8 – ARCINAZZO ROMANO

Arcinazzo Romano (1.322 abitanti, detti ponzesi. A 831 m slm) incastonato tra gli altissimi monti Affilani, è il centro più elevato della Valle dell’Aniene.
 
Il dialetto di Arcinazzo Romano:
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Dal libro Il dialetto di Ponza: Arcinazzo Romano [s.l., s.e., stampa 2001] di Antonio Gabrieli ricaviamo alcune note grammaticali sul dialetto di Ponza, tratte dal libro :
– aferesi della i seguita da nasale: ’nsalata ‘insalata’, ’nsolecà ‘tracciare solchi’, ’nsurdà ‘insultare’, ’ntènne ‘intendere’, ecc.;
– aferesi della o: ’mbreglio ‘ombrello’, recchia ‘orecchia’, refice ‘orefice’, ecc.;
– aferesi della –u: liva ‘ulivo’, ’ncino ‘uncino’, ecc.;
– metatesi: cerqua ‘quercia’, crapa ‘capra’, corvatta ‘cravatta’, drento ‘dentro’, frabbica ‘fabbrica’, frève ‘febbre’, féteco ‘fegato’, strippu ‘sterpo’, struppiu ‘storpio’, taramàzzu (< matarazzu) ‘materasso’, trocchiu ‘torchio’, ecc.;
– epentesi di v: mavestro ‘maestro’, pavése ‘paese’, ecc.;
– concrezione dell’articolo: aratio ‘radio’, lapa ‘ape’, ecc.;
– conservazione della –u finale: muccu ‘viso’, asinu ‘asino’, tavulinu ‘tavolino’, ecc.;
– conservazione del monottongo velare: foco ‘fuoco’, òvo ‘uovo’, òmo ‘uomo’, bòno ‘buono’, ecc.;
– conservazione del monottongo palatale: léveto ‘lievito’, méle ‘miele’, séro ‘siero’ ecc.;
– metafonesi: palittu ‘paletto’, friddu ‘freddo’, pìi ‘peli’, piru ‘pero’, niru ‘nero’, curbu ‘colpo’, tunnu ‘tondo’, munnu ‘mondo’, biunzu ‘bigoncia’, cannuni ‘cannoni’, sarturi ‘sarti’, tratturi ‘trattori’, ecc.;
– mancata anafonesi: léngua ‘lingua’, strégne ‘stringere’, vénce ‘vincere’, rénga ‘aringa’, sténga ‘stringa’, zénghera ‘zingara’, ecc.;
– desonorizzazione delle occlusive sonore: picchiero ‘bicchiere’, passonata ‘bastonata’, féteco ‘fegato’, meticu ‘medico’, patre ‘padre’, quatro ‘quadro’, ecc.;
– sonorizzazione della fricativa labiodentale f dopo nasale: convétto ‘confetto’, ’nvinucchià ‘infinocchiare’, ’nvussu (< infosso) ‘bagnato’, ecc.;
– sonorizzazione dell’occlusiva dentale t dopo nasale e vibrante: ’Ndoniu ‘Antonio’, sfardo ‘asfalto’, urdimu ‘ultimo’, ardale ‘artare’, ardica ‘ortica’, ecc.;
– sonorizzazione dell’occlusiva velare k dopo nasale e vibrante: ’nganna ‘in canna’, ecc.;
– sonorizzazione della labiovelare qu dopo nasale: cingue ‘cinque’, ecc.;
– sonorizzazione dell’affricativa prepalatale c dopo nasale: anginu ‘uncino’, ecc.;
– passaggio dall’occlusiva dentale sonora d a j: creje ‘credere’, vajo ‘vado’, peje ‘piede’, ecc.;
– passaggio dell’occlusiva dentale sonora d a v: véta ‘dita’, ecc.;
– passaggio dall’affricata prepalatale sonora g iniziale a j: jennero ‘genero’, ecc.;
– passaggio dal nesso ghi/chi a j: janna ‘ghianda’, juttu ‘ghiotto’, joto ‘chiodo’, jàve ‘chiave’, ecc.;
– passaggio da –ll- a –gli-: capigliu ‘capello’, mogli ‘molli’, coglio ‘collo’, ecc.;
– dileguo dell’occlusiva dentale sonora d intervocalica: nìu ‘nido’, annùu ‘nodo’, nùu ‘nudo’, ecc.;
– dileguo della b seguita da vibrante: raccia ‘braccia’, racia ‘brace’, suore ‘sudore’, ecc.;
– dileguo dell’occlusiva velare sonora g seguita dalla vibrante r: ranne ‘grande’, russu ‘grosso’, rano ‘grano’, ròtta ‘grotta’, ecc.;
– dileguo dell’occlusiva velare sonora g intervocalica in alcuni casi: stréa ‘strega’, ecc.;
– dileguo della laterale l prima dell’occlusiva dentale sorda t in alcune parole: vòta ‘volta’, raccota ‘raccolta’, aru ‘altro’, scauzzu ‘scalzo’, facia ‘falce’, futu ‘folto’, ecc.;
– perdita dell’elemento occlusivo nell’affricata prepalatale sorda: Sculiçénzia ‘con licenza’, baçio ‘bacio’, ecc.;
– vocalizzazione della v: touaglia ‘tovaglia’, Tiuli ‘Tivoli’, Touardo ‘Edoardo’, ecc.; fino al dileguo: cantea ‘cantava’, ficea ‘faceva’, ecc.;
– passaggio dall’occlusiva velare g a v: vinucchiu ‘ginocchio’, vitu ‘dito’, valle ‘gatto’, vatto ‘gatto’, ecc.;
– passaggio di b a u: uocca ‘bocca’, uotte ‘botte’, utticella ‘botticella’, ecc.;
– passaggio a b di v geminata o preceduta da s: abbià ‘avviare’, abbotà ‘avvolgere’, sbelà ‘svelare’, ecc.;
– labializzazione dell’occlusiva velare sorda k all’inizio di alcune parole: quinato ‘cognato’, quaglio ‘callo’, ecc.;
– velarizzazione della labiovelare sorda qu: ca’ qualche’, cacunu/catunu ‘qualcuno’, cando ‘quando’, ecc.;
– esito sj > s: camisa ‘camicia’, caso (< casium) ‘cacio’, ecc.;
– esito –aius > –aro: notaro ‘notaio’, furnaro ‘fornaio’, febbraro ‘febbraio’, ecc.;
– esito –cs– > –ss-: lassà ‘lasciare’, assuttu ‘asciutto’, assemmà ‘scemare’, cossa ‘coscia’, ecc.;
– raddoppiamento dell’occlusiva bilabiale sonora b: subbitu ‘subito’, robba ‘roba’, dibbitu ‘debito’, ecc.;
– rotacizzazione della laterale l preconsonantica: corbo ‘colpo’, ardale ‘altare’, ecc.;
– assimilazione progressiva del nesso nd in nn: cannuttu ‘condotto’, pènne ‘pendere’, munnu ‘mondo’, ’ntènne ‘intendere’, unici (< unnici) ‘undici’, ecc.;
– assimilazione progressiva del nesso mb in mm: ammoccà ‘imboccare’, sammucu ‘sambuco’, tammuru ‘tamburo’, ecc.;
– raddoppiamento delle nasali in alcune parole: camminu ‘camino’, cammera ‘camera’, comme ‘come’, ummidu ‘umido’, stòmmeco ‘stomaco’, ecc.;
– nomi di piante non da frutto di genere femminile alla latina: la saocia ‘il salice’, la ficora ‘il fico’, l’acera ‘l’acero’, la liva ‘l’ulivo’, ecc.;
– conservazione del plurale neutro latino: prata ‘prati’, orta ‘orti’, ficora ‘fichi’, prunga ‘prugne’, ecc.;
– sostantivi della I declinazione invariati: du’ ora ‘due ore’, ecc.;
– plurali in –i della I declinazione: casi ‘case’, ecc.;
– apocope degli infiniti verbali: magnà ‘mangiare’, vedé ‘vedere’, finì ‘finire’, ecc.;
– apocope della sillaba –ne: pricissió ‘processione’, pirdimà ‘posdomani’, quistió ‘questione’, ecc.;
– apocope del vocativo: ’Ndò ‘Antonio’, ‘mamma’, Marì ‘Maria’, signó ‘signore’, ecc.;
– terza persona del passato remoto in –à: me bussà ‘mi picchiò’, ecc.;
