56 – LARIANO

 


Lariano (350 m slm – 10356 ab., detti Larianesi – 27 kmq). A41 km da Roma, alle pendici del monte Artemisio, all’estremità meridionale dei Colli Albani, alla sinistra del lago di Giulianello, presso la sorgente di Acqua Donzella.
IL DIALETTO DI LARIANO:
Lariano ha conquistato la sua autonomia comunale da Velletri solo nel 1967, e per molti aspetti relativi al dialetto valgono le considerazioni sul velletrano.
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
Ecco alcuni termini dialettali tratti dal libro di Ferdinando Tamburlani Lariano. un paese con la sua storia:
balloni (teli), cacciata degl’occi (il germogliare delle gemme), casoglie (mucchi di grano in attesa di essere trebbiato), cesa (piccolo bosco di castagni), matticelle (tralci recisi in regolari fascetti che tornavano assai utili per avviare il fuoco o per farne brace per saporite grigliate o per cuocere, i gustosissimi “carciofi alla matticella”), macchia (il grande bosco di castagno), mezzaluna (falcetto a forma di mezza luna dalla lama più spessa ed affilata per tagliare le canne messe in fila, per spuntarle e appuntirle insieme), monogli (scope), rasali, rasaletti (vie, viuzze), (ì pè) ruspo (alla ricerca dei grappoletti d’uva, i vazzaccheri, sfuggiti ai vendemmiatori e che erano troppo acerbi per essere raccolti), saettoglie (rami di viti), stazzo (parte antistante la casa), troppe (radici di canna), ubbidiente (sorta di pesante zappone a due punte adatto a rompere terreno duro o argilloso), viroglio (contenitore di vimini, basso, lungo e stretto che fungeva da essiccatoio per l’uva al calore del sole e del forno e farne uva passa da usare per il baccalà in guazzetto e i sanguinacci), zappone (grossa zappa triangolare dal manico corto usato per diserbare la vigna), zapponetto (piccola zappa dal manico corto che veniva usata per streppà e canne, tagliare le canne).
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
 Citiamo dal libro dedicato al suo paese da Ferdinando Tamburlani:
…È così che le capanne sorsero numerose anche nelle zone di Colle Cagioli, Colle Fontana, Colle dei Marzi, Colle Bonacqua, Colle Capellone, Colle Fortuna…
Le Contrade nello “stato delle anime” stilato nel 1871 da don Pietro Nanni: Colle Fiorentini, Colle Mazzoni, Colle Fortuna, Colle Cupellone, Colle Bonacco, Colle Scarani, Colle Centocappelle, Colle Fontana, Colle dei Marzi (per un totale di 28 casali, 120 capanne,168 famiglie, 754 abitanti e 458 comunicati).
Nel censimento fatto dal parroco don Aurelio Pieroni nel 1892 la situazione era la seguente: le contrade sono Colle Fiorentini, Colle Di Mezzo, Colle Mazzoni, C. M. Al di là della strada, Colle Cupellone, Colle Bonacco, Colle Scarani, Colle Centocappelle, Colle dei Marzi, Acqua di Papa, Stazione della Ferrovia, Tenuta Romani, (per un totale di 81 casali, 175 capanne, 263 famiglie, 1316 abitanti e 819 comunicati).
 
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 
4.1 Canti
Riportiamo il testo in dialetto larianese del Canto della Pasquella, comune ad altri centri dei Castelli, che può essere anche ascoltato sul sito di Lariano.
Te saluto padron de casa, / la famiglia e la tua sposa, / tutti quanti ’n compagnia, / viva Pasqua Epifania, / viva Pasqua Befania. / Sò passati fossi e scatafossi, / pe ritrovà la casetta tua, / pe portatte sta novella, // l’anno novo e la pasquella, / Semo quattro e ’nsemo più otto, / tutti e quattro cor fagotto, / co ca cosa da portà via, // viva Pasqua Befania. / Ne venemo da Lariano, / la portemo sta rondinella, / vale oro pé quando è bella, // l’anno novo e la Pasquella, / Sotto l’ombra de le rose, / dove canteno l’uccelli, / ruscignoli e cardarelli, // fanno i cuori rallegrare. / Arizzete padrone, / fate presto e nun tardate, / che dar cielo cadè la brina, / fa venì la tremarella, // l’anno novo e la Pasquella. / Arizzete padrone e dacce l’ova, / si ’ntenghi l’ova dacce ’na gaglina, / si ’ntenghi ’na gaglina, dacce nò cappone, / se lo magnemo dimà a colazione. / Me so portato qui ’ncompagno jotto, / me sà magnato canestro sasicce e tutto… / si ’ntenghi niente, crompa na vitella, / che dopo sà magna a “Caccavella”.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
Imprecazioni: Che pozza fa ’o boaro! – era la peggio bestemmia che potevi iettà (Fiorenzo Petroni, di Lariano, in Boscaioli… della Santangeli che ai Bovari dedica un capitolo in cui si parla di Lariano, pp.113 e ss.).
 
