66 – MONTE COMPATRI

 

Monte Compatri (576 m slm – 8121 ab., detti Monticiani – 24,38 kmq). A 26 km da Roma, nell’area Tuscolana dei Colli Albani, su di un costolone tufaceo, in affaccio sulla valle dell’Aniene.
 
IL DIALETTO DI MONTECOMPATRI:
Di questo dialetto si occupa Gianni Diana nel suo Vocabolario del dialetto di Monte Compatri, con tavole grammaticali e un repertorio di oltre 1500 vocaboli, corredato da un profilo grammaticale e da un valido apparato iconografico, frutto di una passione vera per la propria terra e di una paziente indagine presso informatori di vario livello sociale ed età.
 
1.I vocabolari e le grammatiche
Nel Vocabolario del dialetto di Monte Compatri, di Gianni Diana (pp.145-176) c’è una trattazione della grammatica monticiana. Tra le principali caratteristiche fonetiche abbiamo: le coppie ci e ce che, all’interno di una frase, hanno un suono simile a sci-sce dell’italiano, ma più breve: dóce (dolce) si pronuncia dósce, càciu-càsciu, lu cìciu (il cèce)-luscisciu; i seguenti gruppi consonantici cambiano la loro pronuncia: nc in ng (’n cane-ngàne, ’n cécu-ngécu, ’n cióccungióccu, ’n cócciu-ngócciu, ’n cùccumu-ngùccumu); nf in nv (’n fosso-nvòsso); nl in ll (’n làpise-llàpise); nm in mm (‘n muru-mmùru); nq in ng (’n quadru-nguàdru); nr in rr (’n ramu-rràmu); ns in nz (’n sassu-nzàssu, con la zeta sonora di zanzara); nt in nd (’n taccu-ndàccu); p (preceduta dalle consonanti n o m) in mb (’n pézzumbézzu, campà-cambà).
Al gruppo mb viene preferito mm: tambùro-tammùru, bómba-bómma; a nd, nn: tenda-tènna, fondo-fùnnu; gr all’inizio di parola, viene sostituito da r: grosso-róssu, grappolo-rappàju invece che grappàju. Tra le caratteristiche grammaticali, per gli articoli, abbiamo la per il femminile singolare, lu per il maschile singolare e lo (indeclinabile) per i “neutri di materia”, usato per indicare nomi di massa, di prodotti alimentari, di concetti astratti o di entità intese in senso generale (lo pa’, lo vinu, lo bè, lo male, lo ferru, lo piagne); es. dàmme lo salame, cioè dammi del salame; mentre damme lu salame vuol dire dammi quel salame.
L’articolo femminile purale è le e quello maschile li. L’indeterminativo maschile è ’n e quello femminile ’na.
Nel monticiano è presente il fenomeno della metafonèsi, ovvero l’alterazione di una vocale accentata sotto l’influenza di una vocale seguente: é e ó chiuse, in posizione accentata, diventano i e u se nella sillaba finale c’è una i o una u (sécca-sìccu, córta-cùrtu); è e ò aperte, in posizione accentata, diventano é e ó chiuse se nella sillaba finale c’è i o u (acèrbo-cérvu). Eccezioni: sciòrno, cósu.
I nomi terminanti in –ó al plurale si trasformano in –ùni: lu portó-li portùni. I nomi che finiscono in –co e –go, al plurale mantengono il suono duro: lu médicu-li medichi. Alcuni nomi maschili avevano un tempo il plurale in –a come il neutro della II declinazione latina. Tale forma rimane inalterata per alcune località o in alcuni modi di dire (ndò scappi pe’ tetta?). La maggior parte dei nomi di frutta hanno il plurale invariato (la/le pérsica).
 