– articolo determinativo maschile singolare ju e neoneutro singolare lo: j’arbiru ‘l’albero’, j’asinu ‘l’asino’ e lo pa’ ‘il pane’, lo vinu ‘il vino’, lo zuzzu ‘lo sporco’, lo piummu ‘il piombo’, ecc.;
– pronomi personali: ue’ ‘io’, tu, issu/jéssa ‘egli/ella/lui/lei’, nu’ ‘noi’, vu’ ‘voi’, issi/jésse ‘essi/esse/loro’;
– aggettivi e pronomi dimostrativi di I persona: ’sto/chistu ‘questo’, ’sta/chesta ‘questa’, sti/chisti ‘questi’, ste/cheste ‘queste’; di II persona: ’su/chissu ‘codesto’, ’sa/chessa ‘codesta’, ’si/chissi ‘codesti’, ’se/chesse ‘codeste’; di III persona: chigliu ‘quello’, chella ‘quella’, chigli ‘quelli’, chelle ‘quelle’;
– aggettivi e pronomi possessivi: méio/meia/méi/méie ‘mio/a’, téio/téia/téi/téie ‘tuo’/a’, séio/séia/séi/séie ‘suo/a’, nostro/a/e/i, vostro/a/i/e, séio/séia/séi/séie ‘loro’;
– possessivo enclitico: paritu ‘tuo padre’, parimu ‘mio padre’, marìtitu ‘tuo marito’, marìtimu ‘mio marito’, fratitu ‘tuo fratello’, casoma ‘casa mia’, casota ‘casa tua’, ecc.;
– prima persona singolare del futuro in –ajo: sarajo ‘sarò’, tenaraio ‘avrò’, ecc.;
– terza persona plurale del presente indicativo del verbo avere in –ao: hao ‘hanno’, ecc.; e conseguente terza persona plurale del futuro in –ao: sarào ‘saranno’, tanarào ‘avranno’, ecc.;
– prima persona plurale dell’imperfetto in –èmmo: parlèmmo ‘parlavamo’, leggèmmo ‘leggevamo’, finiscèmmo ‘finivamo’, ecc.;
– prima persona singolare del condizionale in –ìa e terza plurale in –ìeno: parlarìa ‘parlerei’, leggiarìa ‘leggerei’, finisciarìa ‘finirei’, ecc. e parlarìeno ‘parlerebbero’, leggiarìeno ‘leggerebbero’, finisciarìeno ‘finirebbero’, ecc.;
– verbo tené per avere: téngo ‘ho’, ecc.;
– verbo ì per andare: itu ‘andato’, jèmmo ‘andavamo’, jaràio ‘andrò’, jarào ‘andranno’, ecc.;
– forma pòzzo ‘posso’;
– avverbi deittici: icchi ‘qui’, issi ‘costì’, lòco ‘lì’;
– avverbi particolari: capabballe ‘in basso’, capammonte ‘in alto’, ’ntremente ‘mentre, nel frattempo’, pirdimà ‘posdomani’, maddomà ‘questa mattina’, masséra ‘questa sera’, séra ‘ieri sera’, ecc.
Alcuni vocaboli nel dialetto di Arcinazzo Romano sono riportati in Il dialetto di Roiate di G. Orlandi. Tra di essi preleviamo:
araloggjo (orologio), arrocenato (arroventato), avistru (setola o resta del grano), cannarozzo (esofago, gola), cìfiu (zufolo), stingu (fusto secco del granturco pronto per essere reciso), pàrimu (mio padre), sténnituru (matterello), stregà (insaponare e strofinare), surikkju (falce), vattarégljo (strumento per battere il grano).
Antonio Gabrieli è l’autore deIl dialetto di Ponza: Arcinazzo Romano,[S.l., s.e.], stampa 2001 (Subiaco, Tipografia Stamparte).
Secondo Giorgio De Santis il libro di Gabrieli, unico nel suo genere contribuisce in modo significativo alla riscoperta dello specifico modo di parlare di Arcinazzo Romano ed alla conservazione della cultura in generale. 
Antonio Gabrieli, afferma giustamente nella sua introduzione che “questo lavoro non ha la presunzione di essere il vangelo del dialetto ponzese” e tuttavia questo libro segna una svolta importantissima nel discreto panorama letterario dedicato a quel piccolo paese; un punto fermo del quale si dovrà certamente tener conto nel prossimo futuro.
A differenza di altre importanti pubblicazioni, infatti, questo lavoro pur contenendo, secondo l’autore, “difformità, errori di interpretazione ed altro” resterà, a mio avviso, un sicuro punto di riferimento per tutti coloro che avranno ancora il “coraggio” e la pazienza certosina di cimentarsi di nuovo con le origini linguistiche o semplicemente con l’ormai sbiadito dialetto di Arcinazzo.
La prima parte – Elementi di Morfologia – è utilissima perché contiene la parte grammaticale senza la quale non si possono capire la pronuncia e le origini del dialetto le quali, a loro volta, come sostiene Antonio Gabrieli “si perdono veramente nei meandri della notte dei tempi”. Ad essa si aggiunge il piccolo Vocabolario ponzese situato alla fine del testo che può contribuire ad “educare” i giovani ad un “corretto” uso del nostro dialetto e della sua pronuncia sempre più storpiata con il passare del tempo.
“Alla parte centrale del testo – Antologia – è affidata invece – afferma Giorgio De Santis – la rievocazione di personaggi e piccoli fatti realmente accaduti a Ponza. Questa parte, corredata da un discreto numero di poesie è certamente la più piacevole da leggere; scritta rigorosamente in dialetto fa vivere la vita quotidiana sociale che si svolgeva nel paese quando questo era composto per la quasi totalità da contadini e pastori e dove l’unica fonte di reddito per tirare avanti era l’agricoltura. Queste pagine ci restituiscono “l’umore sociale” in cui vivevano un tempo non molto lontano i nostri genitori e nonni, ci danno una precisa idea delle relazioni personali e delle liti frequenti che si svolgevano in luoghi caratteristici del paese ormai definitivamente scomparsi (I Puzzi, Ju Furnu, La Mola ecc.); ci ricordano le superstizioni e i riti in cui credevano (La ‘Ncaociata, Le Streie, Le Scarpe ‘ella Morta), ci fanno riflettere sulla fatica e sulle speranze di ottenere un raccolto sufficiente per poter pagare i debiti fatti per vivere (L’Ara) e sulla paura della guerra rievocata nella tragica giornata del Primo Maggio 1944. Insomma questa sezione del libro ci restituisce lo scorrere della vita paesana immersa nella povertà e nella miseria, tanto semplice quanto lontana dalla realtà odierna. Da segnalare infine il capitolo “La Toponomastica di Ponza” il quale ha la funzione di far conoscere il territorio del nostro paese mantenendo vivi nella memoria i nomi delle località in passato frequentate da tutti (contadini e pastori) e che oggi sono per la maggior parte dimenticati a causa dell’abbandono dell’attività agricola; nomi e luoghi un tempo comuni sono oggi per lo più sconosciuti”
 
