23 – CASTEL GANDOLFO

 

Castel Gandolfo (426 m slm – 7930 abitanti, detti Castellani – sup. 14,71 kmq). A circa 23 km da Roma. Sorge nell’area Appia dei Colli Albani, alle pendici del monte Cavo e in prossimità del fosso della Torre; è su un’altura che domina il lago di Albano.
 
IL DIALETTO DI CASTELGANDOLFO:
  1. I vocabolari e le grammatiche
  2. I proverbi e i modi di dire
 
  1. I toponimi e i soprannomi
Toponimi da Graziano Nisio: Cona, chiesa omonima dov’era la “spina”; Malaffitto, sorgenti e acquedotto; Mole, frazione di Castel Gandolfo; Porta Romana, presso il Torrione, Torrione medievale, presso la Porta romana. Spina della Cona: case a ridosso del Castello che univa l’antico Castelvecchio alla chiesa della Cona. Qui, casa Albenzi ospitò la famiglia di Massimo D’Azeglio.
 
 
  1. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
 
4.1 Canti
Da una lunga cantata di Castel Gandolfo tratta dal volume di Giggi Zanazzo Tradizioni popolari Romane – Canti popolari del Lazio citiamo:
Ciavete l’occhi neri e mmé guardate / Nun mé sapete a ddì’ ccosa volete: // Volete lo mio core? Ché nun parlate ? // E dde li monti sei la ppiù carina, / E dde li venti sei la tramontana // De le stelle del cielo la ppiù sserena. // I’mmezzo al mare c’è una bbella sirena / Che ccò la tromba in bocca li pesci chiama; / L’urtima a ccomparì fu la balena. // Alzando l’occhi al cielo viddi stellato / Credendo ch’era aperto él paradiso: / Era ér vostro visuccio dilicato. // Quanno spunta lo sole, la mmatina, / Subbito viè’ dda voi, ggioja mia cara, / Subbito vé saluta e vvé s’inchina. // Le stelle de lo cielo nun so’ ttutte / Ciamanca quella de la mezzanotte / Quella de lo mi’ amore e ppoi so’ ttutte…
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
Il piatto del borgo: Si può ordinare in una trattoria quanto mangiato dal poeta romanesco Giuseppe Gioachino Belli nel novembre del 1831 a Castel Gandolfo: un piatto di bucatini all’amatriciana e frittura di “lattarini” (saporiti pescetti di lago), il tutto innaffiato di vino Doc dei Colli Albani. Altri pesci del lago sono il barbo, la trota, il luccio, l’anguilla, il pesce persico.
Le feste popolari sono a base di porchetta, salumi e formaggi della campagna romana.
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
Da L’Apollo buongustaio del 1998 un brano di Paolo Emili:
A zuppetta de pummidori: “Vabbè – conclude sussiegoso Bastiano, con l’aria di chi sale in cattedra – pijate ’n apise e ’n pezzo de carta che ve dètto ’a ricetta. I pummidori, che tengheno da esse belli rossi, ’nprofumati e saporiti, vanno tajati a metà pe ’a parte più larga e se metteno dentro ’na padella. Po’ se pijeno ’n po’ de spicchi d’ajo, se tajano a pezzettini e se ’nfileno dentro ’a porpa de i pummidori. Fatto sto lavoro, s’accenne ’o gasse e se lasceno coce a foco basso. Quanno ’a porpa è bella morbida, co ’n cucchiaro se pijeno i pummidori e se metteno dentro ’n’insalatiera, se condisceno co ojo e sale e po’ co ’na forchetta, se sfragneno fino a falli diventà ’na sarsetta. Porti a tavola i pummidori e cominci a ’ntigne ’o pane. Di tanto ’n tanto te bevi ’n bicchierozzo de vino fresco e pe concrude te capi ’na bella persica giallona, t’a metti dentro ’o bicchiere e ’a ricopri de vino. E mo venite a dì che sò mejo du’ solette ripassate ’n
padella!”.
 
