55 – LANUVIO

Lanuvio (324 m slm – 9994 ab., detti Lanuvini – 43,91 kmq). A33 km da Roma, sorge nell’area Lanuvina dei Colli Albani.

 
IL DIALETTO DI LANUVIO:
Nel dialetto locale si sono espressi e si esprimono alcuni poeti che tengono viva una parlata che si confonde sempre più con un ibrido romanesco.
  1. I vocabolari e le grammatiche
 
2. I proverbi e i modi di dire
Da Lanuvio, a cura della Media Statale M. Dionigi classe 1B a.s. 1992-1993, alcuni proverbi e modi di dire locali: Quando la gatta non potte ariva’ all’onto (lardo) disse che sapeva di rancicu; chi si fa i cavuli sei campa cent’anni e more au lettu; non di’ de mi se de mi non sa, pensa de ti e po’ de mi dirai
 
3. I toponimi e i soprannomi
 Alcuni toponimi dal libro di Luigi Galieti Da Civita Lavinia a Lanuvio:
Fosso delle Vacche Roscie (le vacche rosse furono allevate in gran numero perché molto lattifere e scomparvero alla fine del 1600 per una infestazione di zecche; Le Isole (deriva da Insula Lombardorum); Borgo di Sopra (era il castello); Borgo di Sotto (borgo San Giovanni); Presciano (Fundus Priscianus, “tenimento spettante alla basilica vaticana, a circa 22 miglia da Roma… confinante con le tenute di Casetta, Campomorto e con i territori di Civita Lavinia e Velletri. Comprende rubbia 400 e 3 quarti divise ne’ quarti: Perfetto e Lucarelli, Cavone e Pantanello, Cioccati e Colle della Torre e Grottone”).
Ed ecco una sintetica lista di soprannomi tratta dal sito www.launuvio.eu:
’Mbru ’Mbru, ’Ntuzzica, Ballabbè, Bbella pe’ forza, Cacarella, Canecanem, Cenciu da lega, Culu Pelatu, Fachiru, Fanflicche, Frocittene, Guardia Povera, Iarucenski, Lumumba, Mozzicantenaja, ’Nbiccettu, Obbladì, Palle secche, Panzallegra, Peppe Caco, Peppino 5 lire, Pierina ammazza a morte, Pio l’acqua, Tre dita.
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 
4.1 Canti
Alcuni stornelli di Civita Lavinia (così si chiamava allora Lanuvio) tratti da Canti popolari Romani di Giggi Zanazzo, Torino, Società Tipografico-Editrice Nazionale, 1910.
 1123 – E ffatti a ’ss’a (questa) finestra brugnoletta (brunetta), / che pporti la rezzôla a mmezza testa; / nun fammi ppiù ppenà’, ssi, beneditta; 1126 – Ciavete l’occhio nero brillandino / e ffate innamorà’ cchi edè llondano / consideréte chi vvé sta vvecino! // 1128 – Pe’ ’ss’o condorno cé tira lu viendo; / c’è ’na bionnina che mmé piace tando, / ma quer veccio (vecchio) dé su’ pà’, nun è cuntiendo. // 1129 – Fra ’e llusco ’r brusco e fra le fronn’ar fresco, / parléteme più bbè’ che nun capiscio: / parléteme tagliano e nno ttudesco. // 1133 – Merànghelo, merànghelo spremuto; / che vva’ dicenno che mme si’ llassato? / ’Mbece so’ stata io che ’n t’ho vorsuto. // 1138 – Fiore dé canna, / da l’occhi tè conoscio, bricconcella, / fa’ infinta de dormì’ e la cucchi mamma. // 1140 – Caròfelo piantato abballe (giù) a ll’orto / co’ le lacrime a l’occhi, bbella, parto: / té dono ér core méo lo tuo me porto. // 1142 – E mmé vorrìa vesti da brigattiene (brigadiere): / potesse la mi’ bbella carcerane, / e pportella a ddormi’ nzieme co’ mméne! // 1144 – E lo mi’ amore m’ha ditta sciapita: / mé vojo annà’ a bbuttà’ nell’acqua salata, / cusì ritornerò ppiù ssaporita! // 1145 – Fiore dé menta, / e cchi dorme co’ vova (voi) anima santa / tutta la notte ér ghiàvelo (diavolo) lo tenta. // 1146 – ’N mezzu a lu pettu téo (tuo) ci sta un bambino. / De qua e dé llà du’ angiolitti d’oro, / si mme li fa’ bbacià’ tté do un zecchino.

