116 – VALMONTONE

 

VALMONTONE (12.179 abitanti, detti valmontonesi. A 303 m slm). È situato su un dosso, nell’Alta Valle del Sacco. Il toponimo, che appare all’inizio del XII secolo indica una valle sovrastata da un monte e richiama la posizione del Castello rispetto alla Valle del Sacco.
 
IL DIALETTO DI VALMONTONE:
 
Dal Piccolo vocabolario del dialetto valmontonese… con nozioni di grammatica di Mario Cocchia estrapoliamo le seguenti note sul dialetto di Valmontone
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
A Valmontone registriamo l’esistenza di un Piccolo vocabolario del dialetto valmontonese, con nozioni di grammatica, di cui è autore Mario Cocchia e che è stato presentato nella libreria Doria il 26 settembre 2004.

Dal libro di racconti Come fu, come non fu. Episodi della mitologia greca in dialetto valmontonese, Valmontone, Palazzo Doria Pamphilj, 2005, di Alberico Piacentini estrapoliamo alcune caratteristiche del dialetto impiegato.

 
Fenomeni generali:
– prostesi di a-: asseduti ‘seduti’, ecc.;
– prostesi di a– ai prefissati in re-: arecconta ‘racconta’, arefaceveno ‘rifacevano’, arecominceveno ‘ricominciavano’, ecc;
– aferesi: live ‘olive’, occa (< vocca) ‘bocca’, ecc.;
– anaptissi: volepe ‘volpe’, ecc.;
– apocope degli infiniti verbali: commannà ‘comandare’, sapé ‘sapere’, commatte ‘combattere’, perde ‘perdere’, ‘dire’, ecc.;
– apocope dei suffissati in –one: barbó ‘barbone’, cavalló ‘cavallone’, mpressió ‘impressione’, ragió ‘ragione’, ecc.;
– metatesi: freleca ‘fregola’, addropà ‘adoperare’, battecca ‘bacchetta’, crapiola ‘capriola’, ecc.;
 