4.3 I giochi
F. Tamburlani dedica il bel capitolo finale del suo Lariano… a “Come si giocava una volta” quando anche per il gioco si faceva “di necessità virtù”.
 
4.4 La gastronomia
La guida Lariano è… Gastronomia, usi e costumi, storia, territorio, ospitalità, a cura dell’Associazione culturale Arajani, ospita “Le ricette della Scuola media A. Campanile”, una ricerca degli alunni delle classi IE, 2F e 3E [a.s. 2004?] sulle antiche ricette larianesi, coordinata dalle prof.sse Mara Candidi, Gisella Biagi e Stefania Bilei (un documento interessante anche dal punto di vista linguistico).
I fascioli co a pasta de casa e i cavoglietti (cavoletti): Se mette a coce drento a na marmitta de coccio na cartoccia rasa de fascioli m’ paro de petata senza coccia e co l’acqua a seconda de i cristiani che tenno da magnà. Drento a natra marmitta de coccio se mette na battuta d’onto co pò d’addori e se fa frigge fino a quanno non se n’ saportito tutto. Mo quanno i fascioli cò e petata se so quasi cotti se mette drento chillo battuto d’onto m’ pò de pasta de chella fatta n’casa, tagliata co o cortello a pezzetti e na manucciata de cavoglietti tagliati fini fini. Quanno tutto s’è cotto se ariotico drento a no scifelitto de legno co pò de pane de chillo arevanzato e tenghi da sentì che te magni.
Cellitti casarecci: Che ce vò: farina, acqua, sale, sugo. Mettete a farina n’cima a spianatora, aggiungetece l’acqua e pò de sale, de pò mischiete tutto. Lasciete areposà a pasta. Da pò pigliete a pasta e facetela a strisce, arotoletele e allungetele. Cocete a pasta drento all’acqua bollente e na vota cotta, scolatela e mettetece n’ cima o sugo.
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Dal 1999 opera la Compagnia teatrale dialettale “‘O Stegnarello” di Luigi Ceracchi (autore pure del romanzo La guerra di Paris). Tra i componenti c’è la moglie. Sono cinque le commedie all’attivo della compagnia larianese tra cui:
“Tutto successe ’mmezzo ’o stazzo”, “I spirdi” e “‘O Tesoro” (1998) che parla di un neo laureato dottore che negli anni di studio a Roma si trova la fidanzata straniera; ma al paese c’è Giulietta, la sua promessa, che l’aspetta. Alla fine il dottore capirà. Di questa commedia proponiamo un piccolo brano:
“(…) Vardino: Loviggì gn’arespongi a patreto? Areggìrete, viè qua. Oh… edi Loviggì, te olamo dì che qua a Lariano noa tenemo poco e certo pe ’ndottore comme tti è gnente, comme oglio dì, qua è comme si noa stessemo a dormì da na vita, ma mentre dormemo facemo o pane, a pasta n’ casa, se mbreachemo, iamo ’a maccia a ffa e lena, se tribbola pe tribbolà Loviggi, ma abbasta che arizzemo o capo, vedemo o cielo, e si caituno se sente male non tenemo chillo coso da mettese e recce, ma curemo tutti… d’à bbefana cantemo a Pasquella, t’arecordi? Pro’ ’ntanto dormemo. Stemo ccossì, co a paura de svegliacce, ma si a svegliacce si tu, allora noa araprerimmo gliocci più tranquilli, pecchè tu chesto, arevà da Tareposa (Mariposa, la fidanzata spagnola)… e scordete de tutti; iamo Lenù, vi ècco ste quattr’ossa, iamo. Scordete de tutti, Loviggì! Giulietta: De ca cosa s’ha s’ha scordato già, Vardì… ai studiosi glié cresce o cervello e glié se aretira ’o core. Dottò, ma tu vola si vò volà… è difficile volà mmezzo ai rasaletti, mece senza o peso d’ò core se sta più leggeri… io aremano addormì, comme stea addì Vardino ; armeno si dormi te po sognà… nu sta a sentì matrema, nun sentì gniciuno, si sì deciso và, ma nà piglià ’ngiro a gente, che ancora ce sta’ caituno che o core o tè e nun po cure comme tti, pecchè pesa! Ciao dotto’.”
 