Una selezione di vocaboli scelti sempre dal testo di G. Diana:
accicòria (accidenti!), àjo (desueto, adesso tèngo: ho), alà (sbadigliare), allingóndro (d’altronde), appennàja (ramo che sporge sul fondo del vicino), appullu (luogo dove si sta appollaiati, anche fig.), appéttu (a confronto); bbóccà (socchiudere), bbotìcciu (insieme di carta o stoffa accartocciati), bedirru (ora burru: burro); belà (belare; ricoprire completamente con terra o altro), bettó (bottone), biségulu (bastoncino di legno per pulire scarpe sporche di fango), bricòcula (albicocca); bubbulà (mormorare a bassa voce), caciusbrìnzu (gruviera), càcula (caccola, muco rappreso), càculu (cispa degli occhi), candasilèna (cantilena), capetonnàsse (ruzzolare, capetùnnu: capitombolo); cartapìsa (carta carbone), cartatùcce (munizioni per armi giocattolo), cavujà (maneggiare con poca igiene); cenìce (cenere); cerevellittu (polpastrello), cerignólu (carniere di vimini per cacciatori), cérvu / fattu (acerbo / maturo), cerùsicu (medico generico); chjòtto (calmo, tranquillo); cìngulu (busto con corde per tenere i neonati); ciucciarèlla (altalena); ciumàca nudacchja (lumaca), còcchja (buccia), codajólu (cugino; ora cogìnu; cogìnu conzoprinu: cugino di 2° grado); codarìzzu (sedere); cozzulùsu (sozzone); cùchjulu (mallo della noce); damodè (molto tempo fa); dimannà (chiedere di fidanzarsi); ésso (là, vicino a te); èsso (èccolo là); famùsu (morto di fame); farzìttu (piccolo ferro a forma di mezzaluna che si inchiodava sotto le suole e sotto i tacchi per farle durare più a lungo); felime (fuliggine); fischjó (pollone lungo e flessuoso dell’età di un anno), fràtre (fratello); fràula (fragola, favola); friddulìcci (brividi di freddo); gisbùssi (scarponi di campagna); ì (andare); ìsca (ferro che scotta); jàcculu (corda del basto), jommèlla (manciata); jòzza (minestra molto brodosa con una patata); jùvitu (gomito); làstricu (elastico); lòco còmodo (gabinetto); lùffu (osso sacro); maése (vangatura); màndula (mandorla), manicùtu (cesto con manici); màre (madre, mare); matre! (madre!); mbedeconatu (ben piantato, solido), mìlu (mela); mmannì (preparare); mottatùru (imbuto); mótulu (mattarello); mucèrda (lucertola); natìcchja (chiusura per scuri); ndènne (intendere); ndindambó (suono di campane a festa); ndradecòje (incastrare); ndrùciu (a spasso); ngazzà (mandare via); ngazzocchià (ingarbugliare parlando); nìcciu (piccolo, striminzito); nnédice (uovo di pietra o di legno); nnocchétta (molleta per stendere il bucato); nùcciola (lucciola); nvergià (stringere i denti); nvùssu (bagnato); nzuràsse (sposarsi); ógne o palógne (ungere); óje (oggi); òpera (giornata lavorativa); pacchjarina (neve sciolta e fangosa); papàmmeru (papavero); paracìciuli (epilessia); pàrtone (cappotto); pàsimu (asma, respiro affannoso); pèje- pète (chiedere); pèjo (peggio); pelléru (straccio); pénduma (grande sasso); pescóla ( pozzanghera); pésere (palco sospeso di tavole) péseru (soffitto di tavole); pètra (pietra); pettenécchja (pettine stretto per togliere i pidocchi); picchjapò (carne bollita ripassata al tegame con cipolla e pomodoro); pìru (pero); pìzzu (capezzolo); portugàllu (arancia); presumà (pretendere di sapere); prevóstu (arciprete); prunga (susina); quinàtimu-quinatóma (mio/a cognato/a); quinàtitu-quinatóta (tuo/a cognato/a); ràdica giàlla (carota); ràghena (s. f., ramarro), ramoràccia (erba commestibile); rànina (grandine); ranzólu (grosso chicco di grandine); rattacùlu (frutto di rosa canina); regnìculu (artritico, malformato); remmonnà (zappetare per togliere le erbacce); renderzà (vangare per la terza volta); renvitànza (speranza); renzitàtu (ravvivato, ringiovanito); retràngula (striscia di cuoio sul posteriore del basto); retrattatàru (pittore, fotografo); revuscà (rovistare); revuticà (far cadere a terra, rovesciare); rótte, pl. rutti (grotta); rrangatu (rattrappito); ruttungùlu (birbante); saracinesca (chiusura lampo); scademòve (disincagliare. Me s’è ndradecota [incastrata] l’accetta e’n se scademòve più); scafu (fava); scangìa (mobile per libri); scenicàtu (rotto, storpio); scelà (abbagliare, accecare); scelonìtu (che ha perduto il sapore, il gusto); scèrne (vedere); schiàfena (squama del pesce), sciacquaturu (lavello da cucina); scrià (atterrire); scrotinà (origliare); séna (riga nei capelli); sobbellìtu (che ha perso la consistenza originaria. Vinu sobbellìtu, lignu sobbellìtu); sòccia (infornata per il pane); soprànu (medico); sottuìta (sottoveste); spernuccióli (ciocche di capelli); speró (sperone, tipo di pietra di colore simile al tufo, ma assai più resistente); spezzerìa (farmacia); spezzìnu (venditore ambulante); spondérgu (tallone); sprumìndu (raffreddore); spuzzàtu (stantìo); sterzétta (curva strettissima); stordó (stupido); stotenà (togliere i chicchi di granturco dalla pannocchia); stracchjó (corto bastone di lancio, serviva per far cadere castagne o noci dall’albero); struccazió (spossatezza infinita); stùzzu (rinsecchito); sùsta (corda); tascapà (tipica borsa dei contadini dove si mettevano le bevande e il cibo per il giorno lavorativo e per i prodotti della terra); tàta (papà); tirabució (cavatappi); tiratùru (cassetto); tòpa (rospo); torchìnu (azzurro); turdacó (stupido); umà (languire; trasudare); ùzzu (arzillo); vallinàccia (detto di castagna alla quale non si può togliere facilmente la sottile pellicina che la ricopre; contrario: caparèlla); vàzza (rugiada); velòppo (busta); vinócchju (ginocchio); votàta (curva stradale); votatùrnu (forte mulinello di vento); vòzza (corno); vunnèlla (gonna); zambànu (tafano); zìruli (capelli dritti e spettinati); zozzìlicu (ascella); zùffju (piccolo dono).
 
