafuoco ‘il niente, neanche un prospero’, àvito ‘l’Alto, la zona alta rispetto alla campagna’, bbabbiozzo ‘babbeo, ingenuo’, bbadalόne ‘bighellone, perdigiorno; persona grande e grossa e frescona; grande leggio che si colloca al centro del coro davanti all’altare maggiore’, bballa/bballό’ ‘grande telo di juta o di spessa tela sulla quale, con il frustone, venivano battute le pannocchie’, bbanfà ‘emettere alito cattivo’, bbanfata ‘alitata maleodorante; zaffata’, bbangòzza ‘sedile rustico di legno’, bbardassa/o ‘bambina/o, ragazza/o’, bbarzano ‘persona bizzara o strabica’, bbattuòcchio ‘battaglio, batacchio’, bbé ‘bere (p.p. béto ‘bevuto’)’, bbéccio ‘bottone’, bbèfera ‘naso di notevoli dimensioni’, bbelà/rebbelà ‘sotterrare, seppellire’, bbelangìno ‘cavallo o mulo o asino di rinforzo a quello che traina il carretto’, bbelangiό ‘grossa bilancia’, bbennardone (pl. bbennarduni) ‘babbeo, balordo’, bbergigotto ‘babbeo, ciarlone’, bberzèmoli ‘quisquilie’, bbetόnzo (pl. bbetunzi) ‘bigoncio’, bbettόne ‘bottone (p. bbettuni)’, ’bbetuì/’bbetuisse ‘abituare/abituarsi, adattarsi’, ’bbézzo (pl. ’bbizzi) ‘avvezzo’, bbisècolo/bbisègolo ‘persona alta e allampanata; persona o cosa vecchia, secolare oltre che ingombrante; arnese di legno duro o metallo usato dal calzolaio per la levigatura di suole e tacchi’, bbòbbo ‘spaventabambini’, bboccaglia ‘lacerazione agli angoli della bocca, frequente in inverno’, bbόcio ‘e io che ne so? non lo so!’, bbonvecchi ‘l’istituzione comunale dove venivano curati gli anziani senza fissa dimora e privi di mezzi’, bborzacchìno ‘taschino sul petto della giacca o del gilet’, bborzacchione ‘grasso e malfatto; lento e impacciato nei movimenti, quasi sempre con espressione imbambolata, con vestiti larghi, almeno di una taglia superiore’, bbotà ‘incartare, involgere con carta, stoffa o altro’, bbotacchio ‘pacco, involto mal fatto’, bbratìcola ‘graticola’, bbruciòtta ‘brogiotto, varietà di fico con polpa rossa e buccia spessa’, bbumba/mbumba/mbrumba ‘il bere, bevuta (termine bambinesco)’, bbuttapèrgola ‘guttaperca’, bon peso ‘aggiunta, spesso non richiesta e non sempre vantaggiosa’, cacacìci (a) ‘portare qualcuno a cavalcioni sulle spalle’, calà/sse ‘desiderare fortemente qualcosa posseduta o goduta da un’altra persona; tirare giù, scendere’, calammaro ‘calamaio’, calìma ‘scintilla’, calla ‘scaldatina’, callalessa ‘castagna bollita; grossa sberla’, calluόccio ‘calduccio’, calònica ‘canonica’, càmbora ‘camera’, cammìsa ‘camicia’, campalacàsa ‘chi contribuisce poco al bilancio familiare, ma si atteggia a finanziatore della casa’, cana ‘cagna’, cannarùlo ‘la gola che ingurgita quantità spropositate’, canòro ‘detto bonariamente di bambino sveglio e furbo’, canuccio ‘cagnolino’, caporόne (pl. caporuni) ‘temporale improvviso con acqua a fiumi’, capotonzolà ‘capitombolare’, capovotà, capovotasse ‘capovolgere, capovolgersi’, caraccio/garaccio ‘calanco’, carapistà ‘calpestare’, caròccia ‘moccio’, carpìa ‘muschio’, cartatuccia ‘cartuccia per armi giocattolo’, casamìcciola ‘grande confusione (dall’omonimo paesetto terremotato dell’Isola d’Ischia)’, casurà ‘misurare’, catarcià/’ngatarcià ‘chiudere una porta con catenacci, chiavistelli, spranghe e simm.’, cazzetta ‘calzetta’, cazzolaro ‘calzolaio’, cazzu’/gazzu’ ‘calzoni’, ccallétto (a) ‘in disparte’, ’ccallocciasse ‘stare abbracciati per riscaldarsi’, ’cciaccavanghi ‘chiunque calzi scarponi, stivalacci, galosce infangate’, cciòccio ‘maiale’, ccioccitti ‘maialetti’, ’ccippà (< appiccià) ‘accendere’, cciuì ‘capire, comprendere’, coruόglia ‘cercine’, cuoruoglià ‘spiegazzare, sgualcire, aggrovigliare, stazzonare’, ccoticchià ‘affilare lame e arnesi da taglio con la cote’, ccrilla! (pe) ‘eufemismo di bestemmia’, ccristallina! (pe) ‘eufemismo di bestemmia’, cecanuόttolo ‘mal vedente, mezzo cieco’, cèce ‘luce (termine bambinesco)’, cecolino ‘brufolo’, cégna ‘cinghia’, cèlla ‘il sesso della femmina’, cellétto (pl. cellìtti) ‘il sesso del maschio’, cémmero ‘cembalo’, cenciòtta ‘borsa floscia di stoffa o di pelle, per portare soldi spicci’, cenìco (pl. cenìchi) ‘quantità minima’, ceràsa laura ‘bacca dell’alloro’, cérca/ciérca ‘questua’, cerevèlla/cereviéllo ‘cervello’, cerneriéllo ‘setaccio, crivello’, cervone (pl. cervuni) ‘pomodori acerbi o poco maturi, da mangiare crudi, conditi con olio, sale e, se c’era, basilico’, chiedìno ‘chi chiede senza sosta’, chiòcchio ‘culo’, ciafrùni ‘scarpe sformate e grandi, di almeno un numero superiore al solito’, ciangamèrola ‘gambe mal ridotte; claudicante, sciancato, storpio’, ciaolà ‘fare ciance’, ciciamiélli ‘cianfrusaglie’, cìciola ‘terracotta, terraglia’, cico ‘poco’, ciérvo ‘acerbo’, ciésso ‘gabinetto’, ciéstra ‘cesta, canestra’, ciniciòla (’n) ‘modo di vestire incompleto, ridotto’, ciòcca ‘testa’, cioncafavi ‘persona che cammina con le gambe a falce, tanto che sembra falciare le fave’, ciorciéllo ‘raspo’, ciovettό’ (pl. ciovettuni) ‘scapolo, sciupafemmine’, ciuccà ‘l’incornare del toro, del bue, della capra; sbattere la testa; dare o ricevere una testata’, còcola/cògola ‘donna piccola e rotondetta (una pallocchetta)’, cόlemo/cormo ‘colmo’, collèro ‘cattivo odore’, colomìa ‘economia’, commannà ‘ordine impartito dalla fornaia per avviare la confezione del pane’, còmmedo ‘il pigro, il lento, il comodo’, còmmodo ‘W.C.’, communa ‘Comune’, connolà ‘cullare’, coreviéllo ‘crivello’, cornuzza ‘viticcio della vite’, cotenuto ‘corposo, robusto’, cotolaccio ‘posizione sdraiata su un fianco’, cotolasse ‘rotolarsi per terra’, crégna ‘fascio di spighe che forma i covoni’, crettà, crettasse ‘essere sul punto di crollare sotto un peso eccessivo’, crino ‘girello per bimbi’, crio ‘un niente’, cristonata ‘caduta rovinosa (come quelle di Cristo sotto la croce)’, crisuόmmolo ‘pomo aureo, frutto inesistente’, crò crò ‘appena appena’, crόmba ‘comprata’, crόndo ‘contro’, curiόlo (pl. curiuόli) ‘laccio quadrangolare di cuoio per scarponi’, cuscìle ‘cuscino, guanciale’, dannadàro ‘persona che provoca sempre danni; maldestro, sbadato’, dapettutto ‘dovunque’, de bbèr nòvo ‘di nuovo, ancora’, delìzzie ‘itterizia’, diamèlla ‘tegame, tegamino’, dindo ‘soldo’, dispenzòrio ‘responso, oracolo’, docìcchio ‘dolcetto’, dόva ‘due’, dréndo ‘dentro’, dreppìccio/treppìccio ‘avvio, slancio, abbrivo’, drucio ‘il camminare senza meta’, dungua ‘dunque’, éngica ‘esclamazione di delusione o contrarietà’, ’èspa ‘vespa’, fa’ a cagna ‘fare a cambio’, fa’ a truόcci ‘fare a pezzi’, fa’ a fuggi ‘marinare la scuola’, fa’ luόcca ‘fare la spia, rivelare’, fasse a dόghe ‘impegnarsi oltre ogni limite’, fa’/fasse da’ le còppe ‘impegnarsi fino in fondo’, falecόne/fargia/fargiό’ ‘falce a larga lama’, fallacciàno ‘grosso fico primaticcio, che matura in estate (fiorone)’, fardόna ‘donna con possenti natiche’, farinèlla ‘farina di granturco’, scafa ‘fava’, favinèlla ‘carruba’, fécheto ‘fegato; fig. coraggio’, fégna ‘soggetto furbo, senza scrupoli’, felìme ‘fuliggine’, fèo ‘brutto’, ficcafròce/ficchìno ‘ficcanaso’, fich’e mète ‘fico primaticcio che matura durante la mietitura’, fico (pl. fico e fìcora) ‘fico’, ficoruόccio ‘germoglio che cresce ai piedi della pianta madre del fico’, figliàno ‘figlioccio, chi è stato tenuto a battesimo o alla cresima dalla comare o dal compare’, fischione (pl. fischiuni) ‘germoglio che cresce alla base dell’albero’, fìuci ‘felce’, flappa ‘sputo catarroso’, flòbberte ‘carabina ad aria compressa (inventata dall’armaiolo francese Flobert)’, focarizzo ‘tipo che prende subito fuoco, attaccabrighe’, focolìno ‘focatico, imposta d’origine medievale’, fόngo (pl. funghi) ‘fungo’, fonnaccétto ‘intingolo rimasto nel fondo del piatto, scarpetta’, fonniélli ‘toppe semicircolari applicate sul retrofondo dei pantaloni’, formàle ‘fontanile, lavatoio pubblico’, formèlla ‘cunetta, solco più o meno lungo scavato per lo scolo delle acque piovane o di innaffiamento’, formìcola ‘formica’, frascatàni ‘vento gelido che annuncia l’arrivo dell’inverno’, freddolìcci ‘pelle d’oca’, freghettà ‘armeggiare in modo disordinato; cercare frettolosamente’, frélle/fresche ‘paturnie, nervosismo’, fréllecà ‘piovigginare’, fréngica ‘caspita’, frequènde ‘fregato’, frève ‘febbre’, frézza ‘fionda’, fùbbale ‘foot ball’, fumàri ‘spazzacamini’, fuméndo (pl. fumindi) ‘suffumigi, aerosol’, furuni furuni ‘quatto quatto’, gama ‘pula o resta’, ggéuzzi ‘gelso moro’, ghènghene ‘il notevole fondo-schiena di chi ha fortuna nel gioco’, ghiàvoli ‘diavolo’, giubbidòmmini ‘cappotto, palandrana di più taglie superiori’, gnàccolo ‘grosso cappio di corda pesante per tenere la soma salda al basto’, gnagna ‘pappa’, ’gnòstro ‘inchiostro’, gràndola ‘ghiandola’, gricilìna ‘glicerina’, grugnalina ‘varietà di ciliegia dalla polpa soda, saporosa e asprigna’, grugnòla ‘vescicola di sangue tumefatto’, guagliόsa ‘situazione che minaccia guai’, guardamàcchia ‘gambiere indossate dai pecorai, costituite da velli di pecora o di cuoio’, i ’n gico!/i puό ‘ma guarda un po’!’, imbràga ‘recalcitrare al lavoro o interromperlo spesso per paura della fatica’, inèstra ‘ginestra’, innòtte ‘questa notte’, iòzza/jòzza ‘brodaglia, sbobba’, ’ìpera ‘vipera’, làbbero (pl. làbbera) ‘labbro’, lamàta ‘nugolo di uccelli, stormo di aerei’, làstico/làstruico ‘elastico’, làvero ‘lauro’, lavanzàle ‘davanzale’, lé…é…é ‘férmatevi asini, cavalli, muli!’, leccammerdό ‘luogo inesistente (era la risposta evasiva a chi domandava indiscretamente: ’N dό va’?), legaccia ‘fettuccia elastica per fissare le calze alle cosce’, leggéra/liggéra ‘banda di teppisti’, léna, leno ‘legna da ardere, legno’, lèpere (pl. liéperi) ‘lepre’, lìmito ‘confine (costituito solitamente da un muricciolo a secco)’, lingiéstra ‘lucertola’, lipp’ e neve ‘fiocchi di neve’, ’llambà ‘avvampare’, ’llappà ‘sedurre, irretire’, ’llecconì ‘ammaliare, sedurre’, ’llippasse ‘agghindarsi’, lòja ‘balcone, loggetta’, lόpa, lόpe ‘lupa, lupo’, lopemanàro ‘licantropo’, luccicapénna ‘lucciola’, luόcca ‘chioccia’, maccaronòtto ‘babbeo, credulone’, maddemà ‘stamattina’, magliuoccùto ‘pane o pizza mal lievitati o mal cotti; fig. persona melensa, quasi indigesta’, manicciòla/manciòla ‘mano mal ridotta da un incidente o difettosa dalla nascita’, manicùto ‘canestro, cesto’, mariapelosa ‘bruco, cavolaia, processionaria’, marmerizzato ‘sapone da bucato dall’aspetto di marmo multicolore’, màrtora ‘madia’, maruàno ‘straniero, cafone, villano’, marvόne ‘sciocco, conservatore, ingenuo’, masséra ‘stasera’, mastrìglia ‘maestria’, mazzarèlla ‘mazzetto di ciliegie legate ai piccioli’, mazzariéllo ‘martello di legno per battere sul tagliere’, ’mballonì ‘far maturare i fichi non naturalmente ma a forza di tastarli’, ’mbeschettà/’mpeschettà ‘giocare sciacquettando nell’acqua’, ’mbrellessà ‘bollire nell’acqua, senza cuocere’, ’mbroènza ‘influenza, febbriciattola’, ’mbrόna ‘sull’orlo di un tavolo, di una sedia… sul punto di cadere’, mècchia ‘escremento molliccio’, melònzio ‘allocco, furbastro’, menagàbbo ‘scrupolo, esorcismo’, mèrola ‘merla; gamba poco efficiente’, mèsa/miésa ‘metà, mezza’, meschiére ‘mestiere’, micciariéllo ‘fiammifero di legno, miccetta, candeletta di zolfo, zolfanello’, mignògna ‘moina, smanceria’, mittimùsse ‘non sa di niente!, non ha sapore!’, ’mmazzatiélli ‘piccoli ma birbanti’, ’mméce ‘nvece’, ’mmèmme ‘verme, bruco (termine bambinesco)’, ’mmìdia ‘invidia’, ’moccà ‘imboccare’, ’mmostatura ‘l’imbrattare i visi schiacciando grappoli d’uva e terra’, mojàta ‘escremento solido enorme’, monnolà ‘in un forno, passare uno straccio bagnato, legato al vertice di una pertica, per attenuare il calore della brace ed evitare l’avvamparsi dell’infornato’, mòpa ‘intontimento, sonnolenza, apatia, l’essere assente’, mόra/mόrzera ‘grossa pietra’, moràle/muràle ‘travetto di legno usato per le piccole impalcature’, morzellétto ‘stampo in legno per biscotti; piccola morsa per falegnami, stagnari, fabbri, maniscalchi…’, mozzétta ‘coltellino con la punta squadrata’, musagliόne ‘faccione immusonito’, musaico ‘faccia inespressiva, come un pezzo da museo’, mùzzico reconosciuto ‘pranzo o cena per un fidanzamento ufficiale, riconosciuto dalle famiglie dei promessi sposi’, ’ndremendre ‘intanto’, ’nderlìna ‘pallina di terracotta di colori vivaci, molto rimbalzante; fig. scattante, pimpante come le palline di vetro che pressavano la gassosa’, ’ndrècchete ‘debole, gracile che non si regge in piedi, non sta in equilibrio, cascante’, ’ndreccòcese ‘l’opposto di scuocersi, incrudirsi; poco resistente, molliccio ma non tanto’, ’ndrèppete ‘interprete’, ’ndreppìccio ‘darsi l’avvio, incominciare a percorrere una strada’, ’ndrocchia ‘prostituta’, ’nduzzicà/’ntuzzicà ‘minacciare, mettere in guardia qualcuno che non avrà buona accoglienza, bensì botte’, néccia/o ‘macilenta/o, magra/o, mingherlina/o…’, nèce ‘grande fame; forte raffreddore’, ’nfelice ‘chi ha un difetto fisico, un handicap’, ’nguccasse ‘piegarsi sulle ginocchia quasi a sedersi sui calcagni’, ni’ (Nino, còso, cuόso) ‘richiamo allocutivo a una persona di cui non si ricorda il nome’, nizzolà, nìzzolo ‘zirlo, verso del tordo’, ’nnaccquatrì ‘intridere d’acqua’, nnadicchiòla ‘chiavistello in legno’, nnasconnà/sse ‘nascondere, nascondersi’, ’nna viéttene ‘andirivieni’, nnecciasse ‘dimagrirsi’, nnecìto ‘irresponsabile, rimbambito’, ’nuccà ‘tramortire colpendo alla nuca’, nucciolàta ‘passaggio lento dalla veglia al sonno, assopimento’, nuόttola ‘nòttola; piccolo catenaccio’, ’nvergiàsse ‘sedersi, rannicchiarsi, raggomitolarsi’, ’nvόnne/se (p.p. ’nvόsso) ‘bagnare, bagnarsi’, ’nzardà/sse ‘azzardare, azzardarsi’, ’nzenàta ‘quantità di cose contenibile tra le braccia’, ’nzeppolàsse ‘ungersi’, ’nzolecàsse ‘sdraiarsi sulla morbida terra’, ’nzuglià ‘mescolare porcherie; imbrogliare’, ’nzuglione ‘imbroglione’, òbbico ‘anello in ferro per legarvi ogni tipo di cavezza’, ’occapiérta/’occupiérta ‘ingenuone; pettegolo; spione’, ’occh’ ’e frégna ‘lamentoso, piagnucoloso’, ’occh’ ’e ciavatta ‘schifiltoso’, òcchia puό!/òcchia ’n gico! ‘invito ad osservare con attenzione’, ogliaràro ‘venditore di olio’, òglio ‘olio’, όlemo/όrmo (pl. ùlimi/ùrmi) ‘olmo’, òme (pl. òmmeni/uόmmeni) ‘uomo’, όne!