50 – GROTTAFERRATA

Grottaferrata (329 m slm – 17663 ab., detti Grottaferratesi – 18,36 kmq). A21 km da Roma, sui Colli Albani, presso la marana di valle Marciana e la marana dell’Acqua Mariana, affluenti di sinistra del Tevere.

IL DIALETTO DI GROTTAFERRATA:
Non si può parlare dell’esistenza di un dialetto caratteristico di Grottaferrata che ha iniziato la sua crescita a partire dalla seconda metà dell’Ottocento grazie ad una massiccia immigrazione da varie parti d’Italia. Ciò ha portato alla mescolanza di dialetti, dall’abruzzese a quelli dell’Italia meridionale e al veneto, ai dialetti dei Castelli come il marinese, il frascatano e il rocchigiano. La tendenza generale attuale è per l’espansione del dialetto romanesco, accentuata dalla scelta di molti romani di farne il luogo di residenza principale o secondaria.
 
Parlare “’N dialetto o ’n italiano?” è l’interrogativo di una sapida prosa di Alessandro Gentilini tratta da Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna…(1996): “Quandu se parla ’n dialetto tocca sta’ attente perché è facile passa’ pe’ ’gnoranti… Eh sì, perché si è ’na vita che senti di’ che l’annaffiatoio se chiama u broccone, che i pomodori se chiamino i pummidori, che io devo se dice io tengo, te po’ capita’ de ì da u vicinu de casa che ne vè da fori e dicce: “Scusi, mi può prestare il broccone che devo annaffiare i pummidori? oppure “scusi, siccome tengo da ’nnaffià’, prestime l’annaffiatoio”. Nun se ponno mmischia’ du lingue ’nsiemi, sinnò se fa’ ’n macellu; si tu sa che la falce se dice u sorecchiu, nun ce po’ ì a di’ “ Mi presti il sorecchio?”: u sorecchiu se dice u sorecchiu e basta, nun se po’ di’ in italiano il sorecchio. ’Ssu fattu capita spesso tra i giovinotti che vanno a rimorchia’; ormai qua è pieno de gente de fori, fi’ de avvocati, dottori: si passa pe’ a via ’na bella regazzetta bionda, c’a minigonna, c’u muccu bambatu da u sole o da ’e lampade che ’bbronzino, come fa’ a ì llà e dicce “Ciao comme sti? Come te chiami? Achi si fia? Io so de brava famia, parimu tè pure’a vigna. Perché cavvota nu’ iamo au lagu ’nsiemi?” Sicuramente che quella se ’mpaurisce, oppuramente se mette a ride; magari pensa: “Ma chi è quissu, Martufello?” E allora u giovinotto tè paura de comincià a mischià parole nostre coll’italiano, modi de di’ nostri co’ verbi che ’n centrino gnente, nomi co’ soprannomi. E così ’a bionda te sgama e tu fa ’na bella figura de cellettone.
’Nsomma che tocca fa’? Quando tenemo da parla’ co’ cadunu de fori comme facemo? Volemo riì a scola a ’mparasse l’italiano? E chi tè 40, 50, 60 o 70 anni che tè da fa’? ’Na cosa è sicura: meio parla’ comme semo sempre parlatu, cioè in dialetto vero, senza rischiassela coll’italiano, perché o dialetto è ’a lingua tia che quill’atru nun conosce e nun po’ giudica’, mentre ’nvece l’italiano è ’a lingua sia che tu nun conosci e issu sì, per cui, si te sbai, tu n’ti ne ’ccorgi mentre issu s’a ride sotto i baffi…”.
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
 In “Gente de de qua” (in Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna…) Alessandro Gentilini, spiega come si conoscono i suoi compaesani:
“I Grottaferatesi se conoscino tutti tra issi. Ognunu sa ditte a chi si fiu, chi è paritu, chi è mammita, o si n’te sa dì quesso te dice che conosce u cugginu de paritu, oppure madre e padre de zita, e si n’te sa di’ manco quesso allora te dimanna ndo’ abbiti e po’ te dice che confini co’ quillu che è mezzu parente siu perché s’ha sposatu na fia de cuggini, o sinnò te ricconta che da ’e parti tie ce veneva a giocà da munellu quando u padre iava a trovà ca vecchiu che so cent’anni ch’è mortu; o sinnò te dice che ndo’ sti tu mo cianno costruitu ma prima c’erino ’e vigne o ’a marana e issu ce ieva a ’cchiappa’ ’e ranocchie o ’e lucertole. Pe’ndovina’ tutte ’sse cose tu ce tenghi da di’ u cognome tiu, ma si u vo’ iutà è meio che ce dici u soprannome, tiu o che hanno ricacciatu a cadunu de a famia tia, magari ’n saccu de anni addietro, quannu se scassevino ’ncora e vigne o se iava a Marini a piedi o s’u somaru. E così scopri che u cugginu de nonnitu quando vangheva bruceva (che vor di’ che ’nvece de sradica’ ’a gramiccia co’ ’a vanga ’a rimpelava de tera pe’ fa’ prima e tribbola’ de meno, e quella rifaceva capoccella da mmezzo a tera doppo du’ giorni); o sinnò che u ziu de mammita faceva u bottegante a Frascati; o che ’a nonna de paritu faceva a materazzara; o che u padre de nu ziu ti una vota ha messu i carzoni a u somaru…”
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 
4.1 Canti
Luigi Devoti riferisce queste “Stornellate di Grottaferrata”:
Fior dé gazzìa, / Qui ccémo bbôno er vino, e ll’aria bôna, / E ppe’ bbellezza cémo la ’Bbadia! // Oh Ddio che ppena! / Mé tocca annà a compra’ lo pane a Roma, / Ché a la Bbadia cciammàsseno la réna. // Fior d’inzalata / sapessi a chi ho donato lo mio core: / a la Madonna de Grottaferrata.
 