Alla coltivazione della vite e alla vigna sono dedicate tre pagine illustrate del vocabolario di Diana, in cui si indicano i termini:
per l’uva: lu càpitu (tralcio), la forcinèlla, la fòja, lu rappàju, lu scorpicciu o lu raspu, lu vacu, lu vacarólu, lu torcellu; la filàgna (palo di piccolo diametro e di lunghezza pari a circa m 4,50), lu nepotéllu (piccolo tralcio infruttifero che viene eliminato per rinforzare la pianta); pedàcchja (tralcio improduttivo della vite); résicu (resto del tralcio potato); saìttula (vite da innestare); saramìndu (sarmento); scorpìcciu (graspo dell’uva); e per la vigna: la vita, lu beùnzu (bigoncio), lu caputèsta o la bómma (palo di
legno usato nella vigna per sostenere il fil di ferro nei filari), li tanni, lu zappó.
Per l’interno di una cantina si elencano molti termini collegati: li roffiàni (circhij), li testaròli (circhij), lu caratéllu (piccola botte di capacità di 200 litri), la pìnnula, la vótte (botte di capacità di circa mille litri), le zéppe pe’ carzà, la buttapèrga (tubo di gomma che serve ad aspirare liquidi) o lu cauciù, lu cavallittu, la ngollatèlla, la gregaròla (recipiente di legno simile alla botte, ma di circa 500 litri), la càula, lu mezzó, lu mastellu (recipiente in legno con un solo manico per trasferire il vino da un recipiente all’altro), la tinòzza, lu tinózzu, la pestatrice, lu mottatùru, lu bicchjerìttu, lu cannéllu, lu barìle.
E ancora: àrzu (oggetto posto dietro la botte per darle una pendenza in avanti); cannìlu (piccola canna che si inserisce nella bocca di una bottiglia, di un fiasco o di una cupèlla per poter bere a gargarèlla), crapòna (scanalatura interna della botte dove va incastrato il fondo della stessa), crìcche (attrezzo del torchio. Serviva a avvitare o svitare il congegno pressante).
Altri termini connessi sono: acquatu (vino ottenuto dalla spremitura delle vinacce già sfruttate ed allungate con molta acqua); nzurfà (dare lo zolfo); pàstinu (vigneto giovane); razzi (strisce ricavate dalla spaccatura verticale in quattro parti dei rovi spinosi, usate per legare le viti); rechiède (controllare la vigna); recolecà (piegare i tralci della vite); regginèlla (lungo paletto usato per le parti orizzontali delle pergole); remannafùnnu (attrezzo per incastrare il fondo sulla botte, vedi crapóna); sacchìttu (sacco, filtro da vino lungo circa 1 metro e mezzo); scassà (scassare, rompere il terreno in profondità); serenàta (lavoro nel vigneto nel tardo pomeriggio); soréllu (mestolo usato per attingere acqua); stingà (tagliare le viti quasi a livello del terreno fino a renderle improduttive); svinà (togliere il mosto fermentato dalla botte separandolo dagli acini di uva); tórciu (torchio); vignaròla (piccolo carretto da vino con sponde); ràcina (incrostazione interna delle botti dovuta a cristalli di tannino).
 