/ène! ‘risposte un po’ seccate a richiami troppo insistenti’, òpera ‘braccianti giornalieri o stagionali’, oràro ‘mercanti in preziosi’, orlétto/culétto ‘orlo della pagnotta di pane; fig. persona fortunata’, orzàitte (< off side) ‘fuori gioco’, òschia ‘ostia’, ossequio ‘esequie’, òsso pezzéllo ‘malleolo’, όtreca ‘otre’, ottìna ‘orcio’, pa’ ‘pane’, pacchè ‘persona calma, paciosa, pigra’, pacchiarìna ‘neve molle, che si scioglie’, pacchiaròtto ‘scansafatiche, pigro’, palle ’llumate e ruzze ‘palle dell’albero di Natale, il niente’, panàcca ‘cinquina, sberla’, pangiàcchere ‘cuscinetti adiposi’, panzétte ‘cuscinetti adiposi’, papàmbero ‘papavero’, paràdisse ‘paralisi’, parasècolo ‘oggetto enorme spesso inutile; fig. persona grande e grossa e frescona’, parmellàta ‘marmellata’, parpaglione ‘ceffone, pugno, sberla’, pàrtone/patrongìno ‘cappotto, soprabito’, pàsema ‘respirazione faticosa’, pasta cromba ‘pasta industriale’, pasticà ‘masticare’, pastìna ‘pasticca, pillola’, pe’ ccrilla ‘eufemismo di bestemmia’, peciό/peciόne (pl. peciùni) ‘ciabattino arruffone; persona disordinata, imprecisa, senza qualità’, pèco ‘gregge’, pèch’ ’e san Giuànni ‘coccinella’, pedapedagne ‘ippocastano d’India (guarisce la tosse dei cavalli)’, pèdeca (pl. pèdeche) ‘piedi di grandi dimensioni e malformati’, pedecìno ‘quantità residua del contenuto totale di un sacco di farina, grano, granturco, noci, patate…’, pedecόna ‘donna dalle gambe forti ma tornite’, pedecòzza ‘il fusto del granturco rimasto dopo il raccolto dei tutoli’, pedecuccio ‘picciolo’, peggiό’ (pl. peggiùni) ‘pigione, affitto’, pelanìccio ‘macilento, magro dai capelli rossicci’, pellécchia/pelléccia ‘frutta seccata al sole o al forno’, pelliccétto ‘crivello a mano’, pénna ‘vanga’, peperélle ‘bacche del sambuco (per rafforzare il colore del vino rosso)’, pergolése ‘vitigno coltivato sulle pergolate’, per u’ ‘per ognuno’, pescòla ‘piccola o media quantità di liquido caduta dai panni stesi; piccola pozzanghera’, petécchie ‘cose di poco conto e valore’, pettenìcchia ‘ragazzina tutto pepe e pettegola’, pettorìna ‘strada in ripida salita’, pezzuόlo ‘cane ridotto pelle ed ossa; fig. persona male in arnese’, pezzùta/o ‘persona caparbia, puntigliosa, testarda’, piagnamméssa ‘lamentoso, piagnucolone’, picchiéro ‘bicchiere’, piccolà ‘stramazzare al suolo come una trottola’, pièrzica ‘pesca’, pigliangùlo ‘spregiudicato, fino alla disonestà’, pilàccio (a) ‘suono plumbeo come quello prodotto da una pentola di terracotta o una moneta d’argento falsa’, piluόzzo ‘truogolo’, pìmbeno ‘castagna poco sviluppata’, pìnneri ‘penne d’uccello’, pipo (pl. pipi) ‘termine generico per indicare un animaletto’, pisìcchio ‘sesso dei ragazzini’, pizzangrillo ‘ragazzo esile e svelto’, pòbbrema ‘problema’, pόce (pl. puci) ‘pulce’, pόllere/porvere ‘polvere’, pόnta ‘piccola stormo di uccelli in volo’, porchitti ‘vomito’, portappollastri ‘mezzana, ruffiano (ambasciatori che portano… penne di pollastro)’, pόrzo (pl. pόrzera) ‘polso’, postèma ‘rigonfiamento gengivale per ascesso; oppressione allo stomaco’, ppannecàto ‘brutto’, ppennà/sse ‘scrivere, annotarsi’, ppèppe (lo) ‘il caffellatte (così chiamato dai bambini e dalle mamme)’, ppoppò (lo) ‘automobile e altri giocattoli a carica (termine bambinesco)’, ’ppronàsse ‘prostrarsi, sottomettersi’, ppruccio (lo) ‘ogni tipo di cavalcatura (termine bambinesco)’, precissiό/predissiό ‘processione’, prèda (’n) ‘lasciare un terreno agricolo incolto’, premùtico ‘primaticcio’, prìvito ‘esclusivo, proprietà senza vincoli, fondo agricolo senza servitù o obblighi verso terzi’, prόna (’n) ‘in pizzo, sull’orlo’, pròpo ‘proprio’, pulle (mannà alle) ‘mandare via qualcuno dal tavolo da gioco senza più un soldo (da Puglia ‘dotazione di fishes dei giocatori di poker’), punziό ‘pensione’, quacquerina ‘poltiglia formata dalla neve sciolta’, quaglia ferma ‘escremento solido’, quagliosa ‘situazione ingarbugliata, pericolosa o rischiosa’, quèquero ‘guercio, orbo, cieco o portatore di occhiali spessi’, raccio (pl. raccia) ‘braccio’, ràdica gialla ‘carota’, ràmicio ‘gracile, macilento, racchio’, ramistèlla ‘rametti stracarichi di albicocche, ciliegie, pesche, prugne’, rebbelà ‘dissotterrare’, rebbodà ‘perdere tempo; raggirare; incartare di nuovo’, redàlli! ‘perché insisti?’, ’régheno ‘origano’, rempannuccià/sse ‘rimediare in caso di non disponibilità di beni’, rempellà/sse ‘recuperare parte o tutta la perdita del gioco’, remeddià/remegghià ‘rimediare, racimolare’, remmerzà/sse ‘accorciare vestiti; rimboccare i lembi delle coperte e lenzuoli sotto il materasso’, remmità ‘reinvitare’, remmoccà/sse ‘rovesciare, rovesciarsi’, remόre ‘rumore’, rendortomiccià/sse ‘intricare, intricarsi; rannicchiarsi, raggomitolarsi, avvilupparsi in modo quasi inestricabile’, rengolefà/sse rigonfiarsi come il pane raffermo o secco immerso in liquidi caldi’, reoccόgno (pl. reoccugni) ‘persona scostante, burbera, presuntuosa, antipatica’, reppecernà/sse ‘fare pace fra coniugi, fidanzati e amanti’, resconzabbilità ‘responsabilità’, retrìbbio ‘rammendo mal fatto’, retrucchià/sse ‘cozzare, scontrarsi’, reuόtto ‘rumorosa emissione d’aria dallo stomaco via bocca’, rezzollà ‘avvicinare le zolle di terra ai piedi delle piante per rinforzarne la base’, riaùta ‘rivincita’, rìciolo ‘briciola’, ridonòbbile ‘automobile’, rìggine ‘ricino’, rimbarzùni ‘muoversi, correre rimbalzando, saltellando’, rinzòla/rizzòla ‘lenzuola’, Ripiscì’/Ripiscitto ‘personaggio emblematico della mingherlinità’, robbettòla ‘cose di poco conto, senza valore’, rocchià ‘percorrere una scorciatoia’, romìco (pl. romìchi) ‘mòra’, roncétta ‘roncola’, rubbacchiuόlo ‘ladruncolo’, rucià ‘guardare con occhi truci, irati, torvi’, rufolà ‘russare’, rùfola ‘forfora’, rùmico ‘umido’, ruschià/sse (da ruschio ‘pungitopo’) ‘graffiare, graffiarsi’, ruzzulendo ‘arrugginito’, saccio muto io ‘non ne so proprio niente, io’, sagnolone/sagnolotto ‘babbeo’, salà ‘rifilare una fregatura; far rimanere di stucco’, sarapìca ‘donna grifagna, arpia’, sàuce (che ppiagne) ‘salice piangente’, sbodà ‘scartare, aprire un involto’, sbollazzà/sciacquarià ‘movimento del liquido all’interno di un recipiente inadeguato o di poco liquido in un grosso recipiente’, sbrònghese ‘capo di vestiario allentato’, sbuciacùli ‘infermiere’, scacchio ‘passo effettuato con eccessiva divaricazione delle gambe’, scacerenàsse ‘sbriciolarsi, sgretolarsi come un vecchio muro’, scafaròtti ‘scarpacce deformate, sfondate’, scambognùno ‘Dio ci scampi!’, scanaglià ‘scandagliare, cercare in modo sbrigativo’, scapocelàtro ‘scapestrato, senza testa’, scapolà ‘superare un ostacolo, una situazione difficile, pericolosa’, scappuccià ‘inciampare’, scaranfànvero ‘mostro immaginario, orco spaventabambini’, scardafascio ‘catafascio, disastro’, scarlèffe ‘calesse; veicolo ridotto in ferraglia cigolante’, scellàsse ‘procurarsi strappi muscolari alle ascelle per l’eccessivo lavoro di mani e braccia’, scénda ‘discesa’, scendόne ‘veste lunga che scende quasi a terra svolazzando’, scendongiéllo ‘piccolo svolazzo’, scengià ‘maltrattare, sciupare’, scenicà/sse ‘sbriciolare, sbriciolarsi’, scenicariéllo ‘che si sbriciola’, schiama ‘schiuma’, schiazza ‘scaglia di sapone’, schizzagnocchi ‘svelto (come gli gnocchi che saltellano nel caldaio che bolle)’, sciamannόne ‘disordinato, confusionario’, sciambicà ‘zoppicare’, sciangarangà ‘malanno che costringe una persona a starsene a letto’, sciésa ‘taglio della boscaglia’, sciuccà/ssuccà/sciuttà (p.p. sciucco) ‘asciugare’, sciuèrta ‘donna brutta, mal ridotta, vestita di stracci’, sciuluόgnolo/sciuloso ‘scivoloso’, sciupo (lo) ‘paghetta domenicale (che veniva concessa quasi esclusivamente a chi portava a casa tutta la settimana; poteva essere sciupata, ma con parsimonia, durante il giorno festivo)’, sciuscità ‘rovistare mettendo tutto in disordine’, scocciapignata ‘ciclamino’, scopettà/sse ‘driblare’, scoppà/sse ‘distacco della tomaia’, scoppolassà/sse ‘procurarsi una spellatura ai polpastrelli’, scόrta/o/e/scurti ‘finita/o/e/i’, scortellùzzo ‘ritaglio, rimasuglio’, scottolà ‘passare velocemente alla brace’, scrià/sse ‘diventare pelle e ossa, languire’, scricchignoso ‘schizzinoso’, scrizzà ‘schizza’, scroccà/sse ‘il rovinare a terra di strutture; ottenere cose a spese d’altri’, scroppià ‘scoppiare, crepare’, scroppione ‘scorpione’, sculazzotto ‘giovane fisicamente maturo con l’espressione di un bambino, ma intellettualmente poco dotato’, scurià ‘fare peti’, sdeluffàsse ‘sfiancarsi’, sdemétte ‘mettere a soqquadro’, sderuzzà/sse ‘dirozzare, dirozzarsi’, sdozzà ‘barcollare, dondolare’, sdramicciόna/e ‘disordinata/o, sciatta/o’, sdrusolìna/o ‘esile, di piccola statura ed agile’, sebbenànghe ‘sebbene, benché’, seccagnoso ‘arido, asciutto; legnoso, senza polpa, segaligno’, seccattìva ‘siccità’, semmolone ‘semola a grani grossi’, sènnero (pl. siénneri) ‘sedano’, seppόrghero ‘sepolcro’, séta ‘setaccio’, sfelimà/sse ‘rimozione dal proprio naso di muco e altro…; arte dello spazzacamino’, sfiluppìno ‘gracile, magro, sottile’, sfongà/sse ‘soffiare, soffiarsi forte il naso’, sfraolà/sfrauglià/sse ‘dare i numeri, non seguire il senso logico di un discorso; perdere pezzi, spampanarsi’, sfresùra ‘fessura; finestra o porta non chiuse bene, che lasciano passare spifferi; piccoli sprazzi di sole, di luce’, sgargamèlla ‘sberla’, sgargioso ‘vestito con colori sgargianti’, sgricià/sse ‘graffiare, graffiarsi’, sgricio ‘graffio’, sgrimà ‘discriminare, dividere’, sièrta ‘traccia di agli, cipolle…’, signorine ‘caramelle mou; pop corn’, slècca/slèppa ‘fetta di pane lunga e larga, tagliata lungo il diametro di una grossa pagnotta’, smerόgne (p.p. smerόndo) ‘impiastrare di unto indumenti e oggetti’, sόle ‘solo, soltanto’, sόreca (pl. sόreche) ‘pantegana’, sόrece (pl. sùreci) ‘sorcio’, sorécchio ‘roncola’, soriéllo (lo) ‘grosso mestolo di rame, con il quale si attingeva l’acqua per ogni necessità’, spappafacioli ‘persona che quando parla sembra avere in bocca una piena di fagioli bollenti’, sparàcio ‘asparago’, sparàto ‘fiammifero acceso e spento; fig. persona magra, segaligna’, spartirèlle ‘spartizione equa’, spedàsse/spedecàsse ‘percorrere a piedi tanta di quella strada da sentirsi le estremità come consumate’, sperolìsse ‘ridursi al lumicino’, speruglià ‘eliminare dai grappoli d’uva gli acini guasti, secchi o immaturi’, spilà/sse ‘sturare, sturarsi le orecchie’, spozzà/sse ‘lo svanire del frizzante nelle bevande gassose’, spreciuttàsse ‘affaticarsi per lavori che richiedono il movimento dei glutei’, sprussia ‘frutta eccessivamente matura’, spurà/sse ‘spremere, spremersi un foruncolo’, spuzzo ‘oggetto o moneta di poco o di nessun valore, un niente’, squalleràto ‘un essere squallido, rozzo, sudicio’, ssajà ‘assaggiare’, ssemà ‘scemare’, steréllo ‘recinto con alta rete metallica per il pollame e i conigli’, stignà ‘far desistere qualcuno dalla sua ostinazione’, stramà/sse ‘rapido asciugarsi della biancheria in presenza di forte vento’, streppongiéllo ‘zappetta per cavare le canne’, strinà ‘bruciacchiare polli e uccelli per eliminare le piumette residuate dalla spennatura’, strovì/sse ‘istruire, istruirsi’, strozzacavalli ‘prugna di grosse dimensioni’, stugghià ‘studiare’, stugghio ‘studio’, suattόna ‘donna dalle forma pronunciate, provocanti; sberla’, suόrva ‘sorba’, susta ‘molla per smuovere un pigro; stanghette degli occhiali’, svagolà ‘staccare gli acini dell’uva dal grappolo’, svincà ‘barcollare’, tàccola ‘persona che chiacchiera inarrestabilmente, petulante’, tafanàro ‘la parte dei bovini che viene più punta; il sedere di chi ha tanta fortuna’, taratùfolo ‘tartufo’, tàrolo ‘tarlo’, tascio ‘tasso’, tiénnero ‘tenero’, terenòsse (piove a) ‘nubifragio’, tetto (pl. téttera/titti) ‘tetto’, tindàngola ‘altalena’, tindèlla ‘tellina’, tόfo ‘tufo; fig. persona greve, rozza, ignorante’, tόnto ‘rapato’, tordinόne ‘distrattone, tontolone; cocciuto’, torzòtto ‘frate laico; tontolone’, trambullàno ‘grosso recipiente di latta parallelepipedo con manico, molto usato durante la vendemmia per contenere l’uva raccolta e poi versarla nei tini, nelle botti ecc.; persona dal fisico abbondante e barcollante’, tramòggia ‘persona di enorme appetito, che ingoia come un macinino da caffè’, treàto ‘teatro’, tricà/sse ‘ritardare, perdersi via, perdere tempo, gingillarsi’, tristo ‘solletico; perfido, triste’, truόccio (pl. truόcci) ‘pezzo’, ’ttacconìto ‘cibo riscaldato, anche leggermente attaccato al tegame’, ttòtto (lo) ‘cane (termine bambinesco)’, umà/usumà ‘trasudare’, ùpica ‘upupa’, uzzo ‘abile, agile, vigile, attento’, vàlleno ‘castagna lessa; forte esplosione; sberla’, varniéllo ‘gonna a pieghe larghe, sulla quale si metteva uno zinale munito di due tasche a toppa’, vattavόne ‘fossa profonda; burrone, vallone’, vendìno ‘moneta da 4 soldi o 20 centesimi di lira (detta anche nichelino)’, vennegnà ‘vendemmiare’, vèrta ‘bisaccia’, vettìna ‘orcio per olio e vino’, viàjo (pl. viài) ‘viaggio’, viazzuòlo ‘stradello, viottolo’, viénnero ‘genero’, vitarèlla ‘sottoveste di lana cruda, pesante, lavorata a mano (la indossavano anche i maschi per proteggersi dal freddo)’, votaciélo ‘capogiro’, zzafrollà ‘borbottare delle pentole dove sta per bollire un liquido’, zzamparìca ‘cavalletta’, zzampétto (pl. zzampitti) ‘meticcio; parvenu’, zzappo ‘maschio della pecora; persona ignorante, analfabeta, greve e… pecoreccia’, zzaravagli ‘catasta di cose diverse; discarica’, zzàuzza ‘tipo di fico dal colore blu scuro, polpa semosa e pizzicante’, zzazzicchia ‘salsiccia’, ’zzeccà ‘salire, montare; indovinare’, zzéppola ‘macchia di unto’, zzeppòtto ‘succo ottenuto dalla prima pigiatura dell’uva quando ancora la fermentazione non è completata’, zzerélle ‘testicoli’, zzérole (i alle) ‘terminare un gioco perdendo tutto’, zzé zzè ‘invito a sedersi rivolto a bambini, vecchi e malati’, zzicchià ‘lo scalciare dei quadrupedi’, zzico ‘piccolo’, zollà ‘reprimere in modo energico; ricoprire con zolle erbose o di letame’, zuffi ‘la frutta secca che i bambini, muniti di una sporta o di un fazzolettone a quadri, andavano a chiedere in dono a parenti, amici e conoscenti, prima del Capodanno’, zzunna (e lla) ‘che noia! ora basta! mi avete stufato!’, zuzzumaglia ‘marmaglia, gentaglia’.

