67 – MONTE PORZIO CATONE

Monte Porzio Catone (451 m slm – 8221 ab., detti Monteporziani – 9,36 kmq). A circa 24 km da Roma, nell’area Tuscolana dei Colli Albani, situato in cima a un blocco tufaceo, degradante fra pianura e Tuscolo.

 
IL DIALETTO DI MONTE PORZIO CATONE:
Nei racconti di Marco Primavera (morto il 18 gennaio 2012) cogliamo una caratteristica del monteporziano: la terminazione in e dei vocaboli maschili: ar belle (il bello), ar brutte (il brutto), u litre (il litro), mane mane (mano mano).
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 4.1 Canti
 4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Un brano di Marco Primavera, “Na’ vorta passavene” (“Controluce”, luglio/agosto 1998):
Quanne portava i carzoncini corti e ciaveva i pedali che me rrivavene ar ginocchie, giocava ndàr giardine de casa mia o pe’ ’llì vicine e vedeva passà quasi tutti i giorni, più de quarche d’une che nnava strillanne “Ombrellaro signora” – “E ppatate… e ppatate d’Avezzano pei gnocchi signora” – “Arrodinoooo…”. Édèrene l’ombrellare, ar patatare e l’arrodine. Quelle che me piaceva più de tutti però, édèra quelle che strillava “Ferro vecchio signora… signora venite… ferro vecchio”. ’O stracciarolo. M’avvicinava ar cangelle e spettava che passava. Ci aveva nfurgoncine che s’arreggeva mpiedi nsesà comme, peggie de quelle che cià Caifa. Déqquà e déllà c’erene ttaccate tutte bbagnarole, cunculine, scope, brocconi pe’ nnaffià e nsacche d’artre fregne. Stà robba ta’ doveva da-dà, ’ncambie de mpò de ferracce vecchie, chennesò ’na retaccia, ’nò scardabagne (pure bugàte), ’na stufaccia, ’na lavatrice vecchia o mpezze de ’na lendiera ruzzunida. Atrattativa era mpiacere. Ellì veniva ar belle, ndò e signore davene ar meje dè sè. Lu, a stracciarole, c’é voleva dà ’na cunculina, nvece le’, a signora, tirava pe’ ’na scopa eo straccie co’ scopettone. Doppe nquarte d’ora de dàje e ridàje, o stracciarolo nzisteva pe’ dacce ’na cunculina, e le’, a signora de prima, tosta comme ar ferre che ciaveva dàde, nzisteva pe’ a scopa e o straccie, ’o scopettone, più a paletta pe’ rigoje a monnezza. ’Ndall’urtime a fine, o stracciarolo ’gna che lassava perde: nc’era verze de vince. Moo, édè nfregaccie de tempe che mpassa più o stracciarolo e ndar giardine ncè gioghe più comme quann’édèra monelle. Me sò fatte mpò più grosse e i tempi so’ cambiadi. ’Mmazzeli se nzò cambiadi. Mò, sètte serve mbroccone o ’na scopa, basta che và ar mercate o drente st’ipermercati e ce trovi tutte. Sóle ’gnà che paghi, ntè rigala ’gnente ’gnesù. Però, pemmè, édèra meje quanne passàva o stracciarolo. Ma miga pe’ nun pagà ar broccone o perchè édèra…. monelle. É pe’ nun vedè e strade, speciarmente quelle de vigne che, mane-mane, s’assumìene sempre de più ar… furgoncine do’ stracciarolo!
 
6. I testi di poesia
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
Antonelli, A., Ilari, T., Monte Porzio Catone nel suo tempo… le sue tradizioni… la sua gente (volume I), Monte Porzio Catone, 1990
Antonelli, A., Ilari, T., Monte Porzio Catone nel suo tempo… le sue tradizioni… la sua gente (volume II), Monte Porzio Catone, 1991
Gentilini, Marina, 175 anni di storia e di musica 1819-1994, Monte Porzio Catone, Banda Musicale Monte Porzio Catone, 1995 (pag. 157)
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
Mascherucci, P., Monte Porzio Catone, Frascati, 1987.
Pellutri Ciminelli, Clementina – Ranca, Paolo, Monte Porzio Catone e Storia di Tuscolo, Roma, 1939.
Rosanigo, Nora, Stagioni a Monte Porzio Catone, Palestrina, Edizioni Tra 8&9, 1996 (Poesia)
 
Webgrafia
 

 ultimo aggiornamento: 31 marzo 2012