– conservazione del monottongo velare latino: ome ‘uomo’, lenzola ‘lenzuola’, ecc.;
– chiusura della e protonica: se chiameva ‘si chiamava’, ve sprefonno ‘vi affondo’, se incavolà ‘si incavolò’, de vacche ‘di mucche’, ecc;
– labializzazione della vocale davanti a consonante labiale: ciovetta ‘civetta’, ciovile ‘civile’, ecc.;
– apofonia nei proparossitoni: femmena ‘femmina’, stommico ‘stomaco’, pampene ‘pampini’, ciufelo ‘zufolo’, ecc.;
– metafonesi: capilli ‘capelli’, fici ‘fece’, scisi ‘scese’, divinni ‘divenne’, prisi ‘prese’, arespusi ‘risposi’, annudi ‘nodi’, zumpi (< zompi) ‘salti’, fiuri ‘fiori’, sprefunni ‘sprofondi’, mominti ‘momenti’, titti ‘tetti’, sicchi ‘secchi’, pili ‘peli’, porcellitti ‘porcellini’, spusi ‘sposi’, paisi ‘paesi’, ecc.;
– dittongamento metafonetico: tiempo ‘tempo’, contienta ‘contenta’, mieio ‘meglio’, apierti ‘aperti’, bardottiello ‘ragazzotto’, attienti ‘attenti’, dienti ‘denti’, ecc.;
– mancata anafonesi: arenga ‘aringa’, lengua ‘lingua’, pronga ‘prugna/e’, castegna ‘castagna’, ecc.;
b > v > u: *uastonate ‘bastonate’, occa (< vocca) ‘bocca’, ecc.;
– lex Porena (caduta della liquida laterale in articoli determinativi, preposizioni articolate e nel dimostrativo quello/a): chio (< quillo) ‘quello’, si i magneva ‘se li mangiava’, si i gnottì ‘se li inghiottì’, fàssio (< fàssilo < fàsselo) ‘farselo’, ecc.
– lenizione dell’occlusiva velare: caìna ‘gallina’, portocallo ‘portogallo, arancia’, ecc.;
– lenizione delle occlusive dentale dopo liquida vibrante: urdimo ‘ultimo’, beforgo ‘bifolco’, corbo ‘colpo’, furmini ‘fulmini’, serge (< sercio) ‘selce, sasso’, ardarino ‘altarino’, cargi ‘calce’, ecc.;
– dileguo della liquida laterale preconsonantica: quaccosa ‘qualcosa’, atro ‘altro’, ote ‘volte’, reccoto ‘raccolto’, scioto ‘sciolto’, doce ‘dolce’ (pl. duci), ecc. oppure sua labializzazione: scàuzza ‘scalza’, càucio ‘calcio’, oppure ancora sua rotacizzazione: berva ‘belva’, arbero ‘albero’, sòrdo ‘soldo’, ecc.;
– rotacizzazione della liquida laterale postconsonantica: aroprano ‘aeroplano’, cremente ‘clemente’, ingrese ‘inglese’, prurale ‘plurale’, pubbrico ‘pubblico’, ecc.;
– assimilazione progressiva totale del nesso –nd-: tonna ‘tonda’, commannà ‘comandare’, monno ‘mondo’, ecc.;
– scempiamento della liquida vibrante: tera ‘terra’, guera ‘guerra’, chitara ‘chitarra’, ecc.;
– scempiamento della fricativa labiodentale sonora: all’improviso ‘all’improvviso’, peddavèro ‘per davvero’, ecc.;
– geminazione dell’occlusiva bilabiale sonora intervocalica: tribboliero ‘tribolarono’, ecc.;
– geminazione delle nasali in alcune parole, specialmente proparossitone: stommico ‘stomaco’, ecc.;
– scadimento a jod della liquida laterale palatale: fiji ‘figli’, pajaro ‘pagliaio’, famija ‘famiglia’, ecc.;
– scadimento a jod della liquida laterale intensa: masticaio (< masticallo) ‘masticarlo’, scapicollaio (< scapicollallo < scapicollarlo) ‘precipitarlo’, bieio (< biello) ‘bello’, ecc.;
– esito g palatale > v: vetteva ‘gettava’, vito ‘gito (andato)’, ecc.;
– riduzione della labiovelare: chella ‘quella’, ecc.;
– suffisso –aio > –aro: pajaro ‘pagliaio’, paro ‘paio’, ecc.
Morfologia
– avverbio di luogo: deittico di prima persona iecco ‘qui’; deittico di seconda persona iesso ‘costì’; deittico di terza persona loco ‘lì’;
– articolo determinativo maschile singolare ‘il’ davanti a consonante (jó cucchiaro ‘il cucchiaio’), j’ davanti a vocale (j’arbero ‘l’albero’) e lo davanti a nomi neoneutri (lo pa’ ‘il pane’, lo laorà ‘il lavorare’); maschile plurale i davanti a consonante (i libbri), j’ davanti a vocale (j’atri ‘gli altri’) e ji davanti ad s impura o a z (ji stuali ‘gli stivali’, ji zuppi ‘gli zoppi’); femminile singolare come in italiano; femminile plurale le davanti a consonante (le crape ‘le capre’) e l’ davanti a vocale (l’aneme ‘le anime’);
– articolo indeterminativo maschile ’n davanti a vocale e consonante (’n arbero ‘un albero’, ’n cane ‘un cane’), ’nm davanti a b e p (’nm palo ‘un palo’) e ’no davanti a s impura e z (’no stuale ‘uno stivale’, ’no zompo ‘un salto’); femminile ’na davanti a consonante e ’n’ davanti a vocale;