 

 
2. I proverbi e i modi di dire
Nel libro già citato Una città viva nel tempo, nel cap. VII, pp. 281 e ss., sono registrati oltre un centinaio di proverbi di Palestrina, suddivisi in capitoli per argomento (Il calendario e l’annata agricola; arte e mestieri; agenti atmosferici e previsione del tempo; filosofia popolare; proverbi scherzosi). Tra questi ultimi ecco una spigolatura: Femmene e nuci nun se ponno tenè nascusi. Beata chella casa ’ndo ce stà na chirica rasa. Pettine e culo ’n se ’mpresta a niciuno. Chi se sparagna la muoglie allo lietto, l’ari se sse la fregheno pe’ lle fratti. La peco fa lo figlio e allo zappo ce ’ngenne lo culo.
Tra i modi di dire segnaliamo (op. cit. p. 257-258): Mettese la via ’n treppiccio (Mettersi in cammino); Fa li scuridi (Mettere tutto a soqquadro); Perde luocca e ciovetta (Perdere tutto); Tenè ’n saccoccia la stera (Essere villano. La stera è il raschietto per pulire la vanga); Sentì l’erba de nasce Essere superattenti); I ’n drucio (Andare in giro, a combinare danni); I a ranina (Andare a rubare in campagna. Facendo danni come la grandine); Rebbotasse (Perdere tempo girovagando in maniera inconcludente).
Dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, ecco alcuni proverbi e modi di dire
A ccasa de poràcci nu’ mmàngheno tozzàcci; A cchi tòcca ’n ze ’ngrugna; Acqua, fuόco e pa’, ’n ze nèga mango allo ca’; A ’Gnissàndi, pàrtone e guandi; Agosto, capo d’immèrno; Ahi ’mbe ttè, st’a bbadà co’ ttì; Alla prima acqua d’agosto, pia lo pàrtone ’ndo’ lo si’ repuόsto; Alla vigna de zzio mio, se ’n gi sta isso ci stò io; Alli cingue d’abbrile lo cuccùlo tè da venì, se ppe’ lli trìdici nunn’è ’rivato, tutto l’anno sarà ’nguaiato; Alli giùveni ’n goccétto, alli viécchi ’n picchierètto; A mmagnà e a bbiastemà tutt’è a ’ngomenzà!… ma è miéglio raggionà!; A mmagnà chi magna, magna ma le bbéte a pparo; Abbrile ’n de svestì, maggio vacce adàcio, giugno tutto ’n pugno; A cchillo comme ce recàcceno?; Acqua passata nu’ mmàcina più; Aquilone e tramondàna, sò du’ figli de puttana; A Ssanda Teressìna se seménda alla collina; Bbeàto chillo muorto che de vennardi s’è mmuorto, de sàbbito fu portàto, de dominica fu bbelàto; Bbefàna mia, befàna, colla vèsta de tarlatàna, colle scarpi color de ròsa, ètteme, ètteme quàrche ccòsa!; Bbè fa la pèco e llo lόpe se Ila magna; Bbèlla, che ’n Paradiso cé puzzi; Bboni sòrdi! Aro che stugghià, ce li potèmmo magnà… ccosì uménta la gnoranzità; Lo bbujaccàro, la bbujàcca la fa ma ’n zè Ila magna; Bòtta frédda, reazziό calla; C’è remàsta ggiùsto la pilùcci’ ’ella còlla; Cagnà l’acqua alle ’live…; Camminà a ppecorùni, obbediscènno alli padrùni…; Capilli e gguài nu’ mmàngheno mmai; Casa nnasconna, nu’ rubba; Ce lo saperémo aredì, bbèllo mio; Ce saperém’ arevedé:… dommài; Ce si’ ddata ’na bbèlla ssemàta, eh; Ce si’ ttrovàto lo padrone, èèh?; Ce sò remàsti li scortellùzzi; Ce tè da venì’ lo mése…; Ce vederémo pé’ lla réfrescàta; Ce vò’ ’n zòrdo pé’ ffallo ’ngomenzà e ’na lira pe’ ffallo sta’ zzitto; Ce vònno de Fuligno li fumari, ce vònno della Rocca de Cave li somàri; Che cc’è de bèr nòvo?; Che ha paùra che se refrédda la ’nzalàta?; Che te ccià ’cchiappàto lo padrό’?; Che ttié le mani de ricòtta?; Chéllo che ne vè’, ne vè’; Che spiétti che divènda ’ino?; Chéssa, ’n dό’ la si’ rèmegghiàta?; Chésse ’n zò’ ciànghe da stuàli; Che spettéte la canéstra? Mό’ rìva: camba cavàllo…; Chi a ccasa téa nu’ vè, a ccasa séa nun de cce vò; Chi all’ari fa sperànza, tticche e ttacche ce fa la panza; Chi arza culo pèrde pòsto; Chi bbéve pòco, bbéve sèmbre; Chi capisce patisce, chi nun capisce ’n tenéa da nasce…; Chi da gallina nasce, gna cche ruspa; Chi è svérda se spusa, chi è ttonta remàne zzitèlla; Chi ggira lécca, chi sta a ccasa se sécca; Chi ha sturàto la boccétta?; Congolona, congolina chi l’ha fatta la sènde pé’ pprlma; Chi ibbi fòco, cambà, chi ibbi lo pa’, se morì! È mieglio pa’ e ffòco; Chi lassa la via viécchia pé’ lla nòva, sa chello che llassa ma nò chello che ttròva; Chi me battézza, m’è combàre; Chi mòre giace, chi càmba se dà pace; Chi nun ze fida è marfidàto, chi se fida remàne fregàto; Chi pèco se fà, lo lόpe se Ilo magna; Chi rombe paga e lli cuόcci so’ Iii sii; Chi se rizza primo se vèste; Chi tè la rόgna se la ratta; Chi tè ’na spina ’gna sse lla càccia; Chi va a mércato e va pé’ vedé, va co’ ’nna ,péna e revè co’ ttre; Chi vennégna a lluna calànde, fa lo vino bbòno e costànde; Chi vò’ Cristo se llo prega; Chillo’n de pò’ scèrne; Chillo è ffégna; Chissi sò’ cchilli che pònno; Chisso fa le cuόse pé’ ddispiétto; Chisso magna che tte fa’ngacchià le mani; Chisso nun za mango miésa Méssa; Chisso se magnerìa ’sto monno e chillàro; Cόmme te mitti de nome? E cchisso ’mméce cόmme fa de nome? Me credésse ch’erèste ’nònimi; Conùsci sol’ ’e llo Ddio Quadrino, si’ ammazzàto tu, li sòrdi e cchi ne tè troppi e ll’ha fatti senza ’ntoppi; Così te fa’ scropì tutti l’ardarini, ’occa de sagna!; Cό’ tti ce vò’ ’n’anima a pparte; Cό’ tti ’n ge sse pija patta; Conziglio de vόlepa, stragge de caìne; Cristiano, mercante e puόrco se conosce da muόrto; Cristo manna lo freddo seconno li panni; Cuόrpo satόllo nun crede a ddijuno; Curi corènno, bettùni cogliènno, curi curùni, cogliènno bbettùni…; Chi se condènda gòde, ma a i annanzi ’n de lo fa rode; Dà de piccio; Dacce corda; Dacce de sdegno; Dacce filo; Dacce la guazza; Dacce retta; D’agosto ppiù ppiòe, ppiù cresce lo mosto; Dalle profonde gròtte, la bbefana vè de notte, ma se arcun se mòve, cammina artrove; Dallo capo ne vè la tigna, dalli piédi l’infermità; Dalla fico ce nasce sόle che llo ficoruόccio; Damme quattro sòrdi de ricotta e sbattemélla qui!; Dàmmeli che mme lli magno!; Dàmmene ’n pezzo, ’n pò’ e n’aro tandino!; De Sanda Caterina, acqua, neve u strina; De Sand’Agnese, la lingiéstra alla maggése; Ddi’ ne scamp’e llibberi!; Dio nun paga tutti li ggiorni, ma lo sàbbito niciùno ce ’vanza gnènde; Dio nun ppeggio; Divìiigge: fatte lo pa’!; Dόa sò’ le bbèlle vedute: l’òmmeni scazzi e le femmene nnude; E a mmi me cce tòcc’a i’ pé’ lle piste; “E apprésso?” “Petate coll’allésso!” “Te pare puόco…?”; E cche ce pìi co’ chisso!; È ffenìt’all’àrbori pezzùti; È ’n gich’ ’e gnende; È ccomme Picchiuà, u la vénge u la vò’ ’mbattà; È mmiéglio ’ddorà de vino che puzzà d’acqua sanda; È mmiéglio fa’ ’mmidia che ppietà; È mmiéglio i’ alla vigna quanno piove che ggioc’a bbrìscola e ffa’ 59; È mmiéglio ’na cattiva mesata che ’na bbona ggiornata; È mmiéglio ’n tristo marito, che ’n bon frate; È passato l’angiolo e ha detto àmmene; È remasto alla bbotta; È ssonata l’anima spirande; È ssonata l’Ave Mmaria; È ssonato matutino; È ssonat’a mmuόrto; È ssonata ’n’or’ ’e notte; È stuόrto comme la vi’ ’e Cave; È ttuόsto comme ’nna picàccia; Eh, lla cianga!; Eh, Ila zzunna!; E ssό cich’ e gnènde lo lassi pè’ sséme?; Èsso che ’riveno li frascatàni; Èsso fortùne; Èsso ’Ndréa che ppòrta lo pésce; Ettàsse a Ssanta Nèga; Fa’ a ccagna; Fa’ a spacca piccolo; Fa’ la ciérca…; Fa’ le cuόse a ffùrmeni; Fa’ le cuόse alla zanfasò; Fa’ le pòste; Fa’ luòcca; Fa’ male e ppènzece, fa bbè e scòrdete!; Fa’ όrmo; Fa’ pari e patta!; Fasse cόmme ogliaràri; Fatte dà’ ’n truόno; Fatte résci lo fiàto, fréghete!; Febbràro, cùrto e amaro; Febbràro, febbrarétto curto e maledétto; Febbràro nòtt’ e ggiorno paro; Ficémo a ficca’ ggiùsto; Gennaro, gennaròlo, ’gni trista gallina féta l’òvo; Gennàro zzappatore, Febbràro potatore, Marzo bbroccolàro, Abbrile cerasàro, Màggio florellàro, Ggiùgno fruttaruόlo, Lùglio agrestàro, Agosto piersicàro, Settèmbere ficàro, Ottόbbere mmostàro, Novèmbere vinàro, Dicèmbere favàro; Ggesù, Ggesù me si’ ffregàto ’na vòta, nun mme frighi ppiù; Ggira ppiù de ’n zòrdo farzo; Ggiùgno, la .farge ’n mmani e la ceràsa ’n pugno; Gnà tte lo fa’ bbasté; ’Gni ccuόsa a ttiémbo sio; Ha dato fòre fiùme?; Ha dato lo taramòto; Hanno fatto u’ ’cciaccapisto; I a mmessùrdima; I a mmétte li prèzzi allo mercàto; I a rànina; I a régghiéde; I alla ’Conia; I alla Funziό’; I allo Mése Mariàno; I alla Novèn’ ’e Natàle; I alle Quarand’or’ ’ello Sacraméndo; I dé prèscia; I fòre coll’accùso; I ’n gico; I pé’ Ila scénd’ ’e Scéna; I puό; I pé’ uno (nun zol’ a ttommola); Iàmo a rebbàtte la pàglia; Iàmoce a ccόlecà; Io sparàgno mògliema allo liétto e ll’atri se Ila gòdeno pé’ Ile fratti; La ciànga m’ha fatto fichétto; La ciéra se cuozùma e Ilo muόrto nun cammina; L’acqu’ ’e Sand’Anna è mmiéglio della manna; L’amichi se pèrdeno sèmbre, li nemichi ’n ze pèrdeno mmai; La Bbefana vè’ de nòtte, colle scarpi tutte rotte, colla vèsta de tarlatàna, viva, viva la Bbefàna; La Bbefana ’e Menicόne porta cénnere e carbone. Solamende a chilli bbuόni porta giùggiole e torùni; L’acque allo mare vanno tutte, li vini tutti vann’alle rutti; L’acqua nun fa mmai male ma lo vino fa candà; L’ha passata guagliόsa, è vé’?; La Madonn’ ’elle Cannéle u spanne acqua u neve; La Messa Sciattàta; La Messa Vastàta; La muόrte è ccomme ’na bottéga de cani: piglia zzichi, ruόssi e mezzàni; La neve marzaròla dura quanto la pace fra lla sòcera e lla nòra; La predissiό’ ’ndό rèsce reéndra; La settimana che dèndra; La via è dello Papa, chi ce piscia e cchi ce caca; La vigna è ’na tigna; Le campane sòneno a mmartiéllo; Le cuόse vanno comme le manni; Levébbeve, scanzébbeve che ’passa l’aridonòbbele!; Li bardassi lesti lesti allo liétto! No luόcchi luόcchi, che sse vè’ la Bbefana ce mette la pèce all’uόcchi; Li guai della pila li conosce lo cupiérchio; Li sòrdi pé’ llo sciupo sò’ ppuόchi pé’ llo Pupo; Lo bbòve dice cornuto allo somaro; Lo dijùno ’n fa bbè a nniciuno; Lo facémo όrmo?; Lo letto è cataletto; Lo male vè a decine e ccala a όnge; L’òme reémbe lo sacco e la fémmena lo vuόita; Lo piccolo s’è ’nninato; Lo primo che se rizza se carza; Lo sangue nunn’è acqua né vino; Lo secchio te pò’ dà sole che l’acqua che contè; Lo si’ reddùtto a ’n cul’ ’e cocozza; Lo vino è lla zinn’ ’e lli viécchi; “Lo vò’?” se dice all’ammalati; Luna settembrina sette lune se stracìna; M’è ito pé’ stuόrto; “Ma che stéte a ggiocà a sstigna? Apperciò ’n finiscéte mmai!”; “Ma che st’ha ddà de capo?”; “Ma che tté dice ssό capo? Che si’ bionno u pelato?”; “Ma va’ a cacà ’n cassetta, va’!”; “Ma va’ a ffa’ fréga!”; “Ma va’ a’llimb’ ’elli Sandi Patri, va’ (se tte cce vònno)!”; “Ma varda ’n gico che sse tè da vedé e cche se tè da sendì!”; “Magara se mmattiscésse!”; Maggio, spògliete adacio!; Maggio ’ssucco ma nun tutto; Magna a ggusto tio e viésti a ggusto dell’atri!; Magnà e bbiastemà, tutt’è a ’ngomenzà; Magna la pulende a bbivi acqua, arza la cianga e la pulende scappa; mai Pasqua Rosata vè’, mai l’immernàta cacciata vè’; Màjo ortolano, tanda paglia e ppuόco rano; “Mango se tte sbattizzi ce viéngo!”; Mannà quadùno ’ccattènno; Manna quadùno da Pònzio a Ppilato; Mannàggia la puzzèca!; Mannàggia San Mmucchiόne!; Ma quando vidi! ’N ge sse crederìa!; Marzo marzocchia, abbrile spannocchia, majo li fiuri, giugno li pummidòri; Marzo ’ssucco e abbrile bbagnato: beato chi ha semendàto!; Ma va’ a leccammerdό’!; Mbiastro de sem’ ’e lino; Mbipì, fa’ tu!; Me fa ’n zό cché; Me dici ’n pròspero!; Me fa spece!; Me fa venì lo capo storno; Me ll’ha detto ’n zό cchi d’uno; Me lo si’ mmannàto pé’ ttravèrso; Me mannéte annanzi e arèto comme ’n cerneriéllo; Me pare che nnu’ sta tando ’n tuόno; Me sò’ ’bbottato comme ’na zzambόgna; Méttela ’n fàccia a ffiglieta la vigna!; Méttete a zzezzè!; “Mitti ciòcca, se Ila tié!”; Mmàndola, nun fiorì, che mmarzo te fa pendì; Mméce de lamendàsse lo pésce, se laménda la padèlla; Mo, ce vàjo de corènno…;Mo che ce magnémo? Le pallòcche bbattùte!; “Mo che cee magnémo? ’N par de ciùfoli!”; “Mo che parléte a ffa’? Vé potèste fa’ esci lo fiàto primo, no?"; “Mo revè la pizza colli sfrìzzoli calla calla!”; “Mo revè la pizza collo zzibbibbo calla calla!”; “Mo se fa bbòna la zzinna: vedarài!”; Muoglie giόvene e vino viécchio; ’N’Aquilétta pé’ ’n baschétto: me dici ’n pròspero!; ’N a spèc’ ’e fatte condo…; Natale cόllo sole, febbràro cόllo tizzone!; ’N gòrno che tté ’bbòtta!; ’N dé da’ còre dé…; ‘N dè mango l’uόcchi pé’ ppiàgne!; ’N dené còre dé…; ’N de ’nzardà a dillo u a ffallo, Cuόso…!; ’N de pòzzo né vedé, né sendì; ’N de sacci’ ’a ddì!; ’N diéngo mango lo tiémb’ ’e refiatà!; ’N diéngo mango ’n zòrdo pé’ ffa’ candà’ ’n ciéco e ttu vò’ li bbaécchi pé’ ccrombà u’ llibbero?; “’Ndo bbiti?” “A via Capocelàssi!” “Nnùmmero?” “Ce remanissi”; ’Ndo sta pa’ e preciùtto, l’aria bbòna sta da pé’ ttutto; ’Ndo va’, pé’ téttera?; ’N g’è remàsto: se poteria reccuόglie co’ ’n cucchiarino!; ’N gé si’ ccuόto; ’N gé ssé pò créde!; ’N de pòzzo sciérne emme sta’ sèmbre denànzi all’uόcchi: cuoglietélla; “’Ndό va’?” “A caca ’n cassétta” “Nu’ Ila reémbi, però!”; “’Ndova’? “A Leccammerdό!” “Vacce solo, se tte piàce: anzi, llécca puro pé’ mmi!”; ’Ndo’, ’n de ’ndondi!; ’Ndréa, ’Ndréa sette ghiàvoli ’n culo tenéa: uno entréva, uno escéva, sèmbre sètte ghiàvoli ’n culo tenéa!; Novèmmero, décèmmero, denanzi me scallo e derèto me ’ncènnero; Nu’ mme tte mmalà, pé’ ll’amor dde Ddio: varèmmo ’ccattènno; Nunn’ è ccacca, l’ha fatta lo ttòtto; ’Nvosso comme ’n pucino ’ppéna nato; ’Nvosso u ssùcco, a San Luca seménda tutto; ’N za mango de mittimùsse, sso… dόce; ’N za ’ndό i a sbatte lo capo (u le còrna); ’N ze ne sprèca mango u’ vago; ’N ze pò’ magnà u’ mùzzich’ ’e pa’ ’n bace; Nun zò’ fiàschi che sse bbòtteno!; ’N zò cciànghe da stuàli le tée; ’N zòrd’ ’e càcio e se rebbèlla puro; Òcchia puό! S’è ttagliàto li capilli alla Ghigo! Pare Lorenzo “Sugadito”; Odio tutte l’armi ma ppiù de tutte la bbajonetta che ttenémo tutti pe’ Ila fame portàta dalla guéra maledetta; Oh Ni’! Mitti ciòcca!; Oh, pé’ crilla!; Ólle a ttutta callàra; Paci Christi e bbòne feste!; Paciénza e ppa’ beato chi l’ha!; Paga la mossa; Pari ’n cane pezzuólo; Parli frangése comme ’na vacca spagnòla (cioè Tu parle français comme un Basque parle l’espagnol); Paciénza stancata diventa furore; Pé’ lla Cannelòra dell’immèrno sémo fòra, ma se piove u tira viéndo dell’immèrno sémo dréndo; Pé’ lli Sand’Innocendini sò’ ffenite le feste e li quadrini; Pé’ ’n gich’ ’e gnende tutto so’ remóre; Pé’ ppiscià e pé’ ccacà, niciùn santo se tè da pregà, quando te scappa gnà cche cce va’; Pé’ nnu’ scordatte qua’ ccuósa, co’ ssa nasca che tte retruóvi, fatte ’n annode allo naso!; Pé’ Ssando Donato l’immèrno è nnato; Pé’ Sanda Madalèna se taglia l’avena; Pé’ Ssan Simone la castagna nunn’è ppiù dello padrone; Pezze calle: nu’ remègghien’a tutto; Pigliasse ’na sbornza a ppredica; Pigliasse li passi annanzi; Piove a caporùni; Piove a terenòsse; Piove e fa lo sole, tutte le vècchie fanno l’amore, co Pippetto lo pittore; Piovìzzica, lo culo te sse ’ppìccica; Ppuzza la via ’n dó’ passa; Primo de parlà, pènzece perché parole poco penzate pòrteno pene; Puzzi quant’e ’n collèro; Qqua ssotto ’n ge piove e ’n ge fiocca; Quando canta lo cuccùlo a la vanga ce pesa lo culo; Quando fa nuvolo jó ppé’ Roma, piglia la zzappa e vall’a ccandonà!; Quando l’àrbero casca ’n dèra, tutti a ffa’ léna; Quando la mèrola va alla ciérqua niéra, te saluto padró’ che è primavera; Quando lo vino róscio va ’n candina, la neve è vecina; Ragno ragno, tando me busco e tando me magno; Reddoppià palómma; Refàtte l’uócchi; Refatte la ’ócca, tè!; Remanì alla bbòtta; Ruópri la ’ócca e cce dà fiato: perché ’nzi raggionato?; Scigna pelosa, quadrata e rognosa; Sarda chi zzomba; San Bbiacio è ’n gran zando; San Ccrispìn’ ’elli cazzolàri, che fanno le scarpi pur’alli somari; Sand’Andògnio dalla barba bbianga, se nun fiòcca puóco ce manga e sse ffiòcca ne fa ’na canna; Sand’Andògnio la gran freddura, San Lorenzo la gran calura: l’una e l’ara poco dura; Sanda Lucia, de pigne, portogàlli e ppuórchi è ppiena la via; Sanda Lucia: u acqua u neve pé’ lla via; San Mmartino, délli cornuti lo festino; San Mmartino, délli ruffiàni lo festino; Se ffa crò crò, cóllo sputo lo ’ttaccò; Se fanno a ggama pé’ lli ddadi; Se farìa magnà lo cellétto dalle mosche pé’ nnu’ cacciàlle; Se fariéno dà’ le còppe; Se io fusse ne tti, u cagnerìa muóglie, u sòcera; Se ll’acqua nun ze ’ndórbida, lo pésce nun ze cchiàppa; Se llo tè cómme ’nn oràcolo, lo bbebbè; Se mmarzo nu’ mmarzéggia, ggiùgno nun festéggia; Se ’n de càrmi, te manném’ alli discoli, coséttol; Se ppiòve de Sanda Bibbiàna, piòve quarànda e ’na settimàna; Se ppiòve alli quattr’abbrilàndi, piòve quarànda ggiorni condàndi; Se ssaccio chi m’ha téndo…; Se ttié qua’ ccioccàccio, repùsélo pé’ mmarzàcciol; Se tutti li céllitti conoscéssero lo rano, ’n ze magnerìa ppiù pa’; Se vò i d’accòrdo cólla nòra, gnà ttié la ’ócca gghiùsa e la bbórza fòra; Secùnno cómme s’ammétte la situazzió… l’affare se pò’ fa’; Séte fatto par’ e ppatta; Séte lassàto li scortellùzzi, eh!; Settemberino, è llo mése dello bòn vino; Si’ ccómme Picchiuà, u la vénge, u la vò’ ’mbattà; Si’ ccómme le galline: ’ndó cachi lassi; Si’ trovàto Crist’a mmète e San Piétro a reccuóglie spiga, èh!; “Si’ visto Cuóso?” “Sì, lo portéva ’n mmócca ’n gane”; Sò’ ppalle llumàte; Sole de vétro e aria d’affilatùra, pòrteno l’òme alla sepordùra; Sòna a ppilàccio ss’aquilétta: chi te ll’ha ’ppettàta?; Sòneno li Vèsperi; Sopre allo cuótto, l’acqua ollìta; Sopre allo muórto, se canda l’ossèquio; Sor Filippo a ffiàmme e Ggiacind’ alle rizzòla; Sotto la neve pa’, sott’all’acqua, fame; Sperémo Ddio de sì! (u de no!); Ssa chiàvica, sor Podestà, a gnottì, gnòtte ma nu’ cciuisce; Sse cuòse ’n ge sse pònno mango mmentuà; Ssó’ pa’, ssa pizza tènno ’n bbèllo sòlo; “Ssó’ reàzzo me scionì!”; “Sta pé’ ssonà ’n’or’ e nòtte: inémoce!”; “St’ a ssonà l’ànima spirànde: de chi sarà?” “De quadùno che mmòre, me sa!”; Stà ’n ciniciòla…; “Statte quèto!”; “St’ a bbadà co’ tti, ciuóccol”; “Sùghete cach’òvo, se vo’ cambà cach’anno!”; Tè ’n culo cómme ’n’or’ e nòtte: vénge puro se nnu’ ggiòca!; Tagliàsse ’n gulétto, ’n orlétto de pa’ e Ila mmollica a cchi ce va!; Tandi valli a ccandà ’nze fa mmai ggiorno; Taratùffete Ménica méa, tutti li ggiorni so’ maccarù; Tata lo rizza e mamma lo ’mmoscia; Té cridi da èsse ’n òme: ma tu ’n zi bbuóno né ppé’ Ilo re, né ppé’ Ila reggina; ’na zzambàta alle palle e tte nne manno una pé’ ssaccòccia; Tè ’n gghiàvoli pé’ capéllo; Tè le ciànghe a cciammèlla: co’ una fargia e coll’ara rappèlla; Tè lo Marchése… làssela pèrde…; Tè lo mese… ’n ge sse pò’ mango parlà; Tè ppiù cculo che anima; “Té potivi fa’ ’escì lo fiàto primo, tontolomèo!”; “Té pòzza’ngènne lo culo!”; “Té pòzza dà ’n truóno!”; “Té ssé pòzza rembóne!”; “Té védo e tté piagno, ’occalóne mio!”; “Tiétte qqua, Sardì!”; Tòcca a caccià le carti se cce tenémo da spusà, puó, magara, le straccémo”; Tòcca a i a rebbàtte la paglia; Tristo chi casca ’n dèra e gghiéde aiuto; Ttacca lo somaro ’n dó’ vò’ lo padró’; Tu si jòtto e mar divòto; Tutte le puci tènno la tosse; Va’ a crombà la ciccia pé’ la tigàma!; Va’ a Limbo de’ Sandi Padri, va’!; “Vajo a cagnà l’acqua alle ’live” “Me reccomànno ’n de le fa’ cascà!”; Vàtte a ccolecà quando dorme la gallina e quando lo vallo canda tu cammina!; Vàtte a fa’ rebbenedì!; Vecìno allo focariéllo, se reppàcia lo zzitiéllo; Vènno jó cómme llipp’ ’e neve; Vigna fa casa ma casa nun fa vigna; Voce de popolo, voce de Ddio; Vuó’ vedé’ ’n òme cazzaccio? Méttece’n pupo’n braccio! Ma se ppupa è, è llo miéglio che cc’è!; Zzizzagna semendàta, a ccas’è reendràta.
 