In Eravamo così dell’Ist. Comprensivo di Montecompatri (a.s. 2004-05), figura un glossarietto con succosi vocaboli, tra cui: la sventula (oggetto usato per ravvivare la fiammma del camino, realizzato con penne di tacchino legate a formare una ruota), lu cuccumittu (bricco per il caffè), lu salicottu (giacca di cotone per andare alla vigna).
 
2. I proverbi e i modi di dire
Alcuni modi di dire dal libro citato di Gianni Diana:
all’accia, all’accia all’accia (vicino, vicino vicino); bacchió! (stupido!), che si bacchiò? (sordo); hau jettatu lu bannu: hanno fatto sapere a tutti; refréschete lu biccu (rinfrescati la bocca); si ’n bòvo! (sei un cornuto!); che s’itu a cacciappalétta? (Come mai ti sei alzato così presto?); è la cannelìzia! (giustizia divina, così impari!); vatte a nascónne derèto a nu candó (vai a nasconderti dietro l’angolo); giochémo a capoccia (a testa o croce); che capuvòta ha fattu quillu (quell’uomo è molto invecchiato); cavujàsse come li pórchi (rotolarsi nel fango come i porci), i’ pe’ cciàcchere (andare alla ricerca di uva nelle vigne già vendemmiate; cciàcchera è il grappoletto di uva rimasto sulle viti dopo la vendemmia); ciuccià la capòccia (scuotere la testa); me dà cordóju (mi dà fastidio); sì proprio ’n cozzulusu! (sei veramente un sozzone!; cózzulu è strato di sporcizia); prèsteme ’n crìu de pa’ (prestami un poco di pane); te té da dannà pe’ quandu si cattivu! (devi dannarti per come sei cattivo!); che me stà a dà la diosìlla (cosa mi stai dando l’elemosina?); me se mette ’n gnómmeru sópre u stòmmico (mi si mette un peso sopra lo stomaco); a lum’ ’e bruscu (verso il tramonto); sì juttu e mardivòto (sei goloso e irrispettoso); che sta’ a dà lu mbrattu a le galline? (stai forse dando il cibo alle galline?); me ne vojo reì a lu Mónde (voglio tornare a Monte Compatri); pare ch’ha muzzicàtu a la zinn’ ’e la mare (ha il dente avvelenato); làscelu stà ché ha già ppezzutàtu (lascialo stare perché sta quasi per piangere); come li recàcciu a pàritu? (qual è il soprannome di tuo padre?); nó rriccià ’sse froce (non arricciare il naso; non fare quella faccia schifata); è ita pe’ sabbeto (è andata a comperare gli scarti. Anticamente il sabato i negozianti vendevano gli scarti della settimana); me stò a sbattizzà pe’ recordamme ndó só messa la vanga (mi sto scervellando per ricordarmi dove ho messo la vanga).
E proverbi:
chi tè lundu e farina prestu cocina (chi ha lardo e farina presto cucina); la cera s’è llograta e lu mortu ’n cammina (la cera si è consumata e il morto non resuscita); tristu quillu sórece che tè ’n buciu solu (poveraccio quel topo che ha una sola tana).
T. Minotti (“Controluce”, febbraio 2003) spiega il modo di dire Nonno ’n gariola
(…) Ma che volenu di’, e che cendrinu le gariole co’ li tróni! Le cariole eru quella specie de caròzze basse, fatte de tavule remmediaticce che li giovenottelli se divertenu a fa’ co’ li cuscinitti a sfera che eru rennesciti a remmedia’ da li pochi meccanici che ci stenu allora o da li tandi stracciaroli che passenu. Le carrozze le ddóprenu pe’ i’ pe’ lena, le carichenu de mondagne de fascitti pe’ resparmia’ fatiga. Co’ quelle, a voti se mettinu a fa’ li matti e ce fecenu le curze langennole a tutta forza pe’ le discese che portu a lu Monde da Rocca Piora o da San Sivestru. L’unicu puntu de contattu co’ li tróni, propio a voli’ esse de vócca bbona, era lu rumore, ma pe’ modo de dì, perchè li tróni eru tutta ’n ara cosa! E li lambi? Che cendrea nonno ’ngariola? Puru se s’era magnata ’na cofena de facioli la sera prima ’n zaria potuto mai fa’ condemboraneamende tronu e lambu!…
 