 Vocabolario
 
Dal libro di Antonio Gabrieli selezioniamo alcuni vocaboli: abbeiènte ‘bidente (zappa con due corni)’, abbelà ‘coprire’, abbravà ‘spronare gli animali a camminare’, accappà ‘coprire, nascondere’, accaì ‘impedire che si accenda il fuoco’, accaiènte ‘ospite inatteso, indesiderato, scroccone’, accattè ‘vuoi vedere che…, vuoi scommettere che…’, acciuppillitu ‘intirizzito’, accòglie ‘colpire; infettare’, accoppiaturu ‘telo rustico di lana o cotone di vari colori’, accucchià ‘accumulare’, accuficchià ‘rannicchiare’, acoglioio ‘piccolo trapano a mano’, adda ‘guarda’, affattazze ‘affacciarsi’, affollaticciu ‘giuoco delle spinte; grande folla’, affocià ‘rimboccare le maniche’, affontà ‘indovinare’, aiuccu ‘cuculo’, alema ‘anima’, alicu ‘terreno tufaceo’, alimano ‘animale’, allettà ‘chiamare gli animali imitandone il verso’, allumà ‘illuminare’, ammaì ‘andare in malora’, ammannato ‘indurito (si dice di fico non maturato), ammassà ‘impastare il pane o simili’, amminnì ‘ammansire’, ammuià ‘muggire’, appasemato ‘asmatico, affannato’, appiricà ‘arrampicarsi’, appettà ‘salire con fatica’, appontà ‘spingere qualcosa con forza’, arléro ‘laccio di cuoio’, arméro ‘bastone ricurvo per sostenere il maiale appeso’, arocenà ‘arroventare’, assettaturu ‘sedile in genere’, atterzà ‘astringere sugo o acqua’, attiticciu ‘giradito (malattia del’unghia)’, aùgnu ‘attrazione (da agognare)’, auzzitu ‘gonfio’, avistru ‘rostro della spiga’, azzarià ‘spaventare’, azziglià ‘saltare per la gioia’, azzigliaziglione ‘calabrone’, azzicchiato ‘guasto, inacidito’, bacchera ‘chiacchiera’, bafa ‘vapore’, ballarella ‘suono caratteristico di campane a festa’, ballarinu ‘ballatoio’, bancozza ‘sgabello di legno’, bandone ‘lamiera’, bannella ‘cardine della porta’, bircoca ‘albicocca’, bottaccio ‘tipo di uva (detto per la botte)’, buàtta ‘bugia’, buetta ‘pacco di sigari’, bussulotto ‘salvadanaio’, cacaglia ‘paura’, cacchia ‘pane integrale fatto in casa’, cachiu ‘essudato da infezione delle congiuntive’, caià ‘carreggiare il grano’, caia ‘strumento in legno per carreggiare il grano con animale da soma’, calarzi ‘fiammate’, callòppiu ‘foglia che avvolge la pannocchia’, canala ‘grondaia’, cànnoa ‘canapa’, cannio ‘stendarello’, cantarella ‘bacca rossa usata per i dolori reumatici’, capoccella ‘capolino’, carafa ‘veggente, indovina’, carrareccia ‘strada sassosa dissestata’, carastusu ‘tirchio’, care ‘solo, soltanto’, casso ‘forma di legno per il formaggio’, cataratta ‘bussola’, centina ‘curva, ansa’, cecuiu ‘foruncolo’, ceppàra ‘cespuglio’, cèrpa ‘grappolo’, cèse ‘tagliata dei boschi’, cernecà ‘scuotere’, cétto ‘presto’, chisia ‘chiesa’, cialoà ‘ciarlare’, chicchera ‘isolatore di corrente elettrica (sui pali)’, chinca ‘chiunque’, ciammaruca ‘lumaca’, cianciallotto ‘questuante occasionale’, ciancecà ‘masticare’, ciarda ‘pecora giovane’, ciavara ‘pecora che non dà figli’, cicia ‘pezzo di coccio per giocare’, cifuli ‘tipo di pasta fatta in casa’, ciòrno ‘bernoccolo’, cifiu ‘fischio; flauto’, cilizziu ‘fastidio (da cilicio)’, cimitella ‘parte più elevata del monte o dell’albero’, cinturu ‘telo che avvolge i neonati’, cirigna ‘nulla’, cirignu ‘cesto a forma di quarto di sfera per raccogliere le olive’, cistru ‘cesto, canestro da caricare sulla soma’, cococcia ‘zucca’, cofó ‘grotta nel territorio di Ponza’, còfa ‘buca, grotta’, colemaricciu ‘il culmine del tetto’, comèra ‘vomere’, concerto ‘complesso musicale, banda’, còppa ‘misura di 20 kg di frumento per 1000 m di terreno’, còppia ‘striscia di carne seccata e salata’, còppo ‘tronco scavato per mantenervi acqua’, cornale ‘pianta del corniolo’, coròglia ‘cercine’, còro ‘pelle d’asino essiccata per costruire ciocie (lat. corium)’, cotéglio ‘sbieco, di lato’, cotterella ‘caldaia’, covazinzera ‘uccello grigio dalla lunga coda’, còzzo ‘crosta di terra’, crocia ‘crosta di ferita infetta’, cucchi ‘pasta fatta in casa con acqua e farina’, cucuìna ‘tipo di mela dalla forma oblunga’, cucurùzzu ‘piccolo mucchio’, cucumà ‘il bruciare del fuoco sotto la cenere’, cùnnia ‘culla’, cuncuccigliu ‘barattolo’, curdu ‘sordo (detto di dolore costante)’, cutinicchia ‘piccola cotica’, cuttirigliu ‘secchiello’, dannataro ‘che produce danni’, eccocia ‘da queste parti’, ellocia ‘da quelle parti’, fallone ‘pane di farina di granoturco’, famaccio ‘stomaco grosso, gonfio’, fanìa ‘smania, ansia’, farchio ‘legume tipo lenticchia’, farno ‘tipo di fungo porcino’, fastima ‘fai conto che…’, fasuiu ‘fagiolo’, favitu ‘faggeto’, fazione ‘misura piccolissima’, fèlla ‘ferita da taglio’, ficcafroce ‘ficcanaso’, fintifanti ‘tipo di pasta fatta in casa’, filagna ‘pianta di castagno alta e fina’, fischiozzo ‘tipo di pasta, cannolicchio’, fizii ‘funzioni della Pasqua’, fontanaccio ‘pozzanghera’, fòrma ‘canale di scolo del terreno’, furniticu ‘irrequietezza’, frivilici ‘brividi’, frollà ‘scoreggiare’, frollata ‘scoreggia’, frusci ‘rami secchi’, gama ‘pula del grano’, gnaccuiu ‘nodo da basto’, gnucca ‘tipo di mucca da latte’, iummèlla ‘piccola quantità, manciata di roba’, jémmete ‘balzo del terreno, limite’, labbesse ‘lapis’, lagno ‘ragnatela’, langa ‘malattia dei gatti, fame rabbiosa’, lappa ‘appiccicosa, petulante’, lèce-lèce ‘debole, pallido, malaticcio’, léna ‘legna’, lèstra ‘letto di paglia per animali’, lincestra ‘lucertola’, lipra/lipera ‘vipera’, lòcca ‘chioccia’, lottia ‘farfalla’, luìna ‘seme di zucca, pomodoro o altro ortaggio’, lumelluscu ‘penombra’, màcinu ‘sasso pesante’, magra ‘vernice, tinta’, maleciritu ‘pallido’, mammava ‘levatrice’, mancinia ‘ciocco per pestare la canapa’, manicciata ‘manciata’, mannato ‘piccolo mazzo di spighe dalla spigolatura’, manicutu ‘cesto con lungo manico ricurvo’, màntra ‘stazzo per pecore’, màntola ‘nocciolo della pesca’, marmero ‘marmo’, matta ‘fascina di frasche’, mazzafionca ‘fionda’, mazze ‘intestini’, mazzovasto ‘mangione’, mazzocchio ‘groviglio’, mbrumba ‘il bere dei bambini’, menatora ‘arnese per girare la polenta’, messòtta ‘messa del fanciullo (si celebrava alle ore otto)’, minòme ‘omonimo’, montano ‘frantoio’, mòra ‘sasso, macigno’, morale ‘trave di legno’, moretto ‘parete rocciosa’, mortaneca ‘morìa’, mortoro ‘tassa di successione’, mozzétta ‘coltello da contadino (senza punta, per potare)’, mezzanile ‘parte anteriore della botte’, ’mparaticciu ‘principiante, apprendista’, ’mpastorà ‘mettere la pastoia alle zampe degli animali’, ’mponne ‘imporre’, ’mollerà ‘impolverare’, ’mprimità ‘primamente’, mucchiale ‘collo del fiasco o della bottiglia’, muccu ‘viso’, mucculino ‘birichino, faccia tosta’, munniu ‘strumento per pulire il forno’, muttigliu ‘imbuto’, nazzecà ‘pavoneggiare’, ncanata ‘cadenza del parlare dialettale’, ncaocià ‘preparare il grano da semina con acqua di calce ed altro’, ncarà ‘trascinare, trasportare’, ncavinà/ngavinà ‘ingarbugliare, aggrovigliare’, ncènne/ngènne ‘dolere’, nciauglià ‘pasticciare’, nciafroccà ‘inciampare’, nciafriglià ‘fare le cose alla rinfusa’, ncinniusu ‘intollerante’, nconocchià(sse) ‘inginocchiar(si)’, ncucuià ‘accoccolare’, ncrespà ‘far sobbalzare le castagne sulla padella’, nquartato ‘ingrassato’, néneni ‘uova di pidocchi’, néscola ‘cerchio di zucca essiccato’, nècche ‘bisogna che…’, neccio ‘magro’, nfantà ‘partorire’, nfoiato ‘collerico’, nfonne ‘bagnare’, nfussu ‘bagnato’, ngrillà ‘invigorire’, nginupètto ‘angina pectoris’, nompassato ‘l’anno passato’, npelese ‘sollevato in alto’, nsignu ‘pezzetto di carne insignificante’, ntiru ‘giro di scopa sull’aia’, ntrattaglià ‘balbettare’, nuèlle ‘in nessun luogo’, nuiu ‘nuvola’, nsuglià ‘sporcare’, nzunu ‘insieme’, olestra ‘scintilla’, opiu ‘sonno profondo’, ortécchia ‘ciambellina di legno, contrappeso per il fuso’, palogne ‘ungere’, palontèlla ‘bruschetta di pane unta con olio’, pannaro ‘venditore di stoffe’, pantasema ‘fantasma’, papampiru ‘papavero’, paràtesse ‘paralisi’, pàsema ‘asma, affanno’, passonata ‘bastonata’, paténa ‘madrina, comare’, patìnu ‘padrino, compare’, peiecata ‘piede di una pianta’, pennàle ‘pensilina’, pélese ‘soffitto; fienile’, pemmòre ‘per norma’, pennazzià ‘muovere le palpebre’, pennecàta ‘treccia di pannocchie’, pennìa ‘fuso per filare’, pénnicu ‘tralcio di vite con grappoli’, pèntoma ‘pendenza, terreno scosceso’, percorato ‘procuratore’, péria ‘gomitolo’, pèrseca ‘pesca’, pervénta ‘soddisfazione, per vinta’, petareglio ‘che chiede l’elemosina’, petrécchia ‘sassolino tondeggiante per giuochi infantili’, pezzétta ‘quadruccio di pasta fatta in casa’, piccirigliu ‘piccolino’, pienéta ‘cartoncini con scritta la buona sorte’, piccuiu ‘trottola’, pillicciu ‘strumento per vagliare i cereali’, pimpitoro ‘pomodoro’, pignone ‘insieme di nove covoni di grano’, piòcco ‘buca su una pietra o ciocco’, pioveleca ‘pioviggina’, pirchiu ‘tirchio’, piripècchie ‘solletico’, pirnucciu ‘picciolo’, pisciannùio ‘pioggia con sole’, piscuiu ‘gocciolino d’acqua’, pisticciu ‘pezzetto di carne cotta’, pitìna ‘malattia del becco dei polli’, pittinicchia ‘pettine fitto’, pòccio ‘montone, ariete’, pòllere ‘polvere’, polleracchio ‘polverone’, pòrca ‘porzione di terreno coltivato’, postèma ‘ascesso’, precòio ‘ovile’, prefòri ‘portico’, préna ‘pregna, incinta’, prepia ‘sedile di legno ricavato da un ciocco con tre piedi’, proficiu ‘piccolo fico autunnale molto dolce’, protòre ‘prurito’, pròna ‘ciglio della strada o margine in genere’, prunga ‘prugna, susina’, puramente ‘oppure’, puzziana ‘pozzolana’, raccapòtto ‘ragazzo’, racciacchiru ‘racimolo’, rallòggio ‘orologio’, ràmmia ‘strumento per pettinare la canapa’, raschio ‘graffio’, rattoppinu ‘chi vive di espedienti’, ravica ‘radice’, recanèlla ‘strumento per chiamare la gente in chiesa sotto le feste di Pasqua, raganella’, régna ‘covone di spighe’, renaticciu ‘rinato spontaneamente’, rensenecà ‘ripetere in maniera petulante’, renzumà ‘riunire’, rèpe ‘ramo di rovo spinoso’, retrànche ‘bretelle’, retragnéro ‘esitante’, retrobbéco ‘che sta male in piedi’, rezzelà ‘rassettare’, riomàna ‘strada asfaltata’, risicu ‘ramo lasciato nella potatura della vite, per il frutto’, rocecareglio ‘estremità cartilaginosa dell’osso’, roffolà ‘russare’, rogazziuni ‘processioni di preghiera’, ròsta ‘spazio per evitare l’estensione dell’incendio’, rovazzòla ‘giaciglio; recinto di pietra o legno’, rubbènte ‘ladruncolo’, rùcchiu ‘tronco, ceppo’, rucia ‘cicatrice della vaccinazione’, rujà ‘grugnire’, ruèrza ‘rovescia’, rummella ‘polso’, ruzzica ‘ruota di legno per giocare’, saccènte ‘salato’, sàgna ‘sfoglia di pasta fatta in casa’, sagnòzzi ‘pasta fatta in casa o minestra’, sàmbia ‘altalena’, sardaleó ‘molla che tende le cesoie da potatura’, sbacuià ‘sgranare il granturco’, sbarià ‘spargere’, scarlatto ‘sorta di amuleto’, scatorcià ‘sfogliare pannocchie’, scarsella ‘parte di una balla di fieno’, scarciofolo ‘carciofo’, scattola ‘scatola’, scazzocchià ‘sciogliere, dipanare’, scèlla ‘ala di uccello’, scencià ‘rompere’, schiama ‘schiuma’, schiarlo ‘grossa lumaca’, sciacenà ‘separare gli acini d’uva dal graspo’, scifa ‘mastello di legno’, scifu ‘truogolo’, scibbècco ‘vino ottenuto da vinacce annacquate’, scigna ‘scimmia’, scòfeno ‘grande quantità di cibo’, scopigliu ‘ciuffo di erba secca’, scolemaréglio ‘mestolo’, scollà ‘scomparire’, scrocchiarella ‘strumento di legno usato nelle feste di Pasqua’, sconcià ‘abortire’, scortecaturu ‘dirupo impervio’, scurtu ‘finito’, scrizzu ‘schizzo’, scrià ‘spaventare; far spegnere il fuoco’, scrizzaturu ‘stantuffo di sambuco per giochi infantili’, scuccu ‘stravecchio’, scucuglià ‘schiacciare sotto un peso’, sdemette ‘distruggere’, sdellazzà ‘scuotere’, sèllero ‘sedano’, setuccia ‘setaccio per farina’, sfionca ‘fionda’, sfrongà ‘soffiarsi il naso rumorosamente’, sfruglià ‘sbrogliare’, sgrullà ‘spolverare; scuotere’, simmulusu ‘lentigginoso’, sitiu ‘luogo, sito’, siu ‘sego’, sòccio ‘socio’, sòcceta ‘società, soccida’, solluzzu ‘singhiozzo’, sollécchia ‘carruba, baccello’, soréglio ‘mestolo di rame per attingere acqua da bere dalla conca’, sosì ‘così’, spennecùni ‘che pende da qualche parte’, spèrchio ‘specchio’, spirusurdu ‘aspide’, sponne ‘togliere dalla testa un peso’, spullà ‘alzarsi con i polli, sgomberare’, spullacchià ‘lasciare senza un soldo’, spurà ‘aprire un foruncolo’, spuntià ‘spingere per aprire una porta’, spusà ‘togliere un peso dal capo (anche sponne)’, sputato ‘saliva’, stanella ‘casseruola’, stànzia ‘stanza’, staglio ‘specie di contratto simile alla soccida’, stincà ‘raccogliere le pannocchie lasciando lo stinco della pianta’, stoccommézzo ‘stanco, stressato’, stramintu ‘giaciglio’, strecaturu ‘strumento per sgranare spighe di grano’, strina ‘vento freddo’, strippigna ‘stirpe’, stroneca ‘veggente, maga’, stroncone ‘sega di grosse dimensioni per tagliare tronchi’, stuzza ‘pezzo di legno secco da ardere’, suricicchiu ‘topolino’, siricchiu ‘falcetto’, survarolo ‘candelina di zolfo per disinfettare botti o altri recipienti’, taccareglio ‘bastone’, taràssi ‘pianto fastidioso dei bambini’, tartara ‘fenditura profonda del terreno’, tata ‘papà, padre’, tempèra ‘pioggerella lenta ed efficace per i campi’, tènna ‘casetta di campagna’, tésto ‘teglia’, tòccio ‘tozzo, pezzo di pane’, tortiu ‘pane caratteristico delle festività pasquali’, traccétta ‘corteggiamento’, traglia ‘traino a forma di slitta’, tratturu ‘strada di campagna’, trescarola ‘tino per pigiare l’uva’, trettecarèlla ‘tremarella’, tricà ‘tardare’, tristu ‘aspro’, trufa ‘puzza’, turzu ‘pannocchia vuota o con grani’, uallene ‘castagna lessa’, uàsto ‘mangione’, une-une ‘espressione di meraviglia’, uòi ‘oggi’, upu ‘lupo’, ursumenaro ‘licantropo’, urtusu ‘nervoso’, urzara ‘morbillo’, ussica ‘vescica’, uttina ‘giara per olio, di coccio’, uzzitu ‘gonfio’, vaco ‘chicco’, vallòzzo ‘galletto’, vannìe ‘gengive’, vanno ‘quest’anno’, varnéglio ‘veste caratteristica di origine ciociara’, vauzzu ‘balzo del terreno’, vavo ‘passaggio per animali (da guado)’, véria ‘verga usata per stimolare i buoi durante l’aratura’, vérta ‘doppia sacca a tracolla dei frati questuanti’, vetta ‘coppia di buoi legati per lavoro’, viarèlla ‘pecora che precede il gregge’, vignano ‘ballatoio’, vignastro ‘legaccio di fibra vegetale’, viligna ‘vendemmia’, vinzitu ‘tipo di castagna’, virlicuiu ‘ombelico’, virubbiu ‘volubro, abbeveratoio’, vòrgia ‘voracità’, vorgione ‘mangione’, votacéi ‘capogiro, vertigine’, zappià ‘zappettare, far terra nera’, zazzicchia ‘salsiccia’, zappo ‘maschio della capra’, zéca ‘piccola’, zòa ‘fascia di cuoio che lega l’aratro al giogo’, zuffitéglio ‘ragalo di fine anno’, ecc.
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
Ecco alcuni proverbi dal libro di Antonio Gabrieli: Chi alleva nu porco j’alleva rasso, chi alleva nu figliu j’alleva matto; Appresso agliu rinzu ci ve’ ju pianto; A chi ha mozzecato ju serpe ha paura della lincestra; Ju cannarozzo è strittu ma se gnòtte la casa co tuttu ju tittu; La pricissio’, addo’ resce rerentra; Va’ co’ chi è più de ti e facci le spese; Cando Sant’Arcannniu se mette le brache vennete j’asinu e fatte le crape; Cando Sant’Arcanniu se mette ju cappéglio vinni la crapa e fatte j’asinéglio; Appulla cand’appulla la caglina e cando canta ju valle tu cammina; Cando canta ju merlo de Gennaro pastore tétte caro ju pagliaro; Le fratti ’ntéo le recchie ma ci sta chi célle mette; Prima de maritatte spandi j’occhi ché non è oro che lo resbaratti; La viligna nonn’è bella se nonn’è ciafricarella; Cando la mastra canta la casa rinza; Cando arannuia sopre alla brina acqua e neve sopre alla schina; Ju porco, cando s’attrippato, capòta ju scifu; Sole de vetro e aria de sfissura porteno j’omo ’nsepurtura; Cando ju vòve no’ vo’ avarà ha’ voglia a ponceca’; Gnente abbasta a chi dice ch’è poco chello ch’abbasta; Cando canta j’accuccuiu chi tè le castégne selle ficca ’ncuiu; Addo’ se scarecheno le lena ci remaneno le tortòra; Cando careca la montagna acqua finu alle calecagna; Cando piove della Croce [3 maggio] bòne le régna, cattiva la noce; Cando Maggio è ortolano, tanta paglia e poco rano; Non fa’ voti a Santi e non promette a piccirigli; De Pasqua e de Natale se remuteno le villane de Pasqua bifania se remuta la signoria; Ju frate vergognusu porta la vèrta moscia; A chi ’nci sa fa’ poco cénne tòcca ecc.
Ed alcuni modi di dire: Tè i furnitichi ‘farnetica’; Tè i cilizzii ‘si lamenta senza tregua’; Sta agli repassi… ‘è arrivato dopo altri’; Tè i sordi céchi ‘non ha un soldo’; Dacci picciu ‘Prendilo/a’; Cosciena méa dell’alema ‘ti giuro sulla mia anima’; Parla ’mpizzu ‘parla in punta di lingua’; Parla ’nciampricu ‘parla con parole difficili’; Va zengherenno ‘gironzola senza meta’; Va ’ntriussiu ‘si dà alla pazza gioia’; Va ’nfrullu ‘idem’; Senn’attè ‘si dà arie’; Messe sta a vota’ céi ‘mi gira la testa’; Fa’ ’mpigna ‘far finta; far conto che…’; Accattè ‘vuoi vedere che… vuoi sommettere’; A risci’ nanzi ‘andare incontro’; Chi cell’appo’… co’… ‘chi può competere con…’; E te retìcchete ‘e rieccoci’; Tè le zerle ‘zirla, non smette di muoversi’; Furùni furùni ‘di soppiatto’; Curdu curdu ‘dolore sordo, ma costante’; T’ha cacato alle cipollette ‘t’ha reso un gran favore’; Brunu brunu, tanto perùnu ‘Diviso tutto in parti uguali’; Agli cotti l’acqua ullita ‘piovono guai su guai’; Sta ’ngavinatu comme lo filato ‘è pieno di debiti fino al collo’; Alle corde ’egliu coglio ‘sulle spalle, a cavaceci’, Adda sicca ‘da tanto tempo’ ecc.
Ed alcune esclamazioni: Une! ‘ohimè!’; Carecchéne ‘Altro che’; Fòco! ‘accidenti!’; Mattitòi! ‘maledetto oggi!’; Oni! ‘che dolore!’; Adda sicca ‘da tanto tempo’; Tè qua tò ‘passa qua to…’ ecc.
 