– plurali neutri alla latina: pecora ‘pecore’, ficora ‘fichi’, ecc.;
– sostantivi in –o/-e che escono al femminile singolare in –a e al femminile plurale in –e: j’avvocato vs l’avvocata, jò dottore vs la dottora; i dottori vs le dottore, ecc.;
– troncamento (apocope) dei sostantivi in –(i)one: jo’ *uastó ‘il bastone’ (pl. i * uastù ‘i bastoni’), l’empressió ‘l’impressione’ (pl. l’empressió ‘le impressioni’), la stazzió ‘la stazione’ (pl. le stazzió ‘le stazioni’), la reggió ‘la regione’ (pl. le reggió ‘le regioni’), ecc.;
– suffisso –aro vs –aio: jo cucchiaro ‘il cucchiaio’ (pl. i cucchiari ‘i cucchiai’), ecc.;
– aggettivo possessivo: maschile singolare mié ‘mio’, tié ‘tuo’, sié (de isso) ‘suo’, nóstro ‘nostro’, *uóstro ‘vostro’, sié (de issi) ‘loro’; maschile plurale mié ‘miei’, tié ‘tuoi’, sié (de isso) ‘suoi’, nóstri ‘nostri’, *uóstri ‘vostri’, sié (de issi) ‘loro’; femminile singolare méa ‘mia’, téa ‘tua’, séa (de essa) ‘sua’, nòstra ‘nostra’, *uòstra ‘vostra’, de esse ‘loro’; femminile plurale ‘mie’, ‘tue’, ‘sue’, nòstre ‘nostre’,*uòstre ‘vostre’, de esse ‘loro’;
– possessivo enclitico: nònneto ‘tuo nonno’, nonnemo ‘mio nonno’, sbinnonnemo ‘mio bisnonno’, patreto ‘tuo padre’, patremo ‘mio padre’, mammeta ‘mia mamma’, ecc.;
– pronomi personali soggetto: ‘io’, tu ‘tu’, isso ‘egli/esso’, nu ‘noi, u ‘voi’, issi ‘essi’; complemento oggetto preverbale: me ‘mi’, te ‘ti’, sé (jó) ‘si (lo)’, ce ‘ci’, *ue ‘vi’, sé (ji) ‘si (li)’; complemento oggetto postverbale: mi ‘me’, ti ‘te’, isso ‘lui’, nu ‘noi’, u ‘voi’, issi ‘loro’; complemento di termine: me ‘mi’, te ‘ti’, sé (jé) ‘si (egli)’, ce ‘ci’, *ue ‘vi’, sé (jé) ‘si (loro)’;
– pronome dimostrativo: deittico di prima persona maschile singolare chisto ‘questo’, maschile plurale chisti ‘questi’, femminile singolare chesta ‘questa’, femminile plurale cheste ‘queste’; deittico di seconda persona maschile singolare chisso ‘codesto’, maschile plurale chissi ‘codesti’, femminile singolare chessa ‘codesta’, femminile plurale chesse codeste’; deittico di terza persona maschile singolare chijo ‘quello’, maschile plurale chiji ‘quelli’, femminile singolare chella ‘quella’, femminile plurale chelle ‘quelle’;
– pronomi indefiniti: niciuno ‘nessuno’, ’gnì ‘ogni’, ’gnuno ‘ognuno’, qua/quacche ‘qualche’, cuachetuno ‘qualcheduno’, quatuno ‘qualcuno’;
– infiniti verbali tronchi (apocopati): mannà ‘mandare’, perde ‘perdere’, ecc.;
tenere per avere: ntieo tiempo ‘non ho (tengo) tempo’, ecc.;
– ausiliare essere in luogo di avere: era pure cambiato nome ‘aveva anche cambiato nome’, jò padre l’era capito ‘il padre l’aveva capito’, ecc.;
– terza persona del passato remoto indicativo in –a o –i a seconda delle coniugazioni: se incavolà ‘si incavolò’, fici ‘fece’, nascì ‘nascé/nacque’, ecc.;
– terminazione apofonica in –eno della terza persona plurale del presente ed imperfetto indicativo: ereno ‘erano’, voleveno ‘volevano’, chiacchereveno ‘chiacchieravano’, ecc.;
– terminazione in –ero della terza persona plurale del passato remoto indicativo: se sprechiero ‘si sprecarono’, manniero ‘mandarono’, se sposiero ‘si sposarono’, tribboliero ‘tribolarono’, ecc.;
– vocale tematica –e- nelle voci del presente e imperfetto indicativo e congiuntivo della prima coniugazione: stèmo ‘stiamo’, vetteva ‘gettava’, se chiameva ‘si chiamava’, caccesse ‘cacciasse’, ecc.;
– III persona plurale del presente indicativo dei verbi avere, stare, fare, tenere: ao ‘hanno’ (ma anche sarào ‘saranno’), stao ‘stanno’, fao ‘fanno’, tieo (< tienno) ‘tengono’;ecc.;
– condizionale in –ìa: sarìa ‘sarebbe’, ecc.;
– forme particolari: saccio ‘so’, pòzzo ‘posso’, comme ‘come’, propio ‘proprio’, ecc.;
– metaplasmi di declinazione: abbeto ‘abete’, bicchiero/picchiero ‘bicchiere’, cota ‘cote’, fargia ‘falce’, limito ‘confine’, ecc.;
– paretimologie: erbamerica ‘erba medica’, erba somarina ‘rosmarino’, ecc.
Sintassi:
– perifrasi deontica tenere + da + infinito: teneva da sembrà ‘doveva sembrare’, teneva da regge ‘doveva sorreggere’, ecc.;
– aggettivo posposto: jó cane biéjo ‘il bel cane’, ecc.
 