3. I toponimi e i soprannomi
Di seguito una selezione di toponomi monticiani da G. Diana:
all’àngelu (la fontana dell’angelo), bórgo Missòri (da piazza Garibaldi intorno all’attuale via Tuscolo); Madonn’’e lu Castagnu (Santuario vicino al Convento di San Silvestro); mónde Salemó (Monte Salomone); lu pizzu de la Cèngia (inizio Borgo Missori); le Pràta (zona tra piazza Marco Mastrofini, via Leandro Ciuffa e piazza Garibaldi); San Sivéstru (convento dei Carmelitani scalzi); lu Stradó (corso Placido Martini); vócca de le rùtti (via Cavour), Callarèlla (strada in forte pendenza situata tra lu stradó (corso Placido Martini) e la Piazzetta (p.za Manfredo Fanti), ora si chiama via Nino Bixio. Órtu de li Frati (tra la strada di San Silvestro e l’omonimo convento).
E da Eravamo così, a c. dell’Istituto Comprensivo locale (Anno scol. 2004-05):
L’Ammazzatore (si trovava al posto del piazzale della scuola), L’ortera (la zona sotto via Placido Martini); Lu vadu (zona di passaggio delle pecore da via Annibaldeschi alla Mandra), Lu passittu (la scala interna di un palazzo che da via P. Martini esce su via del Passetto), la Callarella (l’attuale via Nino Bixio).
 “Come te recacciu” era la domanda per chiedere il soprannome. Nel Vocabolario di G. Diana c’è un elenco dal quale scegliamo”: La cavalla cèca, Lu pórcu senza cotìnu, Gesucristo, Papasandu, Cimicèlla, Brocculó, Porcacchja, Pescengóllu, Biastimèlla, Sangueattèrra, La smonicàta, Sfragèllo, L’òmo mórtu, Purgatorio.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 4.1 Canti
 4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
 
4.3 I giochi
Un elenco di giochi è nel Vocabolario di G. Diana:
Bettonèlla (): si mettevano in fila diversi bottoni e poi bisognava farne capovolgere uno con il fiato.
Castèllo: si costruiva una piramide con i nocciòli delle pesche e con un altro nocciòlo si cercava di rompere la piramide.
Céngeri: si giocava con cinque nocciòli di frutta o con sassi; poi se ne tirava uno in alto e contemporaneamente se ne raccoglieva un altro fino ad esaurimento.
Crucchjìttu: si doveva mandare una pallina in una buca colpendola con altre palline.
Cordó: gioco eseguito con una cannuccia smerlettata.
Mòcio: era costituito da un sasso tenuto ritto con una posta sopra; si tirava a turno con un altro sasso cercando di far cadere la posta dal mòcio.
Morró: simile al mòcio; si costruiva una pila con monetine, quindi si tirava un sasso cercando di far cadere la pila e far girare le monetine.
Mùsa: una persona si metteva accovacciata e l’altra saltava accovacciandosi a sua volta permettendo così di saltare all’infinito.
Passavolànde: specie di giostra con una ruota girevole infissa su un palo; al palo erano fissate delle funi che terminavano, quasi a livello di terra, con un cappio nel quale si infilava una gamba; si cominciava poi a correre con l’altra gamba libera girando anche piuttosto in alto.
Sammarché: nizza.
Scrocchjalittu: cerbottana costruita con un bastone di sambuco svuotato dell’anima. Si inseriva una ghianda nel cavo e con un bastone inserito dalla parte opposta si spingeva violentemente fino a far schizzare la ghianda.
La caròzza: carrozzella costruita con assi di legno e cuscinetti a sfera. Nel Vocabolario di Diana c’è un disegno con vista denanzi e derèto e l’indicazione delle parti: li cuscinitti, l’ala, la cavicchia, la cordicella, li ciocchitti, le ’ndacche.
 