3. I toponimi e i soprannomi
 
Ecco alcuni toponimi dal libro di Antonio Gabrieli: Acucigliu, L’Ara ’elle Monache, Arberetti, ’Bacrespa ‘erba crespa’, Buttinu, Bucia’ ’e Frullicchiu, Bucia ’e Pianola, Bucia ’egliu serpente, Ju Calecaturu, Calestra, Canalicchi, Carnovalicchiu, Ju Casinu ’e Lincestra, Le cerce ’e Scanzano, Cimata ’e Toro, Coccia Fredda, Colleanni, Collafuni, La Costa ’ella pecora, Costa ’ella pelosa, Costobéca, Cretuni, La Crocetta, Ju Favo, Fontanola, Fonte recacciante, Fossatelle, Fusolaro, Fratta Camisa, Maceruni, Mazzocchia Tonna, Monte porceglio, Mora ’mbruisa, Mora roscia, Ju Mortaro, Orto ’egliu Pagliaccio, Ju Palazzoio, Pèie ’egliu Cavaglio, Le Perapoce, Pezzaloa, Pietralisce, Pòpelo, Pòrche ’elle Cese, Le Prata, Pratocùpu, Raimonte, Scalambra, Scalèlle, La Séloa, Tènna ’e Cupillittu, Ju Ussigliu, Valle ’egliu Palazzo, Valle ’e Luviggittu, Vasso ’egliu Masagno, Vasso ’ella nocicchia, Vasso ’ella Raota, Le Verogna ecc.
E alcuni soprannomi:  Arigliu, Barozzaro, Battistrada, Baffittu, Bandone, Batteccone, Bardocco, Boazzella, Bugliaccaro, Buraccia, Caciotto, Cacasordi, Cacaccio, Cacchiola, Cavicchia, Cerquetti, Cecafosse, Chiocchietta, Cirignu, Ciritana, Ciciunuru, Corviu, Fasuiu, Felèppo, Fanicchia, Ficarola, Firdifèro, Focoracia, Foconcuiu, Fraccamillu, Frandoniu, Frustasanti, Gnòcco, Ju Neccio, La Buina, La Ozzacchia, La Presenza, Licchiu, Lincèstra, Luritaccio, Marchiafava, Maddiu, Mazzanghinghero, Maritozzo, Micareglio, Murittu, Muccutintu, Muccucotto, Pappareglio, Patèlla, Patremiddiu, Pàffete, Pelacchio, Pezzancuiu, Pennancuiu, Prospero, Pulènna, Purgatoriu, Puzzabanchi, Ortecchia, Ozzacchia, Rampinégli, Riarda, Riggipeppe, Recatone, Ricciumenne, Scamorgio, Scannapulenna, Sciordella, Scioscione, Sculicchia, Sèllero, Sicchiu, Sorechetta, Sturba, Sugamigna, Tittone, Tittamanna, Treno, Vallozzo, Volepacchio, Zafischiu, Zazzicchiola, Zicchione, Zicu, Zifone, Zi’ Frate, ecc.
 
  1. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Festa patronale di San Giorgio (penultima domenica di aprile); il ‘ballo della Vecchia Signora’ (15 agosto; si tiene sull’Altipiano: dall’oscurità emerge un fantoccio, alto cinque metri, attorno al quale si balla mentre scoppiano girandole e botti; pian piano esso prende fuoco e scompare); Sagra del marrone (ultima domenica di ottobre-prima di novembre).
 