3. I toponimi e i soprannomi
Toponimi – Nel libro su Palestrina di Leopoldo Tomassi (op. cit., pp.115-128) all’argomento sono dedicati due distinti capitoli. Nel primo si fornisce una descrizione della toponomastica nei secoli XVIII e XIX (in cui la funzione identificativa dei luoghi aveva il sopravvento: ad es. nel 1851 così ci si esprimeva nella toponomastica: “prima, seconda e terza strada del Cocuzzolo” o “via che dal Truglio conduce ai merli. Via del Carmine si chiamava via degli Scaloni, piazza Regina Margherita era Piazza Tonda, mentre Piazza Lunga era l’attuale corso Pierluigi. All’acqua erano dedicate numerose vie e sempre l’acqua dà il nome alla zona dello Pischero e del Piscarello (lo Pisciariello). Nel secondo capitolo si traccia una storia dei rioni e delle curiosità toponomastiche degli stessi (e ci si imbatte in toponimi quali, l’Avito Rosato, l’Avito della Torricella, lo Cemmero, le Casacce, lo Spregato, lo Scacciato, Sabatuccio, lo Truglio). Di questi si fornisce il significato e l’origine.
Dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, ecco alcuni toponimi:
Carchìtti, Casa Molinàra, Castrùccio, Cicigliàno, Còlle Cardèlla, Còlle dé Fòre, Còlle dello Ceràso, Còlle Dòddo, Còlle Frangolino, Còlle Martino, Còlle Ruzzo, L’Ammazzatόra, L’Andonèlli, L’Annunziàta, L’Arberi Pezzùti, L’Arciùni, L’Arberone, L’Àvito, L’Ormàta, L’Òrti, La Calònica, La Ciésa, La Colommèlla, La Colonnétta, La ’Còna, La Cortina, La Còsta, La Croce (la vi’ ’e lla), La Fatèrna, La Fondan’ ’e llό Pupàzzo, La Fondan’ ’ello Pìschero, La Fondan’ ’elle Casàcce, La Furèsta, La Macchi’ ’elli Cappuccìni, La Macchi’ ’e lli Frati, La Madonnélla, La Madonn’ ’ell’Aquila, La Madonn’ ’ello Catavàsso, La Madonn’ ’ella Puόrta, La ’mmazzatόra, La Martùccia, La Mòl’ ’e llo Roscétto, La Molélla o Mulélla, La Muracciòla, La Pantàsim’ ’e lla Cortina, La Piàzz’ ’ell’Erbe, La Pociàra (le “Casacce”), La Portèlla, La Puort’ ’ella Cortina, La Puόrt’ ’e lla Croce, La Puόrt’ ’e llo Sole, La Puόrt’ ’e Sammartino, La Refόta, La Saciàta, La sallit’ ’e Scèna, La scénd’ ’e Scèna, La Stazziό dello Stato, La Stazziό delle Vicinàli, La Trattori’ ’ell’Armellino, La Trattori’ ’ello Ggiardino u de Bbarlàme, La Trattori’ ’ell’ex Farina, La Trattori’ ’e Natàle Còccia u délla Stélla, La Trattori’ ’e Zzambόne, La Trattori’ ’ella Pèrgola, la Vi’ ’ell’Arciùni, La Vi’ ’ella Cava, La Vi’ ’e Cave, La Vi’ ’ella Mòla, La Vi’ ’ella Ràdica, La Vi’ ’e Ruόti, La Vi’ ’e lla Stélla, La Vill’ ’e la Condéssa, La Villa Fratìni, Le Bbastàrde (la salit’ ’e lle), Le Bòcci’ ’e Ròti, Le Calecàre, Le Cannuccéta, Le Casàcce, Le Casi Nòve, Le Casi Popolari, Le Cave, Le Farnesiàne, Le Frangeschìne, Le Marùcole (le acàcie), Le Mòniche Ringhiùse, Le Mòniche Su, Le Monichèlle, Le Rutti (alla Cortina), Le Scalétte délle Mòniche su u déllo Cimitèro, Le Streppàra, Le Tènne, Le Tre ’llive, Li Bon Vècchi, Li Bbottìni, Li Cappuccìni, Li Carmelitàni, Li Casìni, Li Cessàti Spiriti, Li Ciéssi, Li Còri, Li Facòcchi, Li Fraolìni (I Frainìni), Li Fèr’ ’e lla Stazziό, Li Ggiardìn’ ’e llo Pringipe, Li Ggiardinìtti, Li Marmìsti, Li Mmastàri, Li Mmastàri ’ello Stazzo, Li Pizz’ ’e San Giuànni, Li scalùn’ ’e Sand’Andògnio, Li scalùn’ ’e San Bbiàcio, Li scalùn’ ’e Peppe Macchi, Lo Bbόrgo, Lo Campo Sperimendàle, Lo Campo Sportivo, Lo Cémmero, Lo Cimitèro (via del Duomo), Lo Coll’ ’e lle Mòniche, Lo Collocaméndo, Lo Cortil’ ’e Sand’Andògnio, Lo Cucuzzuόlo, Lo ’Difìcio (Le scòli), Lo Formàl’ ’ello Mόnde, Lo Formàl’ ’e Pépe, Lo Ggiardìn’ ’e lla Comùna, Lo Ggiardin’ ’e Ilo Prìngipe, Lo Ggiardin’ ’e Ilo Conde, Lo Ggiardln’ ’ello Véscovo, Lo Lòro, Lo Molin’ ’e Ggiacchettuόlo, Lo Molin’ ’e Idìglio Cicèrchia, Lo Mondàn’ ’e Casa Molinàra, Lo Mmonnezzàro, Lo Palazzétto, Lo Pass’ ’elli Ladrùnl, Lo Pisciariéllo, Lo Pond’ ’e Ilo Spedalàto, Lo Pond’ ’e Ruόti, Loréto, Lo Ristòro, Lo Quarticciuόlo, Lo Scacciàto, Lo Simminàrio, Lo Spallàto, Lo Sprecàto, Lo Stallone, Lo stazz’ ’elli bbottàri, Lo stazz’ ’elli mmastàri, Lo stazz’ ’e Ilo Simminàrio, Lo Stazz’ ’e Ilo Véscovo, Lo Tir’a sségno, Lo Torόne, Lo Villino Ggiòrgi, L’Ùrdime Casi, Maragnàno, Marcigliàno, Mezzasérva, Nagliàno, ’Occapiàna, Pépe, Piazza Padèlla, Piàzz’ ’ell’Èrbe, Piazza Sièna, Ponte Sardùni, Quadrèlli, Rampòto, Sabbatùccio, San Biàcio, Sand’Eggìgghio, San Frangésco, San Giuanni, Sanda Lucia, Sanda Rosalia, Sa’ Ròcco, San Piétro, Spiόiti, Toresina, Vallevarino, Varόncio, Vicésimo, Villa Fratìni, Villa Mémmo, Villa Mosca.
 