In Vetusta Tellus di Alberto Tenerelli al termine del capitolo dedicato a Civita “La Vigna” (Lanuvio) c’è un invito a cantare lo stornello: Lanuvio bello! / Bono lo te’ lo pa’, bono er vinello, / d’ecco nun sposto più, caro fratello.
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Ricordiamo la commedia teatrale “E se Giunone” a cura dell’associazione “Carpe Diem” il cui testo è pubblicato su www.lanuvionline.eu in formato Pdf.
 
6. I testi di poesia
Parto di vacca” di Dante D’Alessio è stata composta un 28 febbraio dei primi anni cinquanta. L’indicazione, un po’ vaga, è contenuta in www.lanuvionline.eu, (da cui abbiamo tratto anche i testi dei poeti Pirro Ferranti ed Ettore Galieti)
e in essa colpisce il tono confidenziale e involontariamente comico dell’invocazione alla santa protettrice:
Sant’Anna delle vacche, tu che sai / le condizioni e ’li dolori miei / fammela partorì, tu non ci credi / oppure mi dici esagerato, / ma se ’nse sbriga so’ bellefregato. // Ruba ’na luna, tanto che vuoi che sia, / almeno magna la famiglia mia. / Tu Concettì prepara le bottiglie, / me pare che la zinna jè calata / spero che non passa ’sta nottata. // Io intanto co’ ’sta luna / m’assento un par d’orette, / vajo a rubà ’na soma de piante de favetta. // Concetta ancora aspetta con le bottiglie vuote e Severino dice: / “Mannaggia il Santo Padre / quando ne và be’ una / me vajo a famme frate”.
Pirro Ferranti è un poeta molto addentro alle cose e alla vita del suo paese, di cui esalta il vino prelibato, in “L’inaugurazione dell’enoteca”, poesia del 1981:
Famose tanti auguri a st’occasione, / mettemose in difesa de ’stì vini, / guera spietata ai sofisticatori / che ammazzano li pori contadini. // Stamo in campana cari produttori, / nun se famo più prenne per naso, / cor vino de ’stì colli lanuvini / se ’mbriacò San Pietro e San Tommaso. // Er vino bono nun se venne sfuso, / er vino puro nun se fa più a caso, / sta dentro a le bottìe bello chiuso / quanno lo stappi te ristora er naso.
I temi dell’impegno politico in difesa dei più deboli sono presenti nella poesia “A li cittadini di Lanuvio” dedicata all’occupazione di Villa Sforza, del 1976:
(…) Non se finirà mai de favve eloggi / gioventù bella cara e spensierata / che co’ ’n’azzione sana e congegnata / la Villa a ’sta città javete data. (…) Voi non rubate jente siate certi / sono degli avi nostri ’ste fatiche / chissà quanti sudori tra i reperti / avran versato sangue …. gente mite. // Se è vero che se trova er padreterno / e da lassù ce guardeno ’npò a tutti / ’sti poveracci doppo un sonno eterno / mò vedono ch’è l’ora de li sfratti, / e se ce stanno ancora sti ducati / n’antra invasione… / e vammoriammazzati!
E in “Er cagnolino libbero (a la libbertà)”:
Moretto e arzillo ma sensa padrone… / Co’ quer musetto che fa simpatia / cammina tra la gente ’sto birbone / sensa ’na meta, sensa ’na famia. // La sera, quanno l’aria è rinfrescata, / va da Gaieti a piasse ’na lombata / poi torna ’npiazza e sensa esitazione / se fa er bagnetto dentro ar fontanone. // S’è fatta sera, adesso io m’accuccio / domani è pizza e vado da Feruccio. / L’amici mia che so ’npo ruffiani / Stanno sempre a leccasse li padroni. // Io soffro tanto pe’ campà / ma vado in giro e ciò la libertà.
Infine la sua spiritosa poesia intitolata “La vanghetta”:
Me so’ fatta ’na vanghetta / fatta a punta, stretta stretta; / ce so’ missu ’n manichettu / de sammucu mezzo seccu. / ’Na staffetta so’ trovatu / d’alluminiu anotizzatu: / io nun vojo esaggerà / ma ’n ’par d’etti pò pesà. / Quant’è bella ’sta vanghetta / pare proprio fatta apposta / quanno vajo a colazione / essa seguita a vangane… / Si la pozzo brevettà / so’ fenitu da vangà!