4.4 La gastronomia
Prelibatezze locali: coppiétte (strisce di carne di somaro o di cavallo salate, pepate ed essiccate), longarinu (impasto fatto con acqua e farina, lavorato fino a formare una specie di spaghetti detti pure frascarélli e maranvrìculi.
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Nel febbraio 2007, da un’iniziativa di Stefano Murè (24-12- 1956) fortemente stimolato dalla moglie Rita Calcagno, sua coetanea ex-direttrice di scena, coreografa e costumista teatrale, nasce l’associazione “Atti Matti alla Locanda”, con lo scopo di condividere il piacere e il gioco del teatro. Spettacoli realizzati: “Molto rumore per nulla” e “Sogno di una fraschetta di mezza estate”, tratti da W. Shakespeare; “L’Avaro” di Molière (riadattato); “Lu Buciardu” di Goldoni (riadattato); “L’altro Natale” e “Collage” di S. Murè. Il 30 luglio 2010 andrà in scena “Commedia su Misura”, sempre di Murè.
Di seguito la scena XVI de “Lu Buciardu”:
Pantalone: grazie allu celu, semo ’rrivati finarmende.
Dottore: Questu pe mi è stato n’ viaggiu felicissimo. N’ primo luogo so statu a Napuli, n’do co tre consurti me so guadagnati dieci zecchini. E po’, sta notte a casa tea so statu trattatu co tutti li revardi, e po, soprattutto lu matrimonio che semo combinatu fra fiutu
Lelio e fioma Rosaura me rallegra e me conforta.
Pantalone: So tandi anni che semo amici, sarà ’mpiacere ’mmensu deventà pure parenti.
Dottore: Quanno credi che fiutu rriverà n’ paese?
Pantalone: Mbe’ coll’ultima lettera che m’ha scritto da Napuli, m’ha dittu che saria partitu subbitu, io penso che terria già da sta’ ecco.
Dottore: Sendi po’ amicu meu, ma fiutu è ’nbellu giovane? Forte, prosperosu? Sarà in grado di fa contenta fioma?
Pantalone: Non lo saccio, veramente so venti anni che non lu vedo quanno è partitu era ’monellittu. Dieci anni lu so mannatu a Roma a studià e dieci anni lu so mannatu a Napuli, da n’ fratellu meu, che loco ce tè na bottiga.
Dottore: Ma se lu ’ncuntri, lu reconosceristi?
Pantalone: Non lo saccio, veramente so venti anni che non lu vedo quanno è partitu era ’monellittu. Dieci anni lu so mannatu a Roma a studià e dieci anni lu so mannatu a Napuli, da n’fratellu meu, che loco ce tè na bottiga.
Dottore: Ma se lu ’ncuntri, lu reconosceristi?
Pantalone: Si! Lu reconoscio, va be’! Comunque da quillu che m’hau dittu è n’ giovane de bell’aspetto de presenza de spiritu e sopratuttu alli giorni d’oggi è de boni propositi.
Dottore: Tengo piacere. Tantu più fioma sarà contenta.
Pantalone: Ma senti po, ma sta fia, Rosaura, comm’è che non la si ’ngora maritata, n’sarà mica bruttarella?
Dottore: Te dirò la verità. N’ casa ce tengo no scolaru, n’ certo signor Florindo, giovine di bona famiglia e d’ottimi costumi. Io la saria voluta dalla a issu sta fia mea. Ma me so risu contu che quissu è contrario allu matrimonio e mesà che mancu li piaciu le femmone!!
Pantalone: Iiiiihhh, non li piaciu le femmone?
Dottore: Appunto me so decisu de sistemalla a n’ara casa. Fortunatamente so venutu da ti e in quattro parole semo conclusu lu meio affare de stu munnu.
Pantalone: E Beatrice, la più ciuca la vo marità pure a essa?
Dottore: Mo che marito Rosaura, se posso, vorrai spicciammo pure de essa. Ci sta n’ certo signor Ottavio che la vorria.
Pantalone: Iiiihhhh, quillu che non li piaciu femmone?
Dottore: No! Quillu è Florindu, quillu che li volea da Rosaura!
Pantalone: E perché non l’ha voluta, perché è bruttarella?
Dottore: Noneee, perché è contario allu matrimonio, e mesa’ che mancu ie piaciu le femmone!
 
