100 – SAN CESAREO

SAN CESAREO (9525 abitanti, detti sancesaresi. A 312 m slm). È situata alle pendici nord-orientali dei Colli Albani, lungo il percorso della via Casilina. Per la sua posizione geografica, tra i comuni di Colonna, Zagarolo, Palestrina e Rocca Priora, San Cesareo è da sempre un importante crocevia della zona sud-orientale della campagna romana ed oggi un importante snodo della rete autostradale nazionale.
 
IL DIALETTO DI SAN CESAREO:
si parla lo stesso dialetto di Capranica
 
  1. I vocabolari e le grammatiche
 2. I proverbi e i modi di dire
 
3. I toponimi e i soprannomi
 
 
4. Canti – filastrocche-indovinelli – giochi – gastronomia – feste&sagre-altro
In marzo si tiene una Fiera campionaria nella quale la scuola di ceramica di Zagarolo espone i suoi lavori e la scuola di Moda di San Cesareo organizza una sua sfilata con abiti del suo atelier. Nell’ultima domenica di settembre si tiene, per quattro giorni, la Sagra dell’Uva, con sfilate, spettacoli e grappoli di uva offerti ai visitatori in tipici cestini.
 
4.1 Canti
 
4.2 Filastrocche, indovinelli, invocazioni, scongiuri
4.3 I giochi
4.4 La gastronomia
Ecco i menù del ristorante Osteria San Cesario della famiglia Dente Ferracci.
1          SVOJATURE E STUZZICARELLI
Svojature de pulenta
Svojature de campagna
Robba de orto a cazzimperio
Svojature e Stuzzicarelli de la Sora Anna
Stuzzicarello de coratella d’abbacchio
           I PRIMI – Minestre
Gnucchitti de raniturcu a la capranicotta
Acqua cotta de la Campagna Romana
Scolati co li facioli e le codiche
Pasta e ceci (er venerdì)
Pasta e broccoli
2          I PRIMI – Paste
Lane der pecoraro a la capranicotta
Timballi de la Sora Anna
Fettuccine a la “Nonno Emilio”
Fettuccine a la romana co le regaje de pollo
Fettuccine ar sugo de carne
Ravioli co la ricotta
Gnocchetti a coda de soreca cor sugo a la matriciana
Gnocchi de patate cor castrato, spuntature e zazzicchie (er giovedì)
Rigatoni co la pajata de vitella mongana
Rigatoni co li broccoli e zazzicchie
Pulenta co le spuntature e zazzicchie
           ER QUINTO QUARTO
Animelle e diggiuna d’abbacchio
Coratella d’abbacchio
Animelle co li funghi porcini der Monte Algido
Pajata de vitella mongana arrosto
Rognoncino a la campagnola
Coda a la vaccinara
La Sabbatina, trippa a la romana (er sabbito)
3          LA CARNE – Ai ferri
Abbacchio a scottadeto
Grigliata de carne mista
Bistecca a la fiorentina
Costata de manzo
Tordi matti a la zagarolese
           LA CARNE – Ar forno
Abbacchio ar forno co le patate
Porchetto arrosto
Punta de petto de vitella a la fornara
4          LA CARNE – In der tegame
• Arrosto morto de vitella mongana
• Pollo a la romana
• Cunijo a la cacciatora
• Baccalà in umido (er venerdì)
• Gallina de mare (er venerdì)
• Ciumache de San Giovanni (quann’è staggione)
           LA CARNE – In der callaro
L’Allesso del Ricordo (da ordinà cuarche ggiorno annanzi)
Gallina allessa
5          LI CACI
 
Ricotta de la Campagna Romana
Cacio fresco de la Campagna Romana
Cacio staggionato de la Campagna Romana
Cacio de vaccina de la Cispadania (Aemilia)
           LI FRITTI
Robba fritta e pezzetti
Fritto dell’orto
6          L’ERBE
Carciofoli a la romana
Carciofoli a la giudia
Cicorie cotte de la Campagna Romana
Broccoli attufati
Pizza de pulenta co le ramoracce (quann’è ttempo)
Anzalata mista
Puntarelle co l’alice
Patate ar forno
           LI DORCI
Torte, Grostate, Pan de Spagna, Amaretti e Ciammellette ar Vino, sò fatti da la Sora Anna e da la Sora Maria.
           FRUTTA E CAFFETTERIA
Nostrana e de fora
          
Er pane, semprice, co l’oliva o co le noce, la pizza de pulenta co l’ua nera o er zibbibbo, sò casarecci.
Siconno la staggione ce sò li piatti de Capranica Prenestina, pe sapenne deppiù dimannate ar cammeriere o a la coca.
 
La Sora Maria e la Sora Anna ve augureno bbona magnata.
 
 
 
5. I testi in prosa: il teatro, i racconti
 
6. I testi di poesia
 
Antologia
 
Cenni biobibliografici
 
Bibliografia
 
Webgrafia