Nel 1995 è nata la compagnia teatrale “Scusate il ritardo” ad opera di Silvano Felli, sua moglie Gabriella Marroni e amici dell’oratorio Salesiano. Massimiliano Felli, figlio di Silvano, cura testi e regia. La commedia d’esordio fu “Li nepute de lu Sinneco”, rielaborazione in romanesco da E. Scarpetta di Roberto Marroni. Nel 1996 la Compagnia ha portato in scena “’Na Santarella”, dello stesso autore. Poi, ogni anno, nella sala U. Bazzi, è stata rappresentata una loro commedia. In ordine cronologico le rappresentazioni: “Li nipoti der Sindaco” (1996); “’Na Santarella” (1997); “Er Medico de li pazzi” (1998); “Cani e gatti” (1999); “Tre pecore vizziose” (2000); “L’amico de papà” (2001); “Er campo der Signore” (2002); “’Na Santarella” (nuova stesura 2003); “Li nipoti der Sindaco” (nuova stesura 2004); “Miseria e Nobiltà” (2005); “47, ma er Morto nun parla” (2006); “90, la Paura!” (2007); “Er Medico de li pazzi” (nuova stesura 2008); “Cani e gatti” (nuova stesura 2009); “Fatto er guaio… riparerò” (2010).
 
6. I testi di poesia
G. G. Belli, in una delle sue numerose gite “for de porta”, approdato sui Colli Albani ed entusiasta delle bellezze di Castel Gandolfo, compose il delicato sonetto intitolato “Er viaggiatore”, datato Roma, 16 novembre 1831:
E’ un gran gusto er viaggià! St’anno so stato / sin a Castér Gandorfo co Rimonno / ah! chi nun vede sta parte de monno / nun za nemmanco pe che cosa é nato. // Cianno fatto un ber lago, contornato / tutto de peperino, e ttonno tonno, / congeggnato in maggnera
che in ner fonno / ce s’arivede er monno arivortato. // Se pescheno lì giù certe alicette / co le capòcce, nun te fo bucìa, / come vemmariette de rosario. // E ppoi c’è un bucio indove ce se mette / un moccolo sull’acqua che va via / sto bucio se chiama er commissario.
E sullo stesso tema, un sonetto di Marino Di Bernardini, poeta castellano:
Si lo guardi a distanza ’sto Castello / cor sole che l’ha tutto imporporato / te pare quasi un quadro appitturato / dar più potente mago der pennello. // Più lo rimiri e più pare un gioiello / regno di fate nido affatturato / te dà quasi l’idea che ner creato / nun ce ne sia n’antro sito così bello. // Quanno che stai quassù non so che sia / ner rimirà ‘sto lago carmo e tonno / te butti a volo cò la fantasia. // Cià tutte le magie de la natura / te basti dì che da che monno è monno / qui er Papa ce viè in villeggiatura.
Di Costantino De Silvestri, è dell’agosto 1912, la poesia “Er Grottino Marroni”
Er più ber sito che ce sta a Castello, / er celebre Grottino de Marroni / ind’ove trovi sempre cibbi boni / e vini che arillegrano er cervello! // Sta ind’una delle meio posizioni / cià un terrazzo co pergola assai bello, / dar quale godi un quadro, un venticello / che da piacere all’occhi e a li pormoni. // Lì quanno te senti a panza piena / er core te se fa sentimentale / e l’anima se scorda d’ogni pena! // Allora se capisce quanto vale / quer lago, quer silenzio e quella scena / che in tutto er monno nun ce sta l’euguale. // Vedi Rocca de Papa, Monte Cave / er lago, Palazzolo e li Villini / l’orti, le vigne e un frego de giardini / tra mezzo a le scoriere de le lave. // Arispiri quer barsimo soave / che manneno li boschi li vicini / nun penzi più a li buffi, a li quattrini / te viè la voia de cantà du ottave // Quanno tramonta er sole a la marina / l’acqua der lago pia la sfumatura / der celo turchinetta e porporina. // Che pace ! Che dorcezza! C’aria pura…
In 4478 parole per iniziare ad amare Castello, Paolo Emili sottolinea che “tipiche erano le feste, caratterizzate dalla spontaneità e dalla voglia di divertirsi che facevano ritrovare quel senso di comunità che purtroppo la vita moderna, incoscientemente, ha distrutto”. Chi meglio di Fernando De Michelis può descrivere quel clima, quella gente, quella ricchezza umana cancellata dalla frenesia dei nostri giorni.
Cosa succedeva per la festa di San Sebastiano nella processione con il Santo (che si svolge nel mese di settembre) è raccontato dal sor Fernando nel dialetto di Castel Gandolfo (vedere in Antologia).
Di Marino Di Bernardini, Graziano Nisio riporta nel suo Dalla leggendaria Alba Longa a Castel Gandolfo la poesia (datata Castel Gandolfo 21 agosto 1931) “Che tesoro le persiche” dedicata alle pesche, una specialità castellana. Erano belle, grosse, e profumate; giallone, spaccarelle con polpa bianca e dolce. Si potevano trovare in vendita in tutti gli angoli del borgo e ogni portoncino aveva il suo banchetto.
Quanta bonta! Che gusto! Che sapore! / Te lasseno le labbra inzuccherate / è inutile che uno vò discore; / te faresti un sacco de magnate! // So tutte gialle, rosse e vellutate, / te n’innammori solo dar colore; / e ner sentille accusì profumate / te senti ’na gran voja drento ar core. // Si te ne magni una maturata, / deve da esse proprio de Castello, / te pare de magnà ’nà marmellata. // Ma si ce voi sentì un sapore fino, / fanne tante fettine cor cortello / poi magnele affogate drento ar vino.
Carlo Ceccarelli infine racconta l’epopea del paese in “Storia di Castello”, datata 1992-’93: Qui sopra il lago e su ’sto monticello / vi nacque per incanto un bel castello: / e un omo che abitava in questo posto / gli mise il nome di Castelgandorfo. / Passò il Bernino architetto di fama / e costruì la chiesa e la fontana. / Il papa vide del luogo la potenza / e vi fece d’estate la residenza…
 