Tra i numerosi testi di Tarquinio Minotti abbiamo scelto “È propio vero!” (“Controluce”, aprile 2003), nitido e commosso ricordo de lu Monde:
Oggi so’ fattu ’na prova, so chiusu l’occhi cingue menuti e… so’ redevendatu ’n monellu de quattro/cingue anni. So’ provatu a revede’ Piazza Marco Mastrofini da la parte sinistra vardenno lu palazzu communale. ’Ngomingenno da la parte più abballe. Lu furnu de Sacchetti, a parte Zì Agusta, ’Ndreino, Lella e tutta lara jende che li girea atturnu, quello che me corpiscea l’immagginazio’ era lu furnu, desottu, me recordo quanno iutea mamma a portacce la saccoccia co’ l’oliva, se portea loco pe’ falla a ’nfornata, picchenu lu saccu vecinu a la canna fumaria ’n modo che se secchesse e se potesse tenì più allungu senza falla rrovinà. Appressu la norcineria de Salvatore lavorea solu maiale e se fecea tuttu da issu. Po’ lu negozio de merceria de Marino, vennea de tuttu, da lu betto’ a le matasse a… tuttu…! Ci stea po’ lu furnu de Mastrofrancesco, che qua anno doppu devendà lu primu furnu a vapore de lu Monde, la novità fecea sembra lo pa’ più bbonu, ’nvece era mejo quello de prima. Appressu ’Ngelino lu Cocciaru, che venea tutte le matine da Frascati e vennea tuttu pe’ la casa. Marco “lu pannaru” era ’n ebreo venuto ’ntempu de guerra (m’hau dittu) e po’ è remastu a lu Monde perché ce s’era trovatu be! Vennea stoffe! Sor Giuvanni stea loco all’ufficio der Dazio, tenea l’occhi da pe’ tuttu no’ la fecea franca gniciunu tocche pagà e basta! Me so recordatu puru ’na macelleria de li Reali, no’ me recordo però chi de li fratelli ha cominciatu loco. A… me so’ scordatu “Mille Luci”, però de su postu ne so’ già parlatu are voti. Tutto è friscu e vivu, le facce de le persone, le smorfie e li strilli che fecenu quanno nui monelli rompemo le scatule. È ’mpressionante comme te revengu ’ngapu cérti particulari solu a repenzacce ’n po’. D’autunnu lu marciapiede era piinu de canestri de fugni, tutte le qualità allora se trovenu. Venenu a venne’ da San Cesareo, da Colle de Fora, da Carchitti e ci stea sembre puru qua’ mondicianu. La piazza era ricca, allora, se vennea sembre tuttu, e quanno remane qua’ ccosettà se jea a venne’ a le trattorie, allora sembre piene. Ce saria ’ngora da recordà ma po’ lu reccuntu devenda troppu lungu e la jende se stufa de lègge. Unu de ssi giorni me toccherà de parlà puru, de l’aru marciapedi, de lu cinema Splendore, de la Banca de Santo Spirito, de Magnasardò, de Aurelio Gaffi, l’aru norcinu de Norcia, de la Cooperativa la Famiglia co’ Gemma e Nerina, de lu frascatanu Calderini che vennea le scarpe, de Fracassini co’ le vernici e… tuttu pe la fionna… e po’ giratu l’angolu de Raule lu barbiere. De Nino Villa che li stea a bità sopre e li ’ffittea lu locale, e benchè vecchiu stea sembre loco a parla’ de femmone e de recordi…
 
6. I testi di poesia
In Montecompatri. Profilo storico di Giuseppe Ciaffei si ha notizia del poeta Checchino Mastrofrancesco che così cantava il suo paese:
arrivive quassù Roma papale / c’è l’impronna del tempo mediovale / qui er mastro se scordò de fa l’ingresso / ciappiccicò le scali e fu listesso. // Su ar capo de ste scali, risarelle, / ce so le Nine scanzonate e belle / e domanne e risposte in coro / chiacchiere e frizzi corrono fra loro. // (…) La biancheria c’è sciorinata ar sole / odora de bucato e de viole / er vento che le scote e l’arza in cima / poi l’arimanna a posto come prima.
Questo di Checchino è ancora il paese di una volta quello che dal Ghetto s’affaccia sulla piazza Marco Mastrofini, salotto presuntuoso e pettegolo che la bella fontana dell’Angelo apre ospitale al forestiero.
 