Soprannomi – L’interpretazione dei soprannomi non sempre è possibile: alcuni di essi rimangono enigmatici, misteriosi ed assolutamente intraducibili. Questo perché il soprannome nasce da azioni o da comportamenti non sempre chiari e lineari. Sono molto vari. La maggior parte indica caratteristiche di provenienza o fisiche o collegate al mestiere esercitato. Spesso però colgono (e sono i più interessanti) aspetti originali legati a singole persone e riassuntive di storie particolari, alcune delle quali vengono narrate dagli autori del libro su Palestrina già citato (quelle di Badoglio, Pisciante, Bellicapelli, Feci e Scendone). Nello stesso libro sono elencati alfabeticamente oltre 500 soprannomi (pp. 275-280). Di essi citiamo solo: Bivichefresca, Cacabucie, Culontera, La luocca ’e dorme a lo sole, , Micia ’mbreaca, Muorte ’n cima’lo pero, Ostegnorante, Pingheponghe, Puzza la traccia, Scippicazzio, Zeppodoce.
 
 Dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, alcuni soprannomi:
Alberto Lo Luόngo, Albertόne, Angelo de Monzignόre, Asinàccio, Attigliόne, Bbacùcco, Bbadòglio, Bbàffo, Bafìcchio, Bbannàccia, Bbàrneba, Bbarozzàro (Lo), Bbattòcchia, Bbébbe, Bbébbe Lulli, Bbécco, Bbéccόne, Bbèllapàlla, Bbèllicapélli, Bbellomasséra, Bbèllomìo, Bbernacchiόne, Bbértόne, Bbetόnzo, Bbétto, Bbevilàcqua, Bbicétta, Bbicìcchio, Bbinda, Bbivich’è ffrésca, Bbòbby, Bbόlla, Bbommétta, Bbonéllo, Bborzìcchio, Bbottigliόne, Bbrandìno, Bbricolòtta, Bbrìggida, Bbrodìno, Bbruscόne, Bbucalòtto, Bbuciardèlla, Bbufàcchio, Bburόne, Cacabbucìe, Cacaliéndo, Cacalòva, Cacambìzzo, Cacannìdo, Cacarìno o Cacarìtto, Cacazzόrfa, Cacìno, Cammardèlla, Campalàno, Campàna, Candidìno, Canesécco, Caniéllo, Cànnolo o Nànnolo, Cannόne, Capòccia, Capocciόne, Cappuccétto, Carciòfolo, Cardellìno, Cardellόne, Càrdo, Carettόne, Cargiàro, Carìno, Carnivàle, Carnivalétto, Carόso, Carozzìno, Casìrde, Cavisiéllo (Lo), Cazzόmba, Cchecchè, Cciaccalòva, Cciaccanvànghi, Cciacciauόtto, Ccoccò, Cecàla, Cecalόne, Cécca, Cecolìno o Cècolo, Cellìtto o Cellittuòlo, Cèngio Bbòtti, Ceseròtto, Checcobbèllo, Chiappìno, Chiavétta, Chiavicόne, Chiavόne, Chiòcchio, Chiòdo, Chiodo ruzzo, Ciammèlle Cresciùte, Cianfaràno, Cianfròcca, Ciavàtta, Cicchettàro o Ciocchettàro, Cicciόne, Ciccopèppe, Ciociàro, Cioncafàvi, Ciònne, Cipollétta, Cipollόne, Ciuchìno, Ciucìtto, Civita, Cocaina, Còceme ’n’òvo, Cocozzone, Concutiélli, Conìglio, Conzolìno, Cròcchio, Cucchiaràro, Cùcchio, Cucco Bbèllo, Culo ’n dèra, Cupèlla, Custino o Custiniéllo, Cutichicchia, D’Artagnà, Dom’Angelo, Dòmmine, Don Gregòrio, Don Pulendina, Don Sebaschianèlli, Dorgissima, Elena la sartora, Esterina, Eufèmio o Ufèmio, Falecone, Fallacciàno, Fandìno, Faracchiàno, Faràglia (fratelli Bandiera), Farfallόne, Fargàccia, Farghétto, Farza la mira, Faticànde, Fattorìno, Féci, Fernàndo de Mòmmo, Fette d’òro, Fiammétta, Ficcazzippi, Fichétto, Firpo, Fischiόne, Fischiettìno, Flò Flò, Focarizzo, Forbiciόne, Fraddànno, Frangescόne, Frappalà, Fraviόne, Frèmme, Frezza lo capoguardia, Frocìno, Frondόne, Fròssi, Frustόne, Furiènde, Fustièna, Gallinàccio, Gange, Garibbàrdi, Garόni, Ggégge, Ggétto, Ggiacchettuόlo, Ggiachemàccio, Ggiachemìno, Ggiapponése, Ggiaschìno, Ggigànte, Ggiggi Bandìna, Ggigliétto, Ggiòbbe, Giggétto, Girardéngo, Ggitùglio, Ggiùglio Bellicapélli, Giustinèlla, Giuvansànti, Gnaccόne, Gné la fò’, Gnelàccia (Natale de), Gnoffόne, Gràcula, Gròsso, Guardabbàsso, Idarèlla, Il Tlèno (Ggiggi Farina), L’Aca Cà’, La Bbaccàusa, La Bblatta, La Contéssa Mémmo, La Fùrfura, La Grèggia, La Lèpera, La Lόpa, La Maéstra Chindèmi, La Maéstra Mingiàcchi, La Maéstra Croce, La Mammàna, La Micia ’mbreàca, La Mignattàra, La Napoletàna, La Pannàra (Lella), La Piastràra, La Pilàra, La Ranòcchia, La Reggina, La Rùssia, La Ruzza, La Setàra, La Stracciàra, La Tasciòla, La Vècchia, L’Acéto, L’Acquàto, L’Americàno, Langiόne, L’Asinàccio, L’Avocàta, Lavorin ’e Ggitto, Le Boeuf, Le Signorìne, Le Vecciòle, Le Vlzzòche, Lèlla la sartora, Lell’ ’e Peccriscétta, Lèllo Bbille, Lello lo telefonista, Lèpére, Leperìcchio, Li ’Ngeluccèlla, Li Bassitti, Li Bbettùni, Li Bbottàri, Li Callaràri, Li Capranicuòtti, Li Carbonàri, Li Cazzolàri, Li Faciòli, Li Facòcchi, Li Lullìtti, Li Miciuòli, Il Mmastàri, Li Mondanàri, Li Morìtti, Li Mosca, Li Mozzétta, Li Muti, Li Ninìtti, Li Peccriscétta, Li Pistolìni, Li Rocchiciàni, Li Sarvatori, Li Sbardellìtti, Li Stellàni, Li Stracciàri, Li Tinozzàri, Li Zziazzàri, Li Zzuccheràri, Libberétto, Lippόne, Lisandràccio, Lo Bbòia, Lo Bbrutto, Lo Cappellàro, Lo Cchiù (Peppe), Lo Cechétto, Lo Cinése, Lo Commendatόre, Lo Conìglio, Lo Diàvoli o Ghiàvoli, Lo Ghiavolùzzo, Lo Gobbétto, Lo Guitto, Lo Lόpe, Lo Macchiόne, Lo Macellarétto (Pinci), Lo maestro De Lisìo, Lo maestro Rossi, Lo Mammàno, Lo Mmastàro (Nèno), Lo Morétto (Peppino), Lo Mutilàto, Lo Pannàro, Lo Panzόne, Lo Péro, Lo Pilàro, Lo Pittorétto, Lo Pollàstro, Lo Prefètto, Lo principale, Lo Profèta (Orlando), Lo Raciàma, Lo Rocchiciàno, Lo Romagnòlo (trebbiatore), Lo Romìto ’e Camposàndo, Lo Roscétto, Lo Rόscio, Lo Ruzzo, Lo Salàro (Giulio), Lo Scignόne, Lo Senése, Lo Sgrìcio, Lo Sόrece, Lo Spédo, Lo Spuzzo (Agapito), Lo Streόne, Lo Tόfo, Lo Vèro (Bernardo), Lodolìno, Lòlle, L’Ombra, Lorenzόne, L’Oste ’gnorànde, Luìggi de Mòmmo, Lupétto, Macchi Pèppe, Maggétti, Magna cénnere, Malacàrne, Mani zzόzze, Manicciòla, Marasciàllo, Marcèll’ ’e Bbicétta, Mariàccia, Marianìcchio, Maruà, Maschiétto, Masiéllo, Mazzarèlla, Mbiccétta, Meccànico, Mela fràcica, Metèllo, Mèzza ’récchia, Mèzzo litro, Mèzzo migliόne, Micècola, Micia ’mbreàca, Middiàccio, Mignattàra, Militìna, Mimmo Farìna, Mimmo Stellìno, Minicuccétto, Miòtto, Misdèa, Misticànza, Mό’ lo scròpo, Mòcco Zzozzo, Moccolétto, Mòdena, Mòmmo, Monetìna, Mozzétta, Mucciolàro, Muffétta, Muόrte, Muόrte ’n gima allo péro, Musaruόlo, Nabbucchétto, Nabbùcco, Nannarèlla (ggiùsta òssa), Nannòccola, Nànnolo o Cànnolo, Naso ’nguilìno, ’Ndrappèlla, ’Ndreolìno, ’Ngeluccèlla, ’Nnìbbole, Bennardìni, ’Nunziatìna, ’Nunziatόna, Néccio (Lo), Nello Bbòtti, Nèno Masi, Nerόne (Cecconi), Nerόne (Comparcola), Ni’ conòscio, Nicèto, Nicàzzio, Nònno Pippo, Nuόttola, ’Nzumma, Occhiétto, Occhio fèo, Ombra, Oste ’gnorànde, Ottavio la guardia, Pa’ all’acéto, Pàcchio, Paciόso, Padèlla, Padellόne, Padretèrno, Paghère, Pagliaccétto, Pagliàro, Pagliétta, Pagnottèlla, Paìno, Palanghìno, Palle d’òro, Palle rùzze, Pallìno, Palloccόne, Palluόcco, Pampapàto, Panci, Pantàno, Panza bbèlla, Papà, Papa Pécci, Pappόne, Pastìna, Peccrlscétta, Pèdetόnno, Pedecόne, Pèlle néccia, Pellegrìno, Pellucchìno, Pentellìccia, Peppa ggiustalossa, Peppacchiόne, Pepparèllo, Pèppe lo Cchiù, Pèppe Chiòcchio, Pèppe lo Feràro, Pèppe Rufo, Pèrepère, Petàto, Petrècca, Pètto rόscio, Pezzulanàro, Pfregàte la Madόnna, Pi’ ’e Quartino, Piattàro, Picchìcchia, Picchierétto, Picchio, Picchiòlo, Picciόne, Picìtta, Piécoro, Pietreppàolo, Pilàra, Pilòta, Pilùllo, Pingi, Pinghe Pònghe, Pio Farina, Pio Nòno, Pio Rossi, Piovizzica, Pipi, Pippàccia, Piribbuόzzo, Pirìllo, Pischeròzza, Pisciànda, Piscianiéllo, Pisèlli, Pisilécchia, Pisòlo, Pisòtta, Pista Créta, Pistàcchio, Pistolìni, Pitolόne, Pizza calla, Pizzétta, Pizzétti, Pocaciccia, Pompόne, Popétto, Pòrdo Cipràri, Ppappe nòve, Preolόne, Presùtto, Pringipàle, Puccétto, Puccìcchio, Pucciòtto, Pucìno, Pummidòro, Pùpo, Puttanèlla, Puzza la tràccia, Quartino, Quindicitère, Racàle, Raciàme (Lo), Ragliόne, Rampicόne, Ranòcchia (La), Rappaiόne, Ravasciòli, Renatìno, Riccétta (La), ’Rich’ ’e faciòlo, ’Richettino, Ricòccio, Ritàrdo, Romaniélli (Li), Romolétto 1, Romolétto 2, Romolìcchio, Ròmolo Sòlle, Romolόne, Rondinèlla, Ròsa (Lupi), Rosalìa, Rullàppio, Ruro, Russia (La), Ruzzi, Ruzzichétto, Ruzzicόne, Sabbettόne (Sabbettùni), Saràca, Sarachèlla, Saracìno, Saragόne, Sbragόna, Scacchiόne, Scalόne, Scanzàno, Scardalàno, Scardèlla, Scardόne, Scarpàccia, Scarpìno, Scarpisciuόte, Scendόne, Sceppìppo, Scesciantascètte, Schizzétto, Scialappìno, Sciamannόna, Sciapétta, Sciattìno, Scòccia favi, Scortichìno, Scròcca, Sécchiόne, Sfasciόne, Sfèrivècchi, Sgaragazzùni, Sgrunèllo, Sòlle, Sor Filippo 1, Sor Filippo 2, Sor Luigi, Sor Temìstocle, Sora Bbice, Sora Costandìna, Sora Fortunàta, Sora Lucia, Sora Mimma, Sorécchio, Sorecòtto, Spaccamόnti, Spacchétta, Spadόne, Spaghétto, Spallétta, Spèzza fèro, Spicca preciùtti, Spilacéto, Sprussièlla, Spullardìno, Squàcquera, Squàrta pèco, Ssediàra, Stavìschi o Stringher, Steccόne, Stellìno, Stivalόne o Stualόne, Straccalìno, Straccalìtti, Strapazzόne, Strenghétta, Stribbùto, Sugadìto, Sugherétto, Sughétto, Sussùro, Tabbacchìno, Tacchétto, Tango, Tascarèlla, Teverόne, Ticchièna, Tiggellìno, Tignéri, Tomatόre, Tommolìno, Topolìno, Tòzzo, Tramondàna, Trancanèlla, Trènd’òssa, Triviéllo, Trommétta, Ttoppàccio, Tulipàno, Tuόpo, Uraguàno, Vaccarétto, Vàlleno, Vècchia, Veléno, Vèndo, Vergàro, Vertόne, Viscolìno, Vittoriàccia, Vizzòca, Zambone, Zampa corta, Zanzà (Lulli), Zappitiéllo, Zéppo dόce, Zùcchero d’òrzo, Zzaganèlla, Zzambétto, Zzambichìno, Zzappitiéllo, Zzefferìno, Zzi’ Esterìna, Zzi’ Mimmétto, Zzi’ Ròmolo, Zzibbibbόne, Zzippo, Zzόffia, Zzuccherìna, Zzùcchero, Zzucchétto.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Tra le feste e le sagre: i Focaracci di San Giuseppe (19 marzo), una rievocazione di un antico rito pagano con cataste di legna bruciate al tramonto e fino a notte inoltrata; la Festa patronale di Sant’Agapito (17-19 agosto), con spettacoli di arte varia e il Palio e Gioco della Scifa, la contesa dei quattro rioni della città i cui abitanti indossano costumi cinquecenteschi.
 