6. I testi di poesia
Tra i cultori della poesia a braccio, di cui si organizzano incontri annuali, a Lariano si segnalano Maurizio Abbafati e Stefano Prati. Maria Pia Santangeli in Boscaioli e carbonai nei Castelli Romani ricorda che:
“Nelle osterie di Lariano e di Rocca Priora erano molto in voga i Contrasti (ancora oggi gli appassionati si incontrano una volta l’anno per ascoltare e improvvisarli), specie di duelli in rime cantate, di origine medievale. Due poeti popolari si sfidavano, alla presenza degli avventori attenti e compiaciuti, su un tema a scelta – boscaioli e contadini, ammogliati e scapoli, poveri e ricchi – e improvvisavano. La difficoltà – e l’abilità – consistevano nel rispetto assoluto delle regole proprie dei Contrasti: le ottave si dovevano susseguire senza pause e ogni poeta improvvisatore aveva l’obbligo di ricominciare la sua ottava, mantenendo la rima con l’ultima parola del rivale e dando, nello stesso tempo, senso compiuto alla strofa. I contrasti non si potevano preparare, acquistavano vita soltanto nel momento in cui le parole venivano declamate cantando…”
Di Maurizio Abbafati.proponiamo la poesia “Pe’ un mozzico de tera…”:
Pe’ un mozzico de tera da spartisse / so iti a fenì male ’ntra fratelli! / Tra còrbi e baccagliate a ore fisse, / chi mentùva lo schioppo e chi i cortelli… // Chi se fa annanzi pe’ divide e risse / in modo che ’n succédono macelli… / e i pori viécci, che gli enno lasciata, / se béccheno biastéme ogni giornata. // Chi ce tè po’ de vigna ’ncegneràta, / quattro cioppare ’ncima a ’na spalletta, / chi ha ricavato l’orto p’a ’nzalata, / e tè, de vigna solo ’na foglietta; // chi l’ha lasciata sòda e abbandonata / bensì era stata la meglio rasetta; / a chi è toccata chella co i scopigli, / ce vanno e vorbe a partorì li figli. // Chillo tira de fori diénti e artigli, / chill’atro, che se sente più fregato, / pe’ non trovasse ’n mezzo a li perigli, / ha ito a chiede lumi a ’n avocato. // Pare gli ha dato assai bòni consigli: / “vedete de trovallo ’n concordato, / che, si per caso ve la gnate a végne, / ’n ce venno i bàrzi p’agligà du grègne!” // Ma sto ragionamento chi lo ’ntègne? / Ce sta chi s’ha tirato lo confine / e a chi glie ròde o còre e glie ce ’ngègne, / che ’sta faccenna non trova la fine; // chillo che più de tutti sta co e frégne. / Dice che ormai tè e saccocce pine, / co atre po’ de biastéme, aresaluta / o padre e a madre che ’n s’hanno vegnuta.
Del poeta larianese Eliseo Chiominto riportiamo la poesia: “Canne mbreache”:
A mano manca, là verso ponente / m’honno arzato ’n palazzo assai importante / mezzo rotonno e mezzo arequadrato / chissà che genio chillo c’ ’à ’nventato. / Do stazzo mio tò trovi proprio ’n fronte / te leva’o fiato,’a vista e l’orizzonte. / Se vede solo ’a maccia a mano ritta / tutta ’mpettita areto a ’na foglietta. / M’areconsolo, puro si lontano, / armeno vedo ’o Maschio de Lariano. / Da statra parte, poco più dereto, / mezze mbreache e pine de scopetta* / ce stanno pò de canne co’’n canneto. / E, quando ’e canne menan’a scopetta, / m’arevè ’n mente nonnema Concetta, / m’areccontea: è segno che vè ’a guera, / quanti figli so ’iti sotto tera!! / Funno tante chill’anno ’e scopette / nel millenovicentodiciassette. / Chiamenno ’n guera tutti i giovinotti / chilli sposati e chilli regazzotti. / L’ommeni ’i chiamenno tutti quanti. / Assai funno i feriti e morti tanti. / Solo i bammocci drento a cà casotto / remaseno co’ ’a nonna e co’ ’o viecciotto. / A fronte de sté cose malefatte / meglio scote i canneti e fa’ ’e casette / che aretrovasse co’ ste’ canne matte / mezze mbreache e pine de scopette. (*scopetta: fiore della canna)
Di Primo Romaggioli già sindaco di Lariano e poeta una sua poesia in lingua “Pedalata in ottava rima è riportata sul libro Sagra del Fungo Porcino 2009.
Ferdinando Tamburlani (anche lui sindaco del paese) ha pubblicato due raccolte di poesie in lingua Frammenti di Vita, 1978 e L’Agave e il Cigno, 1994.
Giuseppe Calvani, poeta estemporaneo autodidatta larianese (1911-1968) ha espresso il meglio di se stesso nella “ottava rima” cantata, meritandosi ampi consensi fra i tanti che ai suoi tempi popolavano le piazze per assistere alle dispute in rima dei “poeti a braccio”. Il meglio della sua poesia, nel suo genere, non è stato scritto, ma solo cantato. Le sue composizioni pubblicate nella raccolta Poesie (2005), curata dalla nipote Patrizia Calvani, sono le uniche testimonianze scritte dell’Autore, fra l’altro composte negli ultimi anni della sua vita quando egli non si esibiva più pubblicamente, non permettendoglielo il suo stato di salute. Nel libro citato accanto ai testi in lingua – per la maggior parte connotati dal tono enfatico e aulico, come nella tradizione dei cantori a braccio – figurano testi (tutti, si noti, composti con versi brevi) o epigrammatici come “All’ospedale” (Dentro queste mura / ci son dottori e suore; / abbiamo tanta cura / ma anche qui si muore…) o teneri come quello “Per il futuro nipotino”: La mamma ti prepara / il nuovo vestitino, / piccola e piccolino / quello che sarà” o angosciati come in “Alla primavera”: Si risveglia ogni pianta / ogni prato è in fiore, / solo, più non canta, / il poeta che muore. O scherzosi come “Ad Amelia” dedicata ad una donna che faceva le pulizie all’ospedale di Velletri e che si ostinava a non mettere sul suo comodino, la saccocciella, cioè la sacchetta: Dimmi o bella, dimmi o bella, / quando porti “a saccocciella”? / Se la porti tu di tela, / io regalo a te una mela; / ma se non la porterai, / anche tu nulla avrai. Nei testi in larianese si svaria dall’ottava dedicata a “L’avaro” che ha da ridire con Gesù Cristo: Gesocriste mia degli paese / damme tiempe a racconcià gli cioce, / scase se no me tocca ì a maiese, / e la terra a gli piede po’ me coce. / A ti vienghe a trovà, non guardo spese, / dicio gli rosari sottovoce / assieme co’ gli utteri a compagni, / tu gli bene mia non lo cagni; a un trattatello di medicina applicata ai maiali in “Mo glie so ’mparato puro si s’ammala pe guarillo comme se fa”:
Si vedi che ’nsa rizza, e che nu magna, / tanti voti fusse repinezza, / un lavatino co’ l’acqua de sagna / co’ marva e madrigana dà freschezza. / Po’ si è comme ’na pietra de lavagna, / te e recce fredde, faglie ’na carezza! / Te a freve, e si glie batteno e panzette / chella è permonite, po’ scommette. / Allora quando so verso le sette, / tanto da sera comme de matina, / tutto preciso, senza sbaglià n’ette / ’gni dodec’ora ’na pennicellina. / Cheste so’ di porchi le ricette: / ve dà ’n professor de medicina, / ch’ha pigliata a laurea d’affabbeta, / all’università de le cereta. / A cosa che ve dico io è segreta, / e si pigliate sto consiglio esperto / sicuro che li porchi tutti acqueta. / Nun campa gnisciuno chesto è certo. / Ma ni bussea ca mano peleta, / e po’ glie facea lascià aruperto; / volete che vo dico chiaro e tonno? / – Quanti ne so mannati all’atro monno!
a “Comme a da esse o porchitto quando to o compri”:
Primo de tutti tu tiè da vedene / si ca ponta de i piedi ce cammina, / e recce ritte po’ teda tenene / a fronte larga comme ’na vaccina. / A cora mapputa; e me sta bene. / Bella larga teda esse a schina, / ardo che già o vedi sollevato, / e gliongo ch’adda esse già sfustato. / E defatti m’ann’accontentato / Enzo e Orlando che ce so mannati; / comme dicea u hanno capato, / tutti gl’era imparati i connotati. / Chisto quant’è natr’anno ch’è rivato / tutti l’atri porchi ha trapassati. / Io me metto o sicuro e ’nfaccio male / armeno teda fa mezzo quintale.
In “Canzone dell’Asini” una galleria di ciuchi un tempo molto diffusi nel paese:
Mo che semo arivati a carnevale / bisogna festeggiallo proprio bene / tutti ammischiati, asini e somare, / che vanno pochi mesi tutti trene / comincemo ’a ’o somaretto, / che va quasi ’n secoletto, / pare garbato; / pè di la verità è puro grastato. / Ce sta chella d’Agusto de Rosina, / pare ’na somarella al primo albore, / d’agni ne va ’na cinquantina; / pè di la verità, sta proprio ’n fiore. / Vè spuntenno pian pianino, / già l’ha misso lo dentino, / nun saccio ’o padre, / saccio ch’è doppo de la madre. / Po’ si vedete l’asino parlante / co’ campagniello, ma cammina e ’ntoppa; / e la più bella ancora e più elegante, / solo glie manca ’o pelo ’n cima ’a groppa. / Quando la cacci la ’mmatina / te fa la pomposina, / ma si ’n si ’lesto / te la sgnacca ’na zampata ’n pietto.
Infine in Antologia proponiamo “La famiglia affamata” un testo tragico scritto nel 1945 da chi sa (e non per sentito dire) che cos’è la fame della povera gente.
 