Ettore Galieti ne “La cantina” ritrae il luogo deputato al rifugio da ogni male:
Mezza palanca sopra a dù biconzi, / un tinozzone co’ le gambe in aria / e sopra li bicchieri e le misure. / Da due boccioni, sopra una tinozza, / traspare un bel colore paglierino… / Signora, me ne po’portà un quartino? // In fondo quattro botti coricate, / quelle da mille litri, romanesche, / ’na grecarola e a lato un caratello, / sotto, ’na scolatora cor mastello. / Io sto bevendo seduto a una scaletta … / Signora, me la porta ’na foglietta? / Un biconzetto ed un imbottatore, / stanno in mezzo alle botti coricate; / er cavatappi, come un pugnaletto, sta piantato ar mezzone; / un mazzo de zorfi, ’na cavola romana co’ la stoppa, / stanno appoggiate sopra a un tavolino … / Signora, po’ portà ’n’litro di vino? // Un vecchio torchio con la merla in punta, / sta sistemato in fonno alla cantina, / da dietro s’intravede, un po’ bisunta, / ’na panza de bottina, / e dar soffitto, appesi a li travetti, / sò sempre pronti per la panzanella, / parecchi mazzi de pomodoretti. // Mò sto davanti a un tavolino scassato, / chiacchiero tanto, senza capì niente; / però , quer facottaccio de pensieri, / che ciavevo con me, quanno so entrato, / porca miseria, nun l’ho più trovato, / m’era sparito dopo tre bicchieri.
In “Secundus Sbruncus” E. Galieti s intrattiene sulla leggenda del serpente nella grotta del tempio di Giunone che garantiva sulla verginità delle fanciulle di allora. Si vestiva la giovane di bianco e le mettevano in braccio un cesto ricolmo di vivande e…
All’odore de tanta providenza, / veniva fora, orrido, er serpente, / col suo comportamento, a dar sentenza, / in modo chiaro, e che ognun vedesse, / se la giovin, che fosse brutta o bella, / l’avesse giudicata… verginella! // Se coll’orrenda bocca, divorava / tutta la roba ch’era nella cesta, / il suo promesso se ne rallegrava: / Voleva dir donzella pura e onesta. // Se invece respingeva l’appetitoso pasto, / il responso, purtroppo, era nefasto… / e il promesso, senza voler nessuna spiegazione, / mandando a quer paese il serpentaccio, / se ne faceva ritorno alla magione; / certo ’npò triste ma nel cor contento / di non essere becco innanzi tempo
Soffusa di tenerezza è invece “Quanto po’ di’ er core”:
Statte zitta stasera, nun dì gnente; / appoggia er capo sulla spalla mia, / a st’ora dorce de malinconia, / quanno che er sole more lentamente. // Damme ’na mano, e stretta tra le mie, / stamoce zitti, senza fa rumore, / che a ‘sta maniera se sente parlà er core, / e lui nun mente….. nun sà dì bucie.
Infine, molto bella la poesia “Ricordo di un carrettiere civitano”.
Sul sito di Lanuvio sono presenti le poesie di Alberto Leggieri “Lanuvio” e “A li democristiani tele-intervistati” di Ruggiero Michetti, detto Rum.
Enio Orsuni, nato a Roma, vive a Lunuvio da 35 anni. Ha pubblicato nei primi anni Cinquanta le raccolte Cento cerase e Carezze e pungicate; nel 1988 Don Chiciotte a Roma. Poema romanesco e nel 2005 La commedia de… “Vino”. Satira in sonetti romaneschi. Di lui abbiamo potuto leggere anche una raccolta inedita intitolata L’artra Bibbia. Pubblica poesie su siti internet (scrivere.it, rimescelte.it, paroledelcuore.it, erospoesia.it). Il suo genere poetico è satiro-comico, ma anche di carattere lirico-contemplativo. Scrive, esclusivamente in rima, sia in dialetto romanesco che in lingua.