Tarquinio Minotti, compone poesie pervase da un vivo ricordo del passato, prevalentemente in versi liberi come in “Nuvule” (“Controluce”, agosto 2008): N pratu verde pe’ lettu / pe’ tittu ’n cèlo azzurru / recamatu da nuvule veloci / scassate e recomboste / da ’n vendu dispettusu / L’occhi siguu quilli giochi / godu a reconosce ’n quelle forme / animali, cose, mundi, facce d’ommeni. In “1961 Primu bosco” protagoniste sono alcune “monelle”: ’llongate, sopre le sdraie a pia’ lu sole, / li pedi ’ppoggiati a le linghiere. / Le gonne smosse da lu vendu, ’ntravede’, / fecenu le cosce de quelle cellittozze, / fischi e strilli pe’ ’ttiranne l’attenzio’.
“Lu tembu” (giugno 2001) fugge ed accelera il suo progredire di anno in anno:
’N vedì’ l’ora / de cresce, de rivà! / ’Ndo? ’N de freghea ‘ndo! / Lu tembu ’n passea mai / parea ’ngessatu / era issu che te blocchea / che te fecea cresce troppu lendamende / e ’n de fecea vive come saristi volutu. / Lu saristi sbotatu de cursa, allora, / lu gnommeru de la vita. / Pe’ fortuna n’è permissu. / Oggi te ne ’corgi, / s’è sbotatu li stissu troppu ’n fretta / è bastata ’na ’ffattata a la finestra / tè scursu denanzi e … è fenitu.
(sbotatu: sciolto, ’ffattata: affacciata)
Bella “L’Arba” monticiana (datata agosto 2001):
È l’arba / la luce schiarisce ’gni cosa / de mondagne londane condurni possenti / de valli nnescoste penombre latenti / de la campagna romana, da mari de nebbia sommersa, / solu Colonna schiarisce, isola, che ’ffiora / tra spuma de onde ’n tembesta. // (…) La luce più forte più calla / disperde pe’ mundi e pe’ valli / la nebbia leggera che scherma la vista / e farze sembianze a le cose essa da.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
Diana Gianni (Montecompatri 1943) è autore del Vocabolario del dialetto di Monte Compatri (1995).
Mastrofrancesco Checchino, poeta di Monte Compatri (collaboratore del “Rugantino” e di “Stella romana”), di lui si ha notizia in Monte Compatri. Profilo storico di Giuseppe Ciaffei.
Minotti Tarquinio (Monte Compatri 1946), diplomato in ragioneria, ha lavorato a Roma. È uno dei fondatori dell’Ass. culturale “Photo Club Controluce”. Nel 1992 ha fondato il giornale “Notizie in… Controluce”. È appassionato autore di poesie e piccoli racconti in dialetto monticiano.
Murè Stefano (Monte Compatri 1956) stimolato dalla moglie Rita Calcagno, sua coetanea ex-direttrice di scena, coreografa e costumista teatrale, ha dato vita all’associazione “Atti Matti alla Locanda”. Il gruppo ha riadattato in monticiano opere di Molière, Shakespeare e Goldoni. Si tratta di un teatro di strada, rappresentato nelle piazze di Monte Compatri.
 
Bibliografia
Buffi, Mirco, Montecompatri e i Montigiani, Ass. Cult. Photo Club Controluce
Buffi, Mirco, Momenti monticiani, Monte Compatri, Edizioni Photo Club Controluce, 2003
Ciaffei, Giuseppe, Montecompatri. Profilo storico, Frascati, Centro Studi del Lazio, 1974 (pag. 287 cap. XIII: notizia di Checchino Mastrofrancesco, poeta)
Diana, Gianni, Vocabolario del dialetto di Monte Compatri, Montecompatri, Edizioni Photo Club Controluce, 1995
Giuliani, Gabriella, Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna Frascati Grottaferrata Monte Compatri Rocca Priora, Montecompatri, 1996
Istituto Comprensivo di Montecompatri (a c. di), Eravamo così, Anno scolastico 2004-05
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
Minotti, Tarquinio, Monte Compatri L’immagine dei Ricordi, Monte Compatri, Edizioni Photo Club Controluce, 2002
 
Webgrafia