Antologia
GIUSEPPE CALVANI
La famiglia affamata
Semo arivati a li venti de Maggio
e ’sta famaccia proprio ’n ci abbandona,
me vè a mente lo pane ma nun l’assaggio,
chisti mo so proprio guai,
m’afferato proprio assai:
porco de bizzo
si cado pe’ tera nun m’arerizzo.
Co’ ca scafuccio mo se la spassemo,
’n semo aspettato manco che vembeno,
che la fame ci ha proprio aveliti.
Moglie mia, o che dolori,
so’ cambiati de colori,
sento ’e budella
che me fanno venì la spudarella.
Mogliema si baccaglia ci ha ragione,
che li pisielli manco so’ piantati
ce se spassamo po’ de giorni mone,
aremettamo po’ li connotati,
e li scafi voglio areguardane,
ma ’n ce sta gnente da fane,
poro meschino
agni tanto faccio ’n bucio a ’o cendoglino.
Mogliema va giranno de qua e dellane,
pe’ potella trovà ca petadella,
tutte le fosse se mette a sbelane,
ma nun ce trova gnente poverella;
arevè piagnenno piano,
co’ canestro spiccio ’n mano;
e nun se sera,
ca giorno e l’atro ce jetta pe’ tera.
Lo tengo n’arboretto de cerasa,
chilli bammocci già l’hanno spoglite:
che vo che arieggi, che proprio ce trasa;
puro le fronne già se so fenite.
So scocciata puro ’a pippa,
tutto ’n ’siemi è reni e trippa;
si ce penzesse,
saria meglio uno che s’ammazzesse.
 
