25 – CASTEL S. PIETRO ROMANO

CASTEL S. PIETRO ROMANO (728 abitanti, detti castellani o castelsanpietrini. A 752 m slm). Arroccato sulla vetta del monte Ginestro, deve il suo nome alla leggendaria predicazione del fondatore della Chiesa.

Le sue vicende storiche, fin dall’antichità, furono strettamente legate a quelle di Palestrina. Il sito che nel medioevo vide lo sviluppo del paese, fu occupato dalla rocca di Praeneste, l’arx dell’antica città latina. Numerosi indizi archeologici collocano qui un tempio di Iuppiter Arcanus, appunto Giove protettore dell’arce, la stessa divinità venerata a Roma sul Campidoglio, dove prende il nome di Iuppiter Capitolinus. Fu feudo Colonna e, dal 1630, divenne possedimento dei Barberini.
Nel Medio Evo vi soggiornò a lungo Jacopone da Todi, vi compose alcune tra le sue opere più belle. Jacopone fu anche ospite delle galere della Rocca dei Colonna, dove trascorsero qualche tempo illustri personaggi quali S. Bernardo, vescovo dei Marsi e Corradino di Svevia. Per la sua bellezza il paese fu scelto, negli anni ’50, come scenario dei film: “Pane, amore e fantasia”; “Pane, amore e gelosia” con V. De Sica e G. Lollobrigida; “I due marescialli”, con Totò e De Sica; “Il Federale”, con U. Tognazzi.
Da visitare la Chiesa di San Pietro Apostolo, progettata da Pietro da Cortona.
 
IL DIALETTO DI CASTEL SAN PIETRO ROMANO:
  1. I vocabolari e le grammatiche
  2. I proverbi e i modi di dire
 
  1. I toponimi e i soprannomi
 
  1. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
4.1 Canti
Stornello da Usulate:
Mmézzu a u pettu téu ci sta’ ’n canale, / ce scórre l’acqua e non ce ppò u sòle, / acqua saporitèlla che non fa male.
 
Alcuni stornelli di Castel San Pietro Romano tratti da Canti popolari Romani di Giggi Zanazzo, Torino, Società Tipografico-Editrice Nazionale, 1910.
 1096 – Sbrilluccichi dé più de ll’oro fino / té vedo da tre miglia dé lontano / si Cristo non mi leva lo destino / si nun mi spóso a vvoi la morte chiamo. 1097 – La prima notte che dormu a ’stu letto / lo primo bacio è ppe’ lu materazzo / E lo siconno e ppe’ lo cuscinetto / lu terzo te lo dò ’n mezzu a stu petto. 1101 – Fiore dé fungo, / sopre la porta méa c’è scritto un banno / chi nun viene pe’ mme ttiri dé lungo. 1102 – I’ mmezzo al petto téo c’è un canaleétto, / cè scurre l’acqua e nun cé batte ér sole: / l’acqua saporitella nun fa male. 1104 – Fiore dé pane, / si so’ bruttina lo saccio da mene: / tu che ssi’ bbello che mé guardi a ffana? 1105 – Dimenica che cc’ène la capata (scelta), / chi ccé tié’ ll’occhi neri sé marita. / Chi cce l’ha turchinelli resta a casa. 1111 – Che tté credevi faccia dé giudìo / che da la robba téa io mé morevo? / Té so’ lassato e n’arringrazio Iddio. 1115 – … … / A Pelestrina le belle carrozze, / ma su a lu monte le belle recazze

4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
Vincenzo Luciani, Le parole recuperate. Poesia e dialetto nei Monti Prenestini e Lepini, Roma, Ed. Cofine, 2007
 
Webgrafia