Vocabolario
 
Dal libro di racconti Come fu, come non fu. Episodi della mitologia greca in dialetto valmontonese, Valmontone, Palazzo Doria Pamphilj, 2005, di Alberico Piacentini e dal Piccolo vocabolario del dialetto valmontonese… con nozioni di grammatica di Mario Cocchia estrapoliamo i seguenti vocaboli:
abballe ‘giù’, abbampà ‘avvampare’, abbelà ‘seppellire, sotterrare’, abbignà ‘bisognare’, abbodato (< avvoltato) ‘avvolto’, abbonora ‘la mattina presto’, abbraccicà ‘abbracciare’, abbrile ‘aprile’, abbrucchià ‘lavorare in fretta e male’, accappà ‘coprire’, accasolà ‘essiccare’, acciaujà ‘arruffare, sgualcire’, accioncà ‘abbacchiare, infiacchire’, accioppì ‘raggrinzire dal freddo’, accotà ‘arrotare (con la cote)’, accolemà ‘colmare’, accuicchiasse ‘rannicchiarsi’, accurta ‘scorciatoia’, addevelì ‘avvilire’, addore ‘odore’, aggranfà ‘afferrare’, allaccà ‘affannare’, allecconì ‘lusingare’, alleroso ‘cespugli d’edera’, alleperito ‘sveglio, attento’, alloccasse ‘divenire chioccia’, allumà ‘illuminare’, ammacà ‘prendere polpa (le cerase se stào a ammacà), ammaniccià ‘agguantare’, ammannà ‘guastare un frutto toccandolo con le mani prima della maturazione’, ammentare ‘inventare’, ammernata ‘invernata’, ammocco ‘nodo’, ammottà ‘intasare, otturare, tappare’, ammuccato ‘imbronciato’, ancino ‘uncino’, andó ‘dove’, annossà ‘stagionare il legname’, anserime ‘serratura’, appadronasse ‘impadronirsi’, apparancà ‘avvicinare’, appelecà ‘arrampicare’, appète ‘riuscire afare’, appettata ‘salita’, appetto a fronte ‘dirimpetto’, appetturina ‘al sole’, appilà ‘intasare, otturare,tappare’, arajà ‘arrabbiare’, arancato ‘magro’, arapierto ‘aperto’, aratùfolo ‘basso’, arcó ‘madia’, areccurà ‘mettere al riparo’, areccuro ‘riparo’, arequià ‘riposare’, arile ‘ghiro’, arlichiario ‘reliquiario’, arnaro ‘stalla(da arenaria)’, a rocchio ‘a caso, a occhio’, artelega ‘fretta’, aschie ‘uova di pidocchio’, asciuttamani ‘asciugamani’, àspero sordo ‘aspide’, asseccaticcio ‘magro’, assemà ‘ridurre’, asseté(sse) ‘seder(si)’, assogna ‘sugna’, aussà ‘abbaiare’, azzeccà (z sorda)‘salire’, azzeccà (z sonora)‘indovinare’, balengo ‘sempliciotto’, balló ‘telone (che si stendeva sull’aia per battere il grano)’, bandonella ‘testicolo’, bardasso ‘ragazzo’, bardotto ‘ragazzo’, battocchio ‘battaglio, batacchio’, biastéma ‘bestemmia’, biocca ‘chioccia’, bobbo ‘baubau (spauracchio)’, boccio ‘montone’, bolletta ‘chiodo’, bonvecchi ‘ospizio’, burzacchino ‘taschino dellagiacca’, cacacici (a) (< a cavacecio) ‘a cavalcioni’, cacalàvero ‘frutto del lauro’, cacazzia (z sonora)‘personache cerca di imitare gli altri’, cagnà ‘cambiare’, caìna ‘gallina’, calecagno ‘calcagno’, cambora ‘camera’, camboracanna ‘controsoffitto’, campecotto ‘siesta del contadino sulla ravazzola’, (la) cane ‘(la) cagna’, cànghena ‘catena’, canizza ‘vento freddo’, cannadindia ‘bambù’, cannarume ‘esofago’, cànnolo ‘lotto di terreno comunale’, cantasilena ‘cantilena’, capetonnà ‘capitombolare’, capistiero ‘recipiente in legno perscegliere le sementi’, càpito ‘vitigno’, capoccella ‘capolino’, caporalìa ‘terreno agricolo dipendente da uncaporale sorvegliante’, capotunzoli ‘capitomboli’, caravina ‘piccone’, carciofelo ‘carciofo’, cargi ‘calce’, cargottare ‘frotta’, carofelo ‘garofano, persona insipida’, cartafoglio ‘portafoglio’, cartatuccia ‘cartuccia’, castegnola ‘mortaretto’, castelluccia ‘gruppetto di gnocchi di patate’, catielle ‘erbe selvatiche commestibili’, cavó ‘strada stretta di campagna tra due scarpate’, cecolino ‘foruncolo’, centolino ‘cinturino’, cercola ‘quercia’, cerne ‘vagliare, setacciare’, cèrvo ‘acerbo’, cestra ‘cesta’, chiodoruzzo ‘avaro, tirchio’, ciampeggià ‘riuscire a fare’, ciancamerola ‘zoppo’, cichetto ‘poco’, cinìce ‘cenere’, cinico ‘pochino’, ciommo ‘debole,impedito negli arti’, cionchìa ‘stanchezza’, ciuccà ‘cozzare’, ciuco ‘piccolo’, coderizzo ‘osso sacro’, còjesela ‘andarsene’, copella ‘recipientedi legno, botticella’, coroja ‘cercine’, cottó ‘cotone’, cricco ‘grillo, locusta,cavalletta’, cuatrame ‘catrame’, discoli ‘carcere minorile’, doa ‘due’, dociacchia ‘cesto di dolci (dato dal fidanzato alla fidanzata per lefeste)’, èlema ‘stoffa che contiene la lana del cuscino’, ellera ‘edera’, erbamerica ‘erba medica’, erba somarina ‘rosmarino’, facija ‘roncola’, facocchia ‘mastro carraio’, fallacciani ‘fichifioroni’, fantasiólo ‘capriccioso’, fenco ‘arto impedito’, fernì ‘finire’, fìjuci ‘felci’, filara ‘fila, processione’, filime ‘fuliggine’, focaraccio ‘grande falò’, focina ‘semenzaio’, fojetta ‘mezzo litro’, folecaro ‘terreno incolto’, formale ‘piccola sorgente’, fréleca ‘fretta’, freve ‘febbre’, frezza ‘fionda’, frocia ‘frogia’, furbara ‘tasca interna della giacca’, geloso ‘solletico’, girelli ‘fuochi d’artificio’, gnì!, gnoì! ‘non lo vedi!’, guernice ‘vernice’, inestra ‘ginestra’, innotte ‘stanotte’, jastema ‘bestemmia’, iesso abballe ‘costaggiù’, iesso ncima ‘costassù’, làbbisse ‘lapis’, lanca ‘molta fame’, lancestra ‘lucertola’, lapó ‘calabrone’, lastico ‘elastico’, lauro ceraso ‘alloro’, làvero ‘lauro’, leccamuccolo ‘schiaffo’, leccamuso ‘schiaffo’, leccardó ‘goloso’, lécio ‘persona poco stimata’, lena ‘legna da ardere’, lócca ‘chioccia’, locchesina ‘coperta leggera’, lope ‘lupo’, lopepenaro ‘lupo mannaro’, luccicafóco ‘lucciola’, maddomà ‘stamattina’, maffia ‘prosopopea, fanaticheria’, malecerito ‘macilento, pallido’, manicuto ‘cesto’, marcaduto ‘epilessia’, massera ‘stasera’, materia ‘pus’, matta ‘fascina’, mazze ‘viscere’, mosciarella ‘castagna secca’, mottatore ‘grosso imbuto’, mùccelo ‘moccio’, mucco ‘viso’, nansanno ‘due anni fa’, ’nfusso ‘bagnato’, nicchia ‘lippa’, nocchiamerica ‘arachide’, nommera ‘soprannomi offensivi’, ’nquartasse ‘ingrassarsi’, ’nsuno ‘insieme’, ’ntreccotto ‘appenacotto, impacciato’, ’ntrontecà ‘scuotere, sconquassare’, ’nzingà ‘indicare, mostrare’, òdero ‘avambraccio’, ome ‘uomo’, ossecchio/ossedio ‘messa di esequie’, ossica ‘vescica’, otreca ‘otre’, paccuto ‘spesso’, palloccuto ‘grosso’, palloccola ‘testicolo’, panciale ‘dolce natalizio (a base di noci, nocciole, zibibbo)’, panfrascato ‘pane di farina di grano e di granoturco’, pantàsima ‘fantasma’, papagno ‘pugno’, papampero ‘papavero’, paracenere ‘furbo’, parapalla ‘parietaria’, parnanzia ‘grembiule’, pàsima ‘affanno’, patito de zinna ‘poco nutrito’, pecora de S. Giovanni ‘coccinella’, pellecce ‘spicchi di mela (essicate o infornate)’, Pellecrinico ‘Policlinico’, pelliccià ‘ripulire, derubare’, pelliccio ‘setaccio’, pennentiffe ‘ciondolo d’oro (che il fidanzato offre alla fidanzata il giorno del fidanzamento)’, percocole ‘albicocche’, pérola ‘matassa, gomitolo’, pertocallo ‘arancia’, petagna (a) ‘a piedi’, petecuccio ‘picciolo’, pettata ‘camicia riempita difrutta’, pettenicchia ‘pettine con denti fitti’, petucchi ‘pidocchi’, piccolo ‘trottola’, piersica ‘pesca/-he’, pilózzo ‘truogolo’, pìschero ‘zampillo’, pronga/prunga ‘prugna/e’, quinate ‘cognato’, raccia ‘braccia’, radica gialla ‘carota’, ragheno ‘ramarro’, ranicci ‘grandine’, rano ‘grano’, rappài ‘grappoli’, rappelà ‘rastrellare’, rappiello ‘rastrello’, ravazzola ‘letto di cannucce’, recelà ‘riordinare la casa’, recelato ‘sistemato per le feste,morto’, redabbio ‘zeppo selvatico (che i bambini fumavano)’, regghiondo ‘svogliato’, regna ‘covone’, remissino ‘stalletta’, rente ‘rasente’, resconsabbile ‘responsabile’, retròbbico ‘persona grossa e lenta neimovimenti’, romella ‘polso’, romico ‘mora di rovo’, rótte ‘grotta’, ruazzo ‘pettirosso’, rugno ‘muso’, rullà ‘urlare’, ruschio ‘pungitopo (lat. ruscus)’, ruzza ‘ruggine, brace consumata’, saletta ‘sale fino’, sbrelluccicà ‘luccicare’, sbuciafratte ‘forasiepe’, scafo ‘fava’, scaporacaina ‘faina’, schiattacore ‘crepacuore’, schina ‘schiena’, scigna ‘scimmia’, scincià ‘disfare con disordine’, scinicà ‘triturare, sminuzzare’, scolepó ‘terreno inpendenza con sassi e fratte’, scrizzo ‘schizzo; gioco fatto di un pezzo di sambuco privato dell’anima, munito di pallottole di stoffa, spinte da uno stantuffo in legno per fare un piccolo scoppio’, scutrinà ‘spiare,curiosare’, sdellargà ‘allentare’, sdemette ‘annientare’, sellecca ‘carruba’, seta ‘setaccio per farina’, sfranfà ‘sfracellare’, sgagà ‘sgarrare, sbagliare’, simamente ‘similmente’, smucinà ‘rovistare’, soraccà ‘russare’, sordìa ‘sordità’, sorecchio ‘falcetto’, sore ‘sorella’ (pl. sori ‘sorelle’), soriéllo ‘ramaiolo’, sparagnà ‘risparmiare’, spennecato ‘appeso’, spennecù ‘a penzoloni’, sperella ‘raggio di sole nelle giornate fredde’, spinacacia ‘acacia’, stera ‘arnese per pulire la vanga o la zappa’, stoccommieso ‘stanco morto’, strecolà ‘strofinare’, strella ‘ricovero delle galline’, strina ‘tramontana’, strizza ‘vento freddo’, strolica (< astrologa) ‘maga’, stutà ‘cogliere le pannocchie’, stuzza ‘bambù’, svagolà ‘sgranare i legumi’, talefeno ‘telefono’, taratùfolo ‘persona bassa’, tata ‘papà’, ticchiato ‘bacato’, tinchiera ‘ringhiera’, tìngolo ‘nascondino’, tirabució ‘cavatappi’, tóngo tóngo ‘piano piano’, trabbucco ‘trabocchetto’, tracòjese ‘incastrarsi (facendosi male)’, tricà ‘indugiare, tardare, trastullarsi’, tropèa ‘ubriacatura’, tummolo ‘misura di cereali; tanto’, tuto ‘pannocchia’, ua sanasse ‘uva fragola’, uncido ‘unto’, vado ‘sentiero’, vago ‘chicco, acino’, vaiana ‘baccello’, vallino ‘ballotta (castagna lessa)’, vannino ‘cavallo giovane’, verme scignotto ‘tenia, verme solitario’, viciola ‘visciola’, vilignà ‘vendemmiare’, vintora ‘le ore 20’, *uellicolo ‘ombelico’, zarapicchio ‘vinello leggero’, zarapollo ‘timo’, zazzicchia ‘salsiccia’, zeco/zico ‘piccolo’, zerla ‘sporcizia’, zicchià ‘saltare’, zinale ‘grembiule’, zipeppe ‘orinale’.
 