Don Chiciotte a Roma (poemetto romanesco in sestine) è un susseguirsi di avventure reinventate del famoso personaggio personaggio di Cervantes, accompagnato dal fido Sancio, in una Roma contemporanea. “Sostituendo gli elicotteri ai mulini – avverte Alfonso Leo nella prefazione – le folle delle manifestazioni, i gatti dei fori, gli animali dello zoo alla puperia indimenticabile del Cervantes, le visioni, i giganti, i sortilegi non cambiano per il Mancego né cambiano per Sancio le amare conseguenze della disfatta quando anziché Governatore di Barateria, diventa Sindaco di Roma. Così come non cambia, nonostante il peso di tanta comicità, il carattere poetico del protagonista soprattutto quando morendo, ritrova la saggezza e, con essa, se stesso.” Ecco come conclude la sua vicenda l’hidalgo, rivolto al fedele Sancio che vorrebbe seguirlo nel trapasso:
– Amico mio, che dichi?… Sta vitaccia / nun la devi sprecà stupidamente / pe st’omo ch’oramai nun vale gnente. / Anzi, tiettela stretta tra le braccia. / Che sta vitaccia per quant’è fottuta / invece de buttalla, va vissuta. // E nun fà come me che d’artro canto / quelo ch’ò aùto me lo sò cercato. / Penza si che ’mbecille che sò stato / e me tocca a morì co sto rimpianto. / Ma fino a che ’n ze spegne er lumicino / te prego amico, resteme vicino. – // Poi tutt’a ’n tratto quel’aspetto arcigno / se stese. E li muscoli der viso / formarono na spece de soriso. / Fu proprio come ’r canto de quer cigno / che la storia ricconta. Poi Chiciano / s’appoggiò su li gommiti pian piano // e rantolò. – Ciò l’anima già a galla. / E sento già che st’ammazzata sorte / mo me costrigne d’affrontà la morte. / Ecchela…arriva…la possin’ammazzalla!… -– / Ma appena che la frase terminò / chiuse l’occhi, ’n zospiro e poi spirò.
Con il poemetto satirico in sonetti romaneschi La commedia de… “Vino”, Enio Orsuni propone una personale e a tratti esilarante visione dell’immaginario viaggio dantesco nei tre regni d’oltretomba, trasferiti nei quartieri di Roma collocando nel suo Inferno il Tufello, Pietralata, Trastevere e Borgo Pio, nel Purgatorio i più aristocratici Parioli, il Gianicolo e un Montemario affollato da zitelle guardone, mentre Cocemelova (nomignolo usato in generale per chiamare una persona di cui non si conosce il nome e chi si considera uomo da poco, e che nel testo rappresenta il fratello di Dante nonché protagonista della Commedia orsuniana) sembra molto poco convinto dei vantaggi offerti dal Paradiso e dalla ricompensa eterna promessa:
…E poi, perché se chiama ricompensa / si per l’eternità nun pòi più core’, / nun pòi magna’, nun pòi più fa’ l’amore / e sei costretto solo a l’astinenza? // Io ce lo so, nun so’ omo de scenza. / Però me piace de senti’ er sapore / amaro e dorce, senti’ er sangue score’ / che è quello che colora l’esistenza. // Me piace d’anna’appresso a la corente; / la vita vojo solo assaporalla, / senza troppi penzieri ne la mente; // me piace rimbarza’ come ’na palla, / la vita è solo l’attimo presente…
Notevole pure la vena lirica di Orsuni. Nelle poesie sparse citiamo da “L’aurora”:
(…) Er celo piano piano se colora / de un arancio un po’ pallido e sfumato. / Stò muto lì a guarda’, stò senza fiato, / la bocca asciutta e l’occhi quasi fòra. / Er vento sfiora l’acqua e smove l’onne, / le fa sbrilluccica’ de stelle d’oro…; e la delicata “Povesia”: Er sole se ne scenne piano piano, / er cèlo a poco a poco se fa rosa; / lo sguardo spazzia in celo senza posa, / senza sazziasse e se ne va lontano. / Dorce è la sera e in quello scenario / er sole ancora fa da lampadario. // Ecco, quasi sparisce e vie’ la sera; / in celo già se vede quarche stella. / In quell’incanto perdi la favella / e te domanni si ’sta scena è vera. / Resti incantato, stralunato e perso, / piccolissima parte d’universo.
Infine abbiamo inserito nella nostra Antologia “Gnente se spreca” in cui il destino di una foglia è sospeso al ritmo di una versificazione varia e irregolare non più legata alla “gabbia dorata” dei suoi metri classici (sonetto, sestina e ottava) prediletti
 