Alcuni stornelli di Grottaferrata tratti da Canti popolari Romani di Giggi Zanazzo, Torino, Società Tipografico-Editrice Nazionale, 1910.
1305 – Te so’ vienuto a sveja (svegliare) ’stammatina, / pe’ portétte (portarti) co’ mine (con me) a la mi’ vigna; / Ma tu nu’ mme si’(sei invece di hai) ’nteso Carulina: / me lu si’ fatto apposta o pe’ la tigna? / Io pe’ fatte vedé’ lu mi dolore / me ne vajo (vado) canténno lu stornèllo: / “Lu mi’ amore dorme senza respirane; / perché a bbéto (bevuto) dé vino un caratéllo!” // 1308 – Fior dé gazzìa / qui ccémo bbôno er vino e ll’aria bôna, / e ppo’ bellezza cémo la ’Bbadia (la famosa Abbadia fondata da S. Nilo). // 1314 – E lu mi’ amore sta a le Capannèlle(tenuta della Campagna romana, ove attualmente si fanno le corse) / me manna li saluti co’ le stelle; / ce li rimanno co’ le rondinelle. / 1315 – Fiore d’ortica, / andò’ volevo io cé si’ ccalata, / a ffa’ l’amore a Grottaferrata; 1316 – Fior d’inzalata, / sapessi a cchi ho ddonato lo mio core: / a la Madonna de Grottaferrata. // 1317 – Oh Ddio che ppena! / me tocca annà’ a comprà’ lo pane a Roma, / ché a la Bbadia cciammàsseno la réna. // 1318 – Fior dé patata, / vôi sapé indò’ riposa la mi’ vita? / sopre le mura dé Grottaferrata. // 1320 – Fior dé cerasa, / le ricchezze dé Grottaferrata / so’ Passamonti e Vatten-a-ccasa (Infatti nel 1850) i due primi possidenti di Grottaferrata erano Giovanni Passamonti, Priore del Comune, e Andrea Antonelli, soprannominato Vatten-a-ccasa) // 1323 – Fior dé mortella, / e ddél pesce del mare sei la triglia / e ddé Grottaferrata la ppiù bbella. // 1326 – Quanno passi dé qui ppassi cantando; / io meschinella da’ lletto t’intendo, / vorto le spalle a mmamma e ddoppo piagno.