4.1 Canti
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Dal libro su Palestrina (op. cit. p. 295) scegliamo i seguenti indovinelli: Tiengo ’na stalla de cavalli bianghi, / uno roscio ’mmieso che zicchia a tutti quanti (I denti e la lingua). Pelo pé ffore e pelo pé drento, / rizza la zampa e ficchelo drento (La calza). Longa stesa me ne stò, / vinni uno e me montò, / me montò sopra alla trippa / e me fici rescì la piscia (La botte). ’Tizza e rettizza, / più lo tuocchi e più se rizza, / se può lo ficchi drento, / perde tutto lo sendimento (Lo stoppino della lucerna). Tavola de qua, tavola de llà / E piripicchio ’n miezo (Il confessionale). Prepàrate a azzatte la cammisa / ’ndremende che preparo lo strumento, / te preco de nun fatte sentì tanto / mani mani che te lo ficco drento (L’iniezione). Tutte le donne c(i)’hanno un bucetto / (chi più largo e chi più stretto) / che pe ’ppilallo ce vo’ ’n zeppetto. / Ma nun ce vo’ de rame de liva, / Ce vo’ proprio de carne viva (Il ditale).
Dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, ecco alcune cantilene:
’Ccappa, ’cccappa dòmmeni, se védeno zzampe e ppinneri. Se tte lli fussi magnàti e bbevùti ssi rombi cogliùni apprésso nu’ lli saristi tenùti! (cantilena con l’aria del gregoriano: sembra che servisse a mettere in guardia un canonico che, durante un mortorio, lasciava intravvedere da sotto la cappa di finto ermellino, le zampe e le penne di una gallina, certamente di origine furtiva); – Trucci trucci cavallucci. – Chi è che va a cavallo? – Lo re’ ’ello Portogallo. – Chi ce lo porta? – La cavalla zoppa. – Chi l’ha zzoppicata? – La stanga della porta. – ’Ndό sta la porta? – L’ha bbruciata lo fuόco. – ’Ndό sta lo fuόco? – L’ha smorzato l’acqua. – ’Ndό sta l’acqua? – Sta allo pozzo u alla fundana. – Pòrteme a ccasa de chi mm’ama! (filastrocca cantata ai bambini tenuti a cavallo sulle gambe). Bodì, bodì, bodànno, domà e capodanno, me dà’ li zzuffi? Se nnu’ mme li vò’ dà’, te ssé pòzzeno mmuffà’, tutti li chiodi che tié’ alla porta te ssé pòzzeno ficcà’ alla ciocca, tutti chilli che tié’ allo muro, te ssé pòzzeno ficcà’ allo culo! (filastrocca recitata dai bambini quando, prima di Capodanno, andavano a chiedere gli zuffi in dono a parenti, amici e conoscenti, muniti di una sporta o di un fazzolettone a quadri).
 
4.3 I giochi
I giochi – Un’ampia descrizione dei giochi di Palestrina di una volta (una trentina: briglia, lippa, cerchio, carrozza, pistone, frezza, stella, arco, ruzzica, palmetto, ’costamuro, mocio, riecchime, cavallaccia, acchiapparella, trincea, scroccabicchierino, nasconnarella, banditi, chiapparella ’ncucca, cianghetta, corda) è nella pubblicazione di Leopoldo Tomassi (op. cit., pp. 211-226).
Non vanno dimenticati anche lo piccolo e la cocola (due specie di trottole), sul piccolo, ecco, tratta dallo stesso libro una nostalgica poesia di Pio Tomassi:
– Varda – me dissi fratemo – ch’è bello! – / e lo teneva ’n mani novo novo / crombato alla bbotteca de Triviello / mezzo ’ncartato ’ngora comme ’n ovo. // Era color bbordò colle righette / lo piccolo, capace de girane / perfino sopre a ’n sergio de scalette / se lo padrone ce sapeva fane. // Che ce ’mporteva se tireva viento / e la piena coreva pe’ lla mola? / lo piccolo gireva… eri contiento / comme se fussi uto dieci a scola. // ’Gni tanto se traverso lo Portone / me fermo a ’n punto che conoscio bbene; / faccio la mossa e tiro… ch’emozzione! / tutti l’amici stanno là a vedene // lo Piccolo che va ’na meraviglia / e pare fermo tanto gira forte… / Ma ’na lacrima sponta fra le ciglia ( e me convingio che so cuose muorte.
Dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis, ecco alcuni giochi:
ARCHI E FREZZE. Archi e frecce per i tirassegno: bastavano le stecche di un ombrello vecchio. BBÀMMOLA o PUPÀZZ’ ’E PÈZZA. La bambola di pezza con la quale giocare a mamma e figlia: farle i vestitini, lavarla, cullarla, portarla in giro con la carrozzina… BBELLA ’NZALATINA (LA). Giocare a “La bbèlla ’nzalatina, ce ll’ho frésca e tennerina”. BBATTIMÙRO o SBATTIMURO o ’CCOSTAMURO. Si giocava a lanciare contro il muro monete o figurine di latta (per chi le avesse!) e ad accostarle a quelle di qualcun altro. BBATTIRÈLLA e BBATTIRELLONE o , meglio: LO BBATTIRELLÒ’. La bbattirèlla e il battirellone si suonavano ai Vespri (li scurìti) della Settimana Santa in giro per il paese, al posto della campane, legate a causa della Trista Quaresima, e per rievocare il terremoto che scosse la terra alla morte di Gesù Cristo. BBÈLLE STATUINE. Si giocava a rimanere immobili. BBOLLE o PALLE DE SAPÓ’. Si giocava a soffiare bolle di sapone da un barattolino contenente una miscela d’acqua e sapone. BBÒTTI o SCRUOPPI. Si giocava a preparare petardi con polveri piriche, inscenando la guerra. BBRICICRETTA A TTRE ROTI. La bicicletta… per chi se la poteva permettere! BBRIGLIA. Si giocava a costruire cavallucci e a cavalcarli. BBUCA. Si scavavano buche in terra per giocare alle biglie. CACIO o RUZZICONE. Si giocava a far rotolare una forma di cacio che poi inevitabilmente si spaccava e si mangiava.CAMPANA o CAMBANA. Si giocava a saltellare sopra sei, otto, dieci o più caselle quadrate numerate, segnate in terra con il gesso. CÀNNOLO. Si giocava a costruire un cannello ricavato da una canna, con una fessura sopra la quale, soffiando nel modo giusto, si faceva ballare una pallina leggera di cipresso. CAROZZA. Si costruiva un carrello con una tavola, dei cuscinetti ed una corda per il freno e poi… ci si lanciava per le discese. CIÉRCHIO. Si costruivano dei cerchi di ferro guidati da una lunga stecca e si gareggiava alle corse. CORDA. Si rimediava una corda per saltare da soli o in coppia. ’CCHIAPPARÈLLA. Si giocava a fuggire da colui a cui toccava di inseguire gli altri. CICIAMIÉLLI. Utensili di cucina in miniatura (coccitti, scopette, sbattipanni, palette pe’ llo carbó’, spazzole, spazzolette, spazzoluni, stracci pe’ spollerà, ecc.), con i quali le bambine imparavano a cucinare e a rassettare la casa… CAROZZELLA. La carrozzina delle bambole. CIÙFOLO. Si giocava a costruirsi e a suonare un flauto di canna.DADI o OSSI. Si giocava a tirare i dadi. FIGURINE. Per giocare a battimuro (…ma toccava comprarle!). FREZZA o MAZZAFIONNA. Si giocava a costruirsi frecce con rami o mazzafionde con forcine di legno ed elastici (con quest’ultime era più facile cogliere nel segno l’occhio di un compagno che un uccellino sopra un albero!). FÙBBALE. Si giocava a football, ma raramente con palloni di cuoio o di gomma (appannaggio di chi possedeva denaro!), bensì di stracci ed elastici. GGIRO TONDO. Si giocava a girare in circolo tenuti per mano. L’ARBERO DELLA CUCCAGNA. Durante le feste paesane, tra le varie funzioni religiose e gli altri eventi ludici, si piantava in terra un palo alto e robusto, spalmato di sostanze grasse, e si gareggiava ad inerpicarsi su di esso per afferrare sulla sua sommità i vari prodotti alimentari (prosciutti, salami, salsicce, fiaschi di vino…) che vi erano stati appesi su un apposito cerchio di legno. LA RIFFA. Lotteria privata, avente per premio un oggetto di valore, generi alimentari o altro. LIPPA. Si giocava a “nizza”: scagliare il più lontano possibile un bastoncino di una ventina di centimetri con un bastone lungo poco più di un metro e più largo. MÒCIO. Un mattoncino sul quale veniva poggiata la posta in gioco (soldi o figurine), che i giocatori, da una data distanza, cercavano di colpire con un sasso per far sì che i soldi o le figurine cadessero sul sasso colpitore o in prossimità di esso, guadagandosi la posta. MOSCA CIÉCA. Si andava bendati allo sbaraglio. ’NNASCONNARÈLLA. Si giocava a nascondino: uno del gruppo si metteva “sotto” e gli altri correvano a nascondersi; se chi stava sotto scopriva uno dei nascosti, correva a fargli tana e, se ci riusciva, lo scoperto andava sotto a sua volta. PÀCCHERA. Si giocava allo “schiaffo del soldato”: chi stava “sotto”, si metteva sotto l’ascella una mano spianata e con l’altra si copriva gli occhi per non vedere chi gli avesse schiaffeggiato la mano aperta; se questi veniva scoperto, andava sotto a sua volta. PÉSCA (LA). Si pescavano (e si vincevano) i soldatini inseriti nelle pagine di un quaderno, una sì e una no. PÌZZICH’E NNU’ RIDE. Si giocava a pizzicare con le dita tinte di carbone la faccia del malcapitato che stava “sotto”. PRIÉMI E STÓPPA (LO SCRUÓPPIO). Si giocava introducendo in un cannello una certa quantità di stoppa bagnata, per mezzo di uno stantuffo di metallo, facendole percorrere più volte tutta la lunghezza della canna, finché, asciugatasi, non fosse uscita esplodendo. RUBBA POSTO o CHI ARZA CULO PERDE POSTO. I giocatori si sedevano su un muricciolo o su un sedile e chi stava in piedi tentava di occupare il più velocemente possibile i posti rimasti liberi. RUZZICHETTO. Per lo più nel periodo pasquale e per la Via della Stella, si lanciava una ruota di legno per mezzo di una corda (la stròppa) avvolta intorno ad essa. SASSITTI (LI) o LI 5 SASSI. Gioco di abilità manuale eseguito con cinque ciottoli che venivano lanciati in terra o su un qualsiasi piano liscio; poi il giocoliere ne prendeva uno da terra e con una mano lo lanciava in aria: contemporaneamente, con l’altra mano, ne raccoglieva un secondo; in successione venivano poi ripresi con la stessa procedura quelli che restavano, partendo da uno, quindi due, poi tre e, infine, quattro. SCALINO. Due giocatori, uno alla volta, fanno scendere, una per “tiro” giù da uno scalino, palline di terracotta, dai colori vivaci, finché la pallina di uno dei due contendenti non ne “sfiora” una dell’avversario; al quel punto il “colpitore” vince tutte le palline che sono scese dallo scalino. SCIULARÈLLA. Si giocava a scivolare su qualunque sito inclinato o con ogni attrezzo atto a scivolare. SCRÒPPIA. Piccolo giocattolo infantile, costituito da un triangolo rettangolo (cm 25 base) di cartoncino piegato lungo un cateto; sulla base e sulle ipotenuse, era fissato un foglio di carta oleata resistente che si ripiegava in aderenza ai due triangoli combacianti; si afferava la “scroppia” al vertice opposto a quello in cui convergeva la carta incollata e, con un movimento scattante del braccio, la carta “liberata” emetteva uno scoppio, provocato dall’aria che si era compressa all’interno del giocattoletto. SSEDIA SSEDIOLA. Il bambino veniva messo a sedere, a gambe larghe, sulle cosce di chi lo cullava accompagnandosi con una cantilena: “Ssedia, ssediola, Ggiuanni va alla scòla, se porta lo canestrello, piéno piéno de pizzutéllo, la maestra che ffà festa ce llo ’etta dalla finestra”. TINDÀNGOLA. L’altalena. TÒPA TÒPA. Gioco simile al nascondino. TRIANGOLO. Disegnato a terra un triangolo, si poggiavano sui suoi vertici e sui suoi lati tante palline quante ne stabilivano i due concorrenti; dalla base concordata e dopo la conta, si lanciava a turno una biglia d’acciaio (lo piómmo) cercando di guadagnare le palline colpendole e facendole uscire dal triangolo; il gioco proseguiva fino all’esaurimento delle palline, potendosi avvalere anche della ripetizione del tiro qualora si riusciva a colpire con la propria biglia quella dell’avversario.
 