Cenni biobibliografici
Abbafati Angelo, autore di un dizionario larianese non ancora pubblicato.
Abbafati Maurizio, poeta a braccio larianese
Calvani Giuseppe (1911-1968), poeta estemporaneo autodidatta larianese. Le sue composizioni sono state pubblicate nella raccolta Poesie (2005), curata dalla nipote Patrizia Calvani.
Ceracchi Luigi, è nato a Velletri nel 1952 e vive a Lariano, dove nel 1999 ha fondato la compagnia teatrale “’O Stegnarello”. è autore di cinque commedie in dialetto larianese (tra cui “Tutto successe ’mmezo ’o stazzo”, “I spirdi” e “’O Tesoro”) e del romanzo in lingua La guerra di Paris.
Ciominto Eliseo, poeta larianese.
Tamburlani Ferdinando ha insegnato presso le scuole elementari di Lariano; ora in pensione. Per oltre trent’anni è stato impegnato nella vita politico-amministrativa; dal ’94 al ’98 è anche stato Sindaco. Ha pubblicato i libri di poesia Frammenti di vita e L’àgave e il cigno; e i volumi Lariano attraverso i secoli; Santa Eurosia e la presenza dei Sacerdoti dell’Ordine della Madre di Dio a Lariano; Lariano e i suoi 25 anni di autonomia; Lariano: un paese con la sua storia.
Prati Stefano, poeta a braccio larianese.
 
Bibliografia
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
 
Webgrafia