 

4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Racconti e commenti in dialetto di Stefano Paolucci sono sul sito di “Controluce”. Di Alessandro Gentilini proponiamo uno strepitoso brano di prosa “O bono e o cattivo” (in Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna…):
“Ma davero ’na vota se steva meio? Davero certe cose nun succedevino? Davero tutti se volevino bè, se rispettevino e campevino tranquilli? Pe risponne a ’ssa domanda so parlatu co’ Feruccio (che po’ saria pàrimu) che tè 74 anni… (…). Allora è escito fori che nell’anni 20 e 30, a dimenica, quando giochevino a pallone Grottaferrata contro Frascati a u campu sportivu nostru i tifosi iavino in tanti a vedè ’a partita de quella che oggi se chiameria a “squadra del cuore”; peccato però che ce iavino direttamente chi bastoni: e così prima, nel mentre e doppo ’a partita i cazzotti, e zampate e ’e bastonate se sprechevino; pe’ strada era comme ’na guerra e così pure cavvota dentro au campu.
A noiatri ce dicevino “A conìi”, e ssa cosa n’è che ce iava tantu giù, e allora giù botte e mazzate e ca bicchiere de vino e po’ ’ncora mazzate e schiaffi. Stessa cosa capiteva tra Marino e Rocca de Papa, ma cavvota ce scappeva pure ca cortellata; ’nvece ’na vota a squadra de pallone de Arbano se portò appresso mezza caserma d’i pompieri pe’ paura de ripia’ e botte ch’era presu ’a vota prima. Tra i paesi c’era na rivalità da fa paura, e u pallone era solo unu de modi pe’ sfogasse: quannu u campionatu finisceva ce n’erino atri pe’ scontrasse. Pre sempiu quando cadunu de Valle Violata se pieva de pettu co ca marinese se sapeva subbito comme iava a finì: a sera stessa partevino a piedi, ’mbriachi, i du gruppi, da Marino e da Valle Violata, facenno a Via Vecchia de Marino (là ndo ce sta a posta e ’e case popolari); se ’ncontrevino a metà strada mmezzo a’ macchia e comincevino a fa… a fucilate! Parino frescacce e ’nvece succedeva davero.
Se po’ dì che e botte erino all’ordine de u giornu, quando nun ce scappeva ca cortellata o, peggio ’ncora, ca fucilata… (…) ’Nsomma semo proprio sicuri che de lli tempi se steva be’? E che se viveva più tranquilli? E che ’a violenza è solo du munnu d’oggi? Na vota nun c’era’a droga, ma c’era o vino; nun se iava a menà ai marocchini, ma se iava a menà ai rocchiciani, e se potria ì avanti coll’elencu. (…) Si volemo riscopri’ ’a tradizione penso che tocca piasse tutto. O bono e o cattivo.
Sempre Alessandro Gentilini in “Gente de de qua” (Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna…) spiega come si conoscono i suoi compaesani:
“I Grottaferatesi se conoscino tutti tra issi. Ognunu sa ditte a chi si fiu, chi è paritu, chi è mammita, o si n’te sa dì quesso te dice che conosce u cugginu de paritu, oppure madre e padre de zita, e si n’te sa di’ manco quesso allora te dimanna ndo’ abbiti e po’ te dice che confini co’ quillu che è mezzu parente siu perché s’ha sposatu na fia de cuggini, o sinnò te ricconta che da ’e parti tie ce veneva a giocà da munellu quando u padre iava a trovà ca vecchiu che so cent’anni ch’è mortu; o sinnò te dice che ndo’ sti tu mo cianno costruitu ma prima c’erino ’e vigne o ’a marana e issu ce ieva a ’cchiappa’ ’e ranocchie o ’e lucertole. Pe’ndovina’ tutte ’sse cose tu ce tenghi da di’ u cognome tiu, ma si u vo’ iutà è meio che ce dici u soprannome, tiu o che hanno ricacciatu a cadunu de a famia tia, magari ’n saccu de anni addietro, quannu se scassevino ’ncora e vigne o se iava a Marini a piedi o s’u somaru. E così scopri che u cugginu de nonnitu quando vangheva bruceva (che vor di’ che ’nvece de sradica’ ’a gramiccia co’ ’a vanga ’a rimpelava de tera pe’ fa’ prima e tribbola’ de meno, e quella rifaceva capoccella da mmezzo a tera doppo du’ giorni); o sinnò che u ziu de mammita faceva u bottegante a Frascati; o che ’a nonna de paritu faceva a materazzara; o che u padre de nu ziu ti una vota ha messu i carzoni a u somaru…”
 