4.4 La gastronomia
 
La gastronomia prenestina è legata alle radici contadine, dal ragù che accompagna le fettuccine all’uovo fatte in casa, insaporito con regaglie di pollo, alle spuntature di maiale che rinforzano il sugo che ricopre la polenta alla spianatora; alle minestre di ceci o fagioli; ai broccoli tuffati, agli gnocchetti a coda ’e soreca. Famosi i giglietti, biscotti di farina, uovo e zucchero che prendono nome dalla forma in cui vengono cotti.

 In “La Taverna de Porta San Biaggio” (Controluce ottobre 2006) di Luigi Fusano ecco in bella vista le specialità gastronomiche di Palestrina:

 
Alla taverna de Porta San Biaggio / la po’ passà ’ntr’amichi la serata / mentre te guoti ’mbello paesaggio / de bbòne cùose te fà nà magnata. // Se cucina lo magnà de na vòta / è tutta quanta robba naturale / te po’ reijempì comme na refota / lo stommico ’nte farà mai male. // Ntra li primi ci stanno li ’gnocchitti’ / come le cote ’soreca formati / co’ la ventresca e pummitoritti / sò de sapore bbuono e profumati. // Le fettuccine a ’nnazzica culo / se‘’mmasseno co òva e farina / ne magneristi na suoma de mulo / scegneno jòne comme minestrina. // La porchetta è de porco nostrano / e puro le zazzicchie sò sinciere / e co lo pà de farina de rano / ce sse fà lo bruschetto ch’è ’n piacere. // Pe conturni facioli e petate / la ’nsalata e po’ doppo li dorgi / tanto vino pe’ ’nnaffià ’ste portate, / se passa la serata che ’n te cuori. (…)
Altre specialità gastronomiche di Palestrina, dal libro Palestrina e la sua antica “Parlatura” di Eugenio Cicerchia e Giulio de Angelis:

acquato: bevanda analcolica che si otteneva aggiungendo acqua alle vinacce, ottima durante i lavori estivi; era contenuto dentro una cupella e si beveva a garganella da un cannolétto.

allesso: bollito di carne.

cananìcci: tagliatelle fatte in casa con farina, uova e sale.
cervone (pl. cervuni) ‘pomodori acerbi o poco maturi, da mangiare crudi, conditi con olio, sale e, se c’era, basilico’.
cuppietta: coppia di listarelle di carne ,magra di asina giovane, salata, pepata o condita con peperoncino e affumicata.
fetticciòla: dolce natalizio.
frascariélli: impasto consistente in farina e acqua, cotto e versato sulla spianatoia, condito con vari sughi.
maccaruni casaricci o cananicci: ‘maccheroni e tagliatelle fatte in casa’,
misticanza: miscuglio di insalatine selvatiche; era raccolta dai frati cercatori e venduta in paese.
nicche, nacche: biscotti secchi a forma di numeri e lettere dell’alfabeto.
panόnto, panondèlla: pane unto con il grasso che scola dagli insaccati e dalla carne di maiale durante la cottura sulla brace.
pezzìtti/sfrìzzoli: pezzetti di lardo, di grasso ei prosciutto, soffritti.
pigna: dolce che le mamme facevano per la merenda delle bambine, mentre per i maschi il dolce aveva la forma di un cavalluccio.
pizza cresciuta: pizza pasquale gradevole ma poco dolce.
pizz’e pulènde: pizza fatta con la farina di granturco.
pizza sbattuta: pizza pasquale per antonomasia, pan di Spagna. È fatta con i soli tuorli di uova, poca farina, zucchero, scorza di limone grattugiata, il tutto sbattuto con l’apposita frusta dentro un recipiente di rame.
sagna, sagnaccia: pasta fatta in casa con acqua e farina.
straccacanàsse: biscotto duro a forma di lettere dell’alfabeto.
stracciatèlla: antipasto servito nelle grandi feste e negli sposalizi, a base di uovo rappreso col formaggio.
tisichèlla: dolce secco all’anice (secco come chi ha la tisi).
tripolìno: piccolo maritozzo dolce di pasta simile a quella del ciambellone.
trippa: pietanza a base di listarelle di stomaco di bovino in salsa di pomodoro, pepe, menta…

5. I testi in prosa: il teatro, i racconti

 
6. I testi di poesia
 
Molte delle poesie di don Angelo De Prosperis (1877-1951) sono favole di animali che si richiamano a quelle di Fedro attualizzate. In esse egli riscopre l’amore per il suo paese e la sua lingua dialettale, mantenendo un intento moralizzatore dei costumi, cui allude il richiamo all’olio di ricino purificatore nel titolo Ricilene che accompagna la sua innata vis comica. Insomma “castigat ridendo mores” è l’intento che muove le sue poesie.
Esse alternano appunto favole, scene di vicende quotidiane, considerazioni filosofiche sulla vita, sulla morte, sul tempo che fugge e talvolta irresistibili ed originali quadri di vita vissuta come nello spassoso “Lo cenone”, che riproponiamo in antologia anche perché costituisce una completa rassegna dell’alimentazione e delle specialità natalizie di Palestrina a cavallo dell’Ottocento e del Novecento.
Sempre dello stesso periodo, attraverso le poesie di Antonio Pinci si ha un affresco completo della vita e degli avvenimenti di Palestrina. Nulla sfugge all’occhio attento del poeta che in vivide immagini rievoca le feste (laiche e religiose) della tradizione locale; osserva il dirompente avanzare del progresso esprimendo (nelle poesie “La ferovia” e “La luce letrica”) nostalgia e rimpianto per il tempo che se ne va irrimediabilmente: È bello lo progresso, nun contesto… / viti la luce letrica… / le ferovie, li tramme… e Però na cuosa sola te rempiagni: / la sera quando stemmo pe lle scali, / d’istate a fa l’amore; collo scuro / chi te vedeva?” Adesso invece, conclude: Se vuò allungà ’na mani, te sparagni!).
Altre volte Pinci prende di mira i turisti (“Li villeggianti”) che arrivano a Palestrina nicci, rancati… stanno pe’ spirà e invece, miracolati, dopo pochi giorni, rizzeno la schina / se fanno comme puorchi da ccorà. Oppure quelli che, con il pretesto della visita ai monumenti, vanno invece alla ricerca del buon vino (“Vienno pe’ vino”): Perché a chilli ce piace l’osteria: / più che pe’ l’antichità vienno pe’ vino. Non si cura di nascondere nemmeno un po’ il suo fondo misogino (vedi il sonetto “La lengua delle femmine”. Lingua così lunga, da spingere addirittura il diavolo a solidarizzare con l’uomo, vittima della donna: Lo diavoli ’na dì se spaventà / compatì l’omo che cià da commatte; oppure l’altro sonetto dedicato ad una moglie inetta e sciatta intitolato “Che zozzona”).
Meno convincente è in alcuni apologhi di genere favolistico moderno. Al contrario Pinci sa sorprendere con tocchi di sublime delicatezza sentimentale nelle poesie “Me fa’ mori’!…”, nella struggente ninna nanna di “Nun lo sviglia’” e nell’accorato lamento funebre materno in “Lo morticiello”, inserite tutte in antologia.
Insomma Antonio Pinci sa esprimersi in tutte le tonalità sentimentali con una ricchezza non solo di temi ma di linguaggio. Un linguaggio ricco che denota una dovizia di vocaboli senza eguali di un dialetto prenestino che sa raggiungere una pienezza di significato.
Tra i contemporanei, Angelo Sebastianelli, redattore del “Corriere dei Colli Prenestini”, settimanale prenestino, dalla sua attività di cronista attinge i numerosi spunti per le sue poesie spesso ironiche e talvolta sarcastiche, traboccanti di impegno civile, in alcuni casi addirittura veementi, crude nel linguaggio e sempre “senza peli sulla lingua”. Sebastianelli è un autore, secondo Umberto Croppi, “di inesauribile vena, con capacità di cogliere il dettaglio, di leggere nelle pieghe della vita quello che spesso agli altri sfugge”. (…) È da rileggere anche per il puro gusto di godersi il verso popolare, una lingua antica ma che è ancora nostra, l’astuzia, l’indovinello.” Per Maurizio Rossi: “l’opera di Sebastianelli, rappresenta con felice sintesi la mentalità dei popolani della nostra terra, lo spirito salace, disincantato, a tratti furbesco e sempre autocentrico della plebe, come egli stesso la individua, rendendo con vivezza una costante traduzione in termini ricercatamente incolti di tutte le principali tematiche della quotidianità del tempo.”
Dal primo libro di poesie di Antonio Fiasco Viengo dicenno, poesie in dialetto prenestino, è tratta la poesia in antologia in cui l’autore gioca con una lista lunghissima e variopinta di soprannomi locali.
Dice di lui Vittorio Perin, in una nota nella parte conclusiva del libro citato: “le sue poesie fluiscono come un torrente dopo un acquazzone primaverile, raccolgono mille rivoli e mille spunti, vivono la sorpresa di scoprire, strada facendo che si può comunicare anche con il dialetto, che anzi ricorrendo ad esso tutto sembra diventare più facile e naturale. (…) È una poesia fresca ed immediata, spronata in continuazione dalla fantasia e dall’impeto della sua personalità, non digiuna di riflessioni ed immagini argute e profonde. (…) Precisando metri e forme, e contenendo una certa affluenza torrentizia di alcuni componimenti, la sua poesia può rappresentare quel giusto risarcimento che il dialetto prenestino attende da troppi anni. Parole, espressioni e musica della nostra gente potranno essere, in questo modo, salvate, proprio nel momento più delicato ed estremo, quando tutto il mondo che le sottende sembra stia per essere irreparabilmente sopraffatto”.
 

Informa E. R. su Controluce (Agosto ) “Forse lo sapeva già Luigi Fusano di essere un’artista. Ma ha sempre voluto tenere con sé e per la sua famiglia questo segreto. Un’artista della vita, che ha vissuto gioie e dolori di un’esistenza semplice, ma ricca di emozioni. La guerra prima, il lavoro poi, la famiglia… una parola ricorrente nei suoi discorsi, sempre molto eloquenti. Oggi l’artista può vivere finalmente il suo otium letterario. Ma Gigi, come lo chiamano gli amici, non si è certo ritirato in pensione. Insieme ai suoi figli continua a mandare avanti il lavoro di una Stazione di servizio in via Pedemontana, la vecchia Prenestina, lì dove un tempo, insieme ai suoi genitori coltivava viti, funghi ed il babaco, un frutto esotico, da lui amato. L’occasione della Stazione di servizio arrivò nel 1990, a coronamento di una vita di stenti e sacrifici. Nato nel ’37 a Palestrina, Luigi aveva vissuto in prima persona la guerra e tutte le sue nefandezze. Egli stesso fu vittima di un tragico incidente, quando gli scoppiò tra le mani, nel terreno di sua proprietà, un residuato bellico. Ed è dai ricordi della guerra che trae ispirazione il suo primo componimento, scritto in occasione del sessantesimo anniversario del bombardamento della città. Da allora, un’altra parola ricorre frequente tra tutti quei versi scritti rigorosamente in dialetto prenestino: la “Pace”, un tema unificante attraverso le sue duecentocinquanta poesie. Racchiuderle in un solo libro sarebbe stato impossibile, ma i suoi versi, pubblicati anche nella rubrica “I nostri dialetti” di Controluce, sono ormai conosciuti in tutta la Provincia. Nella sua prima pubblicazione, presentata alla stampa nel 2008, Luigi Fusano ha voluto racchiudere il meglio di ricordi ed emozioni dove la riflessione profonda cede il passo alla fantasia, in un susseguirsi di parole ed incisioni, che lasciano spazio all’estro creativo di un’artista completo.
I suoi testi in nella sua raccolta Comme parlo…scrivo svariano da temi familiari come “La conzolazzione de muogliema”, “Lo fioretto de muogliema”
a quelli d’occasione si quelle liete “Nù dello trentasette”: Nù dello trendasette, e li ’ccostati / pe’ potè fa’ ’na bella rembatriata / tutti ’nziemi, ce semo reddunati / pe’ passà ’na giornata spenzierata… ;“A Ghiara (Chiara)” per la nascita de ’na pupetta bella / che tutti quanti steven’ a spettà (…) Se dice, che chi pianda può reccuoglie / Issi che llo zeppo hanno piandato / ’mbocciulo rosa ’n drà le virdi foglie / doppo de nove misi c’è sbocciato. / Mo’, curetela bbè ssa pianticella / e mettetecello tutto l’amore / ficetela cresce sana e bella / dènnocello ’n vuturo de splendore. / Sta scritto a ’m broverbio tand’andico / che lla femmena che è de conziglio / io che so’ anziano ve llo dico / primo fici la rosa può lo giglio; “Vittorio Perin”: A isso ch’è amande delle rime / ’sto scritto ce llo vuoglio deticà / la simbatia ce lla vuoglio ’sprime / perché le cùose belle sa ’pprezzà; che quelle colme di mestizia: “Luì ce revetemo”: Luì, te ne sì ito d’improviso / lassènno ’ddolorati tutti quanti / securamende mò ’sta ‘mbaratiso / ’ndra ’mmies’alli ’Bbeati co’ lli Santi. (…) Quanto quàche festino se ficeva / la serata divendeva più bella / mendre lo sardarello se balleva / tu ’ccombagnivi co’ la tammurella. / Co’ llo soriso ’mmocca si ’ffrondato / quarziasi probrema della vita / ottenènnolo bbuono risurdato / puro se la via èra ’nzalita. (…) Nùne che te semo conosciuto / tutti rendr’allo còre te portemo / e dennocello l’urdimo saluto / ’ndicemo addio, ma….. “ce revetemo”. / Nu ’nde llo so’ sonato l’orghenetto / perchè nu’ mme potivi ’ccombagnà. / Quando ce rengondremo, te prometto / tande sonate, ce potemo fa’.
Fusano è sempre pronto a raccogliere scene curiose della vita di tutti i gironi come in “Bbona robba”: Mevè da rite, solo repenzacce / a nà scenetta che sò vista ’ngiorno / llà ’ndone ce se ijetteno robbacce / io me cce trovevo dellà ’ttorno. / ’Na giovenotta sulla quindicina / ce steva tutta quanda ’n accennata / la steva a reciercà ’na catenina / che rendr’à lo secchion’èra cascata. / Cierca, recierca ij a capofitto / restiero fòra, cianche e mutanne / ’n anziano ché rivato ritto ritto / la monnezza se eva a disfanne. / Viddi chillo spettacolo ’n decénte / e subbito a mmij, se revotà / io la ’mmazzeria cierta génde / “chesta sarià robba da ijettà!”… In “Le Corna” infine una moglie davanti alla richiesta del marito, in punto di morte: “ma tu me lle sì messe mmai le corna?” / Essa respusi: “Te llò diceria” / Ma può ce repensane lìpperlì, / l’anima mbàce te lla metteria, / ma se può nun denissi da morì?”
Vedere anche https:////www.youtube.com/watch?v=WJ7OxxdILx8 mentre recita una poesia.
In Antologia una poesia dedicata a “Lo Dialetto” palestinese.