 
4.1 Canti
Alcuni strambotti e stornelli: Ju fazzulittu ju porta la donna / e gl’omo, cappellone, cisse ’nganna, / porta ju cappéglio p’accappa’ le corna; Doma’ è la Cannelora / tutti i preti résceno fora / pe’ nu straccio de cannela / tutta la ghierica cisse pela. / Ue’ me ne vaio a letto, / La Matonna me ve’ appresso, / cogl’angiuli cantènno, / colla luna, cogliu sole, / cogliu Santo Sarvatore; Sa fatto notte / e me revè lo pianto / niciuna nòva der mio amore sento; Canta ju merlo alla cerciòla nera / provétete, patrone, è primavera; Se te fa male ju so’ / fatte l’ombrella; / L’ombrella te fa fa’ / la faccia gialla; È scurtu Carnovale; / è scurtu amore, / è scorta l’alecria / de chistu còre ecc.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
 
Dal Gabrieli anche le seguenti filastrocche: Luccica, luccica / càleca ’mbreglio / mitti la sella / agliu cavaglio, / ju cavagliu degliu re / luccica, luccica / vie’ da me; Bollabollina / ‘’nsegneme la via / der paradiso (si ripete più volte mentre la coccinella cammina sulla mano); Passa Patella / abballe pegliu Buru / sonenno ju tamburu: / Pu-ru-pum-pum-pum; Compare e commare / dàmuci la mani / la mani célla dimu / e compari ci ficimu; Ello la luna, / ello la stella / ello San Pavelo / e Ciuvitélla; Pecoraro magnaricotta / alla chisia ’nse ’nginocchia, / sigliu caccia ju cappellittu / pecoraro benedittu; Risci risci corna / mammota è Matonna, / zi’ frate sta a fa’ a cena / cisse stocca la catena; ’Ncina ’ncineglio / ’ncina ’ncineglio / chi ripete ca all’inverno (una sorta di giuramento che si ripeteva tenendosi agganciati per il mignolo); Pallommèlla / pell’aria va / sòpre ti / te ve a ’mpuzza’; Cale calisse busse / se te caleco / te donco le busse; Rusinèlla fa lo pa’ / tutte le mosche / ci vào a caca’ / ci remane la moscarella / brutta zozza… Rusinèlla; Calacazzuni azzecca mazzocchi / calacazzuni azzecca mazzocchi; Chiriè s’ha morto zi’ frate, / alla chisia non ci cape / ci taglimu la capoccia / e ci ficimu a boccia ecc.
Dal libro di Antonio Gabrieli estrapoliamo alcune imprecazioni: Te pozzeno appicca’; Te pozzeno ’ncìe; Te pozza spacca’ nu lampo; Te pozzeno reporta’ cogli frascuni; Te pozzeno appicca’ a ’n ancinu; Te pozza dà nu treno ’e corbi; Te puzzi mozzeca’ addo’ n’arivi; ’Npuzzi avé lòco; ’Npuzzi retrova’ la via; ’Npuzzi ariva’ a masséra; Te pozzeno retrova’ abbottato ecc.
 
4.3 I giochi
 
Il libro su Ponza del Gabrielli riferisce anche dei seguenti giochi: Affollaticciu (J’), Bella ’nsalatina (alla), Bèi paesi (ai), Betto’ (a), Cavallittu (a), Cucinèlle (a), Corda (a), Circhiu (a), Cale calisse… (a), Campana (a), Cuncuccélla (a), Filétto (a), Ladri (agli), Lippa (A), Marunittu (a), Mazza Bum-Bum (a), Petrécchia (a), Piccuju (a), Quattru cantuni (a), Rèsce patre (a), Sarda la quaglia (a), Schiaffo (der sordato) (a), Sconnarélla (a), Sgrifu (a), Sor cappo’ (a), Troveme-troveme (a), Zampate (a).
 
4.4 La gastronomia
 
Dal Gabrieli ricaviamo le seguenti pietanze: Ciambelle della Croce (fatte con farina, uova, sale ed anice in semi, cotte dapprima in acqua per alcuni minuti e poi al forno, fino alla loro caratteristica doratura), frittégli de S. Giuseppe (frittelle con farina e sale che possono contenere verdure lesse, spicchi di mele, alici, e che vengono fritte in olio bollente fino a rosolare), ju tortiu de Pasqua (pane multiforme, impastato con farine e uova, lievitato, infornato e spalmato con tuorlo d’uovo, per ottenere la caratteristica doratura, e talora contenente semi di anice), la nociata (dolce natalizio caratteristico di Ponza, fatto con noci tritate e cotte nel miele, aromatizzate con foglie di alloro e avvolte con sfoglie di ostia, dopo il raffreddamento su un piano di legno o di marmo; si preparava la sera di San Tommaso, il 23 dicembre, e offerta con ficurigli, melafesse, noci, nocchie e ’nfornati), i purzillitti (dolci natalizi caratteristici di Ponza, fatti con un impasto di farina, miele, pepe, chiodo di garofono e cannella, cotti in forno e durissimi da freddi), i giglietti (il migliore fra i dolci caratteristici di Ponza, la cui ricetta è un geloso segreto delle massaie locali), la pizza dorce (una sorta di pan di Spagna locale, ma dal sapore differente), i ciambillitti (ciambelline), la pizza colla ricotta (vaga imitazione della pastiera napoletana), ju pizzugliu (una sorta di panino), la cacchia (pizza integrale o di pane integrale), ju falló (filone di pane impastato con farina di mais, acqua, sale, lieviti, e cotto in un forno apposito a temperatura particolarmante alta), ju maritozzo (pizza di farina di Mais impastata con acqua calda, sale e talvolta i sfriui oppure acini di uva passita, cotta sotto la brace del caminetto e poi coperta con un’apposita lamiera; quindi veniva consumato appena sfornato con verdure, patate o altro), i cucchi (una sorta di maccheroni, noti anche col nome di sagnozzi, impastati con farina, acqua e raramente uova, cotti in abbondante acqua bollente e poi conditi con sugo di pomodoro e formaggio casareccio, specie pecorino), i finti fanti (pasta ottenuta bagnando appena farina bianca e sale, manipolati in modo da ottenere grumi di varie misure, cotti e conditi con sugo di pomodoro, sì da formare una sorta di polenta grumosa, cosparsa con formaggio pecorino), la pulenna (polenta), i gnocchi, ju brodo (con carne di gallina, vaccina, ovina o con l’osso di prosciutto), le fittuccine (tagliatelle), i capillini (tagliolini), le ’nqua e ’nlà (pasta fredda a forma di losanghe, condite con sugo fresco, con aromi abbondanti e pecorino), le pezzettine coll’ova (stesso impasto delle fittuccine, teso in sfoglie finissime e tagliato in quadrucci più o meno grandi, cotti in acqua bollente e servite in brodo di carne di pollo od altra), la stracciatella (brodo di pollo bollente in cui viene versato l’uovo battuto e del succo di limone, girati lentamente in modo da evitare il formarsi di grossi grumi), ecc.
Ancora nel libro del Gabrieli troviamo le seguenti tradizioni e festività:
Le rocazziuni (lodi al Signore e litanie per invocare la benedizione sui campi e sulla natura in risveglio, cantate dalla popolazione in processione intorno alla festa di S. Marco il 25 aprile), la canzoncina (poesiola recitata dai bambini la sera del 24 dicembre), ju seporgo (sepolcro simbolico allestito in chiesa il Giovedì Santo, ornato fiori e bianchi germogli di grano), ju foco santo (la raccolta di legna per il fuoco santo della mattina di Pasqua), la processione per invocare la pioggia (la processione in campagna col patrono S. Giorgio), le laote (lodi alla Madre di Cristo durante il mese di maggio), i cianciallotti (ricorrenza in cui alcuni giovani del paese, vestiti di saio ed incappucciati, si recavano il 2 novembre nelle case per chiedere elemosine per conto della chiesa), le reganelle (ricorrenza in cui, durante la settimana Santa, i ragazzi, in luogo delle campane che restavano mute in quel periodo, giravano per le vie del paese muniti di raganelle, ruote dentate di legno infisse in un asse che ruotando su una stecca produceva un rumore gracchiante), la guerra cogli afilani (usanza per cui nei primi due giorni di novembre i giovani dei due paesi, muniti di fionde, si davano appuntamento sulla piana del Colle, sopra al colle degli alberetti, per una sassaiola campanilistica), ecc.
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
 
Ne Il dialetto di Ponza: Arcinazzo Romano di Antonio Gabrieli sono presenti 22 poesie. Di queste in Antologia riportiamo alcune tra le più significative.
 
