76 – NEMI

Nemi (521 m slm – 1719 ab., detti Nemesi o Nemorensi – 7,36 kmq). A 32 km da Roma, nell’areaLanuvina dei Colli Albani, sull’omonimo lago.

 
IL DIALETTO DI NEMI:
Il nemorense o nemese, tra i dialetti dei Castelli Romani nell’ambito dei dialetti mediani presenta le caratteristiche di queste parlate (le terminazioni in “-u” (’stu viculu), l’aferesi di vocali a inizio parola (“i”, “a”: ’n po’ ’mpiccione), l’apocope del participio passato e altre voci verbali (stèa per steva) e la presenza del dittongo “io” o “eo” (senteo per sento), caratteristico del dialetto ciociaro.
 
  1. I vocabolari e le grammatiche

Lessico alimentare (a cura di Edoardo Middei)

u melu, e mela (la/e mela/e); u peru, e pera (la/e pera/e); u p(i)ersicu, e p(i)ersica (la/e pesca/e); a prunga e prunga (la/e prugna/e); a cerasa e cerasa (la/e ciliegia/e); a brecocula e brecocule/a (la/e albicocca/e); a fava e fava, anche i scafi (la/e fava/e, le fave fresche); a liva e liva (la/e oliva/e); i moriculi (le more); a nespula i nespuli (la/e nespola/e); u carciofulu i carciofuli (il/i carciofo/i); a petata e petate (la/e patata/e); a fraula e fraule (la/e fragola/e); a sorba e sorbe (la/e sorba/e); i gialloni (i fagioli); u pummidoru i pummidori (il/i pomodoro/i); u portugallu i portugalli (la/e arancia/e); a cerasa marina e cerasa marine (il/i corbezzolo/i); a radicagialla e radichegialle (la/e carota/e); a cocozza e cocozze (la/e zucchina/e); u ficu e ficora (il/i fico/fichi).
 

 2. I proverbi e i modi di dire
 

3. I toponimi e i soprannomi

Toponimia del paese (a cura di Edoardo Middei)

a Pullarella, Piazza ‘Nnentro, a Portella, l’Arcu da pete, a Braccaria, Monte Caninu, u Spallu, l’Ormetti, e Coste, a ‘Zzeccata dà Chiesa, Deccu, a Forma, Dellu, u Palazzacciu, i Piscari, Mond’Ardu.

Toponimia del lago (a cura di Edoardo Middei)

e Cornetta, e Pantana, San Nicola, e Mole, l’Andanu ardu, l’Andanu bassu, Perini, a Fiocina, Santa Maria, l’Emissariu.

Toponimia dei boschi (a cura di Edoardo Middei)

e Lecineta, a Cavalleria, Tordò, e Grottacce, a Cava, a Rapelliccia, a Petrara, e Pozza, Abba de Favilla, Conte Lepre, e Piagge arde, e Piagge basse, Tempesta, Pontecchiu, a Macchia dà Principessa, u Muru biancu, e Prata, e Facciata.
 

4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 
 4.1 Canti
Stornelli in dialetto nemese:
Nemi bbello, / Che tté bbone fravole e lo lago / Dé tutti quanti è lo mijor castello. // La bbona sera ve la do cor canto / E vvé saluto, palomma d’argento, / Che dd’oro ciavete le treccia e lo manto! // Fioretto d’olmo / ’R sole riluce la mità dde ll’anno / E vvoi bbellezza mia, tutto lo ggiorno. // Lo mi’ amore è bellino dé natura, / Dé velluto la tié la camiciola; / Lo vojo amane finch’ er monno dura. // Lo sole è arto e nun se pò arrivane. / L’ommini belli nun se ponno avene: / de quilli brutti che ne ho da fane?
Ancora uno stornello tratto da Usulate:
Ne’a finèstra téa ci stau i vasi, / tutti l’amanti ce sse so’ confusi, / io me cce so confusu quasi quasi.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
 
4.4 La gastronomia
Piatti tipici: fettuccine ai funghi porcini, polenta e salsicce, minestra di “gialloni” (fagioli borlotti) con la santoreggia, baccalà “in guazzetto”, la “coratella” (l’intestino) dell’abbacchio con le fave, pizza ripiena.
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Segnaliamo il gruppo di danza e musica popolare “U Rembombu” (in dialetto: l’eco). Nato a Nemi agli inizi degli anni ’80 e diretto da Maria Elisabetta Mannoni partecipa a feste e rassegne in Italia e all’estero proponendo i saltarelli e il ballo della Teretecca (tavola di legno sulle cui facce sono attaccati dei ferri, liberi di muoversi e di produrre un suono per percussione).
Il gruppo si esibisce con costumi tradizionali autoprodotti (https:////urembombu.spaces.live.com/default.aspx).
 
6. I testi di poesia
Alina Palazzi è autrice della poesia in dialetto nemese “Ricordi di una vita vissuta a ’u viculu de ’e scalettte” (“Castelli Romani”, luglio-agosto 2004) in cui forte è il rimpianto del passato: Quantu tiempu è passatu / e pianu pianu, una pe’ vota, / se ne su iti tutti (…) Gomme voria fa revenè ’stu viculu comm’era: / me pare de sentì Bordina / che chiamea u pupu e je dicea / “Viè bellumè, viette a magna i gialloni ’nsiemi a mi!”.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
 
Webgrafia