Antologia
FERNANDO DE MICHELIS
 
’A precissione de ’na vota a San Bastiano
Ch’era bella ’na vota ’a precissione
che onoréva a settembre San ’Bastiano!
Era ’na festa e ’na dimostrazione
d’o popolo credente castellano.
(…)
Appena s’era messa in movimento
’o primo a comparì er’Arberico
che vestito de roscio era ’n portento,
’na vera macchia e ’n serve che v’o dico.
 
Vestiti da santini e da angeletti,
co’ e corone ’n capo e co’ l’alette,
sfiléva ’na brigata de maschietti
insieme co’ ’na schiera de pupette.
 
Po’ c’era Cristo sott’a ’n bardacchino
seguito da ’o Tronco granne e grosso
co’ Turoli, Itoletto e Persichino
che i portéveno mettennoseli addosso.
 
Doppo so Tronco, cò note artisonanti,
se presentéva ’a banna de Castello;
ereno paesani i musicanti
e da bravi sonéven’a pennello.
 
Co tante facce bianche, gialle e nere,
appena ’n pò lontano da la banna,
cò i ceri ’n mano e quarche cannejere
sfiléva ’a gioventù de Propaganna.
 
Otto fusti de fisico gajardo,
ereno sufficienti a quanto basta
pe’ ’ncollasse ’na sorta de stennardo
chi a riserva, chi ae ventole e chi all’asta.
 
A ssa bisogna, piena de ’mprevisti,
c’era Scacera, Pacifici, Lepòrdo,
Ferro, Attiglio, Carlotta, Evangelisti
e atri ancora che jàveno d’accordo.
 
Sso stennardo ’n c’era barba de cristiano
che, a guardallo, de botto ’n se ferméa;
denanzi c’era proprio San ’Bastiano,
de ddietro se vedeva Sant’Andrea.
 