 
Antologia
ANGELO DE PROSPERIS
Lo cenone
– Scappa, dottore mio, pe carità,
scappa, sinnò maritemo se schiatta!
Lo so lassato allo lietto a strillà
e so scappata qua come ’na matta.
            – Ch’è successo? Che male gli è venuto?
            – Ma saccio muto io? De tanto be’
            che steva, stammatina s’è svenuto
            e puo’ dàlli a strillà senza perché.
Se cotola, se strazia, s’appallocca,
e nun c’è caso – sarà lo dolore –
’n ce cacci ’na parola dalla vocca.
Iamo, dottò, ché chillo me sse more!
            E andarono e trovarono il malato,
            circondato dai piccoli figlioli,
            che smaniava da toro incatenato
            e pel dolor mordeva anco i lenzuoli.
– Sentiamo un po’, disse il dottor, ch’appena
entrò, comprese il caso del dolente:
cosa mangiasti ieri sera a cena?
– Che me puozi magnà?… robba de gnente!…
            Robba, dottò… se sa… semo porielli…
            ma pe ’ssi riazzi ’ssa… pe ’ss’animucce
            se remeddià… magnà du’ vermicielli.
            – E quanti? – Tre u quattro scudellucce.
– E poi? – E può magnemmo pasta e cici,
ch’a di’ la verità, ne so un puo’ iotto;
ma sa, robba de puoco. – Poca dici?
– Puoca, perché lo cece ’n era cuotto.
            – Va bene; e in tutto quanta n’hai mangiata?
            – Quanta ’n tutto? Nemmanco tre scudelle!
            – E poi? – E puo’ ’n pezzetto ’e carpionata;
            ma che ci steva? Spino e tutta pelle!
– Li poveracci li serveno male,
caro dottore mio, disse Rosona,
la moglie, ch’era presso il capezzale,
e ce tocca a magnà sempre alla bona.
            – Certo, disse il dottore. E dopo quella
            spina e pelle d’anguilla che ci fu?
            – Che me magnà? Du’ gobbi alla patella:
            ’na trentina de croste o puoco più.
Il dottor, che ci aveva preso gusto,
non dava segno alcun d’ammirazione,
e riprese: – Coi gobbi non è giusto
che sia stato concluso il gran cenone.
            – Se sa, so feste un puo’ recordative,
            interruppe Rosona nuovamente;
            ’gna godessele mo’ che semo vive:
            ch’aspietti che te piglia ’n accidente?
– Certo, disse il dottore serio serio.
E dopo i gobbi mangiasti altra cosa?
– Lo sennero condito a cazzimberio,
tanto pe contentà muogliema Rosa.
            – Tu me dicisti dammene ’na crosta
            e puo’ te ne magnisti un mazzo sano!
            – Nun dà retta, dottò; lo dice apposta:
            lo sa che io a magnà ce vaio piano.
– E poi che altro ci fu? – Ce fu… gnent’aro…
Ah ! già, lo tonno; ma quanto un pezzetto
co du’ alici, ché custa troppo caro,
e ’n piattino de baccalà ’n guazzetto.
            – Solo in umido? – A di’ la verità,
            Rosa ne fici puro ’n cico arosto.
            – E ne mangiasti? – Manco la metà
            de du’ tre merluzzitti e stitti a posto.
– Finora non c’è male. E dimmi, adesso:
qui a Palestrina s’usa, di Natale,
friggere il cavolfiore e insiem con esso
le schiacciatelle a pasta naturale.
            – Vorristi dice broccoli e pastelle?
            – Precisamente. – Ro’, diccelo tu,
            se le si fatte ieri ’sse frittelle,
            ch’io la capoccia nun la tiengo più.
– E come fa a Natale a fanne senza?
E ne so fatte tante: ’ssi bardassi
li vidi be’ che so tutti a crescenza
e scoterieno, fra, puro li sassi.
            – Dunque, amico, com’è? – Rosa ha ragione,
            mo’ me recordo be’… qualche trentina
            me le magnà, l’aveva fatte bone,
            e puro du’ pastelle de farina.
– Ed altro non ci fu? – Mo’ nun se sbaglia;
me te puro levà dalle coste:
’n c’è remasto da di’ che minuzzaglia.
– E sarebbe? – Pellecce e callaroste.
            – E quante ne mangiasti? – Va a contà!…
            Chessa me pare proprio ’na sciocchezza!
            Me bivvi du’ tre fiaschi e me magnà
            ’n panpapatuozzo de ’na libbra e mezza.
– Frutta secche, bruciate e panpepato
li chiama minuzzaglia! Solo questo
è sufficiente a far morir crepato
un uomo, e tu ci hai messo tutto il resto!
            – Ma pe diligerì, però, dottò,
            se piglià lo caffè, lo rosoliato,
            disse Rosana, lo vermuzzo e puo’
            lo rumme e l’acquavita s’ha pigliato.
– E qualche congestione non l’ha presa?
– La congestione? E che saria ’ssa cuosa?
– È roba, che può prender senza spesa
il sor marito della sora Rosa.
            Or prega qualche santo del suo aiuto;
            oggi non mangerà: sarà ben sazio;
            e quando a sera il dì sarà venuto,
            s’è vivo ancor, ringrazi san Crepazio.
Intanto, per provar, ora ch’è vivo,
corri presto a comprare un vomitivo.
 
 
ANTONIO PINCI
Li velleggianti
Se sa’: però ce vienno a Pallestrina
l’istate li signuri a velleggià;
ce troveno lo fresco e n’aria fina,
che sse sso’ mmuorti li fa remmiva’…
            Ariveno, che fanno qua’ ddecina;
            nicci, rancati… stanno pe’ spirà;
            con può de giorni rizzeno la schina,
            se fanno comme ppuorchi da ccorà.
Li vè ’na fame!… e mmagneno, perdia,
ppiù cciccia, ppiù salame e ppiù presutto;
all’ova, può, ce vè la carestia.
            Pollastri, vino bbuono: ’nsomma tutto:
            se strozzeno ppiù robba ssi romani…
            Te fanno, caro mio, n’cacchia’ le mani!…
 
Nun lo sviglia’
Zitto, nun lo sviglia’, nun fa’ remore;
zitto che ss’è ’ddormito lo pupetto:
bbello de mamma sea, lo passeretto,
fatte la ninna, gioia de sto core.
            Nun lo sviglia’; nun trittica’ lo lietto:
            vàrdelo quant’è bbello, pare ’n fiore!
            E ddorme e ride: co’ cchi ridi? Amore!…
            Se sonna mamma e ride, st’angioletto.
Viscere de sto core, fa’ la ninna:
scherza coll’angiolitti, st’animuccia:
duormi, che mmamma, può, te dà la zzinna.
            Figlio! ppiù tte remiro e ppiù me piaci:
            lo viti comme move la voccuccia?
            Voccuccia bbella, fatta pe’ lli bbaci!!…
 
Lo morticiello
Ahi figlio mio! ahi figlio mio ch’è mmuorto!
È vero che ssì mmuorto, eh, figlio mio?
Mo comme faccio… e nun la cavo io!…
Ndò lo retrovo ’n figlio tant’accuorto,
            e ccosì bbuono e lliesto? Oh, Dio, Dio!
            N’avea sett’anni, e ggià la pizza all’uorto
            portea allo patre (a cchillo puoro stuorto)
            e ppuò venea a ssettasse all’uscio sìo.
Me jeva da Facciotti ggià pe’ ssale;
tenea ’n giodizzio; era ’na cuosa rara:
nun me ficeva ’na faccenna male.
            Nun ce pozzo penza’; chist’è ccorduoglio!
            Se llo mannevo dalla Montanara,
            me reporteva li quatrini e ll’uoglio!…
 
Che zozzona!
Mo ch’ajo pigliato muoglie, che sso’ fatto?
So’ più zzozzo de primo e ppiù ppanonto…
Lo vedo mo ch’è mm’è ttornato conto…
Se cce repenzo ce divento matto!
            ’Na femmena che ’n te sa sciacqua’ ’n piatto;
            nun sa fa’ gnente; e cche ssa mette ’n ponto?
            Nun ce sse crede: nun sa bbatte l’onto…
            La sera io da mi gna mme llo bbatto!
A magna’ solo chella se retrova,
e a ffa’ li danni: rompe ppiù ppicchieri!…
Se ffa ’n servizzio va ’cciacchenno l’ova…
            È ’na zozzona, può; manco le nuci
            tu te cce magneristi… ’zzecca: ieri,
            ’mmassea la pizza e sse ’cchiappea li puci!…
 
La cchiesola delli frati
Io quando che lla dì me so’ ’nquietata,
e mme sento la gola stretta stretta
comme volesse piagne, o sto ’ngustiata,
me vajo a fficca’ a cchella cchiesioletta;
            e subbito me sento consolata
            e alegra comme Santa Lisabbetta,
            quando che dda Maria fu vesitata:
            e llà trovo la pace benedetta.
’Ntanto cala lo sole e ve’ la sera;
sient’atr’ ’e lli cellitti a ffa’ “frì frì”
drent’ alla macchia: è ’n canto che ppuò more.
            Che quieta! che ssilenzio!… Notte e ddì
            staristi a ffa’ ’razzione; e lla preghiera,
            lla’ ddrento, t’esce proprio dallo core!…
 
 

ANTONIO FIASCO

 

Lo muzzico reconosciuto*
Se potemmo bazzica’ solo all’insaputo
e dàsselo qua’ bacetto ’nnasconnati,
ma se ’n se faceva “lo muzzico reconosciuto”,
nun emmo considerati viri fidanzati.
            Era necessario… pe’ la commare
            e la vecina, co’ la lengua luonga,
            perché appena se troveveno allo Formale,
            ce ficeveno lo cappotto, l’abbituccio e la gonna.
È allo padre de essa che veneva l’appetito,
comme vedeva qua’ moscone gira’ attorno,
voleva che lo muzzico fosse reconosciuto,
primo che lo fiore diventesse smeronto.
            Mo che so’ cagnati tiempi e usanza,
            e li muzzichi ’n so’ più reconosciuti
            se piglieno e se lasseno, senza circostanza,
            e tanti fidanzaminti… so’ feniti.
Io, che sò visto mo’…, e puro allora,
l’auguri, che a ’sti giuveni ce faccio,
de rei’ a casa de essa, comme ’na vota,
co’ lo boccione dello vino sotto raccio.
 
* Muzzico reconosciuto: pranzo di fidanzamento
 

ANGELO SEBASTIANELLI

 

La vecchietta ar bancomatte
Na vecchietta me vede ar bancomatte
sto marchingegno fa, caca bajocchi?
Certo je fo’, e lei sgrananno locchi
fece: ma lo sa que de deve datte?
            Badate ’nserve li crienti allocchi
            ste carte der telefono so fatte
            pe davve er sordo senza domannatte
            quer che ce fai, appena che li tocchi.
Se misse a spigne tutti li bettoni
la somma n’arto subbito je segna
spettava pe contalli li mijoni.
            Oprì la borza pe mettecce er mazzo
            m’ha cojonato fa! quer pezzo de fregna
            perché dar bucio nun ce sorte ’ncazzo.
 

LUIGI FUSANO
Lo Dialetto
Un’ arbero pe’ dà li bbùoni frutti
à da tenello, fonno lo scàssato
così che co’ lle rime, dico a tutti
nu’ llo lassémo arèto, lo passato.
 
Lo dialetto, ch’è la lengua matre
lo paesano, ’nze tè da scordà
perchè già li sbinnuonni dello patre
dall’ avi lo sendeveno parlà.
 
Mo’ nùne mandenemolo l’orgoglio
mendre ‘ffrondemo le future ’mbrese
da Carchitti fino su’ allo Sgoglio
’nge llo scordemo lo “Palestrinese”.
 
Co’ ’ste quattro rime ’mbùo banali
vuoglio lassà listesso la presenza
pe’ fa’ remanì scritto all’annuali
dello dialetto nùostro, l’eccellenza.

 
Cenni biobibliografici
 
ANGELO DE PROSPERIS è nato a Palestrina nel 1877 e morto nel 1951, sacerdote di grande rigore morale, si occupò lungamente dell’educazione dei ragazzi e dei giovani ai quali dedicò la raccolta, Ricilene (Palestrina, 1938) di cui sono riproposte le sole poesie dialettali in Una città viva nel tempo.
 
ANTONIO FIASCO è nato a Palestrina nel 1943, nel quartiere Borgo. Dipendente Atac, coltiva da anni la poesia dialettale. Il suo primo libro di poesie è “Viengo dicenno”, poesie in dialetto prenestino, Biblioteca comunale Fantoniana, Palestrina, 2000.
ANTONIO PINCI è Nato a Palestrina tra il 1865 e il 1870. Dopo aver studiato in seminario, come alunno esterno, lavorò in una legatoria di Palestrina. Si trasferì in seguito a Roma, vi si sposò in età matura e gestì un suo piccolo negozio. Nella capitale pubblicò nel 1922, presso la tipografia Rossi il libro Rime rustiche, sonetti e favole originali in dialetto prenestino.
ANGELO SEBASTIANELLI è autore delle raccolte di sonetti in romanesco: Stradafacenno, Stradarifacenno, Er capolinia nonché di La fermata appresso, sonetti in romanesco, Roma, s.e., 2006, pp. 288. Collabora al “Corriere dei Colli Prenestini”, settimanale prenestino.
 
Bibliografia
Cicerchia, Eugenio e de Angelis, Giulio, Palestrina e la sua antica “parlatura”, [s. l., s. e.], [2009]
De Prosperis, Angelo, Ricilene, Palestrina, 1938.
De Prosperis, Angelo, Sonetti, manoscritto, 1938.
Fiasco, Antonio, “Viengo dicenno”, poesie in dialetto prenestino, Palestrina, Biblioteca comunale Fantoniana, 2000.
Luciani, Vincenzo, Le parole recuperate. Poesia e dialetto nei Monti Prenestini e Lepini, Roma, Ed. Cofine, 2007
Pinci, Antonio, Rime rustiche, sonetti e favole originali in dialetto prenestino, Roma, 1922.
Sebastianelli, Angelo, Stradafacenno, s.l., s.e., s.d.
Sebastianelli, Angelo, Stradarifacenno, s.l., s.e., s.d.
Sebastianelli, Angelo, Er capolinia, s.l., s.e., s.d.
Sebastianelli, Angelo, La fermata appresso, sonetti in romanesco, Roma, s.e., 2006.
 
 Webgrafia
 

ultimo aggiornamento il 24 novembre 2012