ANTOLOGIA
 
ANTONIO GABRIELI

Pioveleca

Comm’è dorge e gintile
’stacquarèlla d’Abrile!
Ariva dagliu céjo
fitta e fina… Comme s’aésse paura
’e fa’ torto a cacunu,
a caccosa:
A nu fiore de miu,
a nu fugnu porcinu,
a chigliu girsuminu…
o puramente
a chistu biancospinu
’mpo’ tardivu…
o a chéste frunni
fresche de staggione.

Comm’è dorge e gintile
’stacquarèlla d’Abrile.

Ottobbero

Nu vento nòvo
vè cogl’autunnu,
all’impruisa;
rentra alla stanzia méa
pe’ ’na sfissura
’ella finestra
’nfaccia a Tramontana.

La valle è tutta ténta
de culuri:
rusciu, verde, giallo;
pare la tavolozza
’e nu pittore matto…

Cèrti muménti
sopre a chélle frunni
ciss’accanisce ju vento
e zuffia forte;
’gni pochettanto
sénne càpa una,
chélla più ’bèlla,
chélla più gialla…
e la strapòrta abballe
pélla costa…
E tutte l’are trèmeno ’e paura
o pélla contentézza?
Chisà a chi toccarà
chest’ara vòta!

Cià remasa

Ue’ alla vita méa
ne so’ vidute ’e cose de cagna’:
cand’era reazzittu
agliu pavese
ci stéieno tre-quattro bricichétte
e le tenéa cacunu ’mpo’ più si’.
Mo’ quasi tutti
téo la machinetta,
e speciarménte
chigli che pe’ spostazze
a chigli tempi
tenéieno le cianche solamente
e le tenéieno scazze

Mo’ cià remaso
sempre nu distacco
tra chigliu
che tenéa la bricichetta…
e chigliu
che mo’ te’ la machinetta…
È nu distacco
che ’ns’accurcia ’mai
prechè s’ha sempre dittu:
Chi colla prescia nasce
sì, po’ cresce,
ma prima o doppo pe’ cacosa aranca!

La rundinella

Era’na rundinèlla,
nu fiocco bianco e niru
aggrappato agliu nìu
sotto a’na ronna.

Nu reazzo stirà, la mazafionca
ammirà e allentà la botta…
Se’ntese ju fischiu
egliu centrò pell’aria
eppo’ nu bottaréglio cupu…
Era ita a casca’ poco lontano
agliu tittozzo della chisiola…

Masséra che la luna non la vede
la cerca cogli raggi
allo scuru, e s’addomanna:
“Addo’ sarà ita
la rundinèlla che figlià iterza?
Arméno, pora stella,
noll’essero ammazzata
puru jéssa!”

Cando donco

Ue’ so’ conténto
cando donco caccosa
a cacunu;
a cacunu che doppo,
co’ poco è contento
propria comme-che-meco…
Cando spreco
’na cica ’e stu témpo
degliu méo
(ma che è gliu méo?)
pe’ cacunu
e non me rengrazzia
ma prechè l’ha da fa’?

Cando ju rengrazziu ue’
Gisù Cristu
prechè me da sta vita
co’ tuttu chistu tempo
che, cèrte vote,
comme gnènte spreco!

Prechiera de ’na pecora de Ponza

Matonna méa, mett’araccomanno,
fa’ nasce l’erba tanta puru vànno,
fa’ core ju fosso sempre
così potimu beve…

Famme cala’ lo latte pe’ gl’agnégli,
la lana pe’ ’le femmone
che téo da fa’ le maglie agli mariti,
e puru ca’ manteglio ’béglio callo
pe’ chistu pòro pecoraro méo
che me porta a pasce’ la ’matina
coll’acqua, cogliu vento
e me rigghiue la sera agliu precoio.

Matoma méa stamme attènte agl’upu,
fa’ che ’nci vènga ’mai la fantasia
de vinizze a magna’ chist’abbacchitti
che ancora non conosceno ju munnu.

I nui

’Stu vénto, comme lava ’bè sti nui!
Ne piglia unu niru lòco a ’balle,
sigliu ’ncòlla,
ju porta sopre a Ponza
ju ’nfonne, ju streca, ju torce,
ju sprescia, ju sbatte…
E doppo ju straporta a capammònte
e piovènno, piovènno
va’ ’nfaccia agli pavisi pe’ Cinarzo,
annacqua la pulènna
egliu fa ’bianco.
Eppo’ ci redà picciu,
ju rencara, ju stènne, ju sparpaglia
e gliu va a spanne
comme fosse nu panno repassato…

E cando s’ha assucato
e è più liggero,
sparisce lòco, réto alla montagna,
e refà sirinu tuttu ju céjo.

Sera

’Na fila ’e asini
aranchènno aranchènno
refà la salita a capammonte
mentre che cala ju sole
reto alla Mentorèlla.
Porteno mattarelle de frascucce
accollocate propia sopre tuttu
nu manicutu co’ caccosa réntro.
Du’ strénghe de còro consumate,
’na furcinèlla mèzza sfilacciata,
mantéo tuttu strittu agl’alimano.
La capezza ittata a parte réto
allongata finènte agliu covale
e gliu patro’ a pèie, apprésso apprésso,
’gni pochettanto s’arègge colla mani
ancora zozze ’e tèra
alla cova suvata piano, piano,
pe’ fazze da’ ’na mani alla salita.
A mani a mani che se rentra a Ponza
e se coménza a revede’ la ’gènte,
la fila se fa sempre più minuta…
Unu alla vòta, da ’na porta all’ara,
mentre che sòna lènta l’ai Maria,
i viculi annasconneno le véstie
e le casi, le frasche e gli patruni.

Comm’è verde

Comm’è verde
lo verde de stu prato!
Lo verde de n’ornéglio
o de ’na vita,
chéllo ’e nu lappo
de falasca ’nfussu
a tèra agliu fosso
’e tera a Riu.
Comm’è verde
lo verde ’e nu cardo,
chéllo de ’na cicoria,
’e nu cappucciu,
lo verde ’e ’na rapicchia
’e n’alucinu
lo verde de n’arigliu
fra lo ranu…
nu giorno a Primavèra.
 

 
Cenni biobibliografici
 
 
Bibliografia
Antonio Gabrieli, Il dialetto di Ponza: Arcinazzo Romano,[S.l., s.e.], stampa 2001 (Subiaco, Tipografia Stamparte)
Dialetti a confronto nei paesi del Medaniene, Atti del Convegno 21-22 febbraio 2010, Anticoli Corrado, Ass.ne Santa Vittoria, 2010
Vincenzo Luciani, Dialetto e poesia nella Valle dell’Aniene, Roma, Ed. Cofine, 2008

 ultimo aggiornamento 8 febbraio 2014