Antologia
ENIO ORSUNI
 
Gnente se spreca
Ecco, questa è la storia de ’na foja:
stava attaccata a un ramo
fin dar principio de la primavera
a rimirasse er paesaggio intorno.
Ma co’ l’autunno doppo venne er giorno
che da la madre tera
sentì come un richiamo.
 
Allora fu assalita da la voja
de spicca’ er volo e annassene per monno.
In quer momento
lei chiese aiuto ar vento
e se staccò dar ramo a pennolone
poi prese er volo
e girò er monno in largo in lungo e in tonno.
Ma doppo er vento in un momento solo
je dette lo schiaffone
che je servì a quer tanto
de cascà giù de schianto
pe’ l’urtim’atto, quello più subblime:
se straformò in concime!
 
Cenni biobibliografici
D’Alessio Dante, poeta di Lanuvio. La sua poesia “Parto di vacca” è sul sito www.lanuvionline.eu.
Ferranti Pirro, poeta di Lanuvio. La sua poesia “L’inaugurazione dell’enoteca” del 1981 è pubblicata in www.lanuvionline.eu.
Galieti Ettore, poeta di Lanuvio.
Leggieri Alberto, poeta di Lanuvio. Alcune sue poesie sono sul sito www.lanuvionline.eu.
Orsuni Enio, nato nel 1934 a Roma, di modesta famiglia, ha conosciuto a quattordici anni Trilussa che lo ha incoraggiato a scrivere poesie. Vive a Lanuvio da 35 anni. Ha pubblicato nei primi anni Cinquanta le raccolte Cento cerase e Carezze e pungicate, poesie su “Il giornale d’Italia” e, successivamente le raccolte Don Chiciotte a Roma. Poema romanesco (1988) e La commedia de… “Vino”. Satira in sonetti romaneschi (2005). Ha in serbo una raccolta poetica inedita intitolata “L’artra Bibbia”.
Michetti Ruggero, detto Rum, poeta di Lanuvio. Sue poesie sono sul sito www.lanuvionline.eu
 
Bibliografia
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
 
Webgrafia
www.launuvio.eu
www.lanuvionline.eu