Du’ tipi, Gustinello cò Marcuccio
che, cò un’aria contrita e compunzione,
quillo ao stennardo e quisto c’o cappuccio,
biastimèvano cò zelo e divozione.
 
Sur più bello venèa l’Imperatore
accompagnato da Principi e Regina1
ch’erano disputato, senza errore,
tutti li mèjo passi d’a dottrina.
 
’N pò qua e ’n pò là, pe’ fa ’o cerimognale,
gireva gente sverta assai perfetta:
sòr Adelaide, Porrosa, Tribunale,
sòr Ersiglia, Bombitto co’ Piletta.
 
Pè tutt’e strade ’e femmine ’n fenestra
preghéveno Gesù nostro Signore
cò tanti fiori, drento a ’na canestra,
destinati ao Santo Protettore.
 
I regazzi pò, quanno passéveno
tutte composte ’e fie de Maria,
a sse belle e bone ce dicéveno:
che Dio ve benedica e così sia!
 
In urtimo venéa ’a cantoria
che co’ Lallo, Floflò e Capoccione,
Romagnoli, Cencio e Acciaro in armonia,
’nnarzéva inni ar celo cò passione.
 
Pe’ sopre a ’n bardacchino san ’Bastiano,
de fianco Gabriélle e Giovannino,
’o Vescovo d’a Diocesi d’Arbano
e ’a gente ’ntorno che facea l’inchino.
 
Pe’ ’ntorno ao bardacchino, ’n mezzo a tutti,
Padre Sarvitti che cò Patre Neno,
cò quarche cappuccino e Patre Asciutti,
tenéveno da bravi tutti a freno.
 
E pò tutta ’a fila de i credenti,
garbigneri, autorità, sinnico ’n testa,
bizzoghe, cò ’e diasille e cò i lamenti,
finéveno pè chiùdela ssa festa.
 
Pò ’a gente s’affolléva drento ’a chiesa
pè avè ’n cinico de benedizione
e ’a banna, che de fòra era ’n attesa,
sonéva cò gran foga e precisione.
 
Appena terminata ’a cerimogna,
pè rinfrescà’e gole riarse e secche,
penzéva Benedetto, e ’n è menzogna,
co’ ’a pappina2 e tante grattachecche.
 
Tornati a casa allegri e soddisfatti,
’ntra fettuccine e polli a profusione,
’o penziére ’gni tanto java, a tratti,
ao Santo de Castello e ’a precissione.
 
Ma mo nun c’è più manco ’n castellano,
e quisto è ’n gran peccato in concrusione
che ricorda, quann’è pè San ’Bastiano,
comm’era suggestiva ’a precissione.
 
1 Nei giorni precedenti la festa i ragazzi delle scuole maschili e femminili disputavano sulla dottrina cristiana. I due che non avendo commesso errori vincevano la gara, venivano proclamati Imperatore e Regina della dottrina e, vestiti e decorati, con le insegne del loro grado, seguiti da Principi e Principesse (secondi e terzi nella disputa) prendevano parte alla processione.
2 Pappina: eccellente gelato confezionato dal bravo Benedetto.
 
Cenni biobibliografici
Emili Paolo di Castel Gandolfo è studioso di tradizioni e storia locale. Nel 1987 ha curato Castrum Candulfi 4478 parole per iniziare ad amare Castello. Escursione divulgativa tra gli eventi storici di Castel Gandolfo. Un suo testo in dialetto è pubblicato su “L’Apollo buongustaio” (1998).
Felli Silvano (1947) fondatore, con la moglie Gabriella Marroni, della Compagnia “Scusate il ritardo”
 
Bibliografia
V. Luciani e R. Faiella, Castelli Romani e Litorale sud. Dialetto e poesia nella provincia di Roma, Roma, Ed. Cofine, 2010
Marcelli, V., Castelgandolfo, Castelgandolfo, 1984.

Nisio, Graziano, Dalla leggendaria Alba Longa a Castelgandolfo, Roma, Edizioni "Il vecchio focolare", 1996.

 

Webgrafia