2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
Feste e sagre. Fiera di Pentecoste (ultima domenica di maggio); Sagra della lumaca (24 giugno) con processione nel quartiere di San Giovanni; Festa di san Luigi Gonzaga (ultima domenica di settembre) con processione, fiera e mostre.
4.1 Canti
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
A Valmontone è attiva la Compagnia “Gli Amici del Teatro” nata nel 1993 con la decisione di un gruppo di ragazzi di utilizzare il grande salone della parocchia di S.Anna per l’attività teatrale. La prima commedia messa in scena nel 1993 è Vita in Paese scritta e diretta da Francesco Chialastri. Il gruppo mostra affiatamento ed entusiasmo, così per quattro serate nel 1994, si recita un nuovo lavoro di Francesco Chialastri: Vita in paese in agenzia matrimoniale. Nel maggio 1996, si rappresenta ancora un lavoro in dialetto valmontonese: Se per caso. La commedia scritta da Francesco Chialastri viene replicata a giugno in una festa rionale. Nel maggio del 1999 la Compagnia mette in scena Tre Pecore Viziose, commedia brillante di Eduardo Scarpetta, adattata al dialetto valmontonese da Francesco Chialastri. Nel 2001 è ancora una commedia di Eduardo Scarpetta ad essere tradotta nel dialetto locale. Sotto la regia di Francesco Chialastri la Compagnia mette in scena Tre Carzù Fortunati (Titolo originale Tre Cazune Fortunati). Nel giugno 2003 l’associazione rende omaggio alla città di Valmontone proponendo Tera Mara; commedia in due atti di Guido Fiacchi che ripropone uno scorcio di storia del paese. Nel 2005 a giugno la compagnia replica Tera Mara e a luglio porta in scena la commedia antica “Mercator” di Tito Maccio Plauto. Nel gennaio 2006, la Compagnia organizza la Prima Rassegna Teatrale Città di Valmontone, attribuendo l’11 Giugno il Premio Angelo Recanatesi e chiudendo la manifestazione il 18 e 19 Giugno, portando in scena La cena dei Cretini di Francis Veber sotto la regia di Giannotto. Tutte le attività della Compagnia sono nel sito: gliamicidelteatro.it.
 