 
L’Ass. Culturale d’Altrocanto, nata nel 2003 ha portato in scena nel 2004 la commedia in romanesco di Ilaria Tucci e Mariacristina Faraglia “Le avventure di Remacchio”, soprannominato così perché il suo cappello ’n cima ciaveva ’n pennacchio. Il 30 ottobre 2007, all’Istituto Virgo Fidelis di Grottaferrata si è svolta “Prime rime”, rassegna poetica in dialetto con componimenti dei ragazzi delle scuole medie sulla vita di Gesù in cui ha avuto un ruolo fondamentale Mario Magi, poeta dialettale locale e direttore artistico dell’Associazione Culturale Teatro Club Poggio Tulliano.
 
6. I testi di poesia
Da Splendore dei Castelli Romani di Luigi Devoti riportiamo questa poesia di Arnaldo Di Biagio, dedicata a Grottaferrata:
(…) C’è l’aria bona, è vero, l’alegria, / un vino pe’ sborgnasse a communione, / ma chi l’ha scritto ne la giografia / è un monaco co’ tanto de cordone. // Se chiamava San Nilo da Rossano / e da una grotta chiusa da una grata / raccapezzò un convento basiliano. // E attorno attorno fabbricò er castello / che poi lo battezzò Grottaferrata / pe’ via de la ferrata e der tinello.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
Di Biagio Arnaldo, poeta di Grottaferrata. Una sua poesia dedicata alla cittadina è in Splendore dei Castelli Romani di L. Devoti
Gentilini Alessandro, nato nel 1967 a Marino (“ma solo perché llà sta u spidale”) e vive da sempre a Grottaferrata, dove ha frequentato tutte le scuole, liceo classico compreso. Dedica parte del tempo libero alla riscoperta degli usi e costumi del suo paese ed ha appreso dalle pensone anziane del paese i modi di dire tipici e le altre tradizioni popolari. Collabora dal 1994 a “Controluce”.
Paolucci Stefano ha pubblicato prose in dialetto di Grottaferrata su “Controluce”. Suoi racconti e commenti sono anche sul sito www.controluce.it.
Tucci Ilaria (Pisa 1980) vive fin dall’infanzia a Grottaferrata. Attrice (diplomata nel 2002 all’Accademia Naz. d’Arte Drammatica Silvio D’Amico), regista ed autrice di testi teatrali, conduce corsi e laboratori teatrali nelle scuole italiane. Nel 2003 ha fondato con Michela Centioni, Mariacristina Faraglia ed Erika Manni l’Associazione Culturale d’Altrocanto. Assieme alla Faraglia è autrice della commedia “Le avventure di Remacchio” rappresentata a Grottaferrata nel 2004.
 
Bibliografia
Luciani, Vincenzo e Faiella, Riccardo, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
 
Webgrafia