Molto interessante e divertente è libro di racconti Come fu, come non fu. Episodi della mitologia greca in dialetto valmontonese, Valmontone, Palazzo Doria Pamphilj, 2005, di Alberico Piacentini
 
 
6. I testi di poesia
 
Da Come fu, come non fu. Episodi della mitologia greca in dialetto valmontonese, riportiamo questo sonetto di Alberico Piacentini:
 
DOPO LA GUERA
 
Se GioBattista panfiliano desse
no sguardo a le trecento e passa stanze,
che ospitettero papi e principesse
prima durante e dopo le vacenze,
 
se faceria calà da ndo se trova
pe cecà n’occhio a chi jà rotto l’arte
co la gnoranza, a chi jà rotto l’ova 
sbucenno i muraiù da parte a parte.
 
Però tè da capì che tanti danni
fu la tragedia delle bombe amiche,
vettate come fossero baiocchi.
 
Dice: "fu pe disperde jalemanni!".
Ma ntanto i morti come le formiche
se conteveno, e de campane i tocchi.
 
Sempre di Alerico Piacentini è la poesia che segue:
 
A jo’ mercato

 

Dato che venerdì se fa mercato,
ce fermémo a guardà le bancarelle:
scarpe, zinali, stoffe e pianticelle;
forme de cacio, lardo affumicato,

casse de frutta e de verdura fresca.
Jo’ pesce è sempre vivo, ancora sguazza,
ce sta d’ogni misura e d’ogni razza
so appena revenuti dalla pesca!

“Siccome che la socera sta male
m’ha detto de compracce la pulenna:
cinque chili, e chiudemo la faccenna.
Pe mi, che tiengo un fijo a jospedale,

pedalini, mutanne e canottiera.
Tu che tié da compratte? Le carzette?
Damme retta, che tutte ste cosette
se tròveno domenica alla fiera”.

E tutti i venerdì le stesse facce,
i stessi sòrdi, pochi, e poco resto.
Un saluto de qua, de là no gesto:
È la vita, perciò bisogna stacce.
 

Su Internet, all’indirizzo https:////ildialetto.splinder.com/post/5460296/poesia-del-mio-paese, è pubblicata la poesia di Renato Mattia da Valmontone, poeta e cantante a braccio:

 
LA FONTANA DE JO COLLE
Du’ occhi niri, tinti de carbone,
du’ canassòle rosa de velluto,
‘n abbituccètto da quattro bajòcchi
cucito a mani e che te stéa ‘n pennello,
tutte le sere co’ lla conca ‘n capo
venivi alla Funtanaa pijà l’acqua.
A lume e brusco t’aspettéa ‘gni sera
appuntonato ai féri de jo Colle
e mentre l’acqua se ne véa pe’ sopre
nu ce guardèmo senza di’ ‘na parola.
Jo Labbicano ‘n cima alla colonna
ficcà j’occhiètto e ce dicèa: – Ma sune,
che ci aspettete a dìve du’ parole?
Ce le dicèmo subbito, de corsa,
a muzzicùni, tra ‘n sospiro e ‘n atro.
– M’ attocca vi’, ce sta a guardà la gente!
E se cuòzzi comme ‘na crapétta,
roscia comme llo fòco e spaurita.
Ci arevedèmo ancora tante sere
pe’ dicce quanto ce volèmo bene.
‘Na sera l’aspetta’ fino alle dieci:
no’ vinni più la ‘nnammorata méa.
La commare me dissi che jo patre,
n’n era contiénto della razza mea.
– A ‘n poro contadino senza téra,
fijema ‘gne la dò manco pigniènte.
– O chìjo – essa arespùsi – niciùn atro!
Venne la guèra e con’ le bombe a mille
sparì jo Labicano da jo Colle e
sparisti puro tu, pòra riazzétta,
sotto a ‘n arnaro.
Drento a la chiesetta
de Sant’Antonio Abate a prima sera
te vìnni a tròvà. Vestita de bianco
sola, più bella, comme ‘na spusétta,
drento a la bara, paréa che dormivi.
N’ n òzzi coraggio de parlàtte, solo
le mano te bacià co’ ‘no sospiro.
Jo primo bacio era e puro j’urdimo.
E mentre me ne véa pe’ lo scuro
la vedova alluméa tutto a giorno,
t’arevedéa ‘n cima a la Funtana
a pijà l’acqua co’ la conca ‘n capo.
Quanti anni so’ passati da chij tiempi!
E’ revenùta l’acqua a la Funtana,
puro jo Labicano è revenuto:
Tu solamente non arivié più!
Ci arevedemo ‘n giorno ‘ n Paradiso
je so’ voluto bene solo a Ti.
 
TRADUZIONE: Due occhi neri Tinti di carbone / Due guance Color Rosa Velluto / Un vestitino da quattro soldi / cucito a mano che ti stava a pennello / Tutte le sere con la brocca in testa / Venivi alla fontana a prender l’acqua / (a lume e brusco forse vuol dire in penombra attento)ti aspettavo ogni sera / Appoggiato Alla ringhiera del Colle (si intende la fontana del colle poi….) / E mentre l’acqua se ne andava sopra / Noi ci Guardavamo senza dire una parola / Il labicano (leggenda che dice che il labicano fu il fondatore del mio paese..) sopra alla colonna con un occhiata ci disse:Ma che aspettate a dirvi due parole?.E noi ce le dimmo subito Agitatissimi senza neanche respirare tra un sospiro e l’altro. / Lei:Bisogna che me ne vado la gente ci stà guardando! / E si (cuozzi!forse si azzitti si rammutoli) come una capretta / rossa come il fuoco e spaurita / Ci rivedemmo ancora tante sere / Per dirci quanto ci volevamo bene / Una sera la aspettai fino alle 10: / Non veni più la mia innamorata!. / La commare mi disse che il padre / non era contento della mia razza: / A un contadino senza terra / mia figlia non gliela dò neanche per sogno! / —O quello o Nessun Altro! / Venne la guerra e con le bombe a mille / Sparì il labicano dal colle e sparisti pure tu povera (riazzetta sarà un diminutivo) / sotto ad una grotta. / Dentro la chiesetta Di Sant’Antonio Abate a prima sera / Ti venni a trovare. / Vestita di Bianco, / Sola,più bella come una sposetta / Dentro alla bara sembrava che dormivi / Non ebbi il coraggio di parlarti,solo la / mano ti baciai con un sospiro / Il primo bacio era pure l’ultimo. / E mentre me ne andai per lo scuro la Vedova(lei era vedova di lui…)era illuminata tutto il giorno. / Ti rividi sopra alla fontana a prendere l’acqua / con la brocca in testa. / Quanti anni sono passati da quei tempi! / è Rivenuta l’acqua alla fontana / pure il labicano è tornato / Solo tu non ritorni più! / Ci rivedremo forse un giorno in Paradiso / Io ho voluto bene solo a te!
 
Tullio De Mauro segnala la presenza del poeta Remo Capogrossi.
Altri autori in dialetto valmontonese sono Gino Fiacchi e Guido Fiacchi.
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Alberico Piacentini, nato a Valmontone nel 1947, si è diplomato a Roma nel 1968 presso l’ITIS Giovanni XXIII, ha scritto in montonese: il libro di racconti Come fu, come non fu. Episodi della mitologia greca in dialetto valmontonese (2005), Ugualmente in dialetto ed inediti sono le sue “Poesie” e i due atti della commedia “Sognando il Paradiso”.
 
Bibliografia
Cocchia, Mario, Piccolo vocabolario del dialetto valmontonese. Italiano – Valmontonese. Valmontonese – Italiano. Con nozioni di grammatica, Valmontone, Comune di Valmontone, 2004
Piacentini, Alberico, Come fu, come non fu. Episodi della mitologia greca in dialetto valmontonese, Valmontone, Palazzo Doria Pamphilj, 2005
 
Webgrafia
https:////ildialetto.splinder.com/post/5460296/poesia-del-mio-paese

ultimo aggiornamento 2013-05-05